Intelligenza artificiale nella P.A., a rischio 200mila posti

L’intelligenza artificiale avrà un importante impatto sul lavoro pubblico e circa 200mila dipendenti rischiano di essere sostituiti dalla tecnologia secondo quanto emerge da una ricerca del Forum Pa in cui si segnala che saranno coinvolti dall’arrivo dell’Ia soprattutto le amministrazioni centrali (ministeri, agenzie fiscali e enti pubblici non economici) con quasi la metà dei lavoratori (circa 92mila) le cui mansioni potrebbero essere spazzate via perché ripetitive e sostituibili. Il ministro della Pubblica amministrazione, Paolo Zangrillo, sottolinea pero’ come siamo di fronte a un grande cambiamento che va affrontato “senza paura”. Zangrillo sottolinea pero’ come il cambiamento potrà essere governato e ricorda che nei prossimi otto anni, entro il 2032, un milione di attuali lavoratori della Pa andrà in pensione. Quest’anno saranno assunte circa 170 mila persone. Per la prima volta l’età media nel 2022, grazie alle assunzioni e ai pensionamenti, è calata in modo consistente scendendo a 49,5 anni.
Secondo la ricerca del Forum Pa il 57% dei dipendenti pubblici (oltre 1,8 milioni su 3,2 complessivi) sarà fortemente esposto alla nuova tecnologia. Tra questi l’80% dovrebbe riuscire a integrare l’intelligenza artificiale nel suo lavoro, ottenendo notevoli miglioramenti. Mentre il 12% (circa 218mila lavoratori) rischia di essere sostituito. Per l’8% (circa 154mila dipendenti tra cui molte professioni del settore sanitario e diplomatico) è in una zona ambigua tra potenziali sinergie e rischi di sostituzione. “Le professioni ad alta specializzazione come i ruoli direttivi, i dirigenti e i professionisti – si legge nella ricerca – hanno un forte potenziale di collaborazione, mentre quelle poco specializzate e routinarie sono vulnerabili alla sostituzione”.

La rivoluzione dell’Ia rappresenta la ‘terza ondata’ di trasformazione per il settore pubblico degli ultimi 15 anni, dopo la spending review e la pandemia”. L’area nella quale l’intelligenza artificiale rischia di cancellare il maggior numero dei posti di lavoro è quella delle amministrazioni centrali con quasi la metà dei dipendenti che rischiano la sostituzione (92mila persone, sui poco meno di 204mila lavoratori del comparto). Se nell’intero pubblico impiego sono a rischio sostituzione il 12% di 1,8 milioni impattati dall’Ia, nelle amministrazioni centrali la sostituzione potrebbe riguardare il 47% del personale impattato dalla nuova tecnologia (i coinvolti dall’Ia sono il 92,2% del totale, circa 196mila persone).

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Acqua, l’allarme dei geologi: accelerare sul riammodernamento della rete idrica

“Storicamente l’Abruzzo è una regione ricca di acqua. I nostri massicci carbonatici, in particolare del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *