Pensioni, le donne prendono il 33 per cento in meno degli uomini

Secondo i dati dell’Inps sui flussi di pensionamento, gli assegni liquidati dall’Istituto con decorrenza primo trimestre 2023 hanno un importo medio di 904 euro, del 33% inferiore a quello delle pensioni liquidate nello stesso periodo agli uomini (1.357 euro). E se l’importo medio dei nuovi assegni cala in media rispetto a quelli liquidati nell’intero 2022 di circa 50 euro, per le donne si registra un calo dell’8,41%, con un divario di genere che continua a crescere.

Il calo dell’importo medio, spiega l’Inps, è dovuto prevalentemente alla riduzione della quota retributiva rispetto a quella contributiva. Nei primi tre mesi del 2023 sono state liquidate nel complesso 174.610 pensioni con decorrenza nel trimestre con un calo del 26,22% rispetto allo stesso periodo del 2022. L’Osservatorio Inps segnala un crollo delle pensioni anticipate rispetto all’età di vecchiaia con appena 51.583 assegni nel complesso a fronte dei 83.153 del primo trimestre 2022 (-38%). Il dato di quest’anno potrà crescere nel caso di nuovi assegni liquidati nei prossimi mesi con decorrenza primo trimestre.

Con la Quota 103 nel 2023 si è limitato in modo consistente la possibilità di uscita (almeno 62 anni di età e 41 di contributi) soprattutto per le donne che nella maggior parte dei casi non riescono ad avere carriere contributive così lunghe. Si riduce anche il numero delle uscite per vecchiaia (67 anni di età) con 65.137 assegni con decorrenza nel trimestre (-11,44%) ma bisogna sempre tenere conto della possibilità che i numeri del 2023 vengano rivisti al rialzo. Per le invalidità gli assegni con decorrenza primo trimestre sono stati 8.167 (-29,86%) mentre gli assegni ai superstiti sono stati 49.723 (-27,2%). L’importo medio mensile delle pensioni con decorrenza nel primo trimestre è stato di 1.111 euro, inferiore di circa 100 euro rispetto allo stesso periodo del 2022 (1.213 euro) e di 50 euro rispetto alla media dell’intero anno. La media è tra i 777 euro medi per le pensioni di vecchiaia (847 nel primo trimestre 2022), 1.871 per quelle anticipate (1.944 nei primi tre mesi del 2022), 757 per le invalidità (contro 820) e 817 per i superstiti (contro 785). Per le donne nel primo trimestre del 2023 ha pesato la stretta sulle pensioni anticipate, quelle mediamente più alte perché basate su più anni di contributi, con 17.111 assegni a fronte di 34.472 per i maschi. Inoltre le pensioni anticipate per gli uomini valgono in media 2.043 euro al mese a fronte dei 1.527 euro medi per le donne (-25,26%).

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Caldo, non si allenta la morsa dell’afa sull’Abruzzo

Non si allenta la morsa dell’afa sull’Abruzzo e dopo le temperature record dei giorni scorsi, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *