Popolo delle partite IVA più a rischio povertà

Le famiglie che vivono grazie ad un reddito da lavoro autonomo. il cosiddetto popolo delle partite Iva, e’ quello piu’ a rischio poverta’. Nel 2015, infatti, il 25,8% dei nuclei familiari di questa categoria e’ riuscita a vivere stentatamente al di sotto della soglia di rischio poverta’ calcolata dall’Istat. Praticamente una su quattro si e’ trovata in seria difficolta’ economica. E’ quanto emerge da un’analisti della Cgia di Mestre, secondo cui per i nuclei in cui il capofamiglia ha come reddito principale la pensione, invece, il rischio si e’ attestato al 21%, mentre per quelle che vivono con uno stipendio-salario da lavoro dipendente il tasso si e’ fermato al 15,5%. 

In buona sostanza, i dati presentati dall’Ufficio studi della Cgia ci dicono che la crisi ha colpito soprattutto le famiglie del cosiddetto popolo delle partite Iva: ovvero dei piccoli imprenditori, degli artigiani, dei commercianti, dei liberi professionisti e dei soci di cooperative. Il ceto medio produttivo, insomma, ha pagato piu’ degli altri gli effetti negativi della crisi e ancora oggi fatica ad agganciare la ripresa ed e’ piu’ a rischio poverta’. A questo proposito va tenuto conto che rischio di poverta’ e’ un indicatore previsto da Europa 2020. Si tratta della percentuale di persone che vivono in famiglie con un reddito disponibile equivalente (dopo i trasferimenti sociali) inferiore ad una soglia di rischio di poverta’, fissata al 60% della mediana della distribuzione del reddito familiare disponibile equivalente. Nel 2015, ultimo dato disponibile, la soglia di poverta’ totale (calcolata sui redditi 2014) e’ stata pari a 9.508 euro annui. “A differenza dei lavoratori subordinati – fa notare il coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia Paolo Zabeo – quando un autonomo chiude definitivamente l’attivita’ non dispone di alcuna misura di sostegno al reddito. Perso il lavoro ci si rimette in gioco e si va alla ricerca di una nuova occupazione. In questi ultimi anni, purtroppo, non e’ stato facile trovarne un altro: spesso l’eta’ non piu’ giovanissima e le difficolta’ del momento hanno costituito una barriera invalicabile al reinserimento, spingendo queste persone verso forme di lavoro completamente in nero”. Dalla Cgia fanno notare che, al netto dei collaboratori coordinati continuativi, dal 2008 ai primi 6 mesi di quest’anno lo stock di lavoratori autonomi (ovvero, i piccoli imprenditori, gli artigiani, i commercianti, i liberi professionisti, i coadiuvanti familiari, etc.) e’ diminuito di 297.500 unita’ (-5,5%). Sempre nello stesso arco temporale, la platea dei lavoratori dipendenti presenti in Italia e’ invece aumentata di quasi 303.000 unita’ (+1,8%). “Fino ad una decina di anni fa – prosegue Zabeo – aprire una partita Iva era il raggiungimento di un sogno: un vero status symbol. L’opinione pubblica collocava questo neoimprenditore tra le classi socio-economiche piu’ elevate. Oggi, invece, non e’ piu’ cosi’: per un giovane, in particolar modo, l’apertura della partita Iva spesso e’ vissuta come un ripiego o, peggio ancora, come un espediente che un committente gli impone per evitare di assumerlo come dipendente”. L’avvento della crisi, purtroppo, ha colto questi indipendenti del tutto impreparati e solo qualche mese fa si e’ arrivati finalmente all’approvazione dello Statuto del lavoro autonomo che ha introdotto una serie di diritti fortemente richiesti dalla categoria. “E’ importante – dichiara il Segretario della Cgia Renato Mason – che siano stati riconosciuti, specie per i lavoratori autonomi piu’ mobili, dei vantaggi fiscali per chi investe nell’aggiornamento professionale. Senza contare che finalmente sono state ampliate le tutele nelle situazioni di maternita’, congedi parentali e malattia grave. Inoltre, e’ importante che anche per gli autonomi siano stati definiti i tempi di pagamento nelle transazioni commerciali con la Pubblica amministrazione e si possano costituire reti di professionisti per partecipare a gare pubbliche”. Sempre tra il 2008 e i primi mesi di quest’anno, a livello territoriale il popolo delle partite Iva ha segnato la contrazione piu’ marcata in Emilia Romagna (-12,7%), in Calabria (-12%), in Liguria e in Abruzzo (entrambi i casi con una riduzione del 10,4%). La ripartizione geografica piu’ colpita da questa moria, invece, e’ stata il Mezzogiorno (-7%) Infine, il reddito delle famiglie con fonte principale da lavoro autonomo ha subito in questi ultimi anni (2008-2014) una “sforbiciata” di oltre 6.500 euro (-15,4%), mentre quello dei dipendenti e’ rimasto quasi lo stesso (-0,3%). In aumento, invece, il dato medio dei pensionati e di quelle famiglie che hanno potuto avvalersi dei sussidi (di disoccupazione, di invalidita’ e di istruzione) che sono stati erogati ai nuclei piu’ in difficolta’ (+8,7% pari a +1.941 euro).

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Dpcm, le nuove regole per le feste di Natale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *