Precipita elicottero del 118 nell’Aquilano, sei morti nello schianto

Sono tutti morti i sei a bordo dell’elicottero del 118 precipitato nella tarda mattinata in un canalone nei pressi di Campo Felice. Lo apprende l’AGI da fonti dello stesso 118. L’elicottero era impegnato in un’operazione di soccorso di uno sciatore.

Questi i nomi delle vittime dell’ elicottero del 118 caduto a Campo Felice: Walter Bucci, 57 anni, medico rianimatore del 118 Asl dell’Aquila, Davide De Carolis, tecnico dell’elisoccorso del soccorso alpino e consigliere comunale di Santo Stefano di Sessanio, Giuseppe Serpetti, infermiere, Mario Matrella, verricellista, Gianmarco Zavoli, pilota. L’elicottero stava trasportando Ettore Palanca, 50 anni, di Roma, che si era fatto male sciando, procurandosi la frattura di tibia e perone. Bucci, De Carolis e Serpetti sono aquilani, Matrella e’ pugliese, e Zavoli e’ emiliano

Alcuni dei soccorritori hanno cominciato la discesa con delle barelle e da quanto appreso dovrebbero portare a valle i primi corpi dei deceduti nell’incidente. L’impatto dell’elicottero del 118 contro il Monte Cefalone e’ stato terribile. Secondo quanto spiegato dai Carabinieri Forestali in quota c’e’ una pendenza vicina al 100% e il suolo e’ inclinato di 45 gradi.

I rottami del velivolo – un AW 139 – sono stati localizzati in un canalone nei pressi di Casamaina, in territorio di Lucoli. Le vittime sono i cinque componenti dell’equipaggio e lo stesso sciatore che era stato soccorso e portato a bordo. L’incidente mentre l’elicottero era sulla via del ritorno, diretto all’ospedale di L’Aquila dove era previsto il trasferimento dello sciatore soccorso. Ancora tutte da accertare le cause della tragedia. Sembrerebbe che il velivolo sia precipitato da un’altezza di 600 metri, forse perche’ finito contro un cavo sospeso oppure per un guasto meccanico. In zona c’era fitta nebbia e anche questo potrebbe aver avuto un ruolo chiave nell’accaduto. Si parla di un forte boato, ma questo potrebbe essere stato conseguenza dell’impatto contro il suolo. Sul posto stanno convergendo, sci ai piedi, diverse squadre di soccorritori, compreso un gruppo di quelli che in questi giorni sono impegnati nelle ricerche all’hotel Rigopiano, a Farindola. In supporto anche maestri di sci di Campo Felice.

Due vittime erano a Rigopiano tra i soccorritori

Walter Bucci e Davide De Carolis, due dei tre operatori del Soccorso alpino nazionale morti nell’incidente di elicottero nell’Aquilano, avevano partecipato nei giorni scorsi alle operazioni di soccorso all’hotel Rigopiano. E’ quanto si apprende da fonti del Soccorso alpino. Bucci, medico rianimatore, aveva lavorato due giorni tra le macerie dell’albergo, mentre De Carolis, tecnico dell’elisoccorso, avrebbe lasciato la zona del Pescarese solo ieri.

Il racconto di un testimone

“Volava basso e piano, c’era molta nebbia non si vedeva a pochi metri, seguiva la strada mentre andava verso la stazione di Campo Felice dal valico della Crocetta. Quando e’ tornato indietro ho prestato attenzione poi ho sentito un botto, un forte rumore, penso l’ impatto con la montagna. Il motore ha continuato a girare per un minuto poi non ho sentito piu’ nulla. E ho chiamato subito il 118”. Questo il racconto di Loris Fucetola, istruttore di fondo, che ha dato l’allarme dopo lo schianto dell’elicottero.

Lutto cittadino a L’Aquila

“Esprimo, a nome dell’intera Municipalita’ aquilana, un incredulo dolore per l’assurda tragedia che vede cinque nostri operatori del 118, protagonisti di tante prove di generosita’ e professionalita’, perdere la vita insieme con uno sciatore appena soccorso, ospite della nostra montagna”. E’ quanto ha dichiarato il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente. “Una partecipazione commossa – ha proseguito il sindaco -, un lutto che ci vede vicini ai familiari delle vittime e alla grande famiglia della Asl dell’Aquila. Il capoluogo osservera’ il lutto cittadino nella giornata dell’estremo saluto e delle esequie delle vittime di questa tragedia”.

******

E’ precipitato l’elicottero del 118 impegnato in un’operazione di soccorso su una pista da sci a Campo Felice, nell’aquilano: la carcassa è stata individuata – spiega il soccorso alpino – sotto dei salti di roccia. Si trova in una posizione difficile da raggiungere. Sul posto, al momento dell’incidente, una fitta nebbia che ha costretto i soccorsi a utilizzare gli infrarossi per localizzare l’elicottero e che ora sta anche rendendo difficoltose le operazioni sul posto. Non si conoscono quindi al momento le condizioni delle sei persone che erano a bordo. Sul posto sono intervenute tre squadre del Cnsas, da Rieti, L’Aquila e Roma e i vigili del fuoco che stanno conducendo congiuntamente le operazioni di soccorso. Inviati anche medici del 118.

I maestri di sci di Campo Felice e Ovindoli si sono attivati subito dopo la notizia dell’elicottero del 118 precipitato nella zona. “I maestri di sci si sono messi a disposizione dei soccorritori – ha riferito il presidente del collegio regionale Abruzzo maestri di sci, Francesco Di Donato, anche sindaco di Roccaraso – con ogni mezzo e con le pelli di foca. La zona e’ impervia e ci sono alti cumuli di neve”

L’Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo ha aperto un’inchiesta sulla vicenda dell’Elicottero caduto nei pressi del laghetto di Campo Felice, nell’aquilano. L’Agenzia – che ha competenza specifica sugli incidenti aerei – ha gia’ disposto l’invio di un proprio ispettore sul luogo dell’incidente.

L’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv) – e’ scritto in una nota – “ha aperto un’inchiesta di sicurezza sull’incidente che, oggi 24 gennaio, intorno alle 12.15 locali, ha coinvolto l’elicottero AW139 marche EC-KJT, in prossimita’ del Laghetto di Campo Felice, in provincia dell’Aquila”. L’elicottero, “con sei persone a bordo, stava rientrando dopo aver soccorso una persona infortunata”. L’Agenzia – conclude la nota – ha disposto l’invio di un team investigativo nella zona dell’evento, resa decisamente impervia anche dalle condizioni meteorologiche avverse”.

Il magistrato titolare dell’inchiesta sullo schianto dell’elicottero del 118, Simonetta Ciccarelli, ha dato ordine di acquisire quanto piu’ possibile immagini del relitto e del luogo dell’incidente. Una squadra di tre vigili del Fuoco e’ partita a piedi avvicinandosi e cerchera’ di far partire un drone munito di telecamera e a farlo avvicinare ai rottami. Ci sono dei dubbi che si possa portare a termine l’operazione con successo a causa delle forti raffiche di vento che imperversano sulla zona, e anche per la nebbia.

***********

Un elicottero del 118 e’ precipitato tra L’Aquila e Campo Felice.  Si trattava di un normale volo di soccorso. Il velivolo non era infatti impegnato ne’ per l’emergenza maltempo ne’ per quella relativa al terremoto. Non faceva inoltre parte degli elicotteri che in questi giorni sono impegnati sulla valanga che ha travolto l’hotel Rigopiano.

L’elicottero e’ caduto a circa un chilometro dalle piste da sci di Campo Felice. Lo riferisce Mauro Cordeschi, direttore degli impianti di Campo Imperatore, che ha raggiunto la zona coi soccorsi. ”I soccorsi sono arrivati, si vede solo una macchia nera – riferisce – ma non e’ una bella situazione a vedersi”. L’elicottero del 118 si trova a mezza costa sulla ripida montagna.

L’incidente e’ avvenuto in una zona fortemente innevata e montuosa a circa 1600 metri di quota in corrispondenza del km 14 della strada statale 696. Sul posto ci sono autopattuglie della Polizia, dei Carabinieri, numerosi mezzi dell’esercito tra cui anche un “bruco”, autoambulanze, mezzi dell’Anas che contribuiscono a tenere la strada pulita. Il luogo si trova a poche centinaia di metri dall’Hotel La Vecchia Miniera.

Il cielo, dove e’ caduto l’elicottero del 118 in fase di soccorso per un incidente sulle piste di sci, e’ coperto. Il vento e’ moderato e la temperatura tra -2 e un grado

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Coronavirus, si registrano 556 nuovi casi (di età compresa tra 4 mesi e 95 anni)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *