Pronto il bando per l’assunzione di 2.800 tecnici nella P.A. entro 100 giorni

È stato inviato per la pubblicazione in Gazzetta ufficiale (che avverrà il 6 aprile, sezione concorsi ed esami) il bando per l’assunzione di 2.800 tecnici nelle amministrazioni del Mezzogiorno, dopo la firma del decreto del presidente del Consiglio dei ministri che ha individuato i profili professionali e la ripartizione delle unità di personale non dirigenziale sulla base della ricognizione del fabbisogno di personale operato dall’Agenzia per la Coesione territoriale. “È la prima sperimentazione di selezioni fast track nella Pubblica amministrazione”, sottolinea il ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, in una nota. “Abbiamo stabilito un cronoprogramma serrato: 100 giorni dalla pubblicazione del bando all’assunzione. Semplificazione e rapidità, in piena sicurezza, sono le parole d’ordine con cui mettiamo al centro della ripresa il capitale umano pubblico”, aggiunge. Le assunzioni erano state deliberate dal precedente Governo e finanziate nell’ambito del Pon Governance 2014-2020 con i fondi europei della coesione destinati alle regioni meno sviluppate. Dal momento della pubblicazione del bando ed entro i successivi 15 giorni sarà possibile presentare le candidature sulla piattaforma digitale “Step one 2019”, gestita dal Formez, per partecipare alle procedure che permetteranno l’assunzione rapida a tempo determinato (massimo 36 mesi) di 2.800 tecnici qualificati, chiamati a supportare le amministrazioni pubbliche di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia nell’attuazione dei progetti del Recovery plan. Formez cura anche la pianificazione e l’organizzazione della logistica delle sedi per la prova scritta in sedi decentrate, sottolinea ancora la nota del ministero della Pa.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Coronavirus, si registrano 150 nuovi casi (di età compresa tra 7 mesi e 95 anni)

Sono complessivamente 72799 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza. Rispetto a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *