Salute, un italiano su tre preferisce i farmaci equivalenti

Piu’ di un italiano su tre (36,5%) dichiara di preferire abitualmente i farmaci equivalenti. In particolare a sceglierli sono i pazienti con patologia cronica (43,4% rispetto al 31,4%). E’ quanto emerge dal VI Rapporto sulla Farmacia, presentato oggi a Roma e a cura di Cittadinanzattiva in collaborazione con Federfarma e con il supporto non condizionato di Teva. La raccolta dei dati, a cui hanno partecipato 1500 farmacie e 4000 cittadini (il 42,6% di essi e’ affetto da almeno una patologia cronica), si e’ svolta da luglio a settembre 2023. L’84% delle persone interpellate ha dichiarato che negli ultimi 12 mesi ha utilizzato farmaci equivalenti, percentuale che sale al 91,3% nei pazienti con patologie croniche; tra le persone senza patologia cronica, che pur fanno uso di farmaci, tale percentuale si ferma al 74,6%. Nello specifico, la preferenza per l’equivalente e’ nettamente superiore tra i pazienti con patologia cronica (43,4% rispetto al 31,4%). Tra le motivazioni addotte troviamo al primo posto la possibilita’ di risparmiare (52,1% dei rispondenti), seguita dalla fiducia della proposta fatta dal farmacista (44%) e dalla prescrizione ricevuta dal medico (20,1%). Anche a detta dei farmacisti, il risparmio rappresenta la leva principale che spinge le persone a scegliere il farmaco equivalente (la pensa cosi’ l’82,4% dei farmacisti intervistati), segue il senso di fiducia che le persone ripongono nel farmacista (78,6%) e il fatto che l’indicazione dell’equivalente sia indicata nella prescrizione medica (49,7%)

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Incidente stradale, morti due giovani nella galleria “I Pianacci”della tangenziale

Due persone, un giovane di 23 anni residente a Penne e una donna di 33 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *