Superbonus, in Abruzzo previste detrazioni medie per 244.127 euro

Il Veneto e’ la regione ad aver registrato il ricorso maggiore al Superbonus 110 per cento in relazione agli edifici residenziali esistenti. Lo calcola l’ufficio studi della Cgia, secondo cui con 13.933 asseverazioni, l’incidenza percentuale di queste ultime sul numero degli edifici residenziali esistenti e’ pari all’1,3 per cento; scende nel Lazio e in Toscana all’1,2 per cento e all’1,1 per cento in Emilia Romagna e in Lombardia. Le regioni meno coinvolte, invece, sono la Calabria e il Molise (entrambe con un’incidenza dello 0,6 per cento), la Sicilia e la Liguria (entrambe con lo 0,5 per cento). A livello nazionale, l’importo medio delle detrazioni a fine lavori previsto e’ pari a 187.437 euro per edificio residenziale. Il picco massimo lo scorgiamo in Basilicata (299.026 euro), Abruzzo (244.127 euro) e Campania (238.952 euro). Chiudono la graduatoria, invece, Toscana (153.373 euro), Veneto (146.171) e Friuli Venezia Giulia (144.177 euro)

Secondo la Cgia, si e’ registrato un boom di imprese edili soprattutto al Sud. Secondo i dati delle Camere di Commercio, nel 2021 il numero complessivo di imprese attive nel settore delle costruzioni e’ cresciuto di 10.699 unita’ (+1,4 per cento circa rispetto al 2020), portando lo stock nazionale a raggiungere quota 754.886. Nel Mezzogiorno: in 12 mesi le aziende sono aumentate di oltre 7 mila unita’, di cui quasi 3 mila hanno la sede in Campania e poco meno di 1.800 in Sicilia. “Dati puntuali ancora non ce ne sono – avverte Cgia – ma questo boom e’ sicuramente riconducibile agli effetti legati alla numerosita’ di bonus che per legge sono stati introdotti in questi ultimi anni nell’edilizia. Non solo. Pare di capire che una buona parte di queste nuove attivita’ siano guidate da imprenditori stranieri che ‘presidiano’ in misura sempre piu’ significativa questo settore, spesso abbassandone il livello di qualita’ ed efficienza”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Lavoro, occupati in calo di 28mila unità

Tra il quarto trimestre 2021 e il primo del 2022 gli occupati in Abruzzo subiscono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.