La Guardia di Finanza lancia l’allarme sul pericolo delle infiltrazioni criminali

C’e’ il rischio “di soggetti criminali che disponendo di risorse economiche illegali, potrebbero avvicinarsi i soggetti oggi in difficolta’ creando una dipendenza che li potrebbe portare a diventare i nuovi gestori delle attivita’ economiche”. E’ questo il pericolo maggiore che la Guardia di finanza e’ impegnata a fronteggiare in Abruzzo nella fase 3 dell’emergenza Covid-19. Durante la pandemia sono state sanzionate 414 persone, altre 129 sono state denunciate per aver commercializzato presidi medici e igienizzanti contraffatti e pericolosi: oltre 400 mila quelli sequestrati a vario titolo. Oltre 5 mila le attivita’ commerciali controllare, 131 le irregolari, 47 i titolari sanzionati e 5 quelle chiuse. I dati sono emersi oggi in occasione dei 246 anni dalla fondazione della Guardia di finanza, celebrati nel Comando regionale dell’Aquila alla presenza del generale di Corpo d’Armata Andrea De Gennaro e del generale di Brigata, Gianluigi D’Alfonso

Sul fronte alla lotta della criminalita’ organizzata, nei primi 5 mesi di quest’anno sono stati controllati 65 soggetti, con proposte di sequestro di beni mobili, immobili, aziende e disponibilita’ finanziarie per un valore di 2 milioni di euro circa e provvedimenti di confisca in materia antimafia sempre di 2 milioni di euro. Nel 2019 sono stati controllati 188 soggetti con sequestri patrimoniali per 18 milioni di euro. “L’Abruzzo e’ a rischio di criminalita’ organizzata proveniente da Campania e Puglia per investire nel Chietino e Pescarese, c’e’ un pericolo latente, registriamo tentativi anche da parte delle organizzazioni straniere. Sull’Aquila e Teramo”, ha detto il generale D’Alfonso, “e’ lo spaccio di stupefacenti che ci preoccupa perche’ colpisce i piu’ giovani, con dati significativi basti pensare che nei 4 mesi di lockdown abbiamo sequestrato oltre 4 chili di stupefacenti”. Nel 2019 sono stati scovati in Abruzzo 165 evasori totali, per una evasione dell’Iva superiore ai 18 milioni. Ben 367 sono stati denunciati, mentre i sequestri di disponibilita’ patrimoniali e finanziarie, eseguiti nei confronti dei responsabili di frodi fiscali, superano i 63 milioni di euro a cui si aggiungono le ulteriori proposte di sequestro, che superano i 30 milioni di euro. Sul fronte delle frodi, 43 i casi scoperti per 55 milioni di euro circa. Quanto alla corruzione e al controllo sulla spesa pubblica, sono state denunciate 35 persone tra le quali 17 pubblici ufficiali, mentre per irregolarita’ negli appalti pubblici le denunce sono state sei.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Crescono i consumi per la sigaretta elettronica e i prodotti a tabacco riscaldato

Consumi in lento aumento per la sigaretta elettronica e i prodotti a tabacco riscaldato. E’ …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *