Jimi Hendrix, 50 anni dalla morte del mito della chitarra

Alle 12.45 del 18 settembre 1970 il dottor John Bannister, medico del St Mary Abbot’s Hospital di Londra, dichiarava morto Jimi Hendrix. Dieci giorni dopo, una volta effettuata l’autopsia, il coroner Gavin Thurston stabilì che la causa della morte era l’asfissia: Hendrix era stato soffocato dal proprio vomito durante il sonno indotto da una dose eccessiva di barbiturici. Tuttavia, vista la mancanza di chiare evidenze, il verdetto sulla morte di uno dei geni della musica del ‘900 è rimasto aperto. James Marshall Hendrix, per sempre Jimi, avrebbe compiuto 28 anni il 27 novembre.
Come tutta la sua vita, anche la sua stupida morte prematura è avvolta nel mito: più d’uno ha raccolto materiale per dimostrare che le leggerezze e gli errori che hanno portato al decesso fossero tutt’altro che casuali. La tesi del complotto poggia su un dato provato: Hendrix finanziava le Black Panther e per questo era spiato dall’onnipresente FBI di J.Edgar Hoover.
Dunque quella notte maledetta sarebbe stato aiutato a morire con la complicità, volontaria o meno, di Monika Danneman, la donna con cui ha passato la sua ultima notte. Quello che è certo, è che Jimi Hendrix è una delle vittime più illustri di un business senza scrupoli, che, grazie a contratti capestro, lo sfruttava senza pietà, costringendolo a una massacrante routine di concerti.
In questo mezzo secolo la musica di Jimi Hendrix è rimasta attuale: ancora oggi sono in pochi a dubitare del fatto che sia stato il più grande chitarrista della storia del rock. La sua carriera di star è una luce abbagliante durata solo quattro anni. I primi tre album sono capolavori: insieme alla Experience, Mitch Mitchell alla batteria e Noel Redding al basso, incide nel 1967, in meno di un anno, “Are You Experienced”, uno dei più grandi debutti di sempre e “Axis: Bold As Love”. Poi nel 1968 registra il suo ultimo album in studio, il doppio “Electric Ladyland”. Nel 1967 l’America ancora non lo conosceva: Paul McCartney lo raccomandò agli organizzatori del festival di Monterey. Il 18 agosto 1969 un altro appuntamento con la leggenda: Woodstock. La sua versione distorta dell’inno americano è una delle performance più importanti e sconvolgenti di sempre.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Violenza sulle donne: 9 ragazze su 10 non si sentono al sicuro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *