Un plastico per scoprire come funziona l’acquedotto romano ipogeo

 Il Museo civico “Porta della Terra” di San Salvo arricchisce i contenuti archeologici con una nuova installazione didattica. Si tratta di un plastico realizzato in scala 1:1, e quindi a grandezza reale, di una parte del condotto dell’acquedotto romano ipogeo che, ancora funzionante, attualmente alimenta la Fontana vecchia di San Salvo. L’acquedotto, realizzato attorno al II – III secolo d.C., nella sua parte terminale corre a circa 10 metri sotto Piazza San Vitale e sinora e’ stato esplorato per circa 150 metri. L’installazione e’ stata ideata e realizzata dagli archeospeleologi Marco Rapino e Fabio Sasso e mostra chiaramente come fu realizzato il condotto che ha la funzione di trasportare l’acqua: all’interno di una galleria scavata nella roccia venivano costruiti due muri veri a propri, addossati ai lati della galleria stessa, paralleli tra loro a una distanza di circa 40 cm e collegati in alto da un “tetto” costituito da una serie continua di tegoloni di terracotta (ciascuno di circa cm 46 x 65) disposti accoppiati a cuspide. Su questo “tetto” veniva poi disposto un consistente strato di malta e la parte alta della galleria, soprastante il manufatto, veniva riempita con grossi ciottoli. Nell’istallazione realizzata i muri sono stati ricostruiti, nella loro geometria, con materiali moderni. I tegoloni di copertura, invece, sono quelli autentici recuperati nella zona del crollo e riportati in superficie (non senza difficolta’) nel dicembre 2014 dagli archeospeleologi della Parsifal, Rapino e Sasso che negli ultimi anni stanno portando avanti l’esplorazione dell’acquedotto coadiuvati dall’archeologo Davide Aquilano e grazie ai piccoli finanziamenti messi a disposizione dall’Assessorato alla Cultura del Comune di San Salvo.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Spoltore, presentato il progetto: Medicina umana, salvare la memoria. Raccolta, salvaguardia, diffusione di esperienze e racconti di vita della terza età

“Medicina umana, salvare la memoria” è un progetto di raccolta, salvaguardia e diffusione di esperienze …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.