Economia

Lolli firma contratto di sviluppo con ZTE

Il protocollo d'intesa in materia di ricerca, sviluppo, formazione e promozione delle tematiche legate al potenziamento delle aree di specializzazione intelligente (Smart Specilization Strategy - S3) sarà sottoscritto dal vice Presidente della Regione, Giovanni e da Hu Kun, per conto della ZTE Italia Srl. A seguire la cerimonia della stipula, che si terrà domani mercoledì 25 luglio alle ore 10.30 all'Aquila, (Palazzo Silone), seguirà una conferenza stampa convocata nella Sala Celestino V. "L'Abruzzo", ha spiegato Lolli, "necessita di mettere in campo un notevole e costante impegno per assumere un ruolo sempre più centrale nella trasformazione del nostro territorio in una società basata sulla conoscenza e sull'innovazione, orientando le sue scelte strategiche di sviluppo verso Specializzazione intelligente (Smart Specilization Strategy) che vincola l'allocazione di risorse verso quelle aree produttive ove la regione è più competitiva, così come indicato nella cosiddetta Carta di Pescara". Il programma che Regione Abruzzo e ZTE porteranno avanti si concentrerà su: - l'implementazione di progetti 5G, la realizzazione di Smart City a livello regionale e di progetti di comunicazione e di informazione in collaborazione con l'operatore Telco per le risorse territoriali necessarie e altre aziende per implementare casi di utilizzo selezionati; - l'attuazione di programmi congiunti, finalizzati all'organizzazione di attività volte a diffondere al meglio la ricerca e l'innovazione; - l'innovazione di efficaci meccanismi regionali di diffusione di ricerca e innovazione; - la verifica del percorso necessario alla realizzazione di un Accordo di Programma tra la Regione Abruzzo e ZTE Italia s.r.l. Il documento che sarà sottoscritto domani avrà una durata di 2 anni. 

Leggi Tutto »

Andamento positivo per la stagione turistica montesilvanese

Andamento positivo per la stagione turistica montesilvanese. A tracciare un primo bilancio relativo alle presenze registrate nel mese di giugno e nella prima parte di luglio nelle strutture alberghiere di Montesilvano è il consigliere Adriano Tocco, vicepresidente di Federalberghi Pescara e di AlberghiaMo.

«Nonostante le condizioni meteorologiche incerte hanno ritardato la partenza della stagione estiva – afferma Tocco  - il mese di giugno ha registrato un trend più che positivo di presenze. Questo è stato possibile grazie ai grandi eventi sportivi, di respiro nazionale e internazionale, che abbiamo ospitato proprio a Montesilvano. Penso ad esempio al Trofeo Internazionale di Scacchi che per il secondo anno consecutivo ha ottenuto il guinness dei record, con 1724 giocatori, oppure a “Sport in Tour 2018”, il campionato nazionale promosso dall’Unione Sportiva Acli che ha coinvolto 5000 atleti, o ancora  alla Robocup Junior 2018 European Championship, il torneo internazionale che si è svolto al Pala Dean Martin e che ha visto la partecipazione di studentesse e studenti provenienti da 17 nazioni. Sempre a giugno abbiamo ospitato il Mundial Beach Soccer, la manifestazione sportiva che ha portato a Montesilvano le vecchie glorie del calcio italiano, francese, brasiliano e argentino, il Trofeo delle Regioni, evento di pallavolo, riservato agli atleti under 16 e under 15 femminili,  e la Montesilvano Futsal Cup di calcio a 5. Tali grandi eventi, che con lungimiranza siamo riusciti ad intercettare - rimarca Tocco -  hanno portato sul territorio importanti flussi di presenze, ovviando così ad un clima non favorevole. Questo trend positivo sta connotando anche il mese di luglio, che vede gli hotel al completo».

In merito alle provenienze, l’85% del turismo è italiano. Tra le regioni più significative si registrano Lazio, Lombardia, Campania, Puglia. Nell’ambito del turismo straniero, invece, i turisti che scelgono Montesilvano arrivano dalla Francia, dall’Est Europa oltre che dalla Germania. «Il gemellaggio con la città di Lahnstein - ricorda Tocco – ha inciso significativamente sui flussi turistici dalla Germania. Sono tantissimi i tedeschi che approfittano del collegamento diretto aereo, per raggiungere la nostra città e trascorrere le loro villeggiatura alla scoperta delle bellezze abruzzesi. I turisti -  aggiunge Tocco -  stanno apprezzando particolarmente i lavori di riqualificazione di via Maresca, così come la variegata offerta eventi della città. Sono stati molti, ad esempio, i villeggianti che hanno avuto l’occasione di vivere l’esperienza unica della Cena in Bianco, evento esclusivo e particolare divenuto ormai stabile fiore all’occhiello del nostro cartellone estivo. L’Abruzzo - conclude Tocco - è ormai sempre più destinazione turistica di prima scelta e Montesilvano si inserisce, in questa destinazione, con numeri di tutto rispetto, che siamo certi ci consegneranno una fine stagione positiva».  

Leggi Tutto »

Malandra (Cisl): le priorità sono crescita e lavoro

"Occupazione e lavoro stabile si creano attraverso investimenti e infrastrutture, sostenuti dalle risorse dei fondi strutturale europei. Le priorità per le nostre regioni restano la crescita e il lavoro". Con queste parole il segretario generale della Cisl AbruzzoMolise, Leo Malandra, ha aperto i lavori del Consiglio Generale del sindacato interregionale, che si è svolto a Francavilla al Mare. Dopo il ricordo del sindacalista Pierre Carniti, recentemente scomparso, un pensiero è stato rivolto a Sergio Marchionne non appena appresa la notizia della sua morte durante la relazione introduttiva da parte di Malandra. Ai lavori del consiglio, finalizzato a discutere della situazione nazionale e regionale e, ad approfondire il decreto Dignità, ha preso parte il segretario generale aggiunto della Cisl nazionale, Luigi Sbarra.

Per l'Abruzzo la Cisl chiede "un concreto piano di fine legislatura che le porti a soluzione, attraverso più mirate azioni a sostegno dell'apparato industriale in termini di innovazione, ricerca, incentivi ad una occupazione di qualità, di rafforzamento delle Pmi e dell'artigianato". Il Molise, invece, ha bisogno di "programmare un piano di sviluppo, possibilmente condiviso e non più rinviabile, con l'apertura di un tavolo permanente di confronto"

Leggi Tutto »

Agricoltura, pubblicata la graduatoria per i voucher formativi

Sono state approvate le graduatore della misura M01 relative al bando del PSR 2014-2020 relativo al sostegno di formazione professionale e acquisizione di competenza nel settore agricolo. I destinatari dei voucher formativi per il Focus area 2A sono stati 1.328 (imprenditori agricoli, dipendenti e coadiuvanti di aziende agricole), 252 sono i destinatori di voucher per il Focus area 2B (giovani agricoltori insediati ai sensi della misura 6.1 del PSR 2014 - 2020 e ad altri soggetti tenuti ad acquisire la qualifica di 'imprenditore agricolo professionale'), 305 sono i destinatari di voucher per il Focus Area 3A (imprenditori agricoli, dipendenti e coadiuvanti di aziende agricole); 106 sono i destinatari di voucher per il Focus Area P4 (destinata ai beneficiari delle misure M10 'pagamenti agro-climatico-ambientali' e M11 'agricoltura biologica' del PSR 2014-2020) e un  destinatario di voucher per il Focus Area 5E destinata a operatori forestali. I voucher formativi avranno una durata di 12 mesi, rinnovabili per altri 12 mesi (è necessaria la richiesta scritta) e consentono di accedere alle attività formative previste nel "Catalogo dell'offerta formativa", approvato con determinazione dirigenziale DPD022/12 del 27/02/2018, coprendo il 100% di relativi costi.

Nelle prossime settimane seguirà la Fase C della Misura mediante la pubblicazione di un ulteriore avviso pubblico destinato ai prestatori di servizi di formazione, selezionati e riconosciuti idonei per capacità ed esperienza e le cui proposte formative sono state dichiarate ammissibili e inserite nel Catalogo dell'Offerta Formativa, i quali dovranno procedere al reperimento, mediante la pubblicazione di appositi avvisi e senza alcuna discriminazione, degli assegnatari di voucher, organizzare ed avviare i corsi di formazione e fare richiesta di aiuto attraverso il Portale SIAN. 

Leggi Tutto »

Pepe: già esiste un disciplinare per gli arrosticini

"Accogliamo con favore ogni sollecitazione del territorio in merito alla tutela e valorizzazione del prodotto locale che significa promozione del territorio e della sua economia ravvedendone tutti gli elementi utili per una discussione costruttiva e concertata". Lo ha detto l'assessore all'Agricoltura, della Regione Abruzzo Dino Pepe, rispondendo alla riflessione di Casartigiani sul tema della tutela dei prodotti: "Del resto - prosegue l'assessore - su questo argomento è stato già attivato un percorso che ha portato alla registrazione di un marchio regionale dell'arrosticino abruzzese, recentemente aggiornato contemperando le esigenze del mondo agricolo con quelle della moderna distribuzione. Il deposito del marchio e del relativo disciplinare è avvenuto proprio in questi giorni a cura dell'Associazione Regionale Allevatori (Ara) che ha nella missione istituzionale anche la valorizzazione dei prodotti locali. E' necessario ora - prosegue Pepe - avviare l'ultima fase che prevede il coinvolgimento dei portatori d'interesse come le associazioni di categoria e degli operatori della filiera regionale al fine di attivare la commercializzazione vera e propria del prodotto a marchio. Saranno garantiti in tal modo, alcuni elementi fondamentali imprescindibili: opportunità e riconoscibilità degli operatori locali e dei trasformatori del prodotto che operano nel territorio abruzzese, massima garanzia della qualità a tutela del consumatore finale, valorizzazione del territorio attraverso il marchio e dell'identità abruzzese in Italia e nel mondo"

Leggi Tutto »

Ubi banca, oltre 1.000 dipendenti donano giorni di ferie

UBI Banca si conferma partner di riferimento del Terzo Settore: 1.171 dipendenti hanno infatti aderito all'edizione 2018 di "Un giorno in dono", un progetto di solidarieta' attraverso il quale e' stato offerto a tutto il personale la possibilita' di impegnarsi in un'attivita' di volontariato sui territori di riferimento del Gruppo. UBI Banca e' stata supportata dagli specialisti di Istituto Italiano della Donazione e di Fondazione Sodalitas nella fase di preparazione dei progetti con le 90 organizzazioni non profit. L'iniziativa, dopo un test del 2014 limitato all'area milanese, e' stata estesa all'intero territorio nazionale dal 2015 totalizzando circa 5.000 giornate di volontariato erogate nel quinquennio, corrispondenti a circa 40.000 ore di lavoro svolto presso le ONP partecipanti, oltre 100 nell'arco dei 5 anni. Partecipando, ogni dipendente aderente ha donato un proprio giorno di ferie, trascorrendolo presso una associazione e impegnandosi in una tra le 170 attivita' di volontariato proposte. In funzione del numero di partecipanti la somma che il Gruppo UBI Banca riconoscera' per il 2018 alle diverse ONP e' di complessivi 117.100 euro (pari a 100 € per ogni giornata di volontariato erogata)

 L'iniziativa Un giorno in dono si e' svolta in tutta Italia coinvolgendo tutte le societa' del Gruppo e si e' conclusa lo scorso 29 giugno. 90 organizzazioni non profit hanno accolto i dipendenti di UBI nelle loro sedi in 42 diverse citta' e province italiane: Alessandria, Ancona, Arezzo, Ascoli Piceno, Bari, Bergamo, Bologna, Breno, Brescia, Como, Cosenza, Crotone, Cuneo, Fermo, Firenze, Genova, Grosseto, Lecce, Livorno, Macerata, Matera, Milano, Monza, Napoli, Pavia, Perugia, Pesaro, Pescara, Piacenza, Pordenone, Potenza, Reggio Calabria, Rimini, Roma, Salerno, Siena, Sondrio, Torino, Treviso, Varese, Verona e Viterbo. L'organizzazione che ha accolto il maggior numero di dipendenti UBI e' stata quest'anno Touring Club Italiano, con 91 partecipanti.

Leggi Tutto »

Casartigiani sollecita un disciplinare per l’arrosticino d’Abruzzo

"L'arrosticino abruzzese deve essere una tipicità tutta made in Abruzzo, dall'inizio alla fine. Spesso invece, è solo un assemblaggio di carne estera". Lo sostengono i coordinatori regionali di Casartigiani, Flaviano Montebello e Dario Buccella, che hanno richiesto ufficialmente alla Regione Abruzzo un intervento normativo per garantire e tutelare la qualità e l'autenticità dell'arrosticino. L'intento è quello di garantire che la denominazione "arrosticino abruzzese" indichi esclusivamente un prodotto realizzato in Abruzzo e con materia prima locale. "La presenza sul mercato di arrosticini di carne di provenienza estera - sostengono i vertici di Casartigiani - pur essendo legittima, impone la necessità da parte della giunta e del consiglio regionale di provvedere a disciplinare meglio la materia garantendo che il vero 'arrosticino abruzzese' venga realizzato in Abruzzo".

Leggi Tutto »

Occupazione, Malandra (Cisl): mancano ancora all’appello 14 mila posti per ritornare ai valori pre-crisi

 "Le persone di 15 anni e più che in Abruzzo hanno svolto almeno un'ora di lavoro retribuito, nei primi tre mesi del 2018, sono 501 mila: un'occupazione che, rispetto al I trimestre dell'anno scorso, è incrementata di 37 mila occupati ma, in termini assoluti e non considerando la qualità precaria dei rapporti di lavoro, mancano ancora all'appello 14 mila posti per ritornare ai valori pre-crisi" - commenta così il Segretario della CISL AbruzzoMolise, Leo Malandra i dati pubblicati dall'Istat durante la conferenza stampa alla presenza del professore Giuseppe Mauro, Ordinario di Politica Economica presso la Facoltà di Economia della Università D'Annunzio di Pescara-Chieti. "Il tasso di occupazione - ha spiegato - ha raggiunto il 58,1% recuperando più di 4 punti percentuali rispetto al I dell'anno scorso,ma sempre distante al valore del 2008, dove era pari al 59,5%. L'incremento occupazionale si concentra nell'agricoltura e nell'attività dei servizi, ma non nel commercio, negli alberghi e nella ristorazione. Anche l'industria in senso stretto e le costruzioni, in questo primo trimestre, mostrano una ripresa. Questa tendenza positiva dei settori produttivi non ha comunque riportato ai valori del 2008. Sono 60 mila i disoccupati, ossia coloro che tra i 15 e 74 anni si sono mossi a cercare lavoro. Un numero ancora elevato. Il tasso di disoccupazione è diminuito nel I trimestre 2018, ma rimane tuttavia ben sopra i livelli pre-crisi (6,8%)".

"La ripresa occupazionale è legata essenzialmente all'aumento dei contratti a tempo determinato come ci segnala l'Inps dall'Osservatorio al Precariato. Un'occupazione che, purtroppo, non è di qualità e non è stabile soprattutto per la mancanza di incentivi, nazionali e regionali, che creerebbero posti di lavoro aggiuntivi a tempo indeterminato", osserva il Segretario Generale della CISL. "La lieve crescita economica e produttiva registrata è imputabile solo agli sforzi dell'apparto produttivo delle grandi imprese ed agli investimenti da queste operati. Gli investimenti pubblici sono ancora solo sulla carta degli strumenti di programmazione messi in campo dalla politica, ma in larga parte ancora non operativi e cantierati".

"Il tessuto produttivo abruzzese sta risentendo ancora degli effetti della crisi, nonostante il valore dei prodotti esportati sia aumentato del 7,0% ed abbia recuperato il gap rispetto al 2008. Restiamo con un territorio poco competitivo e quindi scarsamente attrattivo per gli investimenti di nuova imprenditoria. Ne è prova il tasso di crescita delle imprese rilevato dalle Camere di commercio abruzzesi che continua ad avere un segno negativo, superiore anche alla media italiana. In Abruzzo abbiamo un sistema economico produttivo a macchia di leopardo con poche grandi e medie imprese e una miriade di piccole e piccolissime imprese (anche artigiane), quelle che esportano e quelle che hanno difficoltà non solo ad entrare nel mercato estero ma anche a rimanere nel mercato interno, le poche grandi e medie aziende che puntano all'innovazione e alle ricerca, e la stragrande maggioranza di quelle piccole e artigiane che non fanno innovazione e ricerca, sono sottocapitalizzate e sottodimensionate e che, ricordiamolo, rappresentano comunque oltre l'85% del nostro sistema produttivo e che non possono essere lasciate senza sostegno pubblico dalla politica", - esamina Malandra nell'approfondire i vari dati elaborati dall'Ufficio Studi della CISL. 

Leggi Tutto »

Studio Cna sulle tasse, il primato è per Spoltore che ‘libera’ le imprese dal 2 agosto

Il giorno del tax free cambia nelle varie città d'Abruzzo, secondo uno studio condotta dalla Cna. Le date da segnare sul calendario sono 21, 24 e 25 agosto per le imprese che hanno sede a Montesilvano, Sulmona e Roseto. A certificare la pressione fiscale per il sistema delle imprese è lo studio realizzato da Claudio Carpentieri, responsabile dell'area fiscale nazionale della Cna, che ha presentato l'annuale rapporto "Comune che vai, tassa che trovi". La complessa ricerca mette a confronto, comune per comune, il peso globale della tassazione (il cosiddetto total tax rate) applicata a una piccola impresa dai parametri standard - 431mila euro di ricavi; costo del personale per quattro operai e un impiegato fissato a quota 165mila euro; costo del venduto stimato a 160mila euro; costi ed ammortamenti vari per 56mila euro; reddito d'impresa da 50mila euro - stilando una speciale classifica che fissa per tutti e 137 i comuni censiti la data fatidica di "liberazione" dal fisco: il tax free day appunto, che quest'anno il 14 luglio ha incoronato Gorizia come la città più amica del mondo delle imprese.

Dodici i comuni abruzzesi inseriti nello studio: con i quattro capoluoghi di provincia (Chieti, L'Aquila, Pescara e Teramo) ci sono infatti anche altri otto centri, ovvero i due più grandi per ciascun territorio: Avezzano, Sulmona, Lanciano, Vasto, Montesilvano, Spoltore, Roseto e Giulianova. La classifica che salta fuori tiene conto del complesso carrello della spesa che il Fisco sguinzaglia attraverso i suoi principali strumenti nazionale, regionali e locali: imposta municipale unica (meglio conosciuta come Imu), tributo per i servizi indivisibili (Tasi), imposta regionale sulle attività produttive (Irap), contributo Ivs, imposta sul reddito della persona fisica (Irpef e Iri), addizionale regionale e comunale Irpef. Un paniere di tasse, tributi e balzelli che finisce per decretare in modo oggettivo ed inesorabilmente il peso specifico del Fisco nei 137 comuni italiani censiti, la quota di reddito che resta in tasca all'azienda-campione una volta assolti i doveri fiscali, la data precisa della festa di liberazione dalle tasse per ciascuno di essi, che per la cronaca cade a livello nazionale l'11 agosto, con un peggioramento di un giorno rispetto al 2017.

La graduatoria regionale che salta fuori, modulata secondo un ordine di minor pressione fiscale, è questa: migliore performance per Spoltore (tax free day il 2 agosto; percentuale totale di pressione fiscale pari al 58,9%; reddito disponibile pari a 20.553 euro); L'Aquila (2 agosto; 58,9%; 20.525); Teramo (4 agosto; 59,5%; 20.263); Lanciano (5 agosto; 59,8%; 20.090); Avezzano (6 agosto; 60%; 20.012); Vasto (6 agosto; 60%; 20.010); Chieti (10 agosto; 61,1%; 19.432); Giulianova (14 agosto; 62,1%; 18.951); Pescara (15 agosto; 62,4%; 18.797); Montesilvano (21 agosto; 64%; 18.012); Sulmona (24 agosto; 64,8%; 17.597); Roseto (25 agosto; 65,3%; 17.351).

Considerazioni finali. Lavorare a Spoltore piuttosto che a Roseto (ovvero il comune meglio piazzato e quello messo peggio) significa – dal punto di vista del reddito – guadagnare ben 23 giorni e mettersi in tasca 3mila e 200 euro in più. In generale, tutti i comuni della nostra regione hanno perso posizioni rispetto a dodici mesi fa: soprattutto Lanciano (nel 2017 il suo tax free day era l'1 agosto, oggi il 5) e Roseto (dal 22 al 25 agosto). Ancora, tra 2011 e 2018 la variazione in negativo del reddito disponibile si è verificata in tutti i comuni (vertiginosa a Roseto con -2.139 e Pescara con -1.852 euro; ma altissima anche a Lanciano, con -1.231 euro, Avezzano con -1.012 euro, Chieti con -912, Giulianova con -1.145, Montesilvano con -1.063, Sulmona con -1.528) Con le uniche eccezioni virtuose di Vasto (90 euro in più), ma soprattutto di Teramo con 490 euro.

Leggi Tutto »

Volotea, 400 mila passeggeri in transito su Catania

Sono stati 400 mila i passeggeri trasportati dall'inizio del 2018 da e per l'aeroporto di Catania, e più di 2 milioni tra il 2012 ed il 2017 - con un load factor medio del 94% nei primi 7 mesi dell'anno e con un incremento del 20% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno - dalla compagnia low cost Volotea, che ha inoltre registrato un tasso di raccomandazione del 90,4% nel primo trimestre. i dati sono stati resi noti durante un incontro al quale hanno preso parte il Commercial Country Manager di Volotea Italia Valeria Rebasti e l'ad di Sac Nico Torrisi. Otto i collegamenti, sette domestici e uno verso l'estero, dallo scalo etneo, per un totale di circa 800.000 posti in vendita. Inoltre, quest'anno ha aggiunto ai tradizionali collegamenti i due nuovi voli alla volta di Pescara e Tolosa. Tutte le rotte registrano un load factor superiore al 90%. 

Leggi Tutto »