Asp Chieti, stato di agitazione del personale dopo il pignoramento

Stato di agitazione proclamato dalle segreterie territoriali sindacali Cgil Fp, CISL Fp, Uil Fpl e Fials della Asp 1 della provincia di Chieti, con la richiesta al prefetto di Chieti, Mario Della Cioppa, di avviare la procedura di raffreddamento e conciliazione, dopo che l’Azienda il 9 gennaio scorso ha a ricevuto un atto di pignoramento presso la Tesoreria a causa della forte esposizione debitoria. Una situazione che, evidenziano i sindacati, potrebbe causare una paralisi di tutte le attività, per la impossibilità di eseguire i pagamenti, ivi compresa l’assistenza agli utenti e la fornitura dei beni di prima necessità, e che ha già avuto come conseguenza la mancata erogazione degli stipendi del mese di gennaio 2024. Attualmente la Asp 1 assiste 104 persone ed ha un centinaio di addetti, fra dipendenti diretti e somministrati.

Il 31 gennaio si è svolta un’assemblea con tutti i lavoratori durante la quale è stata evidenziata sono emersi timori per le prospettive future. Di qui la richiesta al prefetto di avviare le procedure di raffreddamento e di conciliazione dei conflitti previste dalla normativa di settore al fine di evitare che perduri ulteriormente la situazione e tenuto conto della natura dei servizi che vengono erogati. Oltre che al prefetto, le organizzazioni sindacali hanno scritto al presidente della Asp Ezio Tilli, al sindaco Diego Ferrara, alla Regione ovvero gli assessori Nicoletta Verì e Pietro Quaresimale, alla Asl e alla Commissione di garanzia per l’attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Scuola, Cgil e FLc Cgil di Pescara criticano le scelte sul dimensionamento delle classi

 La Cgil e la FLc Cgil di Pescara criticano in una nota le decisioni degli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *