Caro-bollette, imprese e sindacati chiedono interventi alla Regione Abruzzo

Le associazioni abruzzesi di rappresentanza del mondo dell’impresa e del sindacato pronte a manifestare all’Aquila in occasione del prossimo Consiglio regionale per chiedere interventi contro il caro bollette per rimarcare il proprio malcontento, dopo settimane di trattative a vuoto con la Giunta regionale sulle strategie da adottare per affrontare con efficacia e rapidità il tema del “caro-bollette” che sta mettendo in grande difficoltà famiglie e imprese, sono quindici sigle abruzzesi, espressione del mondo dell’agricoltura, dell’artigianato, del commercio, della cooperazione, della piccola industria, del turismo, dei servizi e dei sindacati dei lavoratori.

Agci, Casartigiani, Cia, Claai, Cna, Confapi, Confartigianato, Confcommercio L’Aquila, Confcooperative, Confesercenti, Legacoop, Cgil, Cisl, Uil e Ugl hanno avviato dallo scorso 5 settembre un confronto con il governo regionale, mettendo in campo in una nota inviata al presidente Marco Marsilio e agli assessori alle Attività produttive, Daniele D’Amario, e all’Energia Nicola Campitelli, un pacchetto nutrito di proposte sui temi del contrasto al caro-energia su cui sono arrivate solo risposte che rinviano le soluzioni “a futura memoria”. Il carnet delle proposte più consistenti faceva perno su misure urgenti e non rinviabili, come sospendere per 4/6 mesi le addizionali Irpef ed Irap a carico di imprese e famiglie (che da sole valgono circa 50 milioni di euro); rimettere in campo fondi provenienti dalla programmazione 14/20, dall’anticipazione di quelli della nuova programmazione 21/27, da eventuali rimodulazione del PNRR o di quelli dello “Sviluppo e Coesione”; riutilizzare, ad esempio, i risparmi provenienti dal prolungamento delle rate del debito sanitario (circa 17 milioni); erogare un credito di imposta di almeno il 50% alle imprese che decidono di installare pannelli fotovoltaici sopra i tetti dei loro capannoni in modo da avviare sia l’autoproduzione che la vendita della parte di energia eccedente ad altri soggetti; potenziare con risorse finanziarie rilevanti lo strumento delle Comunità energetiche; considerare la necessaria priorità delle aree montane, nelle quali l’emergenza energetica costituisce un problema ancor più drammatico.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Auto, nel 2023 buona partenza ma rispetto al 2019 il calo e’ del 22,4%

Il mercato dell’auto a gennaio fa segnare un +18,96% rispetto a gennaio 2019 ma rispetto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *