Le migrazioni in Italia hanno subito una riduzione del 17,4% nei primi 8 mesi del 2020

Nei primi otto mesi del 2020, secondo le prime anticipazioni disponibili, le migrazioni in Italia hanno subito una riduzione (-17,4%). È quanto emerge dai primi riscontri e riflessioni dell’Istat sul bilancio demografico nel 2020 Rispetto al confronto con gli stessi otto mesi del quinquennio 2015-2019 si è registrata una flessione del 6% per i movimenti interni, tra comuni, e del 42% e 12%, rispettivamente, per quelli da e per l’estero.Su quest’ultimo punto l’unico dato in controtendenza riguarda i flussi verso il Regno Unito (+62,8%), ma si tratta esclusivamente di un effetto dovuto alle regolarizzazioni indotte dalla Brexit e relative a soggetti trasferitisi già da tempo al di fuori dei confini nazionali.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Diritto all’oblio e libertà di informazione: quale bilanciamento?

di Federica De Stefani* L’annoso problema del bilanciamento tra il diritto all’oblio e la libertà …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *