Francavilla, polemiche sulla demolizione di Palazzo Sirena

Secondo giorno di lavori a Francavilla al Mare per la demolizione di Palazzo Sirena, nell’omonima piazza al centro della cittadina. Davanti al sindaco, Antonio Luciani, che assisteva ai lavori, non sono mancati momenti di tensione con alcuni cittadini che contestavano la demolizione. “Io escluderei tensione, ma parlerei di divertimento – dichiara il sindaco – nel sentire persone che arrivano con gli striscioni a dirmi che non sapevano di questo progetto che ho annunciato due anni fa e che e’ stato votato in Consiglio Comunale a stragrande maggioranza. Nel momento dei lavori vedo folclore, ma non tensione, con i cittadini che stanno con me perche’ vedono tornare Francavilla ad essere la perla dell’Adriatico”. A poche decine di metri anche il Comitato “Risorgi Sirena” con la vice presidente Maria Cristina Luciani: “Ci sara’ un motivo preciso per cui la demolizione e’ iniziata ieri. Quello che ci preme sottolineare e’ che questo Comitato ha lavorato duramente, ha prodotto documenti nelle sedi opportune; non ci fermeremo, anche se l’edificio non ci sara’ piu'”. Duro anche il consigliere comunale Stefano Di Renzo, sostenuto da alcune liste civiche di sinistra: “La demolizione e’ un atto di barbarie che ricorda quello nazista del 1943 quando fu rasa al suolo la citta’, e poi Palazzo Sirena che fu ricostruito nel 1947, diventando uno dei simboli della citta’ e che rappresenta anche l’identita’ della citta’. Noi non ci fermiamo e continueremo a lottare e vorremmo che anche la Soprintendenza si muovesse, anche se la demolizione e’ in corso, per bloccarla”. Al fianco del Comitato anche il parlamentare Gianni Melilla (Articolo 1) che presentera’ un’interrogazione sulla demolizione del palazzo per valutare se ci siano state omissioni o abusi. Intanto il gruppo politico “Francavilla con Luciani sindaco”, rappresentato dai consiglieri comunali Massimo Nunziato, Remo Di Palma, Valeria Spacca e dagli assessori Rocco Alibertini e Wiliams Marinelli, esprime appoggio incondizionato alla decisione del sindaco.

 “Il programma di Antonio Luciani prevedeva sin dall’inizio la riqualificazione della piazza con l’abbattimento della parte vecchia del palazzo Sirena, intenzione confermata in maniera chiara anche nelle Linee Programmatiche di Governo approvate a larghissima maggioranza in Consiglio comunale”: e’ quanto ricorda il gruppo politico “Francavilla con Luciani sindaco” che esprime “appoggio incondizionato alla decisione di demolire il palazzo. “La via intrapresa – si legge in una nota – portera’ al nuovo volto del centro della marina una piazza, un centro di aggregazione da cui cittadini e ospiti trarranno beneficio ottenendo la restituzione di uno spazio aperto e aggregativo”. “Quando si ha l’onore di essere eletti dai cittadini, si e’ chiamati a fare, non a rimandare. L’opposizione, con l’atteggiamento portato avanti in questi giorni e nei mesi scorsi sull’argomento, ha sempre dimostrato di non voler entrare nel merito della decisione, ma di voler fermare il cambiamento, fermare il tempo, il progresso”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Ricostruzione, vertice Legnini – Unioncamere

Il punto sugli interventi attuati a favore delle imprese dei territori colpiti dal terremoto del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *