Omicidio Vasto, si è costituito l’uomo ricercato dai carabinieri

“E’ un momento difficile, una vicenda che ha sconvolto per sempre tre famiglie”. Lo dichiarano Giovanni Cerella e Pierpaolo Andreoni, i legali del foro di Vasto che assistono Fabio Di Lello. Il 34enne da ieri sera e’ rinchiuso in una cella del carcere di Torre Sinello a Vasto, dopo diverse ore trascorse nella caserma dei Carabinieri. L’inchiesta e’ condotta dal pm Gabriella De Lucia. Gli avvocati sono in attesa delle decisioni della Procura, per conoscere il capo di imputazione, la data e il luogo dove sara’ tenuto l’interrogatorio di garanzia. Il magistrato dovra’ consegnare in giornata l’incarico dell’autopsia a Pietro Falco, responsabile di medicina legale dell’Asl Lanciano Vasto Chieti.

************

Si e’ costituito ai carabinieri Fabio Di Lello, che era ricercato per l’omicidio commesso oggi a Vasto. Prima di consegnarsi alle forze dell’ordine avrebbe chiamato un amico dicendogli che aveva ucciso l’assassino di sua moglie, annunciandogli che si stava recando al cimitero per salutare la consorte Roberta Smargiassi. Avrebbe chiamato il suo avvocato, Giovanni Cerella, indicandogli dove si trovava in quel momento. Di Lello e’ guardato a vista nella caserma dei carabinieri della Compagnia di Vasto dove e’ attualmente in stato di fermo dopo essersi costituito. Con lui ci sono gli avvocati Giovanni Cerella e Pierpaolo Andreoni

“E’ una tragedia nella tragedia, questo e’ lo sconforto”. Dice poche parole sull’ uccisione di Italo d’Elisa, ucciso a colpi di pistola davanti all’ingresso del Drink Water Caffe’ a Vasto, il procuratore capo della Repubblica presso il Tribunale, Giampiero Di Florio.

I primi a giungere sulla tomba di Roberta Smargiassi sono stati i carabinieri della locale compagnia che hanno rinvenuto pero’ solo l’arma custodita in una busta di plastica trasparente. Poco dopo, accompagnato dal suo avvocato, Di Lello si sarebbe costituito ai carabinieri. Intanto la scientifica sta procedendo con i rilievi ed e’ giunto anche il procuratore capo della Repubblica Giampiero Di Florio

Fabio Di Lello avrebbe scambiato qualche parola con la sua vittima prima di estrarre la pistola dalla tasca e colpire frontalmente all’addome Italo D’Elisa. E’ quanto e’ trapelato dalle notizie che filtrano tra gli investigatori. Almeno tre colpi avrebbero centrato il 21enne che la scorsa estate, esattamente sette mesi fa, investi’ con la sua auto e uccise all’incrocio di corso Mazzini Roberta Smargiassi, 34 anni, in sella alla sua moto e moglie del presunto assassino.

Pietro Falco, direttore di medicina legale dell’Asl Lanciano- Vasto-Chieti, ha eseguito sul posto una prima ricognizione cadaverica, ma per stabilire il numero dei colpi e quali siano stati letali sara’ necessaria l’autopsia che verra’ eseguita, forse gia’ domani, all’obitorio presso l’ospedale di Vasto dove e’ stata trasferita la salma. Le indagini saranno coordinate dal sostituto procuratore Gabriella De Lucia. 

Fabio Di Lello e’ molto conosciuto nel mondo sportivo abruzzese per essere stato calciatore di buon livello nei tornei dilettantistici abruzzesi con squadre dell’area frentana e e della Val di Sangro fino ai primi del Duemila. Nella sua carriera Di Lello ha indossato le maglie di diverse formazioni regionali. Fra queste, quelle del Casoli, della Virtus Cupello, del S.Paolo Calcio Pro Vasto e del Vasto Marina. Di Lello, partito come difensore per poi diventare attaccante, esordi’ ancora minorenne nel campionato nazionale di serie D con la Vastese.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Controlli del Nas sui laboratori per tamponi Covid, irregolarità in 67 centri in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *