Psr Abruzzo, 2,1 milioni per lo sviluppo di aree rurali, turismo e cultura

Un avviso pubblico relativo all’intervento 7.4.1 “Investimenti nella creazione, miglioramento o espansione di servizi di base locali per la popolazione rurale”, previsto nel Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2014-2022 e’ stato pubblicato nei giorni scorsi sul sito della Regione Abruzzo in seguito alla determinazione del Dipartimento Agricoltura. La dotazione finanziaria e’ di 2,1 milioni di euro, la scadenza dei termini e’ fissata per il prossimo 30 settembre e la domanda va presentata a partire dalla data di effettiva apertura sul Sistema Informativo Agricolo Nazionale (SIAN) delle funzioni di compilazione e trasmissione telematica, data che sara’ resa nota mediante Avviso pubblicato sul sito della regione. I destinatari dell’avviso sono gli Enti pubblici (singoli o associati), le Fondazioni che non svolgano attivita’ economiche, cooperative sociali ed associazioni senza fini di lucro. Il bando e’ applicabile su tutto il territorio della Regione Abruzzo, nelle aree C “Aree rurali intermedie” e D “Aree rurali con problemi di sviluppo” come individuate nella “Zonizzazione 2020” del PSR 2014-2022. La sottomisura e’ finalizzata al “Sostegno a investimenti finalizzati all’introduzione, al miglioramento o all’espansione di servizi di base a livello locale per la popolazione rurale, comprese le attivita’ culturali e ricreative e della relativa infrastruttura”.

Nello specifico prevede interventi finalizzati alla realizzazione di: centri logistici multifunzionali per l’erogazione di servizi nelle aree rurali; strutture per il welfare rivolte all’infanzia, alla terza eta’, al sostegno della popolazione con handicap, delle fasce deboli o temporaneamente in difficolta’; strutture e servizi culturali (musei, biblioteche, mediateche, centri polivalenti); strutture e servizi per il tempo libero e lo sport.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Rapporto di Euromobility, L’Aquila è maglia nera per la mortalità sulle strade

Secondo i dati del 16/o rapporto di Euromobility sulla mobilità sostenibile nelle principali 50 città …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *