Sanità, per l’assistenza in Italia promosse solo 8 Regioni

Il Rapporto ‘Le Performance Regionali’ del Centro per la Ricerca Economica Applicata in Sanità (Crea) evidenzia che solo 8 Regioni sono promosse, con il Veneto in testa, mentre 7 sono rimandate e 6 bocciate. La valutazione 2023 delle performance regionali effettuata dal Crea, in tema di tutela socio-sanitaria offerta ai cittadini residenti, oscilla da un punteggio massimo del 59% (fatto 100% il risultato massimo raggiungibile) ad un minimo del 30% ed è fatta sulla base di 6 parametri che vanno dall’appropriatezza e l’equità delle cure agli aspetti economico-finanziari e l’innovazione. Nella pagella stilata, il risultato migliore lo ottiene il Veneto ed il peggiore la Calabria. Tre Regioni, tutte del Nord-Est, sembrano avere livelli complessivi di tutela significativamente migliori dalle altre: Veneto, P.A. di Trento e P.A. di Bolzano superano infatti la soglia del 50% (rispettivamente 59%, 55% e 52%). Nel secondo gruppo di promossi si trovano altre 5 Regioni con livelli dell’indice di performance compresi tra il 47% e il 49%: Toscana, Piemonte, Emilia Romagna, Lombardia e Marche. Sette sono invece rimandate avendo livelli di performance abbastanza omogenei ma inferiori, compresi nel range 37-43%. Si tratta di Liguria, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Umbria, Molise, Valle d’Aosta e Abruzzo. Infine, 6 Regioni – Sicilia, Puglia, Sardegna, Campania, Basilicata e Calabria – hanno invece livelli di performance che risultano inferiori al 32%. Osserviamo, rileva il Crea, “come la composizione del gruppo delle regioni che si situano nell’area dell’eccellenza, come anche quella del gruppo delle Regioni (tutte meridionali) che purtroppo rimangono nell’area intermedia e critica, rimane pressoché costante negli anni”. Risultato: “circa 29 milioni di cittadini residenti nelle prime 8 Regioni – si legge – possono stare relativamente tranquilli e altri 29 milioni nelle Regioni rimanenti, quasi tutte del Centro Sud, potrebbero avere serie difficoltà”. Un monito ad agire arriva anche dal Rapporto presentato sempre oggi da Eurispes ed Enpam. Se il Sistema Sanitario Nazionale “non sarà messo in grado di programmare e poi assorbire le necessarie professionalità – avvertono le due organizzazioni – le Case e gli Ospedali della comunità rimarranno vuote, mentre la crisi del decisivo comparto della medicina generale si avviterà ulteriormente, gli ospedali continueranno a degradarsi, l’universalità della sanità pubblica continuerà a deperire, si apriranno ulteriori autostrade per la sanità privata e curarsi diverrà una questione di censo”. Tutto ciò mentre è già una triste realtà il fatto che le retribuzioni dei medici italiani siano tra le più basse in Europa e che nel 2023 oltre il 33% dei cittadini afferma di aver dovuto rinunciare a prestazioni e/o interventi sanitari per indisponibilità delle strutture sanitarie e liste di attesa, mentre aumenta la mobilità sanitaria che interessa ormai 1,5 milioni di pazienti costretti a spostarsi in regioni diverse dalla propria per curarsi.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Occupazione, tra dieci anni 80.408 lavoratori in meno in Abruzzo (-10,12%)

“Le previsioni ci evidenziano che entro i prossimi 10 anni la platea delle persone in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *