Difesa degli animali

La pazienza è la virtù … dei cani

 

Si dice che la pazienza sia la virtù dei forti. Sacrosanta verità! Ma io che sono “cresciuta con i cani” posso affermare per esperienza diretta che anche un cane possiede questa virtù.

Di solito ai nostri amici a quattro zampe si riconoscono altre qualità: la fedeltà, l’intelligenza, la curiosità, la socievolezza. E senz’altro sono tutte caratteristiche che li contraddistinguono.

Scientificamente le doti caratteriali innate del cane, sulle quali di solito si fa leva per addestrarli sono 9: sono quelle che ogni cane possiede naturalmente, in misura più o meno elevata, come la tempra e il temperamento,  la docilità, la socialità,  la vigilanza, l’aggressività, la possessività, la combattività e la curiosità. Ma tutti coloro che possiedono un “pelosetto a 4 zampe” sanno che i cani sono dotati anche di molta pazienza. Può darsi che non sia una dote innata, ma credetemi, la possiedono!

Basti pensare a come ci aspettano ogni mattina per salutarci e farci “le feste”. Come attendono pazientemente l’ora della pappa, l’ora della passeggiata, l’ora del gioco, quella delle coccole e del bagnetto. Insomma, vivono in perenne attesa. Come non ricordare il cane Hachiko, che ogni giorno attendeva il ritorno del suo padrone in stazione e che ha continuato, per quasi 10 anni, a recarsi in quel luogo anche dopo la morte del suo amico umano. Da questa storia è stato tratto un commovente film con Richard Gere nel 2009.

Anche sui social network ci sono esempi di questa loro virtù. Alcuni video sono diventati virali: protagonisti sono bambini che mettono a dura prova la pazienza dei loro amati cani in tutti i modi possibili e immaginabili. E loro sopportano!!!

I nostri “pets” vivono con noi e per noi. E per loro noi siamo la loro famiglia. Siamo pazienti con loro, come loro lo sono con noi.

di Roberta D'Onofrio

 

Leggi Tutto »

Rapporto Zoomafia 2017, Lav: ogni 57 minuti un nuovo fascicolo per reati contro animali

(da https://www.lastampa.it/)

In Italia si aprono circa 25 fascicoli al giorno, uno ogni 57 minuti, per reati a danno di animali con una persona indagata ogni 80 minuti circa. È quanto emerge dal rapporto Zoomafia 2017 della Lav analizzando i dati forniti da 104 Procure Ordinarie su 140 (74%) e di 28 Tribunali per i minorenni su 29 (pari al 96%).  

Leggi Tutto »

Pescara istituisce il Garante per la tutela degli animali: è Lina Bufarale

 Diodati: “Sarà Lina Bufarale, nominata dal Sindaco dopo l’avviso pubblico da noi promosso per individuare tale importante figura”

In data 24 luglio il sindaco Marco Alessandrini ha provveduto alla nomina del Garante per la tutela degli animali nella persona di Lina Bufarale, nominativo emerso all’esito di una procedura di evidenza pubblica a cui si è proceduto con delibera di Giunta del 23 maggio scorso, recependo quanto disposto dal Regolamento Comunale vigente e approvato con delibera Consiliare n. 162 del 21 dicembre 2016.

“Il Comune di Pescara ha finalmente istituito la figura del Garante per la Tutela degli Animali – dice l’assessore alla Tutela del Mondo Animale Giuliano Diodati – Una figura prevista dall’articolo 2 del relativo Regolamento Comunale, fortemente innovativa, esercita a titolo gratuito, viene designata tra persone che vantano una riconosciuta esperienza e professionalità nella materia dei diritti degli animali e che non svolgano alcuna attività in conflitto con il ruolo. Siamo felici che dalla procedura di evidenza pubblica abbia individuato fra queste Lina Bufarale, la sua storia racconta un impegno quotidiano sia sul fronte della tutela degli animali che della costante presenza e supporto al mondo associazionistico e istituzionale di riferimento.

L’attività del garante è vasta e importante e Pescara è fra i pochi Comuni ad averla istituzionalizzata. Innanzitutto questa figura promuove l’interazione con le Associazioni attive nel campo della protezione degli animali per proposte e suggerimenti; difende tutti i principi ed i valori fondamentali che riguardino il benessere e la protezione degli animali; intrattiene rapporti di scambio, studio e ricerca con organismi operanti nell’ambito della tutela e della salvaguardia degli animali; dialoga e costruisce progetti e linee di intervento con le Associazioni animaliste attraverso un tavolo di confronto periodico.

E’ poi un interlocutore diretto per la Giunta e Consiglio Comunale per l’opportunità di adottare provvedimenti richiesti dall’osservazione e dalla valutazione delle reali condizioni degli animali, anche alla luce dell’adeguamento alle norme statali, regionali o dell’Unione Europea. Non solo, il garante formula proposte per l’elaborazione di progetti intesi a migliorare le condizioni di vita degli animali, oltre a supportare l’attuazione di linee guida per lo sviluppo di azioni e politiche finalizzate a ciò, quindi richiede interventi di prevenzione e repressione degli abusi sugli animali e controlli sul territorio al Servizio Tutela Mondo Animale del Comune di Pescara, Servizio Veterinario dell’A.S.L., alla Polizia Municipale, alle Guardie Zoofile Volontarie, alle Guardie Ambientali Volontarie, al Corpo Forestale dello Stato e alle Guardie Provinciali, e a tutti gli altri Enti preposti. Una collaborazione diretta è quella poi con il Servizio Tutela Mondo Animale del Comune di Pescara, il Servizio Veterinario dell’A.S.L. per ogni situazione che dovesse rendersi necessaria in tema di vigilanza sull’azione finalizzata alla lotta ai maltrattamenti nei confronti degli animali e interventi in casi specifici tramite la Polizia Municipale. Fra le possibili azioni c’è anche la proposta all’Ente per l’eventuale costituzione di parte civile, nei modi e nelle forme previsti dalla legge, nei giudizi concernenti i reati di uccisione, di maltrattamento e di abbandono di animali, di cui agli artt. 544-bis, 544-ter e 727 del Codice Penale.

Tale figura servirà anche ad avere un monitoraggio costante sulla situazione attraverso una relazione sull’attività svolta e sulle condizioni degli animali nel territorio comunale e tavoli tecnici periodici con enti e associazioni. Insieme le cose da fare sono tante, a cominciare dalla sensibilizzazione dei cittadini ad un corretto rapporto con gli animali, con campagne volte a contrastare il diffuso fenomeno dell'abbandono, per promuovere l’adozione e progetti per migliorare l'esistenza degli abitanti non umani e di prevenzione e lotta ai maltrattamenti. E’ un passo avanti in tal senso che si compie e di cui non possiamo fare altro che essere lieti”.

Leggi Tutto »

#IONONTIABBANDONO si mobilitano Lega del Cane e Strada dei Parchi

Ogni giorno centinaia di cani vengono abbandonati sulle strade italiane e gran parte di loro moriranno sull’asfalto. Per contribuire a fermare questa strage la Lega Nazionale per la Difesa del Cane e Strada dei Parchi Spa lanciano, anche quest’anno, una campagna di sensibilizzazione sui social, in tutti i caselli autostradali e nelle aree di servizio dell’autostrada A24 e A25.

In estate migliaia di cani vengono lasciati su strade a scorrimento veloce e autostrade e l’80% morirà di stenti o maltrattamenti e, molto spesso, a causa di incidenti. Le stime in Italia sono drammatiche: mediamente vengono abbandonati 60.000 cani ogni anno, 164 al giorno, 7 ogni ora.
Anche quest’anno Strada dei Parchi Spa e la Lega Nazionale per la Difesa del Cane si uniscono per sensibilizzare gli automobilisti sul tema dell’abbandono.

Dieci immagini ed un unico hashtag per la campagna 2017 #IONONTIABBANDONO. Dieci immagini e una forte presenza sul web, parte la seconda campagna contro l’abbandono degli animali sule strade che vede insieme Lega nazionale per la difesa del cane e Strada dei parchi, concessionaria di A24 e A25
Ogni settimana, per due mesi, un nuovo amico a quattro zampe sarà protagonista e testimone del messaggio di informazione e sensibilizzazione che verrà diffuso sui canali social e media. Mentre in tutti i caselli verrà riproposta una nuova edizione della fortunata locandina, che lo scorso anno ha trovato consensi unanimi e ha spopolato anche sul web.

“Quest’anno puntiamo a avviare una campagna che per dieci settimane, con immagini di volta in volta diverse ed originali, tenga alto per tutto il periodo estivo e dell’esodo il tema dell’abbandono degli animali sulle grandi arterie stradali e autostradali” fanno osservare i promotori della campagna. “La scelta di dieci testimonial diversi, dal meticcio al cane con pedigree sta lì a ricordare che il fenomeno dell’abbandono degli animali non tiene conto della razza e del valore dell’animale”.

Strada dei Parchi e la Lega Nazionale per la Difesa del Cane ricordano poi che abbandonare un cane o un animale domestico è anche un reato, come espressamente prevede l’art. 727 del Codice Penale, che recita: “Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000euro.”
SdP e la Lega Nazionale per la Difesa del Cane invitano chiunque assista a un episodio di questo genere a sporgere immediatamente denuncia alle forze dell’ordine (Polizia, Carabinieri, Corpo Forestale dello Stato, Polizia Locale) e, se possibile farlo in sicurezza, scattare una foto o registrare un piccolo filmato per acquisire il maggior numero di prove possibile a sostegno della denuncia. In ogni caso, prendere nota del numero di targa e del modello dell’auto, nonché del punto esatto in cui l’animale è stato abbandonato. È importante la collaborazione di tutti per arginare questo fenomeno e assicurare una punizione esemplare a chi commette azioni che, tra l’altro, mettono a rischio non solo la vita degli animali ma anche quella di altre persone che viaggiano sulle strade.

 

 

 

Leggi Tutto »

Pescara. Diodati: Affidata a due cittadine la cura di una colonia felina in via Cesare Battisti

Intervento congiunto con Comune, Polizia Provinciale, ASL, Associazioni e Cittadini.

“A seguito della segnalazione di una cittadina abbiamo provveduto a verificare le condizioni di un terreno di proprietà della Provincia in via Cesare Battisti 196 dove si trovavano molti gatti. A un primo sopralluogo il terreno è risultato incolto, e in condizioni precarie ed è abitato da una colonia numerosa di gatti, anche piccoli". Lo afferama l'assessore comunale a Pescara Giuliano Diodati.
"La Polizia Provinciale ha provveduto alla pulizia dell’area e allo sfalcio dell’erba e il Comandante Honorati, il Maresciallo Verzieri della Polizia Provinciale, Chiara Palanca del Servizio Tutela Mondo Animale del Comune di Pescara, e il dottor Di Zopito del Servizio Veterinario ASL di Pescara, si sono di nuovo recati sul posto con una rappresentante dell’ENPA. La colonia sarà riconosciuta dal Comune e data in gestione a due cittadine, che potranno alimentare i gatti garantendo l’igiene e il decoro ambientale, provvedendo a rimuovere eventuali residui di cibo e a lasciare pulita l’area di alimentazione. La legge nazionale n. 281 del 1991 e la legge Regionale n. 47 del 2013 tutelano infatti i gatti che vivono in libertà e vietano a chiunque il loro maltrattamento. All’interno sono stati trovati anche due gattini molto piccoli, che una volta curati saranno presto reimmessi nella colonia. La ASL si è impegnata a sterilizzare le gatte che verranno catturate dall’associazione, in sinergia con il Comune e con le cittadine incaricate. Questa attività collaborativa è stata molto importante per fare capire che si può voler bene agli animali, tutelando il loro benessere e anche il decoro urbano e favorire così la convivenza uomo-animale. Una segnalazione che è andata a buon fine, attivando tutta la filiera di intervento. Chiunque assista ad episodi di intolleranza o maltrattamento di gatti liberi o di colonia può rivolgersi alla Polizia Municipale o all’Ufficio Tutela Mondo Animale del Comune di Pescara”.

Leggi Tutto »