Birra made in Italy per superare i rincari sulle materie prime

I rincari sulle materie prime e sugli imballaggi fino al 20% stanno mettendo in difficolta’ le produzioni artigianali di bevande, in particolare i birrifici. L’allarme e’ lanciato da Jurij Ferri, mastro birraio, fondatore della Almond ’22 di Loreto Aprutino. “Viviamo ancora una situazione difficile – spiega – non tanto dal punto di vista delle possibili ripercussioni di una crisi internazionale. Di fatto, gli aumenti non sono stati limitati al settore cerealicolo, ma riguardano anche il settore packaging. Questo denota una speculazione dovuta a un sistema economico messo a dura prova da due anni di restrizioni per contenere il covid-19”.

“Sono stati due anni difficili – aggiunge Ferri – in cui e’ calato il consumo, anche per effetto di una comunicazione che non ha certo invogliato la gente a uscire e consumare. Gestori e ristoratori hanno cercato di aumentare le vendite cercando di tirare sui prezzi, cosa peraltro tutt’altro che facile visto che si fa conti con alti costi di produzione, accise sull’alcol e altre imposte che di solito sulla birra restano elevate”. Una situazione aggravata anche nelle dinamiche di vendita e distribuzione.

Dal punto di vista delle materie prime, il mastro birraio non fa una scelta esclusiva di prodotti italiani. “Puntare sul 100% ‘made in Italy’ – sottolinea – e’ estremamente impegnativo dal punto di vista degli investimenti e non rappresenta necessariamente una garanzia di qualita’. Volevamo lanciare comunque una linea ‘italiana’, dal miele al luppolo, ma le difficolta’ di questi mesi hanno ritardato questo progetto.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Legambiente: I grandi impianti a fonti rinnovabili vanno fatti subito

In Italia strada tutta in salita per i grandi impianti a fonti rinnovabili “schiacciati” da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *