Inflazione, rincari per 1.788 euro annui a famiglia secondo Federconsumatori

L’inflazione a luglio secondo l’Istat il tasso si attesta al 6%. Rallenta, in maniera quasi impercettibile, anche il carrello della spesa, il cui tasso si ferma al 10,4%. Non bisogna cedere a facili ottimismi: l’inflazione al 6% comporta ancora ricadute allarmanti sulle tasche delle famiglie, sempre più provate, in questa fase, anche dai rincari sul fronte dei carburanti e delle rate di mutui e prestiti. Con l’inflazione a questi livelli, secondo le stime dell’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, gli aggravi sono pari a 1.788 euro annui a famiglia, ma l’impatto per le famiglie meno abbienti è più forte, in molti casi insostenibile. Secondo uno studio aggiornato dell’O.N.F., inoltre, emerge che nemmeno l’aumento è uniforme: su un paniere di 30 prodotti fondamentali, a fronte di un tasso di inflazione, oggi, del 6%, i prezzi dei prodotti essenziali aumentano mediamente di oltre il doppio, cioè del 13,8% (prendendo a riferimento i prezzi applicati a luglio 2022 e quelli di luglio 2023).

“Questo non fa altro che confermare e aggravare disparità e rinunce, come fotografa oggi anche la ricerca Ipsos per Legacoop, che illustra come 6 italiani su 10, per far fronte a questa situazione, stia operando tagli sui consumi di beni ed energia – si legge in una nota di Federconsumatori – Un’analisi che conferma il quadro di rinunce e sacrifici che denunciamo da tempo: secondo i dati del nostro Osservatorio, infatti, le famiglie continuano a ridurre i consumi di carne e pesce (-16,9%, con uno spostamento anche verso il consumo di tagli e qualità meno costosi e meno pregiati); ricercano sempre più assiduamente offerte, sconti, acquisti di prodotti prossimi alla scadenza (abitudine adottata dal 49% dei cittadini); effettuano acquisti sempre più presso i discount (+11,9%). In molti, inoltre, rinunceranno alle vacanze estive, oppure ne ridurranno la durata. Di fronte a questa situazione l’ipotesi del paniere a prodotti calmierati (da noi sostenuta e proposta) rappresenta sicuramente un passo avanti, che va rafforzato con l’avvio di monitoraggi capillari dei prezzi (per snidare e contrastare attivamente i fenomeni speculativi ancora in atto) e che, dopo una prima sperimentazione, andrà migliorato e non potrà limitarsi ad un trimestre. Ulteriori misure andrebbero poi adottate per un incremento del potere di acquisto delle famiglie, attraverso una detassazione dei salari e rendendo strutturale il taglio del cuneo fiscale”.

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Art, Bike & Run: aperte le iscrizioni per Sunset Run e Bike For Fun

Entra nel vivo l’edizione 2024 di Art, Bike & Run + Wine, la manifestazione in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *