Dl Rilancio, le critiche di tre sindaci abruzzesi

Tre sindaci abruzzesi, un coro: il decreto rilancio “dimentica i Comuni” e il rischio e’ quello di non poter piu’ erogare servizi. Quello che serve e’ “un’iniezione di liquidita’”. Sono posizioni simili quelle dei sindaci di Pscara, Silvi e Fossacesia rispettivamente Carlo Masci, Andrea Scordella e Enrico Di Giuseppantonio. La posizione piu’ dura e’ certamente quella di Di Giuseppantonio: “Si continuano a penalizzare i Comuni che erogano tantissimi servizi che per realta’ costiere come la nostra, con la stagione alle porte, inevitabilmente aumentano. Rischiamo di chiudere i battenti e ne’ le Regioni ne’ i Governi si interessano alle nostre problematiche. Riducendo la disponibilita’ di risorse- aggiunge- tutti i servizi, a cominciare dall’igiene urbana per arrivare al sociale, quello forse piu’ importante, diventa complesso garantirli e si finisce per far ricadere il problema direttamente sui cittadini. L’unica soluzione e’ che arrivino nuove risorse. Sono consapevole del fatto- conclude- che i sindaci italiani sono stimati dalla popolazione, ma per il resto sono contestati. C’e’ quasi un distaccamento tra chi fa politica in altri e alti livelli istituzionali e le nostre realta’”. Sebbene si riservi di approfondire il Dl Rilancio, il sindaco di Pscara, Carlo Masci, ad una prima visione si dice certo di una cosa: “Non e’ stato fatto quello che si poteva e si doveva fare per consentire ai Comuni di rispondere alle esigenze attuali dei cittadini che si sono amplificate a dismisura in questi due mesi di emergenza. Le persone si trovano a vivere situazioni difficili ed e’ a noi che si rivolgono. Serve una fortissima iniezione di liquidita’ che pero’ non c’e’ stata. I provvedimenti fin qui emanati- sottolinea- sono ‘pannicelli caldi’”

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Parco regionale Sirente Velino, le attività di rilancio

“Un salto di qualità importante che pone il Parco in una dinamica completamente diversa dove …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *