Inflazione al 10,1 per cento su base annua

Secondo le stime preliminari, nel mese di gennaio 2023 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettivita’ (Nic), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,2 per cento su base mensile e del 10,1 per cento su base annua, da +11,6 per cento nel mese precedente. Lo rende noto l’Istat. “Le stime preliminari – spiega l’Istat – evidenziano la netta attenuazione dell’Inflazione, che a gennaio si attesta al +10,1 per cento (livello che non si registrava da settembre 1984, quando il Nic fece segnare la medesima variazione tendenziale). Il rallentamento e’ spiegato in primo luogo dall’inversione di tendenza dei Beni energetici regolamentati (-10,9 per cento su base annua). Rimangono tuttavia diffuse le tensioni sui prezzi al consumo di diverse categorie di prodotti, quali gli alimentari lavorati, gli altri beni (durevoli e non durevoli) e i servizi dell’abitazione, che contribuiscono alla lieve accelerazione della componente di fondo. Si accentua inoltre a gennaio, la dinamica tendenziale dei prezzi dei carburanti”.

La flessione del tasso di Inflazione si deve, principalmente, al forte rallentamento su base tendenziale dei prezzi dei Beni energetici regolamentati (da +70,2 per cento a -10,9 per cento) e, in misura minore, di quelli degli Energetici non regolamentati (da +63,3 per cento a +59,6 per cento), degli Alimentari non lavorati (da +9,5 per cento a +8,0 per cento) e dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (da +6,2 per cento a +5,5 per cento); gli effetti di tali andamenti sono stati solo in parte controbilanciati dall’accelerazione dei prezzi dei Beni alimentari lavorati (da +14,9 per cento a +15,2 per cento), dei Beni non durevoli (da +6,1 per cento a +6,8 per cento) e dei Servizi relativi all’abitazione (da +2,1 per cento a +3,2 per cento). L'”Inflazione di fondo”, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, sale a gennaio da +5,8 per cento del mese precedente a +6,0 per cento, mentre quella al netto dei soli beni energetici rimane stabile a +6,2 per cento. Su base annua, i prezzi dei beni evidenziano un profilo in rallentamento (da +17,1 per cento a +14,2 per cento), mentre quello relativo ai servizi evidenzia un lieve incremento (da +4,1 per cento a +4,2 per cento); si ridimensiona, quindi il differenziale inflazionistico negativo tra questi ultimi e i prezzi dei beni (da -13,0 di dicembre a -10,0 punti percentuali).

Di Redazione Notizie D'Abruzzo

Controllate anche

Caldo, oltre 41 gradi in Abruzzo

Temperature altissime in Abruzzo, sia sulla costa sia nelle zone interne. Secondo le rilevazioni dell’associazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *