Primo Piano

Elezioni regionali, D’Eramo stoppa gli esuli del centrosinistra

"Chi vuole entrare nel centrodestra non deve aver governato con il centrosinistra di D'Alfonso, per noi sarebbe un grosso problema, non siamo al mercato". Così il deputato aquilano della Lega Luigi D'Eramo, nel corso della presentazione, all'Aquila, della lista dei candidati della provincia dell'Aquila alle elezioni regionali del 10 febbraio 2019 in Abruzzo. "Il centrodestra ha ritrovato la compattezza e ha principi, trovo fastidioso che esponenti politici si presentino dicendo 'io ho un pacchetto di voti', noi vogliamo voti liberi, non questi". In riferimento all'impasse del centrodestra ancora alle prese con la scelta del candidato alla presidenza per la coalizione, D'Eramo ha spiegato che "la Lega rispetta la decisione del tavolo nazionale che ha assegnato il compito a Fratelli d'Italia, partito che spesso è stato determinante nelle elezioni"

Leggi Tutto »

Istat, export extra Ue +5,3% a ottobre

A ottobre l'Istat stima, per i flussi commerciali da e verso i paesi extra Ue, un rilevante aumento congiunturale per le esportazioni (+5,3%), che segue la flessione di settembre (-2,8%), e un lieve calo per le importazioni (-0,1%). L'incremento congiunturale delle esportazioni è esteso a quasi tutti i raggruppamenti principali di industrie, con l'eccezione dei beni di consumo durevoli (-1,4%). I beni di consumo non durevoli (+13,5%) e l'energia (+6,8%) registrano un aumento molto marcato. Dal lato dell'import, la flessione è intensa per i beni strumentali (-4,3%) e i beni di consumo durevoli (-4,1%). Gli acquisti di beni intermedi (+2,2%) sono invece in aumento. Nell'ultimo trimestre, la dinamica congiunturale dell'export verso i paesi extra Ue risulta positiva (+1,0%), ma questo effetto è quasi esclusivamente spiegato dal marcato aumento dell'energia (+23,9%). Nello stesso periodo, le importazioni sono in forte crescita congiunturale (+5,4%), determinata soprattutto dai beni di consumo durevoli (+7,8%), dall'energia (+6,8%) e dai beni strumentali (+5,7%). A ottobre, le esportazioni sono in forte aumento anche su base annua (+11,6% che si riduce a +7,6% eliminando l'effetto prodotto dal diverso numero di giorni lavorativi). L'aumento è rilevante per i beni di consumo non durevoli (+23,8%) e i beni intermedi (+13,5%). Le importazioni registrano un forte aumento tendenziale (+24,9% che si riduce a +20,3% dopo la correzione per i giorni di calendario), determinato principalmente dall'energia (+42,2%), dai beni di consumo durevoli (+35,5%) e dai beni intermedi (+24,4%). Il surplus commerciale a ottobre è stimato pari a +3.045 milioni, in diminuzione rispetto a +4.279 milioni di ottobre 2017. Da inizio anno diminuisce l'avanzo nell'interscambio di prodotti non energetici (da +54.818 milioni per il 2017 a +54.622 milioni per il 2018). L'export tendenziale verso gli Stati Uniti (+22,3%), India (+17,5%), Svizzera (+16,3%) e Giappone (+15,0%) è in forte aumento. In flessione le vendite di beni verso la Turchia (-23,7%) e i paesi Mercosur (-14,8%). Gli acquisti da paesi Asean (+44,6%), Medio Oriente (+41,4%), paesi OPEC (+33,9%), Turchia (+27,6%) e Cina (+25,5%) registrano incrementi tendenziali molto più ampi della media delle importazion

Leggi Tutto »

Mise, da febbraio 10 milioni di agevolazioni per le imprese dell’Aquila

Potranno essere presentate dal 5 febbraio le domande di agevolazione relative alle iniziative localizzate nei Comuni del Cratere sismico aquilano. Per l'intervento - informa il ministero dello Sviluppo economico - sono disponibili 10 milioni di euro, assegnati dal Cipe nell'ambito del Programma di sviluppo 'Restart' dedicato al territorio colpito dagli eventi sismici nella zona dell'Aquila. La misura si rivolge alle micro, piccole e medie imprese. I programmi di investimento agevolabili devono riguardare la creazione di nuove attivita' o l'ampliamento/riqualificazione di quelle esistenti e avere per oggetto la valorizzazione turistica del patrimonio naturale, storico e culturale, la creazione di micro-sistemi turistici integrati con accoglienza diffusa o la commercializzazione dell'offerta turistica attraverso progetti e servizi innovativi. Le agevolazioni consistono in contributi a fondo perduto, nei limiti degli aiuti "de minimis", pari al 70% delle spese ammissibili

Leggi Tutto »

Sondaggio Emg: per 35% degli italiani la priorità è abbassare debito pubblico

Secondo un sondaggio EMG Acqua presentato oggi ad Agorà, condotto da Serena Bortone su Raitre, alla domanda “secondo lei quale dovrebbe essere la priorità del governo?”, il 35% degli italiani ha fornito come risposta il debito pubblico. Per il 20% invece gli interventi urgenti sono quota 100 e il superamento della Legge Fornero. Il reddito di cittadinanza viene data come risposta dal 16%, Flat Tax dal 12%, pensione di cittadinanza dal 10%, pace fiscale dal 3%

Leggi Tutto »

Elezioni regionali, Pagano: Nessuno stop ai forzisti

"Nessuno stop ai forzisti. Nel corso della cena di ieri sera svoltasi a Palazzo Grazioli con Berlusconi e' stata espressa da tutti i rappresentanti regionali del partito che erano con me - e cioe' consiglieri regionali, parlamentari e sindaci - l'insoddisfazione per non aver avuto fin qui la possibilita' di esprimere il candidato presidente". Lo ha dichiarato il coordinatore regionale dell'Abruzzo di Forza Italia, Nazario Pagano, intervistato dall'agenzia Dire. Ad oggi la terna dei nomi dei possibili candidati alla corsa alla Regione, con le elezioni fissate al 10 febbraio, resta quella di Fratelli d'Italia e cioe' il dirigente nazionale Giandonato Morra, il senatore Marco Marsilio e il giovane cardiochirurgo Massimiliano Foschi, esponente della societa' civile. Pagano esprime perplessità su questa rosa che non sarebbe adatta perché "insufficiente per una rappresentanza territoriale. Come abbiamo sottolineato piu' volte quando fu fatto l'accordo sul futuro candidato presidente, si disse che era necessario trovare una condivisione sul nome che ad oggi non c'e'. Non e' vero che la questione finisce qui. Berlusconi ha preso atto e si e' reso conto ancor meglio di prima della situazione. Ha preso nota di tutto e ha chiesto qualche giorno per fare le sue valutazioni". 

Per questo motivi Pagano tornera' a Roma la prossima settimana per un nuovo incontro con Silvio Berlusconi "per un focus sull'Abruzzo. Ci siamo sentiti e ha preso il suo tempo di valutazione per cercare una soluzione alla questione della candidatura alla Regione", ribadisce in riferimento alla cena di ieri svoltasi a Palazzo Grazioli. Cena in cui, precisa, si e' si' parlato dell'insoddisfazione per la terna di Fratelli d'Italia, ma soprattutto- aggiunge- si e' discusso del valore di Forza Italia sul territorio e, in modo compatto, abbiamo fatto presente come un nostro candidato risponderebbe meglio alle esigenze del territorio. Nomi non ne sono stati fatti- sottolinea- ma chiediamo la rinegoziazione per portare uno dei nostri alla corsa all'Emiciclo. Il partito e' compatto"

Leggi Tutto »

‘Forza Italia in Abruzzo è l’unica in grado di identificare e indicare un candidato autorevole e conosciuto’

Il summit a Roma di Forza Italia con Silvio Berlusconi sulle elezioni in Abruzzo è stato una riprova della coesione del partito in tutte le sue componenti e della condivisione delle linee guida per la conquista della Regione. "Al di là di ricostruzioni giornalistiche parziali e avventuristiche, è emersa invece la compattezza negli obiettivi e la condivisione del percorso per raggiungerli. Con convinzione e ricchezza di argomentazioni è stato ribadito al leader Berlusconi che Forza Italia in Abruzzo è l'unica espressione politica in grado di identificare e indicare un candidato autorevole e conosciuto, in grado di vincere la competizione elettorale e riportare il centrodestra alla guida. Gli azzurri sono peraltro gli unici della coalizione ad avere esperienza amministrativa in Consiglio regionale", si legge in una nota del coordinatore regionale, Nazario Pagano.

"Parlamentari, consiglieri regionali e sindaci hanno confermato a Berlusconi che Forza Italia, tra tutte le anime del centrodestra, è la sola ad avere una classe dirigente formata, attrezzata, competente ed esperta, e che quindi è l'unica a possedere tutti i requisiti per dare un valore aggiunto alla coalizione indicando un candidato forte sul quale far convergere il supporto. Il quadro delineato fa leva sulla necessità di massimizzare le possibilità di vincere le elezioni e assicurare un buon governo all'Abruzzo. L'insoddisfazione degli esponenti di Forza Italia è legata infatti alla scarsa rappresentatività sul territorio degli esponenti della terna fornita da Fratelli D'Italia, non certamente alle qualità personali dei tre candidati espressi. Di qui la richiesta corale a Berlusconi di un passo fattivo per rivedere l'impegno assunto su scala nazionale, proprio per le peculiarità dell'Abruzzo. Alla luce delle risultanze Berlusconi ha chiesto una settimana di tempo per studiare i punti programmatici e i candidati di sintesi, per giungere a quella vasta condivisione che è alla base del preesistente accordo del centrodestra".

Leggi Tutto »

L’economia dell’Abruzzo nei dati Cresa

In Abruzzo nel 2017 l'attività economica è cresciuta in misura moderata; l'incremento del Pil è stato di circa l'1%, più contenuto rispetto al dato medio nazionale. L'attività produttiva è cresciuta nell'industria e nei servizi, mentre ha ristagnato nelle costruzioni. In generale il sistema imprenditoriale abruzzese continua a mostrare segnali di difficoltà proseguendo nella flessione, sebbene rallentata, delle imprese attive (-0,2%) e delle iscrizioni (-2,2%). A questo rallentamento si accompagna il calo delle cancellazioni (-4,2%), elementi che fanno ipotizzare il futuro miglioramento della dinamica imprenditoriale. Questa la fotografia scattata dal Cresa nella 9/a edizione del rapporto 'Economia e Società in Abruzzo', presentato oggi, che si configura come la versione rinnovata dell'originario 'Rapporto sull'economia abruzzese'. Nel dossier anche i dati sulla composizione della popolazione regionale e un focus sui giovani. In particolare gli stranieri rappresentano il 6,6% del totale dei residenti (8,6% in Italia) mentre aumenta l'aggravio del carico sociale ed economico riconducibile all'aumento della popolazione anziana. La popolazione giovane, in Abruzzo come in Italia, è infatti molto diminuita a causa della flessione della natalità e della contemporanea crescente longevità. Nonostante poi il buon livello di istruzione, i giovani abruzzesi rispetto al resto d'Italia, "incontrano evidenti difficoltà nell'inserimento nel mondo del lavoro". Di rilievo anche i dati su chi decide di lasciare l'Abruzzo. La società regionale risulta composta al 31 dicembre 2017 da 1.315.196 residenti, 7.051 in meno rispetto all'anno precedente cui corrisponde un decremento percentuale rispetto al 2016 del 5,3? quale risultato di una dinamica naturale e migratoria negativa (rispettivamente -4,5? e -0,8?). Inoltre, secondo i dati contenuti nel rapporto Cresa, nel 2017 è proseguita la graduale ripresa dei livelli occupazionali, sospinta dall'espansione registrata nell'industria e nei servizi; il numero di addetti si è invece ridotto nell'edilizia e nell'agricoltura. Il tasso di disoccupazione è sceso, attestandosi ad un livello di poco superiore a quello medio nazionale. La quasi totalità dei settori di attività economica registra una diminuzione delle imprese, ad eccezione soprattutto dei servizi non commerciali, in particolare quelli turistici. Perdura il consolidamento del sistema imprenditoriale attraverso la diminuzione delle imprese con forma giuridica semplice e il rafforzamento di quelle più strutturate e maggiormente concorrenziali sui mercati internazionali. I dati Istat relativi al 2017 riguardanti le esportazioni confermano che la regione sta attraversando una fase particolarmente positiva. Nel corso dell'anno il commercio estero dell'Abruzzo ha visto attestarsi intorno ai 9 miliardi di euro il valore delle esportazioni, con un incremento del 10,2% rispetto all'anno precedente (Italia: +7,4%) che posiziona l'Abruzzo al settimo posto delle regioni più virtuose dopo Sicilia, Sardegna, Valle d'Aosta, Lazio, Calabria e Friuli-Venezia Giulia. Nonostante tale buona performance, l'apporto delle vendite estere regionali sul totale nazionale resta stabile rispetto all'anno precedente e si conferma al 2%

Leggi Tutto »

Lavoro, dodici milioni di euro per supportare le assunzioni

La Regione mette a disposizione un plafond complessivo di 11 milioni 970mila euro, a valere sulle risorse del Fondo Sociale Europeo, per nuove assunzioni di lavoratori a tempo indeterminato o per la trasformazione in contratti stabili di assunzioni a termine.

I contenuti di Garanzia Lavoro, che si articola in due distinti avvisi, sono stati illustrati questa mattina a Pescara dal presidente vicario della Regione, Giovanni Lolli, e dal direttore del Dipartimento sviluppo economico, Piergiorgio Tittarelli.

Il primo avviso riguarda il regime "de minimis" e ha una dotazione di 6 milioni 970mila euro, dei quali 2 milioni e 470mila euro riservati alle imprese che hanno sede operativa nell'area di crisi complessa Vibrata-Tronto Piceno. E' previsto un contributo di 8mila euro per ogni assunzione di uomini di età compresa tra 18 e 49 anni, che sale a 10mila euro per le donne e gli over 50. Il secondo avviso, invece, è per il regime "in esenzione": la dotazione è di 5 milioni, dei quali 2 milioni e 30mila per le aziende dell'area di crisi complessa. I contributi sono gli stessi del de minimis.

Le istanze di finanziamento potranno essere presentate sulla piattaforma telematica della Regione a partire dal prossimo 10 dicembre e fino al primo aprile 2019. Sono previste procedure semplificate per la concessione dei fondi e anche la possibilità, previa sottoscrizione di polizza fideiussoria, dell'anticipazione del contributo.

"Abbiamo scelto - ha sottolineato Lolli - di mettere tutte le risorse a nostra disposizione su iniziative che puntino al lavoro stabile, senza il quale diventa impossibile costruire il proprio progetto di vita. Già con Garanzia Over, che aveva un budget inferiore e scontava procedure più complesse, siamo riusciti a creare circa 1500 nuovi posti di lavoro stabili. Con questa misura, quindi, crediamo sia possibile centrare l'obiettivo di 2mila nuovi occupati".

Leggi Tutto »

Sondaggio Bce sulle imprese, la digitalizzazione fa vendere di più

La maggioranza degli imprenditori ritiene che la digitalizzazione abbia un impatto positivo sulle vendite della propria attivita'. E' quanto emerge da un'indagine condotta dalla Bce tra le imprese leader dell'area dell'euro sull'impatto della digitalizzazione sull'economia. Piu' della meta' delle imprese intervistate si aspetta che l'adozione di tecnologie digitali produca un "lieve aumento" delle vendite nei prossimi tre anni, mentre circa un terzo si aspetta un "aumento significativo". L'alto grado di adozione di tecnologie digitali e' considerato il fattore fondamentale per la conquista di quote di mercato. L'obiettivo principale dell'indagine della Banca centrale europea e' osservare il modo in cui, nella percezione delle imprese, la trasformazione digitale sta influenzando gli aggregati macroeconomici.

Sono state ricevute risposte da 74 imprese non finanziarie, divise equamente fra produttori di beni e fornitori di servizi. Si tratta di aziende molto grandi, che rappresentano circa il 3,7 per cento della produzione e l'1,7 per cento dell'occupazione totali dell'area dell'euro. Il canale principale attraverso cui la digitalizzazione sostiene la crescita delle vendite risulta essere il migliore accesso ai clienti. In particolare, gli intervistati sottolineano il ruolo svolto dalle tecnologie digitali nel fornire accesso ai dati della clientela, elemento che aiuta le imprese a comprenderne i bisogni e a offrire servizi nuovi o migliori e soluzioni su misura con livelli di qualita' piu' elevati. Cio', a sua volta, sostiene i miglioramenti della qualita' dei prodotti esistenti, che va ad aggiungersi ai miglioramenti strettamente derivanti dalla tecnologia. Le imprese riconoscono che la digitalizzazione accresce la flessibilita' di cui dispongono nella scelta dei prezzi. Circa la meta' dei partecipanti al sondaggio afferma che l'adozione di tecnologie digitali ha aumentato la capacita' della loro impresa di adattare i propri prezzi in rapporto a quelli dei concorrenti, nel corso del tempo e su vari mercati. Cosi' come si puo' "sfruttare meglio i picchi di domanda" e dunque "catturare il valore" di beni e servizi forniti alla clientela. Al tempo stesso, la digitalizzazione rende possibile "gestire e ottimizzare molto meglio le forniture" e "liberarsi di sprechi e frizioni lungo la catena del valore"

Leggi Tutto »

Manovra, Sindacati compatti: assenti i riferimenti all’innovazione nella Pubblica Amministrazione

Assemblea provinciale di Cgil, Cisl e Uil Abruzzo focalizzata sulla prossima manovra economica. L'incontro si è svolto nell’auditorium della Camera sindacale della Uil a L’Aquila. Ai lavori ha partecipato anche Antonio Foccillo, segretario nazionale Uil, in rappresentanza di Cgil, Cisl e Uil nazionali, che ha illustrato i contenuti della piattaforma unitaria “Le priorità di Cgi, Cisl, Uil per la legge di bilancio 2019”. Presenti anche Michele Lombardo, segretario regionale Uil Abruzzo, in rappresentanza di Cgil, Cisl e Uil Abruzzo, il segretario provinciale di Cgil L’Aquila, Francesco Martelli, e quello provinciale Cisl, Paolo Sangermano.

Nel dettaglio, i sindacati hanno ribadito che "nella manovra sono del tutto assenti i riferimenti all’innovazione nella Pubblica Amministrazione e al rinnovo di contratti in essere e di quelli futuri. Sulla previdenza è positiva l'apertura di una base di confronto su “quota 100”, ma manca qualunque riferimento alla pensione di garanzia per i giovani, agli interventi a favore delle donne, ai lavoratori precoci e lavori gravosi e la separazione tra previdenza e assistenza. Sul versante fiscale i provvedimenti annunciati sono iniqui e sbagliati in quanto si sceglie di introdurre un nuovo condono premiando gli evasori e non si riduce il cuneo fiscale per i lavoratori e per i pensionati, non si prevedono né una maggiore progressività delle imposte e interventi sui patrimoni dei più ricchi e non si programma un deciso contrasto all'evasion"e.

In definitiva, Cgil, Cisl e Uil continuano ad affermare con forza la necessità che lo sviluppo del Paese "sia supportato da politiche espansive e sostengono, in coerenza con le linee espresse dalla Confederazione Europea dei Sindacati, che sia necessario il superamento delle politiche di austerity che, in Italia come in Europa, hanno determinato profonde disuguaglianze, aumento della povertà, crescita della disoccupazione in particolare giovanile e femminile".

Leggi Tutto »