Cronaca

Donato alla Asl di Pescara un impianto per la radioterapia interna

C'era anche la banda dei vigili del fuoco di Ottawa questa mattina a Pescara, alla cerimonia istituzionale che si è svolta nella sala Corradino D'Ascanio del Consiglio regionale per la consegna di un impianto di brachiterapia per la cura del tumore. La macchina è stata donata alla Asl di Pescara dal Shosj Cavalieri di Malta e dalla Comunità Italo-canadese. L'iniziativa è stata promossa dall'assessore all'Emigrazione della Regione Abruzzo, Donato Di Matteo. La brachiterapia consente il trattamento del tumore direttamente dall'interno, attraverso una tecnica innovativa, e poco invasiva, che evita di esporre alle radiazione gli altri tessuti e organi, riducendo gli effetti collaterali. Secondo i dati scientifici, inoltre, la brachiterapia ha gli stessi risultati, in termini di guarigione, di un intervento chirurgico e della radioterapia esterna. "Sono venti anni che mi occupo di immigrazione e le comunità di abruzzesi che vivono all'estero hanno sempre dimostrato sensibilità, profonda amicizia e solidarietà verso la terra di origine - ha detto l'assessore Donato Di Matteo -. E con il gesto promosso dall'abruzzese Mario Cortellucci, imprenditore che vive e opera in Canada, egli ha dimostrato di essere prima di tutto un grande uomo".

Alla cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, il direttore Generale ASL di Pescara, Armando Mancini, il Gran Priore di Canada SHOSJ Cavalieri di Malta, Mario Cortellucci, il direttore di O.S.J. Charities Trust Fund, Antonio Nalli, e il presidente della Federazione Nazionale degli Italiani in Canada, Luciano Bentenuto. "La Asl di Pescara aveva in programma di acquistare questo impianto per la lotta ai tumori - ha detto il Direttore generale Armando Mancini -. Ora, con i risparmi, andremo a potenziare le attrezzature diagnostiche della Asl e dei nostri distretti"

Leggi Tutto »

Ancora attivo il rogo sul Monte Siella, in azione i mezzi aerei

Proseguono le operazioni di spegnimento dell'incendio che sta interessando il Monte Siella. Le fiamme riguardano il versante pescarese e quello teramano del Gran Sasso, nei territori comunali di Farindola e Arsita, sopra Rigopiano. In azione mezzi aerei - Canadair ed elicottero - che da questa mattina hanno ripreso ad effettuare lanci. Ieri sera, a poche centinaia di metri dai resti dell'hotel Rigopiano e' stata predisposta una vasca portatile per consentire all'elicottero di rifornirsi direttamente sul posto. Sul posto stanno operando, oltre ai vigili del fuoco, Protezione civile, carabinieri forestali e volontari. La zona interessata dalle fiamme e' piuttosto impervia e dunque e' praticamente impossibile intervenire via terra. Il rogo era divampato sabato, a causa di un barbecue, nella piana di Campo Imperatore, bruciando prima le praterie e poi la vicina pineta. L'incendio, dopo aver superato la montagna circostante, si era spostato dal versante aquilano a quello pescarese. Sulla vicenda la Procura dell'Aquila ha aperto un'inchiesta.

Leggi Tutto »

Incidente stradale, si ribalta ambulanza ad Avezzano

Un incidente tra un'autoambulanza ed una macchina e' accaduto, stamane, ad Avezzano all'incrocio tra via Paganini e via Sant'Andrea, nella zona sud della citta'. L'ambulanza, con a bordo quattro operatori del 118, che non hanno riportato gravi conseguenze, si e' ribaltata finendo la sua corsa contro un marciapiede. Sul posto per gli accertamenti e' intervenuta la polizia municipale di Avezzano.

Leggi Tutto »

Investito da un camion sull’autostrada A24, muore operaio

Un 31enne originario di Citta' Sant'Angelo e residente ad Elice, Cristian Ruggieri, dipendente di una ditta che opera nel settore della segnaletica stradale, e' morto dopo essere stato investito da un camion mentre stava lavorando sull'autostrada A24. L'incidente e' avvenuto nel tratto compreso tra i caselli di Castel Madama e Tivoli, in direzione Roma. Il tratto in questione e' rimasto chiuso per un paio d'ore. Secondo la ricostruzione, il giovane si stava spostando da un cantiere ad un altro a bordo di un furgone, quando, accostato il mezzo sulla corsia di emergenza, e' sceso ed e' stato travolto da un camion. Inutili i tentativi di soccorrerlo da parte del 118, intervenuto anche con l'eliambulanza. Nello stesso tratto, la scorsa notte, in un tamponamento tra un camion e un'automobile, hanno perso la vita altre due persone: si tratta di una coppia di attivisti di Avezzano, molto noti nella Marsica.

Leggi Tutto »

Incendio sul Monte Siella, Mazzocca: situazione difficile

"Persiste una situazione difficile" sul monte Siella, versante pescarese e teramano del Gran Sasso, nei territori comunali di Farindola e Arsita, interessato da un incendio che va avanti da giorni. Lo afferma il sottosegretario alla presidenza di Regione con delega alla Protezione Civile, Mario Mazzocca, in un report sugli incendi che negli ultimi giorni stanno devastando l'Abruzzo. Oltre ai mezzi aerei - Canadair ed elicottero - che per tutto il giorno hanno effettuato lanci, nell'area sono in azione una quarantina di uomini, tra Vigili del Fuoco, Carabinieri Forestali, Protezione Civile e volontari. In base all'evolversi della situazione, domani potrebbero esserne inviati degli altri. Mazzocca fa sapere inoltre che il Comune di Farindola ha inviato alla Protezione civile regionale una nota per richiedere la possibilita? di avvalersi del personale del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico (Cnsas) al fine di creare una linea tagliafuoco al di sopra del cono della valanga che lo scorso 18 gennaio ha travolto e distrutto l'hotel Rigopiano, provocando la morte di 29 persone. Nel canale della valanga, infatti, c'e' abbondante presenza di detriti e legna secca, materiale che potrebbe prendere fuoco rapidamente.

Leggi Tutto »

Perseguita l’ex compagno, arrestato marocchino per stalking

Ritenuto responsabile di atti persecutori nei confronti dell'ex partner, con cui conviveva, un marocchino di 33 anni e' stato arrestato dai Carabinieri, a Montesilvano, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il 33enne, gia' dallo scorso aprile, era destinatario di un provvedimento di divieto di avvicinamento. Tale misura, pero', non sarebbe stata sufficiente ad impedirgli di continuare a perseguitare l'ex compagno, un sudamericano, vittima di continui atteggiamenti ossessivi. Il sudamericano in piu' occasioni si e' rivolto ai Carabinieri e i militari dell'Arma della Compagnia di Montesilvano, agli ordini del capitano Vincenzo Falce, hanno ricostruito l'accaduto ed accertato i fatti.

Leggi Tutto »

D’Alfonso (Dmc Gran Sasso): governance del Parco distante dai problemi del territorio

Alfonso D'Alfonso, imprenditore agrituristico e presidente della Dmc Gran Sasso, L'Aquila e Terre Vestine, interviene sull'emergenza incendi in Abruzzo che negli ultimi giorni ha riguardato anche il Gran Sasso. D'Alfonso lancia anche accuse al Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga: "Non e' piu' giustificabile avere risposte tipo quelle date dal Parco che si limita ad emanare divieti ed affiggere cartelli", spiega. "Ormai e' passato il periodo entusiasmante dei grandi pionieri tipo Giuseppe Rossi e Dario Febo. L'attuale governance del Parco e' distante dai problemi del territorio ed insensibile alle tante difficolta' degli operatori locali che pagano un prezzo non piu' sostenibile alla conservazione della biodiversita'. Mentre si prescrive la rimozione delle zolle d'erba manualmente per la realizzazione della nuova funivia (sic!), ci si dimentica di eventi come il motoraduno del 15 luglio rimasto sconosciuto all'ente nonostante le ripetute edizioni". "Fermo restando che la Rassegna degli Ovini, ormai patrimonio della nostra cultura territoriale, dovrebbe avere un restyling e diventare anche occasione di sviluppo turistico - aggiunge - vanno comunque ed in ogni caso vietate tutte quelle attivita' che poco o nulla hanno a che vedere con il nostro territorio, richiamando masse informi e irrispettose che deturpano sistematicamente ed inesorabilmente un ambiente che andrebbe fruito nel massimo rispetto della sacralita' dovuta ai nostri monti".

Leggi Tutto »

Aggressione neofascista a Pescara, 2 misure cautelari

La Digos di Pescara, coordinata dal Leila Di Giulio, in relazione all'aggressione perpetrata ai danni di due ragazzi dinanzi al circolo Scumm di Via delle Caserme, nel centro storico di Pescara, compiuta da due giovani appartenenti all'area di estrema destra lo scorso 21 maggio, ha dato esecuzione all'ordinanza della Misura Cautelare dell'obbligo di dimora nei comuni di residenza e del divieto di allontanarsi dalle rispettive abitazioni dalle ore 20.30 alle 8 del mattino seguente, emessa dal Gip del Tribunale di Pescara, Gianluca Sarandrea nei confronti dei due presunti autori dell'aggressione a sfondo neofascista, L.D.F. di anni 25 di Pescara e V.P.P. di anni 24 di Silvi, che sono stati entrambi indagati.

Leggi Tutto »

Incendio boschivo a Collelongo

Incendio boschivo a Collelongo. Le operazioni di spegnimento sono coordinate dai Vigili del Fuoco di Avezzano che sono intervenuti sul posto con tutti i mezzi a disposizione e tre Canadair. Sul luogo dell'incendio sono presenti anche molti volontari. E' sconosciuta ancora la causa del rogo.

Leggi Tutto »

Impianti pubblicitari, controlli a tappeto della Polizia Locale a Montesilvano

Riorganizzare il sistema degli impianti pubblicitari. Con questo obiettivo la Polizia Locale di Montesilvano, in collaborazione con l’Ufficio Autorizzazioni Insegne e Impianti Pubblicitari, ha avviato da alcuni mesi un’attività di controllo e regolamentazione del settore.

«Nei mesi scorsi -  dichiara l’assessore alla Polizia Locale, Valter Cozzi  -  abbiamo condotto un’attività di controllo e di verifica su tutto il territorio inerente le autorizzazioni relative agli impianti pubblicitari. Individuati diversi casi di irregolarità, l’Ufficio Impianti Pubblicitari ha inviato 21 lettere di diffida, richiedendo la rimozione degli impianti collocati sul territorio, ma effettivamente sprovvisti di regolare autorizzazione».

Su 21 diffide inviate, solo in 5 hanno ottemperato alle richieste, provvedendo autonomamente alla rimozione. La Polizia Locale ha quindi elevato 16 sanzioni, per un ammontare complessivo di 7200 euro circa. Ora il Comune provvederà alla rimozione degli impianti non autorizzati, addebitando le spese ai contravventori. Gli impianti oggetto delle diffide si trovano tra via Aldo Moro, via Leopardi, via Cavallotti e via Chiarini.

«Si tratta di un’azione -  afferma ancora Cozzi – condotta con l’intento di sensibilizzare ed invitare le imprese al rispetto delle regole. Già in passato avevamo avviato l’attività di controllo e rimozione degli impianti di formato 6x3. Mentre oggi ci stiamo concentrando su quelli di altro formato. Questa operazione si affianca anche all’affidamento, completato all’inizio dell’anno, per mezzo di apposito bando pubblico, della concessione del servizio relativo alle preinsegne e le transenne parapedonali. Anche il bando ha consentito di riportare ordine in un settore che da troppi anni era abbandonato a se stesso senza norme chiare e precise. Continueremo  in questa direzione -  conclude Cozzi -, proseguendo nei controlli a tappeto su tutto il territorio, con lo scopo di tutelare chi rispetta le regole, richiedendo le necessarie autorizzazioni». 

 

Leggi Tutto »