Primo Piano

Pala Dean Martin di Montesilvano, De Vincentiis: “Primo anno molto positivo”

«Era l’8 marzo 2016 quando è stato formalizzato il passaggio della gestione del Pala Congressi di Montesilvano al nostro Comune». Lo dichiara l’assessore al Turismo, Ernesto De Vincentiis che prosegue: «Quello appena trascorso è stato un primo anno molto positivo sia dal punto di vista dell’immagine della struttura, ormai sempre più punto di riferimento nel panorama congressuale nazionale ed internazionale, oltre che sul piano finanziario. Nel corso di quest’anno abbiamo voluto anche attribuire un’identità forte al centro congressi, intitolandolo a Dean Martin, popolarissimo attore e cantante statunitense, portatore in tutto il mondo del nome di Montesilvano, di cui era originario».

Da marzo 2016 fino alla fine dell’anno il Pala Dean Martin -  Centro Congressi Montesilvano ha ospitato 19 eventi, tra fiere, convegni e raduni. Tali manifestazioni hanno portato introiti pari a circa 140.000 euro. I costi sostenuti tra manutenzione ordinaria, assistenza gestionale e utenze ammontano a circa 60 mila euro. Dall’inizio del 2017 si sono svolti 3 eventi. Il primo  a gennaio che ha portato un’entrata di circa 9.200 euro, il Carnevale organizzato dal Comune e da venerdì a domenica si svolgerà una fiera del settore hobbistico, per un importo di circa 12.000 euro.

«Stiamo lavorando -  dice ancora De Vincentiis – per contrattualizzare diverse manifestazioni per tempi più lunghi, al fine di renderli punti saldi dell’offerta congressuale della città. Sto pensando alla Fiera dell’Elettronica, appuntamento fieristico che si ripeterà per due volte all’anno fino al 2019, o ancora la fiera legata al mondo dell’hobby, anch’essa con due incontri l’anno che intendiamo confermare per 3 anni. Gli eventi del Pala Dean Martin rappresentano un importante strumento che consente di creare un indotto turistico e commerciale in senso più ampio, portando presenze sul territorio anche per le strutture alberghiere».

Diversi gli eventi che hanno registrato oltre mille presenze giornaliere, come il raduno della Chiesa evangelica, il congresso nazionale degli odontotecnici, il congresso nazionale Sipmel (della medicina di laboratorio), o il salone dello Studente. Tra le manifestazioni dall’incasso maggiore si registrano il congresso nazionale Sipmel da oltre 16.000 euro, la East Coast Tattoo convention da 13.000 euro che si riconfermerà anche per quest’anno o ancora la Fiera dell’Hobby da 12.000 euro. «Abbiamo deciso -  specifica De Vincentiis -  inoltre di ampliare le possibilità di concessione gratuita della struttura agli istituti scolastici della nostra città, estendendole fino a 3 giornate, per supportare le scuole nell’importantissima attività di formazione che conducono quotidianamente. Abbiamo stabilito di introdurre agevolazioni in favore di associazioni che organizzano iniziative di carattere culturale, artistico, benefico, religioso, didattico - scientifico, ludico – sportivo e turistico, aventi lo scopo di contribuire allo sviluppo e alla crescita civile e sociale della collettività». Nello specifico in caso di eventi senza pagamento di biglietto di ingresso, il Pala Dean Martin verrà concesso gratuitamente per le giornate di allestimento e disallestimento. In caso di ingresso con ticket, verranno concesse gratuitamente le giornate successive alla seconda, mentre le prime due saranno a pagamento.

Leggi Tutto »

Solo l’11% dei 311 sindaci abruzzesi e’ donna

Solo l'11% dei 311 sindaci abruzzesi e' donna, percentuale che vale 33 prime cittadine e il dodicesimo posto a livello nazionale nella classifica delle donne a capo di amministrazioni comunali. Alle 33 'sindache' si affiancano 42 vice, tre presidenti di Consiglio comunale, 216 assessori e 607 consiglieri comunali. Emerge dalla ricerca Anci 'Le donne amministratrici - La rappresentanza di genere nelle amministrazioni comunali', presentata in occasione degli Stati generali delle Amministratrici, che si e' svolta a Roma alla vigilia dell'8 marzo. In base ai dati del ministero dell'Interno, rielaborati dall'Area ricerche dell'Anci, le 42 'vicesindache' collocano l'Abruzzo al 17/esimo posto a livello nazionale. Va molto meglio, invece, il dato relativo agli assessori, a conferma che "i sindaci abruzzesi si fidano delle donne quando c'e' da affidargli responsabilita' amministrative", rileva l'associazione. Su 570 assessori comunali in totale, infatti, 216 e' donna, pari al 37,9%, che vale il decimo posto a livello nazionale. Meno bene si collocano le donne consigliere comunali che in Abruzzo sono 607 su 2.506 (24,2% e 14/esimo posto assoluto). Per quanto riguarda i presidenti di Consiglio comunale in Abruzzo sono solo tre, su un totale di 23 Comuni che prevedono tale figura, dato che vale il penultimo posto a livello nazionale. A livello nazionale, negli ultimi 30 anni il numero di donne sindaco e' cresciuto piu' di sette volte, passando dai 145 comuni amministrati nel 1986 ai 1.097 del 2016, con un incremento di 31 unita' (da 1066) rispetto al 2015. In generale, i municipi che nell'ultimo trentennio sono stati amministrati almeno una volta da una donna sindaca sono 2.752, cioe' un terzo dei comuni (il 34,4%) ha avuto nel suo recente passato una donna al vertice dell'amministrazione.

Tra tutte le regioni italiane la palma di Regione con piu' 'sindaci in rosa' spetta all'Emilia-Romagna, dove oltre la meta' dei comuni e' stato amministrato negli ultimi 30 anni da donne (175 comuni, pari al 52,4%); segue la Toscana (44,8%) e la Lombardia (42,5%). Dall'altra parte della graduatoria troviamo invece la regione Campania nella quale solo il 15,5% dei Comuni ha avuto sindaci donna e la Basilicata (solo il 19,1%). 

 

Leggi Tutto »

Presunta truffa al servizio lavanderia della Asl di Chieti, due arresti

Due arresti e nove indagati per un presunto caso di truffa e falso nei confronti della Asl Lanciano-Vasto-Chieti in merito al servizio lavanderia curata dalla societa' Publiclean di Lanciano. Agli arresti e' finito il titolare di quest'ultima Antonio Colasante e, ai domiciliari, la dirigente Asl, Tiziana Spadaccini.

Tra gli indagati c'e' anche il manager Asl Pasquale Flacco che ha firmato alcune delibere relative al servizio. L'accusa e' quella di aver gonfiato le fatture per circa un milione e 700 mila euro sul dovuto il cui ammontare era di 500 mila euro. L'importo complessivo del servizio lavanderia sarebbe stato di 4,5 milioni di euro dal 2009 al 2014. L'ordinanza cautelare e' firmata dal gip di Lanciano su richiesta del pm Rosaria Vecchi

Ci sarebbe anche una villa acquistata a Porto Cervo, in Sardegna, con i soldi, oltre due milioni di euro, ottenuti in maniera presuntamente indebita per prestazioni che dovevano essere gratuite nell'ambito di un servizio di lavanderia negli ospedali della Asl di Lanciano-Vasto-Chieti da parte della Publiclean srl: a scoprirlo la procura di Lanciano che ha contestato i reati di abuso d'ufficio, falso ideologico e riciclaggio a nove persone, di cui due finite agli arresti. Si tratta del titolare della ditta Antonio Colasante, mentre la dirigente Asl, Tiziana Spadaccini, e' finita ai domiciliari.

Tra gli indagati c'e' anche il manager Asl Pasquale Flacco che ha firmato alcune delibere relative al servizio. L'inchiesta riguarda la liquidazione illecita effettuata dalla Asl alla Publiclean con l'indebita erogazione di due milioni e 130 mila euro. I funzionari della Asl indagati sono accusati di aver abusato del loro ufficio per favorire la Publiclean attraverso atti amministrativi illegittimi per liquidare somme non dovute per gli anni 2009-2015. Le indagini - partite nel giugno 2016 e condotte dal commissariato di Lanciano, Squadra mobile di Chieti, con l'ausilio della Guardia di Finanza di Chieti, coordinati dal procuratore facente funzioni Rosaria Vecchi - hanno accertato che alla ditta venivano liquidate somme milionarie, mentre per contratto le spettavano zero euro, perche' il contratto prevedeva che a fronte del pagamento per la biancheria dei letti la ditta si era impegnata a garantire due cambi di divise settimanali gratuitamente. In realta' questo non e' mai avvenuto e le divise lavate avevano superato il numero di quelle che avrebbero dovuto essere garantite gratis.

Inoltre le somme incassate dalla Publiclean sarebbero state oggetto di illecite movimentazioni: nel giro di pochi giorni transitando dal conto della Publiclean a quello della Hospitale Service facente parte della Colasante holding, poi girate ad altre societa', sempre della stessa holding, prima alla Omnia Servitia poi alla Zaffiro srl. Infine utilizzate da Colasante per l'acquisto di una villa a Porto Cervo, posta sotto sequestro in via preventiva. Sono ancora in corso i sequestri di atti nella sede Asl di Lanciano.

"Riconducibile ad una nota che lo stesso direttore generale, Pasquale Flacco, aveva sottoscritto, dopo avere ricevuto ripetutamente chiarimenti e rassicurazioni dagli uffici amministrativi, che avevano effettuato verifiche sui crediti vantati dalla ditta affidataria del servizio, la Publiclean, la contestazione di concorso in abuso d'ufficio mossa a Flacco nell'ambito dell'inchiesta della Procura della Repubblica di Lanciano sul servizio lavanolo della biancheria ospedaliera". La Asl di Lanciano Vasto Chieti affida ad una nota la difesa del direttore generale.

''Nel documento, indirizzato alla ditta, si sostanzia una transazione con la Asl, che impegna la societa' a rinunciare a una buona parte del credito preteso, pari a 4 milioni 433.418 euro, stornando la somma di un milione 978.628 euro, e accettando il pagamento di 2 milioni 454.790 euro per i servizi resi nel periodo compreso tra il 2009 e il 2014" e' un altro passo della nota. "L'emissione, da parte di Publiclean, di note di credito corrispondenti, e l'espressa rinuncia agli interessi per ritardato pagamento si aggiunge -, avrebbe consentito alla Asl di procedere con la liquidazione, com'e' poi avvenuto. Il documento era stato sottoscritto nel dicembre 2015, quando la Direzione aziendale era rappresentata dal solo Flacco in qualita' di facente funzioni, in sostituzione del predecessore che si era dimesso alcuni mesi prima. Non essendo pertanto supportato da un Direttore amministrativo ne' sanitario - prosegue la nota - , aveva condiviso la decisione con gli uffici preposti, che avevano seguito l'istruttoria e proposto la transazione, garantendo la legittimita' dell'accordo, supportato dai necessari riscontri, e il vantaggio per l'Azienda di non incorrere in spese aggiuntive per interessi di mora".

"Publiclean - conclude la Asl - svolge il servizio di lavanolo per gli ospedali della ex Asl Lanciano Vasto in virtu' di un'aggiudicazione che risale al 1999 e un contratto successivamente rinegoziato nel 2009 a causa di condizioni che nel frattempo erano mutate, ad esempio la riduzione dei posti letto, e ha durata di nove anni. L'appalto prevedeva, come prestazioni, il cambio giornaliero della biancheria piana di ciascun posto letto occupato, il cambio dell?intero posto letto ad ammalato dismesso, il cambio illimitato, a richiesta dei reparti, per Nido, Pediatria e Sala operatoria, e il cambio delle divise degli operatori due volte a settimana. Ogni cambio ulteriore di queste ultime sarebbe stato remunerato con un euro ognuno''.

Leggi Tutto »

Cgia: i dipendenti costano all’impresa quasi il doppio dello stipendio erogato

Le tasse e i contributi previdenziali continuano ad alleggerire in maniera eccessiva i salari e gli stipendi, condizionando negativamente la capacità di spesa degli italiani. A dirlo è l’Ufficio studi della CGIA che ha esaminato la composizione delle buste paga di 2 lavoratori dipendenti entrambi occupati nel settore metalmeccanico dell’industria. Il primo caso riguarda un operaio con uno stipendio mensile netto di poco superiore ai 1.350 euro: al suo titolare costa, invece, un po’ meno del doppio: 2.357 euro. Questo importo è dato dalla somma della retribuzione lorda (1.791 euro) e dal prelievo contributivo a carico dell’imprenditore (566 euro). Il cuneo fiscale (dato dalla differenza tra il costo per l’azienda e la retribuzione netta) è pari a 979 euro che incide sul costo del lavoro per il 41,5 per cento. Il secondo caso, invece, si riferisce a un impiegato con una busta paga netta di poco superiore a 1.700 euro. In questa ipotesi, il datore di lavoro deve farsi carico di un costo di oltre 3.200 euro; importo, quest’ultimo, quasi doppio rispetto allo stipendio erogato. Questa cifra è composta dalla retribuzione mensile lorda (2.483 euro) a cui si aggiungono i contributi mensili versati dal titolare dell’azienda (729 euro). Il cuneo fiscale (dato dalla differenza tra il costo per l’azienda e la retribuzione netta) è di 1.503 euro che incide sul costo del lavoro per il 46,8 per cento. Negli ultimi anni, comunque, la situazione è un po’ migliorata. E anche se quasi 1 milione di persone su 11,9 milioni che hanno beneficiato degli 80 euro nel 2015 è stato costretto a restituirli interamente, l’introduzione del bonus Renzi e il taglio dell’Irap avvenuto nel 2015 sul costo del lavoro ai dipendenti assunti con un contratto a tempo indeterminato hanno garantito una riduzione del carico fiscale di circa 14 miliardi di euro.

Inoltre, sebbene la metà dei 9 miliardi di euro annui che servono per coprire la spesa del bonus Renzi sia finita nelle tasche di dipendenti che vivono in famiglie con redditi medio-alti, è altrettanto vero che secondo un’indagine realizzata dalla Banca d’Italia il 90 per cento delle famiglie percettrici di questa agevolazione hanno dichiarato di averla spesa e di aver destinato il restante 10 per cento al risparmio e al rimborso di debiti. In altre parole, nonostante la metà dei destinatari non fosse costituita da lavoratori a basso reddito, buona parte di questo bonus è stato speso per gli acquisti, a dimostrazione che se si rendono più pesanti le buste paga la gente torna a spendere e a far ripartire i consumi interni che, ricordiamo, sono la componente più importante del Pil nazionale.

Leggi Tutto »

Incendio in una casa a Montesilvano, muore un uomo

E' di un morto ed un ferito il primo bilancio dell'incendio scoppiato all'interno di un'abitazione di una palazzina a Montesilvano, in via Isonzo. E' un senegalese di 52 anni l'uomo morto precipitando dalla finestra dell' appartamento al sesto piano dello stabile di Montesilvano dove questa mattina si e' sviluppato un incendio. Si tratta di Ndiaga Diallo, secondo quanto accertato dai Carabinieri irregolare sul territorio italiano come il connazionale superstite, il 46enne A.A.S. In base a una prima ricostruzione dei carabinieri della Compagnia di Montesilvano, coordinati dal capitano Vincenzo Falce, il rogo si sarebbe sviluppato nel soggiorno-cucina dell'appartamento, completamente distrutto e dichiarato inagibile dai Vigili del fuoco. La casa, stando alle prime informazioni, e' di proprieta' di un altro senegalese, che la affittava a connazionali.

Diallo e il coinquilino al momento dell'incendio stavano dormendo; svegliati dalle fiamme, hanno trovato riparo su un balcone e su una finestra. Il 46enne si e' rifugiato in una nicchia sicura, mentre il 52enne ha cercato di aggrapparsi al cornicione, ma alla fine e' scivolato prima dell'arrivo dei soccorsi. Tante le chiamate dei residenti della zona ai numeri di emergenza. Il pm Rosangela Di Stefano ha disposto l'autopsia sul corpo della vittima. L'appartamento e' stato posto sotto sequestro. Ulteriori accertamenti sono in corso per chiarire le cause del rogo e l'esatta dinamica dell'accaduto.

Saranno i successivi accertamenti di Vigili del Fuoco e carabinieri a chiarire le cause dell'incendio. Sul posto sono arrivati il sindaco di Montesilvano, Francesco Maragno, e l'assessore comunale Valter Cozzi. Il palazzo, nella zona della pineta a due passi dal mare, ospita diversi stranieri; molti appartamenti vengono affittati nei mesi estivi.

"Ho sentito un forte rumore di calcinacci e odore di bruciato e sono subito uscito di casa, prima ancora che arrivassero i soccorsi". Cosi' racconta uno dei condomini del palazzo di via Isonzo a Montesilvano dove stamani un incendio e' divampato in un appartamento al sesto piano, provocando la morte di una persona. "Abito al sesto piano - aggiunge il testimone - ma mi sono reso conto solo quando sono uscito che a bruciare era un appartamento sul mio stesso pianerottolo. Una volta arrivati i soccorsi hanno fatto evacuare l'edificio e sono usciti tutti".

 "Due ragazzi si lamentavano, mentre due finestre erano piene di fiamme. Chiedevano aiuto, il loro era quasi un lamento. Alcune persone urlavano 'calma!', dicevano di stare fermi, li tranquillizzavano, spiegando che i soccorritori stavano arrivando. Proprio quando stava intervenendo l'autoscala, uno dei due ha perso l'appiglio ed e' caduto". Cosi' un testimone ricostruisce i drammatici momenti dell'incendio che ha distrutto l'appartamento di via Isonzo a Montesilvano ed e' costato la vita ad una persona. "Abitiamo qui vicino - racconta tra le lacrime una donna - e siamo subito corsi. Io urlavo 'calma calma!', dicevamo a quel ragazzo di stare fermo, ma purtroppo all'improvviso e' caduto". "Si lamentavano, erano in preda al panico - racconta un altro residente della zona che ha assistito alla scena - Ero sul terrazzo e ho visto due finestre piene di fuoco e quelle due persone che chiedevano aiuto. In quel palazzo abitano molti stranieri, tutte persone tranquille. Abbiamo buoni rapporti di vicinato".

Leggi Tutto »

Continua a perdere voti il Pd, sondaggio dell’Istituto Ixe’ fatte per Agorà

Continua a perdere voti il Pd, che in una settimana passa dal 28,1% al 26,9% e subisce il sorpasso del M5S (al 27,1%, nonostante la flessione dello 0,7%). E' quanto emerge dalle intenzioni di voto dell'Istituto Ixe' fatte per Agora' (Raitre). La Lega Nord scende al 12,8%, mentre Forza Italia si attesta al 12,7%. Prima rilevazione per Democratici e Progressisti, la nuova formazione di Speranza, Rossi e Bersani, accredita del 2,9%.

Il 31% degli elettori centrodestra incorona Matteo Salvini come leader di coalizione, immaginando una corsa a Palazzo Chigi. L'exploit del segretario della Lega Nord, secondo un sondaggio Ixe' presentato oggi ad Agora', e' frutto dell'opinione dell'80% degli elettori del Carroccio e del 13% di quelli di Forza Italia. A seguire Luca Zaia raccoglie il 23% di consensi, davanti a Berlusconi al 20%.

Il 47% degli italiani, se potesse scegliere, vorrebbe andare al voto prima dell'estate. Lo sostiene un sondaggio Ixe' per Agora' (Raitre). Il 18%, invece, vorrebbe le elezioni dopo l'estate mentre il 28% a fine legislatura, nel 2018.

- INTENZIONI DI VOTO 3 marzo 24 febbraio differenza - M5S 27,1% 27,8% -0,7% - PD 26,9% 28,1% -1,2% - LEGA NORD 12,8% 13,0% -0,2% - FORZA ITALIA 12,7% 12,9% -0,2% - FRATELLI D'ITALIA 5,2% 4,5% +0,7% - SINISTRA ITALIANA 3,4% 4,1% -0,7% - AREA POPOLARE 3,3% 3,6% -0,3% - MDP 2,9% - - NOTA INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 2 DELLA DELIBERA N. 153/02/CSP DELL'AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI Titolo del sondaggio: situazione politica - 3/3. Tema del sondaggio: politica. Soggetto realizzatore: Istituto Ixe' Committente e acquirente: Agora'-RAI 3. Data di esecuzione: 1/3/2017 Metodologia di rilevazione: sondaggio CATI-CAMI su un campione casuale probabilistico stratificato di 1.000 soggetti maggiorenni (su 9.213 contatti complessivi), di eta' superiore ai 18 anni. Tutti i parametri sono uniformati ai piu' recenti dati forniti dall'ISTAT. I dati sono stati ponderati al fine di garantire la rappresentativita' rispetto ai parametri di sesso, eta' e macro area di residenza. Margine d'errore massimo: 3,1%.

 

Leggi Tutto »

Diminuiscono nel 2016 le imprese artigiane, -2,95% a Chieti

Diminuiscono le piccole imprese artigiane ma aumentano le più grandi. Stando a quanto emerge dall’analisi di Unioncamere e InfoCamere, condotta sulla base dei dati del registro delle imprese delle Camere di commercio relativi allo scorso anno, è di -12.333 il saldo tra iscrizioni e cessazioni di impresa per le ditte individuali (-1,39%) a fine 2016, quasi 6mila in meno per le società di persone (-2,51%). Bilancio positivo, invece, per le società di capitali: +2.477 imprese pari al +3,28% rispetto al 2015. Complessivamente, per l’artigianato il 2016 si è chiuso ancora con il segno ‘meno’ tra iscrizioni e cessazioni (-15.811 unità) ma in miglioramento rispetto al 2015. Ed è il risultato meno pesante dal 2011

Se il processo di selezione dell’universo artigiano, innescato dalla crisi e reso evidente nel 2009, risulta ancora in atto, il quadro generale mostra comunque un significativo e progressivo rallentamento di questa dinamica negli ultimi quattro anni. Nel 2016 la spinta a recuperare terreno ha investito soprattutto alcuni settori dell’universo dei servizi. Sono quasi 1.900 le imprese artigiane in più nel Noleggio, agenzie di viaggio e servizi alle imprese, anche grazie all’impulso positivo proveniente dalle Attività di servizi per gli edifici e per il paesaggio. Saldo positivo anche per gli Altri servizi (+864), trainati dai servizi alla persona (+1.205). Le riduzioni più consistenti interessano, invece, soprattutto i due settori “forti”, in termini di numerosità di imprese, dell’artigianato: le costruzioni, che nel 2016 “perdono” oltre 10mila attività e la manifattura, che si riduce di quasi 5.500. Quasi 2mila in meno, poi, le imprese artigiane che operano nel Trasporto e magazzinaggio. A livello territoriale, le uniche province con saldo positivo sono Milano (+300 imprese, +0,43%) e Bolzano (+26, +19%). Situazione invariata ad Imperia. Tutte le altre archiviano un 2016 con segno meno, con cali compresi tra il -0,12% di Grosseto e il -2,95% di Chieti.

Leggi Tutto »

Inchieste sulla Regione Abruzzo, D’Alfonso replica alle accuse

Il presidente della Regione Abruzzo Luciano D'Alfonso in una conferenza stampa ha ricostruito dal suo punto di vista l'inchiesta che lo vede indagato dalla procura dell'Aquila per corruzione in merito al filone di Penne, affermando di "aver perseguito solo l'interesse pubblico: se c'e' stata qualche 'rottura' delle leggi a volte e' stato necessario proprio per raggiungere l'interesse della collettività".

D'Alfonso e' indagato insieme all'ex sindaco del paese Rocco D'Alfonso e un architetto della Soprintendenza per aver fatto pressioni sull'ente in merito alla sdemanializzazione di un locale commerciale vincolato. ''Ho letto che si evoca una condotta grave nei miei confronti, corruzione, che e' rottura vera con le leggi penali del paese. Escludo ogni atto di interesse privato, non so chi sia l'acquirente, c'era solo un piano demaniale di dismissioni spinto dai revisori dei conti del Comune di Penne''.

D'Alfonso ha portato come prova del suo impegno una mail da lui sottoscritta indirizzata alle Belle Arti d'Abruzzo del 29 dicembre 2015, due giorni prima la scadenza dei termini per la caduta del vincolo necessario per la vendita dell'immobile ai fini del rispetto del Patto di Stabilita' ''la mail - ha detto D'Alfonso - data il mio impegno nella vicenda, ora trovatemi un pelo fuori posto''. Nella richiesta di proroga delle indagini la procura dell' Aquila ''accerta'' i reati contestati ''in Pescara e L'Aquila nel luglio del 2015, 16/12/2015 e tuttora persistenti''. D'Alfonso era stato iscritto sul registro degli indagati il 16 dicembre di quell'anno insieme al suo segretario particolare Claudio Ruffini per corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio, istigazione alla corruzione e abuso d'ufficio in concorso con altri. Era stato lo stesso D'Alfonso, dopo il blitz dei carabinieri in Regione dello scorso 16 febbraio, a rivelare di essere stato iscritto nel registro degli indagati oltre che per le vicende dell'Ater di Pescara e il parco didattico del fiume Lavino, anche sulle vicenda di Penne, i cui contorni sono stati svelati successivamente.

A riprova del suo interesse 'istituzionale', D'Alfonso ha anche portato una interrogazione parlamentare presentata dal deputato Gianluca Fusilli (Pd) in merito proprio ai presunti ritardi della vicenda di Penne, in data 20 aprile 2016 D'Alfonso, che non e' stato ancora ascoltato dagli inquirenti aquilani, non ha negato il suo interessamento nella vicenda: ''In passato - ha detto - ho fatto aprire tribunali o scuole senza le autorizzazioni e se un comune mi chiede di essere aiutato per il rispetto del Patto di Stabilita' mi impegno anche per quello. Non c'e' nessun interesse privato, quando si edifica una chiesa, diceva un vescovo, non c'e' mai reato. Ho rispetto per i giudici, e non mi sento ne' inseguito ne' perseguitato. A Penne e' stato tutto lecito, anzi meritorio, tanto che al termine della vicenda mi aspetto di essere nominato cittadino onorario di Penne. Ma di queste cose ne ho fatte altre 100, e' il mio protagonismo istituzionale che mi spinge a velocizzare le pratiche. Devo convincere i miei avvocati e devo provare a demitizzare l'acquisizione di documenti. Al mio avvocato Milia non ho detto della convocazione di questa conferenza stampa e non ho ucciso il vescovo di Canterbury - ha concluso - per statuto io devo aiutare i Comuni a risolvere i problemi, e i comuni sono quei luoghi del bene inventati da Dio. Se un comune mi chiede, sono precettato".

Leggi Tutto »

Regione Abruzzo, approvata la graduatoria delle 85 farmacie

La giunta regionale, su proposta dell'assessore alla programmazione sanitaria Silvio Paolucci, ha approvato la graduatoria definitiva del concorso pubblico per l'assegnazione di 85 nuove sedi farmaceutiche private in Abruzzo. Il concorso era stato bandito nel 2012 e aveva visto l'ammissione di 1891 istanze. A dicembre 2015 la giunta aveva approvato la graduatoria provvisoria. Da quel momento erano iniziate le verifiche sui requisiti da parte della Commissione Esaminatrice, a cui erano seguiti anche alcuni ricorsi al Tar in merito ai punteggi attribuiti ai partecipanti per l'esperienza professionale. I lavori della Commissione si sono conclusi il 16 febbraio scorso, con la trasmissione della graduatoria definitiva al Dipartimento Salute e Welfare della Regione. "Finalmente - sottolinea Paolucci - abbiamo chiuso una procedura iniziata quasi 5 anni fa, caratterizzata da numerose difficolta', sia di ordine procedurale che amministrativo. Oggi siamo in grado di dare una risposta alle legittime istanze che arrivavano non solo dagli aspiranti farmacisti, ma anche da quei territori dove finora il servizio non era disponibile o lo era in modo non adeguato alle esigenze dell'utenza".

Leggi Tutto »

Inchiesta sulla Regione Abruzzo, lunedì si decide sul ricorso della difesa

Il Tribunale del riesame dell'Aquila ha fissato al lunedi' prossimo 6 marzo l'udienza per discutere il ricorso presentato, nell'ambito della maxi inchiesta della procura dell'Aquila su una serie di appalti gestiti dalla Regione Abruzzo, dagli avvocati Massimo Costantini e Roberto Madama, che assistono Eugenio Rosa, titolare dell'impresa edile Iciet di Castelli, indagato nel filone sulla ricostruzione post-terremoto della sede centrale aquilana della Giunta regionale di palazzo Centi. Il ricorso e' stato presentato contro la perquisizione e il sequestro disposti dai pm del capoluogo nei confronti dell'indagato.

L'udienza sara' la prima occasione per i legali per conoscere le carte iniziali dell'indagine. Nei prossimi giorni, comunque, a seconda dei documenti che potranno consultare, vedranno se andare avanti o meno nell'istanza. Anche l'avvocato Gennaro Lettieri, in rappresentanza del capo della segreteria del governatore D'Alfonso ed ex consigliere Pd, Claudio Ruffini, ha presentato istanza al Riesame. Lo stesso starebbe per fare Massimo Carosi in rappresentanza dell'imprenditore Mauro Pellegrini, contitolare dell'azienda di costruzioni Dipe. Intanto le indagini proseguono, anche se, al momento, non sono calendarizzati altri interrogatori di indagati. L'inchiesta e' coordinata dal procuratore Michele Renzo e dal sostituto Antonietta Picardi e portata avanti dai carabinieri del Noe e dalla squadra Mobile della questura di Pescara. 

Leggi Tutto »