Economia

Confindustria chiede meno burocrazia, e snellimento della macchina amministrativa

Meno burocrazia, snellimento delle pratiche e della macchina amministrativa. Questo il tema della tavola rotonda che si e' tenuta questa mattina a cura di Confindustria Chieti-Pescara. "Lo chiedono le imprese perche' l'Italia - ha detto il presidente Gennaro Zecca - e' il terz'ultimo Paese in Ue per attrattivita' degli investimenti stranieri, e questo e' dovuto a proprio al sistema burocratico che e' assolutamente inefficiente e non funzionale. La Riforma Madia per questo consente attraverso per esempio lo strumento della Conferenza dei Servizi, con la possibilita' di chiedere il danno da ritardo, far si' che le aziende diventino parte attiva per pretendere l'applicazione delle regole. Non possiamo piu' pensare che ci sia una autorizzazione rilasciata in tempi anticiclici rispetto all'investimento che quella autorizzazione rilascia. Se per fare una concessione edilizia ci mettiamo tre anni e dopo tre anni il mercato edile ha subito un crollo, o se per fare una Valutazione di Impatto Ambientale ci mettiamo quattro, cinque anni, e il business plan, a monte di quella valutazione e' di quattro, cinque anni, vuol dire che non stiamo parlando di impresa, ma di un gioco d'azzardo". "Viviamo - ha detto ancora il presidente di Confindustria Chieti-Pescara - in un mondo di cambiamenti, ma il cambiamento c'e' sempre stato. La differenza e' che oggi il cambiamento rispetto al passato e' assolutamente veloce e nell'arco di cinque anni cambia il mondo, con l'azienda che deve reinventarsi, crescere, maturare e poi rinnovarsi nuovamente, e per far questo e' necessario che ci siano una PA e una burocrazia in linea con questi tempi". Sullo stato delle imprese oggi in Abruzzo, Zecca ha aggiunto: "C'e' qualche segnale di ripresa. L'imprenditore italiano ha una grande caratteristica che e' quella di trasformare le difficolta' in opportunita', ma oggi si parla pero' ancora di un'impresa frenata. E' come andare con una Ferrari e tirare il freno"

Leggi Tutto »

Aree di crisi, slitta al 13 luglio la scadenza per l’avviso per le imprese

Slitta al 13 luglio la scadenza dell'Avviso pubblico sul sostegno alle imprese inserite nelle aree di crisi non complesse. Lo ha deciso il vicepresidente della Giunta regionale d'Abruzzo, Giovanni Lolli, accogliendo in questo senso le istanze pervenute da alcune associazioni delle imprese abruzzesi. "La richiesta formale di Cna e Confindustria Chieti-Pescara, che abbiamo ritenuto fondata - spiega Lolli - e' arrivata con una lettera nella quale si chiedeva lo spostamento della scadenza del bando, lettera peraltro anticipata dai vertici delle due associazioni nel workshop sulle aree di crisi che si e' tenuto a Penne la settimana scorsa". L'Avviso, inserito nella programmazione Fesr 2014-2020, sarebbe dovuto scadere nella giornata di oggi. La finalita' dell'Avviso e' di finanziare piani di rilancio delle aziende operanti nelle aree interessate, che prevedano investimenti per riconversione industriale, razionalizzazione, realizzazione di nuovi prodotti o rinnovamento di impianti e processi produttivi. Sono ammessi anche progetti di modernizzazione dei processi gestionali, dell'organizzazione, del marketing di imprese esistenti e di nuova costituzione e dovranno prevedere una spesa minima di 50 mila euro. Il contributo concedibile e' calcolato in riferimento all'ammontare delle spese ritenute ammissibili, considerate al netto dell'Iva e di ogni altro onere accessorio e finanziario, se detraibili, e non puo' essere superiore 200 mila euro. La dotazione finanziaria complessiva di 16 milioni di euro e' stata suddivisa sulle nove aree di crisi non complessa in modo da permettere ad ogni area di avere un budget ben definito su cui le aziende possono far riferimento. 

Leggi Tutto »

Ocm vino, risorse per 30 imprese associate

E' stato pubblicato oggi sul sito della Regione Abruzzo l'elenco definitivo delle domande finanziabili relativo al bando della "Misura Investimenti" per le imprese associate (Societa' Cooperative Agricole di I e II grado) previsto dal Piano Regionale dell'OCM Vino (Organizzazione Comune del Mercato). Lo comunica l'assessore regionale alle Politiche agricole, Dino Pepe. "Quasi 3 milioni di euro di contributo che corrispondono a oltre 7 milioni di euro di spesa ammessa della misura 'Investimenti' finanzieranno 30 imprese associate del settore vitivinicolo abruzzese - spiega Pepe - Quest'anno abbiamo deciso di allargare ampiamente la tipologia delle spese ammissibili per migliorare tutto il processo di trasformazione, dall'ingresso delle uve in cantina alla commercializzazione. Le risorse del bando 'Investimenti' sono una risposta concreta alla grande richiesta di innovazione del settore vitivinicolo, che negli ultimi anni ha mostrato segnali di crescita importanti sia sul mercato interno che nelle esportazioni". "In particolare - continua Pepe - grazie alla nuova demarcazione prevista nel Decreto Ministeriale 911/2017 sara' possibile migliorare beni immobili esistenti, acquistare attrezzature e quanto necessario al processo di trasformazione delle uve". Il contributo e' equivalente al 40% delle spese ammissibili sostenute dalle aziende vitivinicole. "Il vitivinicolo e' un settore cruciale per la nostra economia - conclude Pepe - e questi fondi che genereranno investimenti per oltre 15 milioni di euro rappresentano un'ottima risorsa per sostenere anche la crescita e l'occupazione. Piu' produttivita' e migliori prodotti: sono questi gli obiettivi previsti dal programma comunitario". L'elenco delle ditte finanziabili e' consultabile sul sito della Regione Abruzzo nella sezione Agricoltura https://www.regione.abruzzo.it/agricoltura.

Leggi Tutto »

Honda, sciopero proclamato da Fiom-Cgil

Fine turni con due ore di sciopero domani alla Honda di Atessa, proclamata dalla Fiom-Cgil: facendo il punto sulla vertenza l'organizzazione sindacale chiede che l'azienda, produttrice di moto, intervenga sulla qualita' della vita in fabbrica, "dove a oggi si lavora con temperature superiore ai 40 gradi, quindi una politica di contenimento dei costi, eliminando spese superflue, e il miglioramento dei processi di pianificazione della produzione, dal momento, spiega una nota ufficiale Fiom, che la fabbrica ancora oggi vive quotidianamente una condizione altalenante e spesso di emergenza". Per questo, si aggiunge, "abbiamo chiesto una pianificazione per quanto concerne la manutenzione degli impianti". La Fiom chiede inoltre "di considerare la possibilita' di tornare ad investire nel territorio per quanto riguarda il settore della fornitura, considerato che l'Asia rimane il posto prediletto e la fabbrica continua a fermarsi per problematiche legate ai lunghi viaggi che le navi devono sostenere"

Leggi Tutto »

Siccità, secondo Coldiretti in Marsica danni per 100 milioni di euro

 La siccita' rende preoccupante la situazione nelle campagne abruzzesi dove l'allarme per la carenza di acqua, tradizionale nel periodo estivo, diventa vera e propria emergenza: a rischio soprattutto la produzione marsicana, anche se non sono indenni dal pericolo le altre province. A sostenerlo e' la Coldiretti Abruzzo ricordando che nell'orto d'Italia ci sono attualmente le principali colture in campo (insalate, spinaci, radicchio, indivia, finocchi, le prime carote seminate a febbraio/marzo) ed e' iniziata la prima raccolta; la necessita' di acqua e' molto forte perche' incide sulla quantita' prodotta. Si stimano gia' danni per 100 milioni di euro per le aziende agricole della zona. Per una esigenza di razionalizzazione dovuta alla forte siccita' il Consorzio di bonifica Ovest ha invitato (con una nota inviata al Prefetto) i Comuni marsicani di Avezzano, Aielli, Celano, Cerchio, Luco dei Marsi, Ortucchio, Pescina, San Benedetto dei Marsi e Trasacco a predisporre fermi d'irrigazione almeno per tutti i fine settimana "fino a che le condizioni climatiche non determineranno variazioni nel merito" e che a rispondere sono stati gia' otto Comuni su nove. "La situazione e' molto grave e attualmente si stima gia' di una perdita del 20-30% della produzione che potrebbe peggiorare ed arrivare al 50% a meta' agosto - spiega il direttore di Coldiretti Abruzzo, Giulio Federici - uno scenario veramente preoccupante perche' una siccita' cosi' anticipata non si verificava da anni. A rischio e' un intero sistema agricolo, che in questo periodo raccoglie i frutti del lavoro di tutto l'anno per destinarli a tutta Italia". Coldiretti ricorda che la Marsica comprende un bacino costituito da 13.500 ettari di superficie agricola utilizzata nel cui interno operano complessivamente circa 2000 aziende agricole che assumono annualmente circa 6mila lavoratori e che, dal punto di vista economico, rappresenta il 25% (332 milioni di euro) del valore aggiunto dell'agricoltura abruzzese (1.330 milioni di euro). 

Leggi Tutto »

Pescara, torna la Notte dei Saldi

Presentata la “Notte dei Saldi” organizzata dal Comune di Pescara, Assessorato alle Attività produttive in sinergia con Confesercenti, Confcommercio, Cna e Confartigianato. L'appuntamento è in programma per sabato 1 luglio. Alla presentazione erano presenti l’assessore alle Attività produttive e Turismo e Grandi Eventi Giacomo Cuzzi, Franco Danellipresidente di Confcommercio e Gianni Taucci, direttore di Confesercenti, Marco Di Pietro e Simone D’Angelo per  Comic Convention, il direttore del Banco Alimentare dell’Abruzzo Cosimo Enzo D’Ottaviantonio, responsabile Confcommercio settore abbigliamento.

“Questa iniziativa si ripete dopo il successo degli anni passati, ed è inserita quest’anno in un calendario di eventi importante che farà della nostra città un riferimento regionale - afferma l’Assessore Giacomo Cuzzi -  Sarà un fine settimana con un’offerta molto ampia quello che apre la stagione ufficiale dei saldi nel centro commerciale naturale centrale della città, perché oltre al commercio l’evento ne contiene altri due: la prima rassegna di fumetti e cosplayer, la “Pescara Comic Convention” e “In festa contro lo spreco”, a cura del Banco Alimentare che con un convegno e uno spettacolo festeggia i suoi venti anni di attività. A piazza Salotto troviamo lo spettacolo del Banco Alimentare che avrà un’anteprima venerdì con il convegno sulla lotta allo spreco alimentare; invece la Comic Convention allestirà le vetrine dei negozi con fumetti e disegni. Ci stiamo preparando per la Notte Bianca del 22 luglio e ci sarà un’altra Notte dello Shopping il 12 agosto. Non finisce qui, ci aspetta un’estate piena di iniziative: prima di ferragosto organizzeremo un “Pescara Open Day” accompagnato da un grande concerto che annunceremo appena avremo tutto il programma. La formula adottata finora di coniugare il commercio al turismo e ai grandi eventi funziona ed è questa la strada da seguire”.

Leggi Tutto »

Coldiretti, nel Fucino previsto -20% di produzione

Sono le colture con una minore resistenza al caldo, come quelle orticole della piana del Fucino, nella Marsica, bacino orticolo tra i piu' grandi d'Europa, a mostrare i primi problemi di 'sete' idrica in Abruzzo. Il presidente regionale della Coldiretti, Domenico Pasetti, parla di una previsione di abbattimento di produzione del 20 e anche del 30%. "Sono colture di pregio in termini qualitativi ma anche sotto il profilo della scalarita' della reperibilita' del prodotto sul mercato: alcuni produzioni - spiega - anticipano quelle di altre regioni italiane, altre la seguono, cosi' da prolungarne nel tempo la disponibilita'. Gia' ieri e' stata segnalata l'assenza di acqua nel canale principale. Nei giorni scorsi, il Consorzio di Bonifica Ovest aveva invitato, attraverso il Prefetto, i sindaci della Marsica Ovest ad emettere un'ordinanza di sospensione dell'irrigazione nei fine settimana in modo da razionalizzare l'uso dell'acqua ed averne la disponibilita' fino a meta' luglio". Qualche avvisaglia di problemi si comincia avere anche nell'Alto Sangro, aggiunge Pasetti che conclude affermando come invece finora non vi siano criticita' per vigneti e uliveti.

Leggi Tutto »

Pepe lancia un appello ai ristoratori per usare prodotti locali

L'assessore alle politiche agricole della Regione Abruzzo, Dino Pepe, ha scritto una lettera aperta nella quale ha invitato ristoratori, albergatori e operatori abruzzesi a utilizzare i prodotti locali, considerati sicuri e certificati (prodotti biologici a denominazione di origine o indicazione geografica). "Le nostre produzioni - scrive nella lettera Dino Pepe - offrono la massima garanzia della qualità, della stagionalità e soprattutto del forte legame che lega le eccellenze agroalimentari abruzzesi al territorio di origine. Dietro ogni prodotto tipico, si intersecano "storia" di culture e "storie" di vita e di lavoro. Come è noto - prosegue l'assessore - il comparto agricolo ha subito un colpo durissimo a seguito degli eventi calamitosi di gennaio". Se è vero che ogni prodotto tipico racconta una storia del territorio circostante, "quest'anno - incalza Pepe - abbiamo il dovere di raccontare una storia fatta di forza, di resistenza, di caparbietà, di bellezza, di voglia di ripartire e di portare avanti i valori di cui sono imperniati i sacrifici dei produttori agricoli abruzzesi: la qualità elevatissima del prodotto, il rispetto della tipicità e la tutela del territorio". Se prima era una esigenza etica quella di lavorare per la filiera corta e per la valorizzazione dei prodotti locali, "oggi - sostiene Pepe - è diventato un dovere morale". 

Leggi Tutto »

Aree di crisi, Opes Teramo chiede iniziative per sostenere il credito

L'Opes, l'osservatorio provinciale per lo sviluppo e l'economia al termine di un'ampia disamina sulle opportunita' di finanziamento e agevolazioni nelle aree di crisi semplice e nelle aree di crisi complessa,ha condiviso un docu-mento che sara' inviato a Regione, Governo e Invitalia. "Non possiamo permetterci di scoraggiare l'entusiasmo delle imprese che hanno manifestato il proprio interesse ad investire, ora e' il momento di accompagnare questo processo in maniera da rimuovere ogni ostacolo - sottolinea il presidente Renzo Di Sabatino - tempo e credito sono i due nodi principali. I finanziamenti pubblici non coprono il cento per cento degli investimenti e c'e' bisogno di incentivare il sistema delle garanzie a copertura delle richieste di finanziamento". Al riguardo, nel documento, e' stata ribadita la necessita' di sollecitare "la Regione Abruzzo a farsi promotrice di iniziative urgenti nei confronti del mondo creditizio, alla luce di atteggiamenti tendenti a scoraggiare l'iniziativa privata a causa di tempi e modalita' in assoluto contrasto ed ostative verso un significativo fermento imprenditoriale". Tra le priorita', secondo l'Opes, la messa in campo di azioni finalizzate a sostenere la necessita' del completamento della rete infrastrutturale compromessa dagli eventi calamitosi;la riqualificazione del personale espulso dal circuito produttivo mediante l'utilizzo delle risorse destinate agli ammortizzatori sociali, scongiurando il rischio di un loro inutilizzato; la valorizzazione, con le opportune misure di adeguamento, dei siti e dei manufatti industriali esistenti con una duplice finalita': evitare il consumo di suolo e razionalizzazione delle risorse.

Leggi Tutto »

Unioncamere, al Sud un’impresa su quattro e’ al femminile

Il Mezzogiorno "vince" per presenza di donne a capo delle imprese. Forti di oltre 474 mila presenze, le donne d'impresa del Sud rappresentano il 36% del milione e 316 mila imprese femminili registrate nel nostro Paese. Inoltre, il loro "peso" sull'insieme del tessuto produttivo delle regioni meridionali e' maggiore rispetto alle altre circoscrizioni territoriali. E' quanto emerge da un'indagine Unioncamere. Nel Mezzogiorno, infatti, il tasso di femminilizzazione (dato dal rapporto tra il totale delle imprese e la componente femminile) raggiunge quasi il 24%. In pratica, circa 2 punti percentuali in piu' del dato medio nazionale (21,75%) ma anche un punto percentuale in piu' rispetto al Centro (dove si contano 299mila imprese con un tasso di femminilizzazione del 22,57%), e quasi 4 punti percentuali in piu' rispetto al Nord-Est (oltre 231mila imprese, pari al 20,03% del totale) e al Nord-Ovest (quasi 312mila, e un tasso di femminilizzazione del 19,92%). Nelle prime 10 posizioni della graduatoria delle imprese per tasso di femminilizzazione, il Mezzogiorno e' presente con 7 regioni, con Molise (9.853 imprese guidate da donne, pari al 28,11% del totale), Basilicata (15.956, 26,71%), e Abruzzo (37.916, 25,78%) sui gradini piu' alti del podio. Trentino Alto Adige, Lombardia e Veneto le regioni nelle quali, al contrario, le imprese a trazione femminile incidono meno sul totale

Leggi Tutto »