Economia

Torna la Notte Blu di Montesilvano

Giunge alla sesta edizione “La Notte Blu” di Montesilvano, la manifestazione che vedrà negozi aperti fino a notte fonda, con tanto divertimento.

Mercoledì 9 agosto, lungo corso Umberto nel tratto tra via Ruffilli e l’area antistante ex Monti, si susseguiranno dj set, musica live, giochi per bambini, spettacoli di danza.

La manifestazione, organizzata dall’associazione Commercianti Montesilvano Nel Cuore, da Confesercenti Provinciale e con il patrocinio del Comune di Montesilvano, nell’ambito del cartellone eventi della città, prenderà il via a partire dalle 20.

«La Notte Blu -  dichiara l’assessore agli Eventi Ottavio De Martinis -  è ormai un appuntamento fisso della nostra estate. Si tratta di un’iniziativa molto apprezzata, dai commercianti che aderiscono con entusiasmo, mettendosi in prima linea per organizzare intrattenimento per tutti i gusti e per tutte le età, e poi per il pubblico che approfitta  dei saldi per dedicarsi allo shopping, e che si diverte nel centro cittadino».

«L’auspicio -  dichiara Gianfranco Costantini, dell’associazione commercianti Montesilvano nel cuore – è che anche in questa edizione, così come nelle due precedenti iniziative organizzate in questa estate, “La notte dello Shopping” e “Artisti in corso”, la partecipazione sia numerosa. Dobbiamo comprendere l’importanza del centro commerciale naturale di cui la nostra città è dotato anche in chiave di promozione turistica. Su questo principio si fondano le iniziative che stiamo portando avanti come ad esempio “Il Trenino del Centro”, che a partire dalla scorsa settimana, tutti i venerdì mattina porta i turisti e i residenti dal lungomare in centro, per dedicarsi allo shopping e per visitare il Museo del Treno».

Mercoledì 9 agosto, corso Umberto e un tratto di Viale Europa, fino al sottopasso resteranno chiuse al traffico, mentre il lungomare sarà percorribile. Verranno messi a disposizione dei cittadini e dei turisti due bus navetta. Il primo percorrerà corso Umberto in direzione sud, raggiungerà il lungomare passando per via Arno, risalendo lungo viale Abruzzo, con arrivo alla stazione di servizio Eni. Il secondo bus farà la spola tra via Maresca e l'area nei pressi del Cormorano.

Sponsor della manifestazioni: Sapore di Mare, Conad Forum, Conad Ardente Due, Paper Plast, Pack – Tutto per le Feste, Bcc Abruzzese Cappelle sul Tavo.

Leggi Tutto »

Finanziato in Marsica un progetto per il sociale 

Un'opportunita' per dare di nuovo speranza a chi ha difficolta' ad inserirsi nel mondo del lavoro. E' stato presentato nel Comune di Avezzano il progetto "Inclusione Attiva", approvato dalla Regione Abruzzo, che ha protagonisti gli Ambiti Distrettuali Sociali del Comune e della Comunita' Montana Montagna Marsicana. E' stato sviluppato dalla SGI Societa' Cooperativa ed agenzia formativa regionale, in collaborazione con altri enti di formazione e orientamento del territorio: Ambeco' Societa' Cooperativa, Formabruzzo srl, Afes, Associazione Territorio & Sviluppo, Associazione I Girasoli, Prometeo Cooperativa Sociale, Lybra Cooperativa Sociale, Confcommercio Avezzano. Prevedeva inizialmente l'attivazione di 66 tirocini, 33 per ogni Ambito Distrettuale Sociale. Con lo stanziamento di ulteriori 150mila euro da parte del comune di Avezzano, derivati da un taglio alle spese destinate allo staff del sindaco dalla precedente amministrazione, sono stati finanziati ulteriori 40 tirocini. Dureranno sei mesi. Saranno attivati presso le aziende del territorio e prevedono un'indennita' mensile massima di euro 600. Tutti i rappresentanti delle associazioni presenti, complimentandosi con il sindaco per l'iniziativa che dara' spazio alle categorie sociali piu' deboli, hanno ribadito la loro massima collaborazione per attuare un'azione tesa a sensibilizzare ed individuare le aziende del territorio disponibili ad ospitare i tirocinanti. Il 20 di agosto, con scadenza il 20 settembre, sara' pubblicato on line sul sito degli enti d'ambito (Comune di Avezzano e Comunita' Montana Montagna Marsicana) il Bando di selezione per l'individuazione dei beneficiari. 

Leggi Tutto »

Coldiretti chiede un tavolo per affrontare l’emergenza cinghiali

"Una svolta all'emergenza cinghiali per difendere persone e aziende agricole". Lo ha chiesto Coldiretti Abruzzo in occasione della riunione, questo pomeriggio nella sede dell'Assessorato regionale alla Agricoltura, sulla questione dei cinghiali e dei danni da fauna selvatica al settore che la stessa confederazione stima in tre milioni ogni anno. Coldiretti propone "la costituzione di un tavolo di emergenza gestito dalle prefetture che potranno fare da cabina di regia coinvolgendo tutte le autorita' preposte alla gestione e al controllo del territorio. E' necessario - dice il direttore Giulio Federici - il coinvolgimento di tutti affinche' nessuno si senta escluso dalla gestione di un problema di natura sociale, non solo agricola". "Una situazione insostenibile che sta provocando peraltro l'abbandono delle aree interne da parte della popolazione, con problemi sociali, economici e ambientali" conclude Federici.

Leggi Tutto »

Ubi Banca, utile netto semestre a 696 milioni

Ubi Banca chiude il primo semestre con un utile netto contabile, incluso il badwill, a 696 milioni, di cui: utile netto di Ubi Stand Alone a 110,9 milioni (rispetto a -787 milioni circa nel primo semestre 2016, a seguito della contabilizzazione della maggior parte dei costi del Piano Industriale "stand alone"); risultato netto delle 3 Banche Acquisite a -27,7 milioni (al netto del riversamento del badwill per +13,8 milioni). Il 10 maggio scorso, con data di consolidamento a partire dal 1 aprile, Ubi banca ha chiuso il contratto per l'acquisto di Nuova Banca delle Marche, Nuova Banca dell'Etruria e del Lazio e Nuova cassa di Risparmio di Chieti. 

Leggi Tutto »

Indagine Cna, ripresa ancora lontana in Abruzzo

L'artigianato abruzzese non sembra vivere un momento felice in termini di crescita, e per i micro imprenditori che operano in regione la tanto invocata ripresa appare una lontana chimera. Lo sottolinea la Cna Abruzzo, diffondendo i dati dell'indagine condotta da Aldo Ronci, sull'andamento delle imprese in Abruzzo nel secondo semestre 2017: studio realizzato su dati di Movimprese, secondo cui tra gennaio e giugno a fronte di 984 iscrizioni di nuove imprese artigiane, hanno ammainato bandiera in 1.388, con un saldo negativo, di ben 404 unità. "In valore percentuale - dice il curatore dello studio - il decremento delle imprese artigiane abruzzesi è dell'1,29%, ovvero più del doppio della media nazionale, che si attesta alla soglia dello 0,58%. La flessione registrata, in verità, tende a diminuire, ma è vero anche che siamo molto lontani dagli anni pre-crisi". Nelle province abruzzesi le imprese artigiane hanno registrato variazioni disomogenee, con Chieti (-125), Pescara (-123) e L'Aquila (-99) che subiscono pesanti flessioni, mentre solo Teramo registra un decremento di entità più lieve (-57). Differenze di magra consolazione quando dai valori assoluti si passa alle percentuali, visto che tutte e quattro le province se la passano molto peggio della citata media nazionale, con Pescara in particolare (-1,64%) in apnea più degli altri territori.

Quanto ai settori, si confermano le tendenze di lungo periodo - negative, manco a dirlo - nell'area delle costruzioni (-208) e delle manifatture (-111), mentre registra decrementi più lievi nel settore dei trasporti (-28), nelle attività ricettive (-28) e nelle riparazioni di auto e apparecchi per la casa (-7); rimangono invece pressoché invariate nei servizi per la persona (+3) e nei servizi alle imprese (+5). "La condizione di sofferenza delle nostre micro-imprese si conferma in pieno, insieme all'anomalia negativa tutta abruzzese, ovvero quella di una regione in cui il mondo dell'artigianato torna, di rilevazione in rilevazione a numeri da anni Novanta", commenta preoccupato il presidente regionale della Cna, Savino Saraceni. Per Saraceni, "il pacchetto di interventi individuato dalla Cna, dalle altre associazioni d'impresa e dal sindacato dei lavoratori, nella 'vertenza artigianato' avviata con la Regione, deve trovare rapida attuazione, perché i tavoli istituzionali hanno senso soltanto se la discussione si traduce in misure efficaci e rapide". "Le diverse misure individuate, dal credito alla velocizzazione dei bandi, dal sostegno alla trasmissione d'impresa alla bottega scuola, dalla rigenerazione urbana alla messa in sicurezza del patrimonio abitativo, fino alla lotta alla burocrazia, vanno rapidamente messe in cantiere, pena una crisi per il mondo della micro-impresa forse irreversibile", conclude. 

Leggi Tutto »

Abruzzo, – 20% latte e a rischio miele millefiori

Anche in Abruzzo e' stress da caldo per gli animali, con particolare riferimento alle mucche, ai maiali e alle api. E' l'allarme lanciato da Coldiretti Abruzzo, sia sulla scorta dei dati nazionali del Sistema di allerta caldo del CREA che in merito ad una indagine effettuata a livello territoriale da cui emerge una situazione di emergenza con forti ripercussioni sulla produzione. Il settore zootecnico - con particolare riferimento ai bovini, avicoli e suini - e' sicuramente quello che risente di piu' della situazione (-20% della produzione di latte) ma l'emergenza riguarda anche comparti minori come quello apistico (si arriva anche a -40% della produzione di miele millefiori) e per gli avicoli si stima una diminuzione della deposizione delle uova di almeno il 10%. In piu', dopo mesi molto siccitosi inizia a scarseggiare anche il fieno necessario all'alimentazione degli animali con prati e pascoli che sono a secco e non riescono a garantire l'alimentazione di mucche e pecore stressate dal caldo. Per le mucche - riferisce la Coldiretti - il clima ideale e' fra i 22 e i 24 gradi. Oltre questo limite gli animali mangiano poco, bevono molto e producono meno latte. In soccorso sono gia' scattate le contromisure anti afa nelle stalle dove gli abbeveratoi lavorano a pieno ritmo perche' ogni singolo animale e' arrivato a bere con le alte temperature di questi giorni fino a 140 litri di acqua al giorno contro i 70 dei periodi piu' freschi. In funzione anche ventilatori e doccette refrigeranti per aiutare a sopportare meglio la calura. Al calo delle produzioni di latte si aggiunge dunque anche - continua la Coldiretti - un aumento dei costi alla stalla per i maggiori consumi di acqua ed energia che gli allevatori devono sostenere per aiutare gli animali a resistere all'assedio del caldo. A soffrire sono anche i maiali, che mangiano meno nonostante ventilatori, doccette e sistemi di raffreddamento misti con acqua e aria che lavorano a pieno regime. In alcuni casi - dice Coldiretti Abruzzo - gli allevatori di maiali si sono dotati di veri e propri nebulizzatori che, seppure mitigano la situazione purtroppo non risolvono un grave problema che puo' sfociare anche con il decesso dei capi. E per finire ci sono le api, considerate un indicatore dello stato di salute della natura: per il caldo volano meno mentre, quando volano, spesso non trovano di che cibarsi perche' i fiori sono stati "bruciati" dal sole con un conseguente calo della produzione (in Abruzzo a causa della siccita' si stima attualmente una diminuzione di almeno il 40% per la varieta' millefiori, la piu' diffusa). Con il prolungarsi dell'assenza di pioggia l'allarme siccita' si e' ormai esteso ad oltre i 2/3 della superficie agricola nazionale interessando praticamente tutte le regioni, anche se con diversa intensita', con perdite secondo la Coldiretti ormai ben superiori ai 2 miliardi. Solo in Abruzzo si stima una perdita di oltre un milione di euro solo per la mancata produzione di latte

Leggi Tutto »

Pepe: firmate le prime convenzioni con i Gal

Sono state firmate questa mattina, nella sede di Pescara dell'Assessorato all'agricoltura, le prima quattro convenzioni con i gruppi di azione locale (Gal) dell'Abruzzo che hanno vinto la selezione pubblica (7 in totale) della nuova programmazione 2014-2020. All'incontro, oltre all'assessore Dino Pepe e al direttore del Dipartimento regionale Politiche Agricole Antonio Di Paolo, erano presenti i vertici dei quattro Gal selezionati: Gran Sasso-Velino, Abruzzo Italico-Alto Sangro, Terre pescaresi e Maiella Verde. "Credo molto nell'attività svolta dai Gal sul territorio - ha detto l'assessore Dino Pepe - poiché le azioni previste sono rivolte alla tutela e alla valorizzazione del paesaggio rurale, nonché al miglioramento dell'offerta di servizi per la collettività, generando così opportunità aggiuntive di occupazione e reddito". L'assessore Dino Pepe, nel suo intervento, ha ricordato poi che l'Abruzzo, grazie al contributo delle altre regioni, ha "ottenuto 46 milioni di euro in più dal Fondo di solidarietà, e una parte di queste risorse, circa 1,4 milioni di euro, sono state immediatamente rese disponibili con il secondo bando riservato ai Gal dei territori colpiti da maltempo e sisma

Leggi Tutto »

Crisi Halliburton, i sindacati chiedono l’accesso alla cassa integrazione ordinaria

Si e' concluso con la richiesta di accedere alla cassa integrazione ordinaria, formulata dai sindacati, l'incontro tenutosi tra i rappresentanti dei lavoratori e i vertici del gruppo Halliburton, dopo l'annuncio da parte della multinazionale del settore degli idrocarburi dell'apertura delle procedure di mobilita' per 30 dipendenti della sede di Ortona. "La controparte ha storto un po' il naso, ma si e' riservata di valutare la nostra richiesta in vista del prossimo incontro che si terra' il 6 settembre" spiega Carlo Petaccia, segretario generale Filctem Cgil Chieti, che ha preso parte all'incontro insieme agli altri delegati sindacali, alla responsabile del personale della Halliburton, Federica Frazzini, al consulente del lavoro Paolo Rabottini e all'avvocato Laura Lucchesi. "Abbiamo esposto le nostre ragioni, spiegando che le condizioni del passato non ci sono piu' e che oggi non e' semplice per chi perde il lavoro trovare delle alternative o delle nuove opportunita' di impiego" ha aggiunto Petaccia. L'azienda ha invece ribadito le motivazioni alla base dei 30 esuberi, legate alla crisi del settore e alla "necessita' di dare vita a una ristrutturazione su scala globale". I sindacati attenderanno il 6 settembre per valutare le mosse successive. "Ci auguriamo che la nostra proposta venga accettata - conclude Petaccia - In caso contrario prenderemo in considerazione nuove iniziative, probabilmente apriremo una procedura di raffreddamento, anche se le forme di protesta nel settore degli idrocarburi sono disciplinate in maniera molto rigida". 

Leggi Tutto »

Aeroporto d’Abruzzo, a luglio 73mila passeggeri, +27,6%¬†

In crescita anche a luglio i passeggeri dell'aeroporto d'Abruzzo: sono stati 73.412, con una crescita di 15.887 unita', +27,6% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Nei primi sette mesi del 2017 i passeggeri sono stati 380.779, con una incremento del 12,9%. La Saga, societa' di gestione dello scalo, sottolinea che a trainare la crescita di luglio sono stati soprattutto i passeggeri su voli internazionali che registrano un significativo trend positivo rispetto al precedente anno, grazie anche all'avvio ad aprile delle nuove destinazioni Ryanair per Copenaghen e Cracovia. Nella classifica delle destinazioni preferite si segnala il forte aumento di Barcellona, Londra e Francoforte. Anche la rotta su Bucarest della Wizzair registra un significativo andamento. Contribuiscono al risultato positivo anche i voli MistralAir per Sicilia e Sardegna. I successi, sottolinea la societa', sono stati ottenuti "nonostante il forte ridimensionamento dell'impegno economico da parte della Regione Abruzzo". "Infatti - si legge in una nota - il sostegno finanziario della Regione nel periodo 2010-2014 e' stato in media di circa 5,2 milioni di euro l'anno, con un contributo per passeggero di 9,75 euro. Nel triennio 2015-2017, invece, il contributo medio annuo si e' ridotto a meno di 3,2 milioni, con un contributo per passeggero che a fine anno sara' pari a circa 5 euro, con un quasi dimezzamento rispetto a quello del precedente quinquennio".

Leggi Tutto »

Nuovo Cda della DMC Terre del Piacere

L'assemblea dei soci della DMC Terre del Piacere Scarl. ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione, che rimarrà in carica fino all’approvazione del bilancio relativo all’esercizio 2019, nelle persone di Elena Petruzzi (presidente) e Eva Miccoli (vicepresidente), Patrizia Perseo, Sonia Di Naccio e Daniela Renisi.

Cinque donne, scelte esclusivamente per merito e competenze, ognuna coinvolta in prima linea nelle rispettive attività, che dedicheranno parte del loro tempo per coordinare le attività del Consorzio.

La DMC Terre del Piacere copre 45 Comuni della Provincia di Pescara e Chieti e nel suo complesso si occupa delle aree montane, collinari e marine del territorio abruzzese.

«La speranza è quella di incidere sulle politiche del turismo della regione Abruzzo lavorando come interlocutori tra gli operatori privati e quelli pubblici, coinvolgendo coloro che operano sul territorio con una strategia di sviluppo condivisa». Sono le parole della neoeletta presidente Elena Petruzzi, proprietaria della struttura Villa Maria di Francavilla al Mare.

Condivide il suo pensiero l’avvocato Eva Miccoli, ex assessore alle attività produttive del Comune di Guardiagrele. «Solamente condividendo gli stessi obiettivi e utilizzando strumenti validi, si ottengono risultati visibili sul territorio intero». Questo il suo obiettivo come vice – presidente.

Patrizia Perseo gestisce il B&B Casa Milà e un ristorante a Pretoro, oltre ad un impianto sciistico a Passo Lanciano da più di 10 anni. «Negli anni, - afferma la Perseo – la situazione è stata stazionaria ed è arrivato il momento di risvegliarsi da un periodo di stasi e immobilismo degli operatori e delle istituzioni pubbliche».

Sonia Di Naccio si occupa delle politiche del lavoro presso la Confesercenti ed è presidente del Comitato imprenditoriale femminile della Camera di Commercio. «È necessario un coordinamento sul territorio e una implementazione delle attività che siano strumenti turistici adatti».

Daniela Renisi, presidente dell'associazione degli albergatori di Montesilvano “AlberghiaMo” e presidente di Federalberghi Giovani per la Provincia di Pescara conclude: «La sfida che si vuole lanciare è quella di stimolare l'imprenditoria locale in modo da trasformarla in una vera e autentica protagonista del sistema turistico dove il fare rete sia opportunità concreta per uno sviluppo coerente e competitivo del nostro Abruzzo».

 

Leggi Tutto »