Sport

Roseto, presentata la 32ma edizione di ‘Sport per la Vita’

 E’ ormai un appuntamento fondamentale per lo sport in Abruzzo e per la solidarietà e richiama, ogni anno, migliaia di appassionati da tutta Italia. E’ la manifestazione Sport per la vita, presentata ieri nella sala consiliare del Comune di Roseto degli Abruzzi.

L’appuntamento con il 32° Gran galà internazionale di pattinaggio spettacolo è in programma sabato 25 febbraio alle 20,30 al PalaMaggetti di Roseto.

A fare gli onori di casa il sindaco di Roseto degli Abruzzi, Sabatino Di Girolamo, il delegato allo  Sport, Marco Angelini, l’assessore alle Politiche sociali, Luciana di Bartolomeo, l’assessore alla Cultura e al Turismo, Carmelita Bruscia, l’assessore al Bilancio, Antonio Frattari, la presidente del Consiglio comunale, Teresa Ginoble. In veste di vicepresidente della Provincia di Teramo, oltre che consigliere comunale di Roseto, Mario Nugnes. Gli organizzatori, guidati dal presidente del comitato organizzatore Maria Luisa D’Elpidio, erano accompagnati da Mariacristina Marini della società di pattinaggio “La Paranza” di Roseto degli Abruzzi, dalle allenatrici del collettivo “Sport per la Vita”, Annalisa D’Elpidio e Pina Di Martini, dal rappresentante  dell’Unitalsi Abruzzo, Dante D’Elpidio, dal responsabile dell’Unità operativa di radiologia dell’ospedale di Atri Fabrizio Capone, dal vice presidente della Lega regionale Fibrosi cistica Abruzzo, Domenico Sfredda , dal presidente del Coni provinciale di Teramo, Italo Canaletti, e ancora da Alberto Carulli, Uisp Abruzzo, Lina Esposito, Uisp pattinaggio, Pasquale Volpe, Fiph (Federazione italiana pattinaggio e hockey).

 

Tutti gli intervenuti hanno sottolineato il meritorio compito svolto da una manifestazione che, nel nome della compianta Licia Giunco, riesce a coniugare impegno e allegria, attenzione a temi sociali e allo sport a livelli mondiali.

Come ogni anno, infatti, saranno ospiti del parterre del PalaMaggetti atleti di livello internazionale, campioni di pattinaggio a rotelle tra i quali Debora Sbei (vice campionessa del mondo 2016). Ospite d’onore il tenore Piero Mazzocchetti.

La rosa d’argento, premio Sport e Cultura per la solidarietà sarà consegnata alla polisportiva Amicacci di Giulianova.

 

“L’incasso, come sempre, sarà interamente devoluto per scopi benefici alla Lega regionale Fibrosi cistica dell’ospedale di Atri”, ha sottolineato la presidente Maria Luisa D’Elpidio, “La Lega è diretta dal dottor Moretti che ci ha sempre manifestato la sua gratitudine per i fondi che riusciamo a donare ma, soprattutto, per la visibilità che riusciamo a garantire loro. L’importante è che di queste malattie se ne parli in modo da sensibilizzare l’opinione pubblica e l’attenzione delle istituzioni. L’Abruzzo era una delle quattro regioni in Italia che non aveva lo screening neonatale e siamo riusciti anche in questo. Abbiamo dato un piccolo apporto ma siamo felici per il risultato ottenuto”.

 

“Sono particolarmente felice perché Sport per la vita è stata la prima manifestazione che mi ha visto in campo come politico”, ha aggiunto il primo cittadino Sabatino Di Girolamo, “nel 2001, appena nominato vice sindaco. E’ con ulteriore soddisfazione, dunque, che quest’anno parteciperò alla 32a edizione come sindaco a una iniziativa che porta lustro e orgoglio alla nostra città”.

 

Leggi Tutto »

Zeman: Spero che la squadra riesca a seguirmi e a fare calcio

"Sono tornato perche' devo qualcosa al Pescara e spero che la squadra mi riesca a seguire e a giocare al calcio. Non voglio che questa squadra chiuda la stagione come la peggior squadra d'Europa. Vogliamo cercare di fare qualcosa di buono". Queste le prime parole di Zdenek Zeman nel corso della presentazione ufficiale da tecnico del Pescara. "Il ds Pavone - ha detto il presidente Daniele Sebastiani - ha chiamato il mister e quindi ci siamo incontrati. Ci abbiamo messo un minuto e mezzo per trovare l'accordo".

"Spero che la squadra riesca a seguirmi e a fare calcio, dobbiamo fare qualcosa in termini di punti. Ci sono 14 partite da giocare, e penso al presente ma anche al futuro. La salvezza e' difficile. Sono venuto a Pescara per lavorare, ci dobbiamo provare cercando di fare il meglio possibile", dice Zeman. E sui suoi detrattori: "I miei nemici dicono che sono finito? Lo devono dire per forza, anche per la mia eta'". Una battuta spetta anche al presidente Daniele Sebastiani: "Dobbiamo lavorare, ma spero che i giocatori non diventino troppo bravi perche' poi il presidente me li vende". Poi un giudizio sul materiale tecnico a disposizione: "Questa squadra puo' competere anche se la classifica dice una cosa diversa. Oddo? Non l'ho sentito. Ci sono stagioni che vanno bene e altre no. Lui non ha certo finito di allenare. Ai tifosi dico che la situazione e' brutta e loro non sono contenti, spero pero' ci daranno una mano durante la partita".

Leggi Tutto »

Zdenek Zeman torna a Pescara

 "Speriamo vada tutto bene. Se così sarà, domani, dopo l'allenamento parleremo". Zdenek Zeman è arrivato questo pomeriggio al centro sportivo Poggio degli Ulivi di Marina di Città Sant'Angelo, dove di allena il Pescara, in compagnia del presidente Daniele Sebastiani e dei due direttori Peppino Pavone e Luca Leone. Il tecnico Boemo ha prima pranzato con il presidente, poi ha voluto incontrare la squadra. Manca soltanto l'ufficialità del ritorno del boemo sulla panchina biancazzurra ma Zeman è il nuovo allenatore del Delfino. La seduta di allenamento di oggi sarà svolta a porte aperte e ancora è da capire se sarà guidata da Zeman o da Zauri. 

*********

Zdenek Zeman torna a Pescara. Il tecnico boemo ha accettato la proposta del club biancazzurro e oggi sarà in città. "Zeman ha assolutamente accettato la nostra proposta. Oggi sarà a Pescara", ha detto il numero uno del club abruzzese, Daniele Sebastiani. L'allenatore dovrebbe firmare un contratto fino al 2018.

Il contratto di Zeman dovrebbe aggirarsi sui 400 mila euro, con scadenza 30 giugno 2018. Grande fermento in citta' fra i tifosi. Oggi tra l'altro, dopo due mesi di allenamenti a porte chiuse, la seduta dei biancazzurri sara' aperta al pubblico per l'amichevole che la squadra giochera' contro gli Allievi. Zeman e' stato protagonista nella stagione 2011-2012 di una storica promozione in A

Leggi Tutto »

Pescara, Zeman a pranzo con Sebastiani

"Se c'è la possibilità di tornare ad allenare il Pescara? Tutto può succedere... non mi sbilancio perché ora non c'è da sbilanciarsi". Così Zdenek Zeman sulle voci di un possibile ritorno sulla panchina del Pescara. L'allenatore boemo è infatti dato per favorito per prendere il posto di Massimo Oddo, esonerato ieri dal presidente Sebastiani. Intercettato dal sito calciomercato.it, Zeman ha scherzato: "Se ho accettato la proposta? La proposta era di mangiare e l'ho accettata. I rapporti con Sebastiani sono come sempre".

Leggi Tutto »

Pescara, gli ultrà disertano lo stadio per protesta

I Pescara Rangers club ultra' dei tifosi del Pescara contestano apertamente societa' e squadra del Pescara, a poche ore dalla conferma sulla panchina biancazzurra di Massimo Oddo, annunciando che da domenica prossima diserteranno lo stadio Adriatico e il settore loro riservato della curva Marco Mazza. "A partire da domenica prossima in occasione di Pescara-Genoa e fino alla fine del campionato, Noi Pescara Rangers non entreremo in Curva Nord. Vi lasceremo soli con la vostra vergogna. Tuteleremo - si legge nel comunicato diramato questa mattina - i nostri 40 anni di storia e per farlo abbiamo deciso di prendere le distanze da tutti voi, dai dirigenti fino all'ultimo dei massaggiatori; da voi che non avete il minimo diritto di rappresentare i nostri colori ed il nostro simbolo. Saremo presenti soltanto in trasferta, per noi stessi, per la nostra citta' e per la nostra maglia".

Leggi Tutto »

Ennesimo colpo di scena a Pescara, esonerato Massimo Oddo

Ennesimo colpo di scena nel Pescara che esonera Massimo Oddo. Ieri sera lo stesso club aveva confermato il tecnico sulla panchina e oggi comunica di essere arrivato "a malincuore alla decisione di sollevare l'allenatore dalla guida tecnica biancazzurra insieme al suo secondo Marcello Donatelli, con la speranza che questo ulteriore sacrificio possa responsabilizzare l'attuale gruppo di calciatori affinche' non si ripetano mai piu' prestazioni come quelle offerte".

"La Delfino Pescara 1936 dopo i confronti avvenuti nella giornata di ieri, ed un ulteriore confronto svolto quest'oggi tra il presidente Daniele Sebastiani il tecnico Massimo Oddo alla presenza del direttore sportivo Luca Leone - si legge nella nota del club -, giunge a malincuore alla decisione di sollevare l'allenatore dalla guida tecnica biancazzurra insieme al suo secondo Marcello Donatelli, con la speranza che questo ulteriore sacrificio possa responsabilizzare l'attuale gruppo di calciatori affinche' non si ripetano mai piu' prestazioni come quelle offerte. La societa' ringrazia il tecnico Massimo Oddo. Al momento la squadra segue il percorso di allenamento come da programma sotto la guida di Luciano Zauri. Nelle prossime ore la societa' rendera' note le proprie decisioni in merito alla guida tecnica".

Il saluto di Oddo

"Il calcio spesso regala grandi gioie, momenti indimenticabili e intense emozioni. Un mix di sentimenti che ci porta ad amare questo sport e a viverlo con grande passione. In questi anni a Pescara ho avuto la fortuna di vivere tutto questo. Di gioire con la mia città, con la mia gente, ma anche di soffrire con loro". Così Massimo Oddo in un lungo post su Instagram dopo l'esonero da allenatore del Pescara deciso dal presidente Sebastiani. "Un percorso bellissimo iniziato con una promozione sfiorata, proseguito poi con una stagione straordinaria - ha ricordato - che ci ha portato meritatamente in Serie A, a confrontarci con grandi realtà e grandi squadre. Un percorso che termina oggi, dopo mesi difficili, durante i quali avrei voluto fortemente aiutare questa squadra a raggiungere l'obiettivo prefissato"

"Non ci sono riuscito e per questo chiedo scusa alla Città e ai pescaresi che, nonostante tutto, non hanno mai fatto mancare il proprio sostegno alla Squadra", scrive ancora Oddo. "Voglio ringraziare di cuore il mio Staff, tutti i giocatori con i quali ho condiviso questa avventura - prosegue - e tutte le persone che lavorano con grande professionalità e dedizione ogni giorno all'interno del Pescara Calcio. Infine voglio ringraziare il presidente Sebastiani per avermi dato la possibilità di iniziare una nuova carriera, quella di allenatore, ma soprattutto per avermi regalato la gioia immensa di guidare la mia squadra del cuore. Con affetto Max Oddo e sempre forza Pescara", conclude Oddo.

Leggi Tutto »

Oddo resta alla guida del Pescara

Colpo di scena in casa Pescara: Massimo Oddo resta l'allenatore dei biancazzurri. L'ufficialita' e' arrivata in serata. "Dopo una lunghissima giornata fatta di confronti e valutazioni, la Delfino Pescara 1936 con decisione unisona - si legge sul sito del club - prosegue con la guida tecnica affidata a Massimo Oddo e il suo staff di lavoro. Domani ore 14:30 ripresa degli allenamenti a porte chiuse presso il centro sportivo della Delfino Pescara 1936 'Poggio degli Ulivi'". Niente dimissioni o esonero per Oddo che guidera' il Pescara nella gara di domenica con il Genoa. Ieri dopo il ko di Torino si era fatta precaria la posizione del tecnico che invece resta sulla panchina biancazzurra

Leggi Tutto »

Premio Prisco, in lizza Dybala, Belotti e Bernardeschi

Ufficializzate questa mattina a Bolognano, dalla Giuria del Premio Prisco le terne per l'edizione 2017 della manifestazione che si celebra a Chieti per ricordare lo storico dirigente dell'Inter. Dirigenti di societa': Antonio Percassi (Atalanta), Maurizio Stirpe (Frosinone), Maurizio Setti (Hellas Verona). Allenatori: Gian Piero Gasperini (Atalanta), Rolando Maran (Chievo), Simone Inzaghi (Lazio). Calciatori: Paulo Dybala (Juventus), Andrea Belotti (Torino), Federico Bernardeschi (Fiorentina). Queste le decisioni della commissione presieduta da Sergio Zavoli e composta dai giornalisti Italo Cucci, Gianni Mura, Gian Paolo Ormezzano, Marco Civoli, Franco Zappacosta e Ilaria D'Amico e dall'imprenditore Marcello Zaccagnini, presidente del Comitato organizzatore "Giuseppe Prisco", e che si e' riunita stamani a Bolognano, presso l'Azienda Agricola Zaccagnini" dove l'indimenticabile compianto ex vice presidente dell'Inter era solito recarsi in occasione dei suoi frequenti viaggi in Abruzzo. La Giuria ha anche selezionato la terna del Premio Speciale di Giornalismo "Nando Martellini": Riccardo Maria Cucchi (RadioRai), Massimiliano Castellani (Avvenire), Angelo Carotenuto (la Repubblica). Ai vincitori, che saranno proclamati nelle prossime settimane, verra' conferita una prestigiosa creazione artistica appositamente realizzata dal pittore, scultore e incisore Maestro Mimmo Paladino, nel corso di una cerimonia che si svolgera' lunedi' 22 maggio 2017, alle ore 11, presso il Teatro Marrucino di Chieti.

Leggi Tutto »

Sebastiani “Parlero’ con Oddo, non e’ in discussione”

LUNEDÌ 13 FEBBRAIO 2017 15.29.34

"Oddo non e' in discussione da parte della societa', sono voci dettate dal momento e quello che succede lo vedremo nelle prossime ore assieme al mister". Daniele Sebastiani, presidente del Pescara, non conferma le dimissioni del tecnico e anzi non esclude di andare avanti ancora con lui nonostante l'ultimo posto in classifica e la brutta sconfitta di ieri col Torino. "Ho voluto parlare stamattina con la squadra e capire da vicino, senza la presenza del mister, se ci fosse qualcosa che non andava ma tutti quanti hanno fatto mea culpa e si sono presi la responsabilita' di cercare di dare di piu' al di la' dei limiti. I ragazzi hanno confermato il loro massimo impegno, forse si entra in campo con un po' troppo timore e si deve migliorare in questo perche' mancano 14 partite e alla dignita' non si puo' rinunciare - ha aggiunto Sebastiani - Ne' la tifoseria ne' noi ci divertiamo ad andare in giro a fare queste brutte figure, non possiamo fare prestazioni di questo tipo". 

Leggi Tutto »

Pescara ennesima sconfitta, il Torino vince 5-3

Con un sonoro 5-3, un Toro esaltante travolge letteralmente il Pescara di Oddo, che non appare mai in condizione di colpire gli avversari, fatta eccezione per gli ultimi minuti di gioco. Il punteggio non deve ingannare perché sul 5-0 i padroni di casa hanno rallentato senza perdere però mai il controllo del match. Inizio tutto di marca granata con i ragazzi di Mihajlovic che, dopo appena due giri di lancette, si portano in vantaggio con Iago Falque che, servito in piena area da Benassi con un colpo di testa, stoppa il pallone e a pochi passi dalla linea di porta batte facilmente Bizzarri appoggiando il pallone in rete. La batosta subita a freddo manda in tilt l'undici abruzzese che inerme davanti al forcing offensivo torinista cede nuovamente al 9': sugli sviluppi di un calcio di punizione, Belotti fa da torre spedendo il pallone in piena area e dopo una mischia, condita da una serie di batti e ribatti, Ajeti si avventa sul pallone segnando la rete del 2-0 con una conclusione di potenza da distanza ravvicinata. La disarmante differenza tecnico-tattica tra le due squadre costringe il Pescara a subire clamorosamente la manovra dei piemontesi che in pieno controllo della gara, al 15', segnano il 3-0 con Belotti. In contropiede, l'ex palermitano si innesca, dalla linea di centrocampo, palla al piede, battendo con una precisa conclusione dal limite dell'area Bizzarri che in tuffo non riesce a intercettare il destro rasoterra del 'Gallo'.

L'undici di casa non molla la presa, mentre gli ospiti alle corde e in attesa della fine del primo tempo si lasciano travolgere dall'aggressivita' degli avversari che, tra il 18' e il 21', vanno vicini al quarto gol prima con Ljajic e poi con Ajeti ma e' bravo Bizzarri a respingere ed evitare la rete. Spinti dall'orgoglio, gli abruzzesi provano a riorganizzarsi e, al 34', Brugman crossa dalla sinistra per Caprari che da distanza ravvicinata batte a colpo sicuro ma Hart, mai chiamato in causa fino a quel momento, si esalta negando la rete con un intervento di puro istinto in tuffo. Poco prima della fine dei primi 45 minuti di gara, Caprari serve Benali che insacca senza alcun problema ma l'arbitro Maresca ferma tutto per la posizione di fuorigioco del pescarese. Al ritorno dagli spogliatoi, il Toro riprende da dove aveva lasciato barricando il Pescara nella propria meta' campo, ormai rassegnato alla sconfitta, e all'8' Ljajic firma il poker, dopo essere entrato in area, con una conclusione dalla sinistra che trae in inganno Bizzarri, che si lascia passare il pallone tra le braccia. Come una schiacciasassi la squadra granata, in piena trans agonistica, continua a macinare gioco e occasioni da gol annichilendo gli abruzzesi che al 16' capitolano nuovamente: dalla destra, Iago Falque crossa indisturbato per la testa di Belotti che colpisce bene prendendo in controtempo Bizzarri che non riesce a evitare la quinta rete dei padroni di casa. La squadra di Oddo tenta di chiudere con dignita' la gara e, al 28', Zampano in percussione solitaria sulla destra crossa basso al centro dell'area e Ajeti, nel tentativo di anticipare Benali, spedisce goffamente in rete il pallone segnando il piu' classico degli autogol. Il gol messo a segno infonde coraggio agli abruzzesi che due minuti dopo fanno nuovamente male ai padroni di casa: Memushaj crossa e trova Caprari che tocca per Benali che in area piccola batte Hart con un sinistro imprendibile per il momentaneo 5-2. I minuti finali della partita sono tutti per la squadra di Oddo che, al 38', sospinta dal momento favorevole, si riversa in area avversaria e sugli sviluppi di un corner Benali beffa con un velenoso diagonale ancora una volta Hart, che non puo' nulla per impedire la rete del 5-3 che chiude di fatto la partita. 

Leggi Tutto »