Sport

Finisce in parita’ lo scontro diretto tra Pescara e Palermo

Finisce in parita' lo scontro diretto per la salvezza contro il Pescara. I rosanero cancellano solo in parte la "maledizione" Barbera conquistando il primo punto dopo avere perso tutte le otto partite fin qui disputate. Finisce 1-1 grazie ai gol di Robin Quaison, al secondo centro consecutivo dopo quello di Genova, al quale replica in pieno recupero Biraghi su calcio di rigore La partita non e' bella, ma combattuta e sentita dalle due squadra, vista l'importanza della posta in palio. Il Palermo mostra la sua migliore condizione mentale dopo il successo al Ferraris e sfiora il secondo successo consecutivo. Un pareggio che serve al Palermo per fare un piccolo passo e portarsi a quattro punti dall'Empoli che affrontera' alla ripresa il 7 gennaio. Gli abruzzesi, restano ultimi con nove punti. Corini conferma il 3-4-2-1 con il rentro di Gonzalez tra i tre centrali difensivi; confermato il duo Jajalo-Gazzi in mezzo al campo; in avanti torna titolare Diamanti nel ruolo di trequartista accanto a Quaison e a supporto di Nestorovski. Stesso modulo per Oddo che deve fare a meno di Manaj, alle prese con una sindrome influenzale; out anche gli ex Pepe e Verre, il primo infortunato e il secondo per squalifica; in attacco Pettinari affiancato da Caprari e Benali. Il Palermo mantiene possesso palla e prova a velocizzare la manovra, ma trova difficolta' a penetrare in area avversaria. Il Pescara non sta a guardare e al 13' Memushaj raccoglie una corta respinta di Gonzalez e ci prova con un tiro potente che finisce altissimo. Al 23' il primo tiro dei padroni di casa verso lo specchio della porta, conclusione di Jajalo un po' troppo debole per impensierire Bizzarri, buona l'intenzione. Al 34' il Palermo passa in vantaggio: dai piedi di Diamanti nasce l'assist per Quaison che avanza centralmente, elude i difensori avversari e con un destro potente infila il pallone sotto la traversa. Non succede altro fino al termine del primo tempo che si chiude sull'1-0. Nessun cambio ad inizio ripresa. La partita si mantiene equilibrata, combattuta e con pochissime occasioni da rete. Al 16' Diamanti lascia il posto a Bruno Henrique. Il Pescara ora prova a fare la partita e avanza il baricentro. Al 21' e' pero' il Palermo a sfiorare il raddoppio: angolo dalla destra di Bruno Henrique e stacco di testa di Nestorovski che finisce di pochissimo a lato. Il Pescara inserisce due ex: al 22' Brugman per Bruno e al 31' Cristante per Campagnaro, oltre a Zuparic al 33' per Gyomber. Nel Palermo al 33' Chochev prende il posto di Jajalo e al 38' Trajkovski per Quaison. Al 44' gol annullato al Pescara: angolo da sinistra, sponda per Fornasier che insacca sul secondo palo; segnalato il fuorigioco. Al 47' rigore per il Pescara per il fallo di Gonzalez su Caprari; Biraghi dal dischetto spiazza Posavec. Il Palermo subisce il colpo e rischia di capitolare al 49' quando Posavec compie il miracolo su una conclusione ravvicinata di Memushaj. 

Leggi Tutto »

Pescara, Aquilani pronto a rescindere il contratto

Scoppia il caso Aquilani in casa Pescara alla vigilia della delicatissima gara di domani sera a Palermo. Il 32enne centrocampista non e' infatti stato convocato per la sfida con i rosanero per scelta tecnica. Nelle prossime ore arrivera' la rescissione contrattuale fra l'atleta e il Pescara. L'ex giocatore di Roma e Fiorentina ha giocato la sua ultima gara in ordine di tempo con i biancazzurri due settimane fa a Crotone quando fu espulso. Non convocato anche l'attaccante albanese Rey Manaj colpito da un leggero stato febbrile. L'attaccante e' pero' destinato a tornare a breve all'Inter. Nel Pescara e' gia' iniziata la rivoluzione di gennaio.

Leggi Tutto »

Il Pescara prepara la sfida col Palermo

 Prosegue la preparazione del Pescara di Massimo Oddo, in ritiro a Roma in vista dello scontro diretto di giovedi' sera al Barbera di Palermo contro i rosanero di Corini. In mattinata palestra e poi campo con una seduta tattica di allenamento su palle inattive. Nel pomeriggio ancora tattica e partitella a mezzo campo, sul finale tiri in porta e terapie. Stop per Simone Pepe, Jean Christophe Bahebeck, Alexandru Mitrita, che proseguono il loro personale percorso riabilitativo. Domani previsto allenamento al mattino, a seguire pranzo e partenza in volo charter alla volta di Palermo.

Leggi Tutto »

Il Pescara crolla in casa contro il Bologna

Un Bologna corsaro espugna l''Adriatico' e spazza via il Pescara di Oddo con una prestazione esaltante e vinta con merito grazie alle reti messe a segno da Masina, Dzemaili e Krejci. Per gli abruzzesi ennesima sconfitta stagionale e una classifica impietosa.Partita bella e giocata a viso aperto da entrambe le squadre con il Bologna che, dopo un inizio caratterizzato da un ottimo pressing, al 6', va vicinissimo alla rete del vantaggio: Krejci tenta il cross per Destro posizionato al centro dell'area ma Biraghi nel tentativo di anticipare il bomber bolognese colpisce col tacco il pallone rischiando il clamoroso autogol. Sugli sviluppi del corner, Viviani imbecca sul secondo palo Masina che di testa non lascia nessuna possibilita' a Bizzarri segnando la rete dello 0-1. I padroni di casa provano a scuotersi di dosso il torpore provocato dallo svantaggio alzando visibilmente ritmo e baricentro di gioco, ma il Bologna e' bravo ad assorbire la foga offensiva degli abruzzesi che, al 16', restano in dieci per l'espulsione diretta di Verre per un brutto fallo a meta' campo su Mounier. La squadra di Donadoni prova ad approfittare della superiorita' numerica e, al 19', dopo una bella azione corale, Mounier crossa basso per Destro ma l'ex Roma da pochi passi incredibilmente non trova la porta. Il forcing del Bologna diventa di minuto in minuto piu' intenso  e, al 26', dai 25 metri, Masina lascia partire una conclusione potentissima che non trova la rete solo grazie al grande intervento di Bizzarri che con i pugni devia il pallone. In grande difficolta', il Pescara prova a rispondere alle iniziative offensive degli avversari ma l'undici di Donadoni, al 41', trova la rete del doppio vantaggio: Dzemaili, in proposizione offensiva, dal limite dell'area calcia verso la porta difesa da Bizzarri che, ingannato dalla deviazione di Gyomber, si vede scavalcato dal pallone che si insacca in rete per lo 0-2 che chiude la prima frazione di gara. Al ritorno in campo, il Bologna riprende a macinare gioco come nella prima frazione di gara e dopo una lunga fase di predominio assoluto, al 10', Destro si fionda su un pallone in area ma Crescenzi, nel tentativo di anticipare l'attaccante emiliano, lo atterra goffamente. Rocchi indica immediatamente il dischetto del calcio di rigore e dagli 11 metri si presenta Krejci che spiazza Bizzarri con una conclusione precisa per lo 0-3 che legittima la vittoria dei rossoblu' e che fa sprofondare psicologicamente la squadra di Oddo in vista dello scontro salvezza di giovedi' prossimo contro il Palermo.

Clima teso, a fine partita, negli spogliatoi dell'Adriatico. All'esterno dell'impianto si sentono i petardi esplosi dai tifosi di casa, che contestano la squadra. Oddo resta al suo posto, ma da domani il Pescara andra' in ritiro. "Sicuramente non me ne vado - spiega Oddo - Non so se la societa' voglia fare altre scelte, ma io ci mettero' la faccia fino alla fine, perche' sono il capo di questa squadra e un capo non abbandona mai la sua squadra". Per il tecnico del Pescara, il problema e' mentale. "In questo momento la paura la fa da padrona - dice l'allenatore -. Alla prima palla che cade in area hai talmente tanta paura di prendere gol che alla fine lo prendi, peraltro su meccanismi elementari sui quali hai lavorato tanto in settimana. Quando ci lavori tanto e sbagli - rimarca Oddo - non puo' che essere una questione di testa". Per uscirne, a giudizio dell'allenatore, occorre "un episodio positivo, che faccia scattare qualcosa nella testa dei giocatori". Poi Oddo dice la sua sulla contestazione dei tifosi: "In questo momento siamo soli, personalmente rispetto la contestazione, i fischi a fine gara ci stanno tutti, ma non capisco quando si crea un clima di tensione gia' all'inizio della partita". Soddisfatto il tecnico del Bologna, Roberto Donadoni, che tende la mano al collega. "Fare gol dopo sei minuti ci ha dato fiducia e coraggio, togliendo certezze agli avversari e poi l'espulsione ha complicato ulteriormente le cose per il Pescara - e' il commento di Donadoni -. In ogni caso sono contento, perche' abbiamo avuto fin dall'inizio un atteggiamento positivo e intraprendente, e non abbiamo mai concesso all'avversario di mettere in discussione il risultato"

Leggi Tutto »

Oddo: conta solo vincere

"E' una partita fra due squadre che hanno qualche problema. Il Bologna ha piu' punti di noi ma non credo sara' tranquillissimo. Noi giocheremo in casa e cercheremo di prendere i tre punti. Quello che conta domani e' la vittoria". Il tecnico del Pescara, Massimo Oddo, legge cosi' la sfida di domani con i felsinei, d'importanza assoluta per i biancazzurri che tornano in campo dopo il ko di Crotone e le contestazioni di lunedi' scorso dei tifosi nella serata della cena di Natale. "Dobbiamo cercare di essere sereni. Ho lavorato molto sulla testa dei ragazzi per far capire loro che abbiamo fatto diverse volte bene e se cosi' e' stato e perche' c'e' un lavoro dietro", ha aggiunto l'allenatore. "La vittoria e' la cura migliore per sbloccarci. E per fare questo c'e' bisogno di gente che vada in campo determinata e che non abbia paura di qualche fischio. Dobbiamo reagire dare una risposta del campo alle giuste critiche arrivate. Ho cercato di far capire ai ragazzi - ha spiegato ancora - che questa e' la normalita' del calcio. Siamo professionisti e quando i risultati non arrivano si possono prendere insulti e fischi, ed e' normale che sia cosi'". Poi il messaggio di speranza e fiducia: "Nulla e' compromesso perche' dietro le altre fanno pochi punti. Sarebbe da pazzi mollare e pensare di non farcela. Io continuo a credere in questo gruppo e in questa squadra, pur sapendo che ci sono dei limiti". Il Bologna? "Squadra che ha sempre fatto il 4-3-3. Non credo giocheranno una gara arrembante. A loro potrebbe andar bene anche non perdere per mantenere le distanze inalterate. Parliamo di una squadra esperta costruita per una salvezza piu' che tranquilla, ma che oggi puo' avere qualche difficolta'". Per la sfida con i felsinei Oddo dovra' rinunciare agli infortunati Pepe, Bahebeck e Mitrita. Out anche lo squalificato Aquilani. I tifosi che lunedi' scorso avevano aspramente contestato la squadra, sosterranno i biancazzurri, almeno nell'arco dei novanta minuti. 

Leggi Tutto »

Svelato il tracciato della Tirreno – Adriatico

 Sara' una Tirreno-Adriatico nel segno della solidarieta' e dell'impegno civile e sociale quella che partira' mercoledi' 8 marzo da Lido di Camaiore per concludersi martedi' 14 a San Benedetto del Tronto. L'edizione numero 52 della 'Corsa dei due Mari' (organizzata da Gazzetta dello Sport/RCS) scattera', come da tradizione recente, dalla cittadina in provincia di Lucca. Dopo la seconda tappa con arrivo a Pomarance (228 km) e il successivo trasferimento a Montalto di Castro (3/a tappa di 204 km), sabato 11 sara' la giornata clou con l'arrivo in salita sul Terminillo (Campoforogna, una tappa di 171 km), una tappa passata alla storia nel 2015 con l'arrivo sotto una bufera di neve. Il giorno successivo sara' la volta della Rieti-Fermo (209 km) con il gruppo che transitera' nelle zone terremotate di Amatrice, Accumoli e Pescara del Tronto

Leggi Tutto »

Allenamento a porte chiuse per il Pescara

Allenamento a porte chiuse oggi per i biancazzurri che al Poggio degli Ulivi stanno preparando la gara di domenica con il Bologna. La squadra di Massimo Oddo ha disputato una gara amichevole, superando per 6-0 l'Angolana Renato Curi (Eccellenza Abruzzo). Tripletta di Pettinari e gol di Memushaj, Caprari e Verre. Mitrita, Bahebeck e Pepe, infortunati, non hanno disputato l'amichevole. Con gli emiliani non ci sara' neanche Aquilani che e' squalificato. Anche domani e' sabato, per la rifinitura per-gara, allenamento a porte chiuse al centro sportivo Poggio degli Ulivi di Marina di Citta' Sant'Angelo.

Leggi Tutto »

Dichiarato il fallimento del Chieti calcio

Il Tribunale di Chieti ha dichiarato il fallimento della Chieti Calcio. A portare a tale decisione sono state le istanze di alcuni creditori per circa 80.000 euro. Il Tribunale ha nominato curatore fallimentare la commercialista Nicla Corvacchiola. La formazione del Chieti e' ultima con un solo punto in classifica nel campionato di serie D, girone F. "E' l'epilogo che ci si poteva aspettare - ha detto il sindaco Umberto Di Primio - dopo anni di scellerata gestione ma anche di totale abbandono da parte di chi in citta' poteva e non ha mai contribuito concretamente alle sorti economiche della Chieti calcio''

Leggi Tutto »

Il Pescara contestato dai tifosi

Clima molto teso questa sera al Porto Turistico di Pescara dove in occasione della cena di  Natale del Pescara Calcio, all'esterno della struttura si sono radunati un centinaio di ultra' biancazzurri che hanno esposto uno striscione con la scritta: "Vergognatevi". I tifosi, prima dell'arrivo della squadra, hanno parlato per alcuni minuti con il tecnico Massimo Oddo, giunto prima delle venti. Il Pescara, penultimo in classifica in serie A con otto punti, e' reduce dal ko di Crotone e da sei ko nelle ultime sette gare di campionato

Ci sono stati momenti di tensione, quando sono state accerchiate le auto dei calciatori, ci sono stati cori d'insulti per tutti e sono stati esplosi petardi e accesi fumogeni tra le vetture davanti all'ingresso. Ad un certo punto ci sono stati anche calci e pugni su qualche auto, poi pero' i tifosi sono stati fatti uscire dalla struttura del porto senza che si verificassero episodi di violenza.

Leggi Tutto »

Ciclismo, l’Abruzzo prepara lo sprint per i campionati italiani

Ore decisive per la scelta della sede dei Campionati Italiani di ciclismo. Il presidente del Matteotti e dell'Uc Fernando Perna auspica una decisione che non vada a penalizzare il centro-sud Italia. "Siamo fiduciosi, Pescara e l'Abruzzo hanno le carte in regola per ospitare nel 2017 i campionati italiani di ciclismo" ha detto il presidente dell'U.C. "Fernando Perna", Renato Ricci, in merito alla candidatura di Pescara a ospitare nel 2017 i tricolori di ciclismo professionistico. "Oggi stesso - ha aggiunto - inviero' una lettera al neo Ministro per lo sport, Luca Lotti, affinche' possa sostenere il ciclismo nelle nostre aree gia' penalizzate dal terremoto e dalla crisi economica". Il consiglio federale della FCI non ha assegnato la sede della prova. "Il presidente della Federciclismo, Renato Di Rocco, ha riconosciuto all'U.C. Fernando Perna qualita' organizzative e lui stesso, pubblicamente, in occasione dell'ultima edizione del Matteotti, ha promosso la candidatura dell'Abruzzo a ospitare i campionati italiani di ciclismo. Noi abbiamo fatto la nostra parte. Lo stesso presidente della Regione, Luciano D'Alfonso, e' pronto a compartecipare con atti concreti. Sarebbe infatti una stonatura senza precedenti assegnare ancora una volta le prove tricolori di ciclismo a una regione del nord, snobbando il meridione". "La Regione Abruzzo, in particolare l'assessore allo sport Silvio Paolucci - ha sottolineato Ricci - sostiene convintamente la nostra candidatura, compresi gli enti locali, pronti a dare il massimo per organizzare, dopo 20 anni, il campionato italiano per professionisti (l'ultima volta risale nel 1995, con la vittoria di Gianni Bugno). Anche il presidente della Lega Ciclismo, Enzo Ghigo - ha concluso Renato Ricci - dia pieno sostegno al movimento professionistico del centro-sud e non dia ascolto alle sirene: sostenga il Trofeo Matteotti che ha 70 anni di storia".


Leggi Tutto »