Politica

Teramo, l’ex sindaco Brucchi: mi sento tradito

 "Mi sento tradito, mi sento tradito in quello che ho dato a queste persone, da chi avrebbe dovuto e potuto fare un discorso diverso, perche' quando c'e' stato da mettere il nono assessore in particolare Silvio Antonini, il sindaco non ha detto no, e avrebbe potuto dire no, Brucchi c'e' stato, non ha detto una sola parola me lo ha chiesto Paolo Gatti, mi sono caricato sulle spalle la responsabilita'... pero' poi quando vedo e sento che qualcuno vuole fare Ponzio Pilato... allora non mi va piu' bene". C'e' il vicepresidente del Consiglio regionale Paolo Gatti, anche lui di Forza Italia, tra i principali bersagli della reazione dell'ex sindaco Maurizio Brucchi, nella sua prima uscita dopo la defenestrazione da palazzo di Citta'. L'ha fatta dagli schermi dell'emittente SuperJ, per criticare i cosiddetti leader del 'modello Teramo', e oltre a Gatti, anche Gianni Chiodi ("non si e' mai visto e quando ha parlato, due volte, lo ha fatto contro di me") e Mauro Di Dalmazio ("si e' defilato da subito, delegando al tavolo Giorgio Di Giovangiacomo, perche' aveva problemi interni alla sua lista civica e per non scegliere tra lui e Campana ha preferito uscire dalla maggioranza"). Sulle dimissioni, presentate e poi ritirate, Brucchi ha ricordato di averle ritirate perche' glielo avevano chiesto tutti, e che aveva anche valutato la candidatura a cui poi aveva rinunciato per espressa richiesta di Berlusconi che "vuole i sindaci sul pezzo, perche' conoscono il territorio e la gente e servono sul campo per la campagna elettorale". E ne ha anche per il presidente del Consiglio comunale, Milton Di Sabatino, "altra pagina triste di questa consiliatura. L'ho voluto io presidente del Consiglio contro tutto e contro tutti e lui lo ha fatto perche' l'ho voluto io. E quando volevano sfiduciarlo l'ha difeso Maurizio Brucchi, uno dei pochi. E che lui abbia fatto la scelta di andare via dalla mia lista mi ha fatto male ma fino a un certo punto. Quando ho visto la sua firma sul documento che mi chiedeva le dimissioni, beh... mi e' parso brutto, perche' credo che Brucchi non meritasse quella firma". Sui dissidenti Brucchi ha ricordato di averci lavorato ma che non li ha creati lui, bensi' proprio quella lista (Futuro In) che gli ha voltato le spalle e sul commissario in arrivo ha sottolineato che "da oggi non c'e' piu' un sindaco la gente capira' questo cosa significa e valutera'. quanti di quelli che oggi sono andati a firmare ieri parlavano contro l'ipotesi di un commissariamento, quanti...". E il fatto che il suo mandato sia stato caratterizzato da un alto numero di giunte, "le giunte ci sono state perche' qualcuno me le ha chieste e me le ha chieste con precise indicazioni". Brucchi saluta e ringrazia tutti ma tiene a precisare che la sua uscita e' stata decisa fuori dal consiglio perche' non c'e' una motivazione poiitica: "Non so e non ho capito quale sia stata la mia colpa? La colpa di aver portato soldi alla citta' per grandi opere, di quanto fatto per questa citta', anche da solo ultimamente?".

Leggi Tutto »

L’Aquila, ancora ferme 108 pratiche

Ad una ricognizione delle pratiche di ricostruzione relative alla cosiddetta "vecchia procedura" risultano ancora 108 posizioni ferme, per un importo di circa 100 milioni. Si tratta di provvedimenti bloccati per carenza di documentazione, nonostante siano gia' assegnatari del contributo massimo concedibile. "A partire da gennaio 2018 - spiega il sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi, che detiene anche la delega alla ricostruzione privata - sara' pubblicato l'elenco degli inadempienti e saranno concessi 90 giorni di tempo per ottemperare. In caso di inerzia si verra' avviato il provvedimento di revoca del contributo con conseguente archiviazione". In quest'ultimo caso si rendera' necessario riavviare il procedimento da capo con il modello parametrico. L'elenco e' disponibile presso il servizio ricostruzione privata del Comune, referente geometra Gianfranco Scirri

Leggi Tutto »

UDC, l’avvocato Berardo De Simplicio e’ il  nuovo coordinatore della  provincia di Teramo

Si è tenuto a Giulianova il Coordinamento provinciale dell’UDC di Teramo, presieduto dal Segretario regionale Enrico Di Giuseppantonio, per un’analisi della situazione politica e per mettere a punto le azioni da intraprendere in un territorio importante e strategico per l’Abruzzo. Nel corso dei lavori, l’avvocato Berardo De Simplicio è stato nominato alla carica di nuovo Coordinatore Provinciale del Teramo.

“Con la nomina dell’amico Berardo, abbiamo completato l’organizzazione del partito in tutte le province abruzzesi, ha affermato Di Giuseppantonio.L’Udc è una forza che è sempre stata un punto di riferimento in Abruzzo per le sue radici, per la sua cultura riformista, cattolica e liberale. Il nostro è un partito che è sempre stato connesso con la gente, in difesa della famiglia, della solidarietà, fatto di concretezza, di proposte, della nostra capacità di ascoltare e tramutare in azione le problematiche e le esigenze della nostra comunità”. Berardo De Simplicio, avvocato, di Sant’Egidio alla Vibrata, ha militato sin da giovane nella Democrazia Cristiana e successivamente nell’Udc nel quale, fino alla nomina al nuovo incarico, è stato membro del Comitato Provinciale. Oltre a svolgere la professione forense, è da sempre impegnato nel volontariato sociale. “Ritengo la mia nomina un punto di partenza per ricreare in tutti i centri della provincia teramana vicinanza e partecipazione all’Udc, soprattutto dei giovani. Il lavoro da fare è tanto ma solo con responsabilità, generosità,  unità d’intenti e di prospettive potremo essere all’altezza delle sfide a cui siamo chiamati. È tempo, per il nostro territorio, di fare un salto di qualità  guardando avanti con spirito di coesione ma sempre rimanendo fortemente ancorati al nostro bagaglio etico e culturale di matrice cattolica”. Il coordinamento provinciale di Teramo è composto attualmente da: Berardo De Simplicio, Antonio Lupi, Pierluigi Marziale, Abramo Micozzi, Primo Rosati, Vittorio Beltramba, Peppino Mancini, Filippo D’Agostino e Antonino Legato.

Leggi Tutto »

Giornata internazionale delle persone con disabilità, iniziano gli incontri a Palazzo Baldoni

I diritti umani, la dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, la convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità, il nuovo approccio integrato alla disabilità, la classificazione dell’altro, stereotipi, pregiudizi, barriere architettoniche e culturali. Questi i temi trattati nel primo degli incontri formativi organizzati dall’Amministrazione guidata dal sindaco Francesco Maragno, in occasione della Giornata Internazionale delle persone con disabilità. Questa mattina si è svolta la prima giornata dedicata ai temi della disabilità con gli studenti della terza media dell’Istituto comprensivo Troiano Delfico.

«Abbiamo voluto organizzare questa iniziativa -  afferma l’assessore alle politiche per la disabilità, Ottavio De Martinis – scegliendo proprio gli studenti, perché è su quanti rappresentano il futuro della nostra società che dobbiamo lavorare per abbattere le barriere culturali, prima ancora di quelle architettoniche». Il progetto, che coinvolge 150 studenti, si articola in due fasi: in quella teorica sono stati organizzati 3 incontri, nella Sala Di Giacomo di Palazzo Baldoni, che oltre a questa mattina, si terranno anche mercoledì 6 e giovedì 7 dicembre dalle 9 alle 13. La seconda fase vedrà, mercoledì 13 dicembre, i ragazzi impegnati in una prova empatica: salendo su 10 carrozzine messe a disposizione dalla ditta Orthosan, gli studenti toccheranno con mano le difficoltà che le persone con disabilità incontrano quotidianamente.

«Accetto sempre occasioni di questo genere  - ha affermato la dirigente scolastica Vincenza Medina -  perché spero costituiscano opportunità di crescita per gli studenti. Il progetto si articola in una serie di incontri teorico/pratici finalizzati a promuovere il dialogo sul diritto degli individui e a sensibilizzare gli alunni sui temi della pari dignità e sulla necessità di abbattere ogni tipo di barriera per porre in essere i cambiamenti necessari al miglioramento delle condizioni di vita delle persone con disabilità».

Presente all’incontro tenuto da Claudio Ferrante dell’Ufficio Disabili, anche Stefania Catalano dell’Ufficio Scolastico Provinciale che ha annunciato l’intenzione di portare questo progetto in tutte le scuole, soprattutto in quelle secondarie. «Quello che vi è stato fatto oggi -  ha detto rivolgendosi agli alunni – è un bellissimo regalo, uno spunto per iniziare un percorso di riflessione, per arrivare attraverso l’empatia a provare cosa vive l'altro. Questo diventerà un modus vivendi, una vostra proiezione verso l'altro».

Soddisfatto Claudio Ferrante che ha apprezzato l’attenzione posta dai ragazzi. «Questo Comune lavora da tempo -  ha affermato – in attività di sensibilizzazione con l’intento di aiutare soprattutto i giovani a capire le difficoltà che le persone con disabilità vivono ogni giorno, ma soprattutto le potenzialità che si possono cogliere dall’incontro con la diversità».

Leggi Tutto »

Fondi Ue, Tajani: in Italia manca la progettualità

C'e' molto da migliorare, manca progettualita', manca soprattutto in alcune regioni del Sud la capacita' di cofinanziare: bisogna compiere un salto in avanti e migliorare la qualita' anche dei progetti, la qualita' del lavoro nelle amministrazioni pubbliche ma anche fra i privati". Lo ha detto a L'Aquila a margine dell'evento finale del programma di cooperazione transfrontaliera IpaAdriatic, il Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, rispondendo a una domanda sulla scarsa capacita' dell'Italia di spendere i finanziamenti messi a disposizione dell'Unione Europea. 

"Il Parlamento Europeo ha approvato un documento che chiede alla Commissione di dare regole, perche' rischiamo di avere una bolla finanziaria e sappiamo quali sono i rischi e i danni che cio' provoca". Cosi' il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, a nel corso del suo intervento all'evento sul programma Ipa Adriatic. Secondo Tajani, "la politica deve avere il coraggio di fare delle scelte. Dobbiamo essere piu' coraggiosi sulla web tax, oltre che con il Bitcoin - ha aggiunto - l'obiettivo e' l'armonizzazione finanziaria, che significa dare un colpo forte a chi utilizza certi vantaggi non per il servizio ai cittadini, ma per raggiungere obiettivi non sempre leciti. Su questo fronte - ha sottolineato - e' importante anche il ruolo della Guardia di Finanza". 

 "C'e' stata un procedura di infrazione da parte dell'Italia, cerchero' di interessarmene, pero' e' una cosa che deve fare il Governo italiano, se non ci sono ricorsi in cui non si ottempera alle decisioni dell'Unione Europea, si rischia di avere una sanzione da parte della Corte di Giustizia. Comunque cerchero' di avere informazioni piu' dettagliate". Cosi' il Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, rispondendo alle domande dei giornalisti sul pagamento delle tasse sospese per il sima di 9 anni fa e ora richieste a professionisti, imprese e titolari di partiva Iva. "Ho incontrato il sindaco dell'Aquila, il presidente della Regione Abruzzo - ha aggiunto - che mi hanno sottoposto questo problema. Cerchero' di capire se si puo' fare qualcosa e come si puo' cercare di risolverlo. L'Europa comunque e' stata vicina a questa terra, ha erogato mezzo miliardo di euro per il terremoto dell'Aquila quindi cercheremo per fare in modo che l'Europa possa essere sempre amica di una terra cosi' profondamente ferita".

"Io faccio bene il Presidente del Parlamento Europeo, spero di poterlo continuare a fare bene sono contento di stare dove mi trovo". Cosi' Antonio Tajani ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano di un suo possibile impegno politico futuro da protagonista sulla scena italiana.

 

 

Leggi Tutto »

In Commissione Ambiente e Territorio si parla di economia circolare

La settimana  politica all’Emiciclo inizia martedì 5 dicembre alle ore 14.30 con la seduta della Commissione Ambiente e Territorio che esamina il progetto di legge “Norme a sostegno dell'economia circolare - Adeguamento del Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti (PRGR) “. Mercoledì 6 dicembre alle ore 10.00 è convocata la Commissione di Vigilanza che esamina i seguenti punti con una serie di audizioni : “Chiarimenti delibera di giunta 571 dell’ 11.10.2017 e Monitoraggio della spesa farmaceutica AIFA (Auditi: Angelo Muraglia- Direttore del Dipartimento per la Salute e il Welfare, Pasquale Flacco -Direttore Generale Asl 2, Rinaldo Tordera -Direttore Generale ASL 1, Armando Mancini-Direttore Generale Asl Pescara)”, “Atto Aziendale ASL 2 Lanciano Vasto Chieti (Auditi: Angelo Muraglia, Pasquale Flacco,)”,  “ASL Pescara – Stato di attuazione Servizio Ospedale di Popoli a seguito della moratoria per il cratere sismico (Auditi:Silvio Paolucci e Armando Mancini)", “Attività elisoccorso Ospedale Pescara  - utilizzo verricello-piazzola(Auditi: Angelo Muraglia ,  Armando Mancini , Giuseppe Gentile-Personale infermieristico elisoccorso ASL Pescara , Marco Battisti-Responsabile Commerciale)”, “Delibera di giunta numero 547 del 29 settembre 2017 – Chiarimenti (Auditi:Giuseppina Di Tella – Direttore Ater Lanciano, Emidio Primavera – Direttore Dipartimento OO.PP, Silvano Binchi – Dirigente del Servizio Edilizia Sociale, Stefania Valeri – Responsabile della Prevenzione Corruzione e Trasparenza)”. Sempre mercoledì 6 dicembre ma alle ore 12.00 si riunisce il Comitato per la Legislazione per l’esame dei seguenti progetti di legge: “Istituzione della bussola solidale”, “Promozione della partecipazione popolare alla programmazione e alle politiche regionali e locali. Il dibattito pubblico e altri istituti.” Verranno inoltre illustrati i report sull’attività del Comitato per la legislazione nella decima legislatura e gli esiti della missione valutativa sulla legge regionale numero 40 del 2012. In discussione anche il punto sugli “Obiettivi di miglioramento per il 2018”. La giornata di mercoledì prosegue con la Commissione  Agricoltura convocata 14.30 che esamina le seguenti iniziative legislative: “Misure a sostegno delle imprese e dell’occupazione sul territorio regionale e di contrasto alle delocalizzazioni produttive” (Audizioni: Presidente della Giunta regionale Luciano D’Alfonso, Vice Presidente della Giunta regionale Giovanni Lolli),  “Norme per la promozione e il sostegno delle Pro – Loco”, “Modifiche ed integrazioni alla L.R. 26 giugno 1997, n. 54 recante ordinamento della organizzazione turistica regionale”,  Modifica alla L.R. 28 aprile 2000, n.78 recante disciplina dell’esercizio saltuario di alloggio e prima colazione – Bed & Breakfast” ( Audizioni: Giancarlo Zappacosta - Direttore Dipartimento Turismo Giunta regionale) , “Modifica alla L. R. 9 agosto 2013, n. 23 (Norme per l’esercizio, la tutela e la valorizzazione dell’apicoltura nella Regione Abruzzo ed altre disposizioni normative” (Audizioni: Carmine Masoni - CIA Abruzzo; Filippo Fuorto - Presidente Ordine Medici Veterinari Provincia dell’Aquila),  “Norme per il sostegno dei gruppi di acquisto solidale (GAS) per la promozione dei prodotti agricoli da filiera corta, a chilometri zero, di qualità, delle reti di economia solidale (RES) e dei distretti di economia solidale (DES)”. Inoltre verrà discussa la situazione del CRUA (Consorzio di Ricerca Unico Abruzzo) riferita alla comunicazione di avvio delle procedure di licenziamento collettivo ai sensi degli articoli 4 e 24 della legge 223 del 23 luglio 1991. Per questo punto sono stati chiamati in audizione l’Assessore regionale Dino Pepe; Antonio Di Paolo - Direttore Dipartimento Politiche dello Sviluppo Rurale e della Pesca; Rocco Micucci Amministratore Unico CRUA; le Associazioni sindacali CGIL, CISL e UIL. Giovedì 7 dicembre alle ore 10.00 è in calendario la seduta della Commissione Salute che esamina il progetto di legge sul “Testo unico in materia di sport e impiantistica sportiva” con le audizioni dell’Assessore Silvio Paolucci e del Presidente del Coni Abruzzo, Enzo Imbastaro. A seguire verrà discussa la risoluzione a firma del Consigliere Pierpaolo Pietrucci sulla: “Chiusura del distaccamento di polizia stradale di Castel di Sangro e di Sulmona”. Si chiude giovedì 7 dicembre con la seduta straordinaria della Commissione Ambiente e Territorio alle ore 14.30 per l’esame del progetto di legge “Norme a sostegno dell'economia circolare - Adeguamento del Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti (PRGR)”

Leggi Tutto »

L’assessore Di Matteo: salvaguardare il distretto sanitario di Scafa 

L'assessore della Regione Abruzzo Donato Di Matteo ha partecipato oggi alla conferenza stampa sul Distretto Sanitario di Scafa, convocata dal sindaco Giancola, in cui e' emerso il concreto rischio di chiusura della struttura oggi ampliamente ridimensionata. Di Matteo ha espresso tutta la sua contrarieta' sull'attuale situazione in cui versa il distretto e ha ricordato il centro sanitario come modello virtuoso per i servizi offerti. "Il Distretto Sanitario di Scafa - spiega l'assessore regionale - e' una struttura che va salvaguardata, in passato e' stato esempio virtuoso di buona sanita' dalla parte del cittadino per Day Service (urologia, endocrinologia e malattie metaboliche, ostetricia e ginecologia) servizi e ambulatori specialisti. Oggi del Day Service non vi e' piu' traccia. A rischio pure l'odontoiatria sociale verso i soggetti piu' deboli, che non hanno la possibilita' di curarsi e tantomeno di poter fare una protesi dentale. Negli ultimi otto anni il distretto ha subito un'offerta decrescente per le scelte politiche che si sono susseguite. Difendiamo gli utenti del territorio e ripristiniamo servizi utili alla Val Pescara, una battaglia che intendo proseguire con determinazione unitamente ai sindaci e a tutti i colleghi regionali, che vorranno condividere la mia proposta per una sanita' pubblica di qualita'. Una battaglia non campanilistica, ma per la difesa di un modello appropriato per la strategia di riqualificazione dei servizi sanitari locali. L'indebolimento e il pericolo di chiusura del Distretto di Scafa metterebbe in crisi il piu' importante modello della nostra sanita', cavallo di battaglia da anni del centrosinistra regionale". 

Leggi Tutto »

Chieti, 11 milioni al progetto ‘Riqualific@teate’ 

La Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Comune di Chieti sottoscriveranno la convenzione per l'erogazione di 11 milioni di euro che saranno destinati agli interventi di riqualificazione urbana della citta' di Chieti inseriti nel progetto 'Riqualific@teate'. Lo ha annunciato nel corso di una conferenza stampa il sindaco di Chieti Umberto Di Primio, insieme agli assessori, e a un team di professionisti teatini formato dagli architetti Umberto Di Renzo, Augusto Capone, Gianfranco Scatigna, Maria Cicchitti, Annalisa Di Luzio e dall'ing. Maurizio Cantatore i quali, unitamente all'Ufficio tecnico del Comune, hanno redatto i progetti valutati positivamente dalla commissione tecnica e ammessi al finanziamento nell'ambito di un apposito bando ministeriale approvato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri il 25 maggio 2016. Fra gli interventi in programma figurano la riqualificazione architettonica di piazza San Giustino che verra' liberata dalle auto, il raddoppio del parcheggio del terminal bus dove 150 nuovi posti auto si aggiungeranno ai 130 esistenti, il potenziamento dei parcheggi all'interno dell'ex caserma Berardi, destinata a diventare cittadella della pubblica amministrazione nell'ambito di un progetto di 'Federal building' e la realizzazione di una palestra didattica e di un orto botanico nell'area della ex scuola Vicentini, edificio chiuso in seguito al terremoto del 2009 e che verra' abbattuto poiche' non e' adeguabile. "Gli interventi che andremo a realizzare non sono un 'progetto spot' per la nostra citta' ma una programmazione portata avanti fin dal 2010. Il programma Riqualific@teate - ha evidenziato Di Primio - avra' tempi stretti e controlli rigidi anche perche' tutto vedra' la luce in 3 anni. Nel 2018 partiranno la progettazione esecutiva e l'avvio delle procedure di gara, nel 2019 verranno effettuati i lavori che si concluderanno nel 2020. Stiamo per avviare una serie di gare che cambieranno il volto di questa citta'". 

Leggi Tutto »

Orlando: rimpianto per la scelta di Grasso

 "Una scelta legittima e prestigiosa, il rimpianto e' che questa personalita' sia messa a disposizione di un pezzo del centrosinistra e non di tutto il centrosinistra". Lo dice il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, parlando dell'annuncio del presidente del Senato, Pietro Grasso, di scendere in campo con una lista di sinistra alle prossime elezioni politiche. "Sarebbe stata sicuramente una delle figure sulle quali puntare per un centrosinistra nel suo insieme competitivo e non, invece, un centrosinistra che, diviso, rischia di piu'" ha aggiunto Orlando, oggi all'Aquila per la presentazione del libro di Michele Fina e Gianluca Lioni 'I grandi discorsi che hanno cambiato la storia', che ha preceduto una cena per sancire la nascita in Abruzzo della Fondazione Dems-Democrazia, Europa, Societa'.

 "Adesso facciamo le elezioni. Questo e' l'impegno e l'ossessione che dobbiamo avere quotidianamente". Lo dice il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, parlando degli equilibri interni al Partito democratico e dei rapporti tra i "renziani" e "orlandiani". "Non si tratta, in questo momento, di distinguere tra orlandiani e renziani - ha aggiunto - ma di mettere in campo le personalita' che sono in grado di parlare piu' complessivamente a un popolo di centrosinistra, in un ambito in cui la competizione e' diventata piu' stringente". Alla domanda se Renzi avrebbe potuto fare di piu' per allargare la coalizione, "non so", ha risposto, "adesso lavoriamo fino in fondo per vedere di portare a casa un quadro piu' favorevole possibile, poi faremo una valutazione quando sara' convocata la direzione per fare questo tipo di analisi". 

 "Abbiamo valutato insieme l'opportunita' che si prosegua il lavoro della commissione consiliare che si occupa di questo, il presidente Di Pangrazio ha indicato un percorso al quale ho detto che daremo la massima attenzione". Cosi' il ministro della Giustizia, Andrea Orlando commentando il recente incontro avuto con il presidente del Consiglio regionale d'Abruzzo, Giuseppe Di Pangrazio, che coordina una commissione per la salvaguardia dei tribunali minori abruzzesi, destinati a chiudere nel 2018. Secondo quanto annunciato, i lavori della commissione inizieranno presto con una prima riunione operativa forse gia' in settimana. 

Leggi Tutto »

Ettore Rosato a Teramo: la manovra sarà migliorata

 Il capogruppo del Pd Ettore Rosato, a Teramo per un incontro pubblico sulla legge elettorale, si e' soffermato sulla manovra finanziaria, che dopo aver passato il voto del Senato si appresta tornare alla Camera per la seconda lettura: "Sara' migliorata e penso a cosa si possa fare ancora, agli interventi soprattutto al settore del sociale, della sanita', dei servizi sociali, del lavoro, con tutte quelle misure che aiutino di piu' lo sviluppo e la crescita". Rosato ha poi ricordato che "oggi e' un giorno importante perche' entra in vigore appieno il reddito d'inclusione, una misura per noi importante: finalmente esiste una misura universale contro la poverta'. Credo che sia una delle riforme piu' importanti varate dal nostro governo; a gennaio - ha aggiunto Rosato - arriveranno anche le misure per i cittadini, sono milioni i cittadini che avranno una risposta organica e duratura".

Leggi Tutto »