Politica

Giorgia Meloni a Pescara accoglie Testa in Fratelli d’Italia

 "Abbiamo bisogno di una classe dirigente come questa, formata da persone che possono guardare negli occhi i cittadini, che per un determinato periodo si sono trovati senza un riferimento e che oggi, da una lista civica, tornano in un partito". Cosi' Giorgia Meloni, segretario nazionale di Fratelli d'Italia, questa mattina in conferenza stampa a Pescara, ha salutato l'ingresso nel partito di Guerino Testa, Massimo Pastore e Davide Cremonese, fino ad oggi consiglieri comunali, nella citta' adriatica, nelle file della lista civica Pescara in Testa, che adesso dara' vita al gruppo di Fdi. "Condividiamo temi e valori con Giorgia Meloni - afferma Guerino Testa - la quale ha dimostrato di essere un leader di rilievo del centrodestra e che sono sicuro potra' presto diventare anche un leader di governo e presidente del Consiglio". Testa, ex presidente della Provincia di Pescara, non e' direttamente riconducibile alla storia della destra italiana. Proviene da Forza Italia ed e' transitato in Ncd, prima di uscire dal partito e confluire nella lista civica Pescara in Testa, che nel 2014 sostenne la sua candidatura, in aperta competizione con il sindaco uscente Albore Mascia, sostenuto proprio da Fratelli d'Italia e da Forza Italia. "Quando ero presidente della Provincia, Berlusconi e Alfano decisero di formare due partiti - spiega Testa -. Poi le cose sono andate diversamente e appena Ncd ha deciso di virare in maniera chiara a sinistra, tutti noi abbiamo deciso di tornare in blocco nella lista civica Pescara in Testa. Ci siamo impegnati nei comitati per il no al referendum costituzionale - aggiunge l'ex presidente della Provincia - e dal primo giorno abbiamo fatto opposizione senza se e senza ma al governo cittadino, restando sempre con convinzione all'interno del centrodestra". Al riguardo Meloni ricorda come Fratelli d'Italia sia stata fondata "da me, La Russa e Guido Crosetto, quest'ultimo proveniente da una storia completamente diversa, nel tentativo di dare un futuro alla storia della destra italiano, ben sapendo che fosse necessario allargare il perimetro ad altre esperienze politiche". Il segretario di Fratelli d'Italia sottolinea che "soprattutto in un tempo post-ideologico, bisogna essere molto bravi, su un programma e su dei contenuti, a raccogliere tutte le persone di buona volonta', che si vogliono prendere mano e costruire questa nazione. Alle ideologie - conclude Meloni - io rispondo con l'appartenenza, perche' e' l'amore per l'Italia che vince".

Leggi Tutto »

Soa lancia l’allarme sullo scarico dei fanghi del porto di Ortona in mare 

342.000 metri cubi di fanghi del Porto di Ortona saranno immessi in mare tra Pescara e Silvi. La segnalazione giunge dalla Stazione Ornitologica Abruzzese Onlus (Soa) che spiega come il Comitato V.I.A. abbia dato l'ok al progetto di dragaggio con immersione in mare, escludendo dalla piu' approfondita procedura di V.I.A. l'intervento. "Una decisione illogica" dice il Soa. "Insomma il Mare Adriatico puo' essere usato a mo' di discarica nonostante sia in una condizione di fortissimo stress ambientale come riconosciuto dall'Agenzia Europea per l'Ambiente ed evidenziato dagli stessi dati del proponente. L'Area Marina Protetta del Cerrano si deve accontentare di pannicelli caldi. Non viene neanche concessa la procedura di Valutazione di Incidenza Ambientale e deve accettare la seguente prescrizione: i fanghi non dovranno essere buttati quando i venti e il moto ondoso 'di rilevante entita'' (non precisata!) vanno nella direzione dell'area marina protetta". "A nostro avviso il Comitato Via ha fatto un grave errore. Inoltre non pare aver approfondito neanche le osservazioni depositate che evidenziavano l'esistenza di criticita' ambientali proprio nell'area di immersione. Non resta - conclude l'associazione - che seguire l'iter dell'ultima autorizzazione ambientale che resta, relativa proprio all'area di immersione, che dovra' essere concessa sempre dalla Regione Abruzzo in base all'art.109 del D.lgs.152/2006. Facciamo notare che il Comitato Via ha rilasciato il suo parere prima che il Comune di Ortona abbia ottenuto la disponibilita' effettiva del sito di immersione. Il Mare Adriatico non merita questo trattamento". 

Leggi Tutto »

Chieti, la minoranza protesta per i documenti negati in commissione

I componenti della minoranza di centro sinistra e il Movimento 5 stelle al Comune di Chieti presenteranno una denuncia per omissione in atti d'ufficio dal momento che alla Commissione consiliare controllo e garanzia sono stati negati, dopo tre richieste, gli atti relativi al mattatoio comunale, struttura ormai chiusa da mesi e non ancora affidata ad una nuova gestione dopo la scadenza della convenzione con la societa' che l'ha gestita fino al 2015. Lo hanno annunciato il presidente dell'organismo di controllo, Filippo Di Giovanni e il consigliere comunale Luigi Febo, entrambi del Pd, il capogruppo del Movimento 5 stelle Ottavio Argenio, il capogruppo di Giustizia sociale Bruno Di Paolo ed Enrico Raimondi, capogruppo de L'altra Chieti. Secondo i consiglieri pur essendoci negli uffici comunali molti documenti riguardanti le vicende del mattatoio, alla Commissione ad oggi viene impedito di svolgere il proprio lavoro, e cosi' e' stato fino a questa mattina quando l'organismo si e' riunito di nuovo ma senza poter disporre della documentazione richiesta. Di qui la denuncia che verra' inoltrata ma anche ulteriori iniziative: ''Una volta acquista la documentazione - ha detto Di Giovanni - valuteremo se trasmettere le carte alla Procura perche' valuti, se oltre all'omissione, ci sono altri profili''. 

Leggi Tutto »

Un milione per l’Abruzzo coi progetti Standard+

È di un milione di euro la somma a disposizione dell'Abruzzo con i progetti Standard+. Sono in totale 22 I progetti che hanno superato positivamente le fasi di valutazione del bando per la presentazione dei progetti "Standard+", pubblicato lo scorso marzo con il Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Croazia, del quale la Regione Veneto è Autorità di Gestione.

La decisione finale sulle graduatorie dei progetti finanziabili, adottata dal Comitato di sorveglianza nell'incontro svoltosi a Spalato (Croazia) il 26-27 ottobre, è stata decretata e ufficializzata con la pubblicazione della lista dei progetti selezionati, consultabile nella sezione "Call for Proposals" del sito www.italy-croatia.eu. Con l'approvazione dei primi progetti "Standard+" si apre un nuovo ciclo di finanziamenti sul fronte della cooperazione che, per l'Abruzzo e per l'intera area inclusa nel Programma, rappresenta una novità assoluta.

Stanziamenti rivolti a soggetti con personalità giuridica, pubblici e privati, aventi sede legale in una delle 8 contee croate e delle 25 province italiane che si affacciano sull'Adriatico. Nello specifico, alla Regione Abruzzo sarà destinato quasi un milione di euro, distribuito tra i beneficiari delle provincie di Teramo, Chieti e L'Aquila.

L'ammontare del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR) disponibile da bando, è stato integrato su richiesta del Comitato di Sorveglianza che ha espresso la volontà di aumentare la somma destinata ai progetti "Standard+" con l'aggiunta di circa 4 milioni di euro. In questo modo la quota di fondi Fesr destinata al finanziamento di queste prime graduatorie supererà i 18 milioni di euro (su un totale di 201 milioni di Fesr disponibili per l'intero periodo di Programmazione 2014-2020), rendendo finanziabili tutti i 22 progetti di tipo "Standard+" che hanno superato gli step valutativi.

Alla quota Fesr si aggiunge una quota di cofinanziamento con risorse nazionali, conferita a seconda dei casi dai governi centrali di Italia e Croazia o dai beneficiari stessi, per una somma di circa 3 milioni di euro, che aggiunta alle risorse Fesr prima menzionate, consente l'attuazione di progetti per oltre 21 milioni di euro. I primi progetti a essere finanziati sono così suddivisi: 3 a sostegno dell'innovazione blu (Asse Prioritario 1), 3 a sostegno della sicurezza e resilienza legate ai cambiamenti climatici e agli eventi calamitosi (Asse Prioritario 2), 11 a sostegno del patrimonio culturale e naturale (Asse Prioritario 3) e 5 a sostegno del trasporto marittimo (Asse Prioritario 4). 

Leggi Tutto »

Vino, la Giunta delibera il provvedimento di salvaguardia del ‘Vigneto Abruzzo’

E' stato deliberato ieri dalla Giunta regionale, su proposta dell'assessore Dino Pepe, il provvedimento che recepisce il contenuto dell'articolo 66 del Regolamento Ue n 1308/2013, ovvero che "le autorizzazioni al reimpianto dei vigneti sono concesse solo per le superfici vitate conformi alla stessa specifica Denominazione di origine o indicazione geografica delle superfici estirpate".

"Con le nuove disposizioni, fortemente volute dai presidenti dei Consorzi di Tutela dei Vini d'Abruzzo e Colline Teramane, Valentino Di Campli e Alessandro Nicodemi - afferma l'assessore Pepe - si tutelano sia il patrimonio viticolo regionale sia gli interessi dei tanti viticoltori della nostra regione. In Abruzzo - aggiunge - c'e' una forte richiesta di nuove autorizzazioni all'impianto, basti pensare che a fronte dei 300 ettari (pari all'1% della superficie vitata regionale) che ci vengono assegnati dal Ministero, attualmente le richieste, solo per l'annualita' in corso, hanno superato i 1.900 Ha.". Con questo provvedimento, pertanto, si pone un freno all'emigrazione dei diritti di reimpianto verso altri territori extraregionali. 

Leggi Tutto »

Chieti, nasce un tavolo di lavoro per il rilancio culturale 

Si e' svolta oggi a Chieti in prefettura, presieduta dal sindaco di ChietiUmberto Di Primio, dall'assessore alla cultura e manifestazioni, Antonio Viola, con il prefetto Antonio Corona e i rappresentanti di enti, associazioni di categoria, istituzioni e associazioni culturali, la prima riunione per la costituzione del tavolo di lavoro per il rilancio culturale della citta' di Chieti: obiettivo del Tavolo di lavoro e' quello di far convergere proposte e idee utili ad un ulteriore sviluppo della citta' di Chieti nell'ottica di un capoluogo competitivo e con nuovi asset su cui posizionare il proprio futuro. ''Oggi Chieti e' proiettata verso un futuro di citta' smart, piu' accessibile e tecnologicamente innovata - ha sottolineato Di Primio - grazie ad investimenti di circa 70 milioni di euro per la realizzazione di infrastrutture che incideranno positivamente anche sulla qualita' della vita. E' necessario, pero', riempire anche di contenuti e di funzioni questa citta' nuova che abbiamo progettato e che stiamo per realizzare rendendo Chietiprotagonista, competitiva, proiettata nel contesto regionale e con nuovi asset su cui posizionare il proprio futuro. In tale ottica abbiamo a disposizione un importante serbatoio cui attingere, rappresentato da siti archeologici, musei, Teatro Marrucino, lo stesso sistema delle associazioni culturali, dall'alta formazione - universita' d'Annunzio che, oltre ad essere il piu' grande centro di formazione cittadino, e' un grande produttore di economia. E dal sistema delle attivita' produttive e del terziario: dobbiamo fare in modo che tutte queste realta' confluiscano in un progetto unico strategico integrato''. Il prefetto Corona ha evidenziato come l'incontro ''nasce dalla volonta' di condividere esperienze e idee per un ulteriore sviluppo della citta', non in una logica meramente campanilistica ma perche' una citta' capoluogo degna di questo nome deve essere il punto di riferimento dell'intero territorio per tornare ad essere una citta' competitiva in termini di qualita' e accoglienza. Per tale ragione, abbiamo invitato a sedere al tavolo tutti coloro che concorrono alla vita sociale, economica e amministrativa della citta'. A breve - ha concluso Corona - verra' convocato un nuovo incontro per sintetizzare le linee strategiche emerse nel corso della riunione che ha visto gia' diversi contributi''. 

Leggi Tutto »

Trasporto disabili, De Martinis: Pronti ai rimborsi anche per il primo semestre 2017

«Anche quest’anno siamo pronti a rimborsare le spese sostenute dagli utenti con disabilità per il trasporto in centri riabilitativi». Lo annuncia l’assessore alle Politiche per la Disabilità, Ottavio De Martinis. «Come ogni anno, il nostro Comune garantisce il trasporto per i disabili, grazie alle convenzioni con la Fondazione Papa Paolo VI e con l’ente ecclesiale Don Orione, per circa 25 persone tra i 12 e i 45 anni. Vi è però un’altra parte di utenza, composta da quelle persone con disabilità che per impossibilità oggettive non possono usufruire di questo servizio, ma si recano presso delle strutture per effettuare le loro cure riabilitative. Noi intendiamo porci al fianco anche di queste famiglie, ed è per questo che anche per il semestre gennaio – giugno 2017, rimborseremo loro le spese sostenute».

Entro il 23 novembre è possibile presentare le domande, allegando la motivata dichiarazione da parte del richiedente che attesti, sotto la propria responsabilità, l’impossibilità di fruizione del servizio erogato; la certificazione attestante la sussistenza dell’handicap grave; la certificazione rilasciata dal centro di riabilitazione attestante il numero di sedute effettuate tra il 1 gennaio 2017 e il 30 giugno 207; l’attestazione ISEE del nucleo familiare; la carta di identità.

Il contributo viene erogato solo in caso di oggettiva e documentata impossibilità. Verrà stilata una graduatoria secondo l’ordine crescente del valore ISEE. Nel 2016 sono stati 15 per semestre gli utenti che hanno ottenuto il rimborso per un ammontare di 10.000 per tutto l’anno.

«Si tratta di una piccola boccata di ossigeno -  dice ancora De Martinis -  per queste famiglie, che quotidianamente fanno i conti con tutte le problematiche annesse alla disabilità, sostenendo spese significative, a cui il Comune intende dare un supporto concreto».

La domanda va inoltrata al Comune, compilando il modulo scaricabile dal sito istituzionale.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi all’Ufficio DisAbili dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 11 o chiamando lo 0854481364.

Leggi Tutto »

Pescara, 6,9 milioni per lo sviluppo urbano sostenibile 

È stata presentata la strategia di Sviluppo Urbano Sostenibile del Comune di Pescara che verrà finanziata dal POR-Fesr Abruzzo 2014-2020. Rispetto al finanziamento destinato ai capoluoghi di Provincia abruzzesi, presentatodalla Regione Abruzzo, principale interlocutore istituzionale, il Comune di Pescara è arrivato primo in graduatoria, potendo contare su un budget totale di 6.900 milioni di euro sui 23 disponibili ripartiti fra i quattro capoluoghi abruzzesi. Il sindaco di Pescara Marco Alessandrini, l'assessore alla Mobilità Stefano Civitarese Matteucci, l'assessore alle Politiche Comunitarie Gianni Teodoro hanno illustrato il finanziamento: "Siamo di fronte ad un fatto concreto che darà frutti concreti in tempi europei - così il sindaco Marco Alessandrini - Il traguardo del progetto arriva da lontano, ma attraverso la strategia di sviluppo urbano sostenibile riusciamo ad avere una posta finanziaria importante da circa 7 milioni di euro, che andranno indirizzati verso la direzione che il Consiglio Comunale ha già assunto all'inizio del 2017, che è quella della promozione della Città della conoscenza e del benessere. I fondi FESR 2017-2020 e i finanziamenti del bando per le periferie ci consentono di andare ad agire sulla mobilità sostenibile, sul verde, sulle periferie, agendo anche su risorse storiche e culturali del nostro patrimonio cittadino". 

"La Regione ha organizzato un procedimento in base a cui i fondi sono stati assegnati ai 4 capoluoghi, in misura maggiore a quanti avevano lavoro già compiuto in linea con gli obiettivi dell'asse di azione - spiega l'assessore alla Mobilità Stefano Civitarese Matteucci - Il lavoro impostato su Città del benessere e della conoscenza e piano urbano del traffico ci ha dunque consentito di prendere il più alto finanziamento di tutti. Quattro sono i temi guida della strategia SUS: il potenziamento mobilità sostenibile; il potenziamento delle risorse naturalistiche; la valorizzazione delle risorse storiche e culturali; la riqualificazione delle periferie. Il potenziamento della mobilità sostenibile mira a realizzare un sistema di gestione intelligente del traffico urbano e dei mezzi pubblici con: l'nstallazione di sistemi Wi-Fi , di videosorveglianza, elaborazione di un sistema di gestione del traffico urbano e degli autobus pubblici. Punta inoltre a realizzare sistema di trasporto pubblico ecologico: con l'acquisto di autobus ecologici (saranno 7-8 e sarà la prima azione che si manifesterà), nonché con la realizzazione del tracciato del trasporto pubblico in sede protetta che attraverserà tutta la città fino alla Riserva dannunziana. Agiremo potenziando anche la mobilità ciclabile e pedonale lungo nuove viabilità, con la realizzazione di ciclostazioni ed eco-mobility points (piccoli hub della mobilità sostenibile), nonché con l'acquisto biciclette, fra cui bici elettriche per diversamente abili". 

Leggi Tutto »

Ex-Lsu scuole, Usb,’subito un emendamento per stabilizzarli’ 

Sarà presentato tramite alcuni parlamentari abruzzesi, un emendamento alla legge di Bilancio per la stabilizzazione dei precari ex-Lsu che si occupano della pulizia delle scuole tramite cooperative in appalto e daremo vita ad un mail bombing nei confronti di tutti i parlamentari, ai quali chiederemo di appoggiare questa battaglia". Cosi' Luigi Iasci, dell'Usb Abruzzo, in una conferenza stampa a Pescara, insieme ad una trentina di ex-Lsu abruzzesi, alla presenza dei parlamentari Gianluca Vacca (M5s) e Fabrizio Di Stefano (Forza Italia), e del coordinatore regionale di Sinistra Italiana Daniele Licheri. "In Abruzzo gli ex-Lsu delle scuole sono circa 600, garantiscono il diritto allo studio ma hanno buste paghe ben al di sotto della soglia di poverta' - rimarca Iasci, che mostra la busta paga di una lavoratrice, da 61 euro mensili, nonostante un contratto da 35 euro settimanali -. Molto spesso a questi lavoratori non vengono fatte fare tutte le ore previste e viene chiesto di svolgere compiti al di fuori delle mansioni spettanti. E' una situazione che si protrae da circa 20 anni e a peggiorare le cose - conclude l'esponente dell'Usb - c'e' l'apertura di una procedura di licenziamento per circa 350 lavoratori di una coopservice attiva nelle scuole di Chieti e Pescara". Vacca rimarca che "il M5s ripresenta ogni anno, gia' da molto tempo, un emendamento per la stabilizzazione degli ex-Lsu delle scuole. Siamo stati tra i primi a denunciare che la esternalizzazione dei servizi, oltre a favorire lo sfruttamento dei lavoratori, costa di piu' allo Stato e a guadagnarci sono solo le cooperative - prosegue il deputato pentastellato -. Nelle scuole c'e' un forte bisogno di personale Ata, dunque la stabilizzazione sarebbe una misura necessaria e anche conveniente per la collettivita'".

Leggi Tutto »

Conferenza dei Capigruppo per l’ordine del giorno in Consiglio regionale

 La Conferenza dei Capigruppo, presieduta da Giuseppe Di Pangrazio, e' convocata per domani 7 novembre alle 12.30 nella Sala Silone dell'Emiciclo. A seguire i lavori della Conferenza dei Capigruppo integrata con i Presidenti delle Commissioni Consiliari. All'ordine del giorno la discussione sull'ordine del giorno della prossima seduta del Consiglio regionale e le seguenti audizioni: sulla "Costituzione del DEA 2 Livello nell'area Chieti-Pescara" e sui "Fondi ordinari e straordinari per le Riserve Naturali Regionali- Programmazione attivita' di intervento per fattori di pressione ambientale - Situazione dei Contratti di Fiume"

Leggi Tutto »