Primo Piano

Coronavirus, 4 persone tuttora in sorveglianza in Abruzzo

Quattro le persone tuttora in sorveglianza in Abruzzo per l'epidemia da Coronavirus: si tratta di quattro studenti, due cinesi nel Pescarese e due italiani nell'Aquilano, di recente rientrati dalla Cina. Nel complesso, a livello regionale, oltre ai casi ancora in corso, la sorveglianza ha riguardato altre 19 persone, per cui si e' concluso l'isolamento domiciliare di 14 giorni: due alla Asl dell'Aquila, tre a quella di Chieti, dodici alla Asl di Pescara e quattro alla Asl di Teramo. Solo in due casi, vista l'insorgenza di sintomi, e' stato eseguito il test specifico da Coronavirus, che ha dato esito negativo. E' quanto emerso da una conferenza stampa che si e' svolta alla Regione Abruzzo per fare il punto sull'emergenza Coronavirus.

Alla conferenza hanno preso parte l'assessore regionale alla Salute, Nicoletta Veri', i referenti del Servizio regionale Prevenzione e Tutela della Salute, tra cui la responsabile Stefania Melena, il dirigente del servizio Emergenza di Protezione civile della Regione Abruzzo, Silvio Liberatore, i rappresentanti delle direzioni generali e sanitarie delle Asl abruzzesi e delle Unita' operative coinvolte, tra cui Giustino Parruti, direttore dell'Uoc di Malattie Infettive di Pescara, quello dell'Uoc di Microbiologia e Virologia, Paolo Fazii, e quello dell'Uoc Igiene, Epidemiologia e Sanita' Pubblica, Adelina Stella. La Asl di Pescara e' stata infatti individuata quale centro di riferimento regionale. "Nella nostra regione e' alto il livello di attenzione e voglio, quindi, rassicurare tutti i cittadini perche', attraverso un'interazione adeguata tra le quattro Asl, siamo pronti a rispondere a tutte le evenienze - afferma Veri' - Abbiamo creato una task force molto importante nella nostra regione. Se i cittadini hanno un minimo dubbio, in un momento che si contestualizza con l'insorgenza del picco delle malattie dell'influenza, in cui quindi c'e' una maggiore allerta, il primo contatto deve essere con il medico di famiglia che fa la prima diagnosi. Da parte delle nostre aziende e' pronto ogni tipo di intervento e sappiamo gestire qualsiasi situazione". "Tutte le Asl - sottolinea Parruti - hanno fatto una serie di azioni, hanno preso provvedimenti che ci consentono in questo momento di fare tutto in modo molto omogeneo: dalla sorveglianza sanitaria alla valutazione intraospedaliera alla diagnostica centralizzata su Pescara all'eventuale invio di campioni di controllo a Roma. Siamo, quindi, molto bene organizzati e la situazione e' gia' attiva perche' abbiamo tante persone sotto sorveglianza, ma ad oggi non sta succedendo niente e questo credo che possa solo rassicurare tutti i cittadini".

Leggi Tutto »

Cala la popolazione residente in Italia

Continua a diminuire la popolazione: al primo gennaio 2020 i residenti ammontano a 60 milioni 317mila, 116mila in meno su base annua. Lo rende noto l'Istat nell'annuale rapporto sugli indicatori demografici. Aumenta il divario tra nascite e decessi: per 100 persone decedute arrivano soltanto 67 bambini (dieci anni fa erano 96).

"Alla luce dei primi risultati provvisori - spiega l'Istat -, l'anno appena concluso non risulta contrassegnato, per quanto concerne il quadro demografico nazionale, da significativi cambiamenti, inversioni di tendenza o improvvisi quanto temporanei shock di periodo. Il 2019 e', infatti, un anno nel quale le tendenze demografiche risultano da un punto di vista congiunturale in linea con quelle mediamente espresse negli anni piu' recenti. Le evidenze documentano ancora una volta bassi livelli fecondita', un regolare quanto atteso aumento della speranza di vita, cui si accompagna, come ormai di consueto, una vivace dinamica delle migrazioni internazionali".

Nel 2019 le nascite in Italia sono state 435 mila, il dato piu' basso mai riscontrato nella storia del Paese. Lo riferisce l'Istat nell'annuale rapporto sugli indici demografici. Per contro, il numero dei decessi, 647 mila, pur di poco inferiore al record riscontrato nel 2017 (649 mila), "rispecchia in pieno le tendenze da tempo evidenziate"

Leggi Tutto »

Garanzia giovani, al via i tirocini lavoro nelle aziende europee

Sono partiti i tirocini all'estero finanziati da Garanzia giovani. Gli uffici della Regione che si occupano dell'attuazione del programma Garanzia Giovani Abruzzo hanno pubblicato l'Avviso che finanzia i tirocini extracurriculari in mobilita' geografica Transnazionale per i giovani dai 18 ai 29 anni (Misura 5bis). In questo modo i giovani che non studiano, non lavorano e non seguono corsi di formazione avranno la possibilita' di arricchire all'estero il proprio bagaglio formativo partecipando a un tirocinio della durata massima di 6 mesi interamente pagato da Garanzia giovani, con possibilita' che l'azienda estera che accoglie il tirocinante possa decidere di assumerlo al termine del tirocinio stesso. Per attivare la Misura 5bis, il giovane deve essere iscritto a Garanzia giovani e aver scelto nel Patto di attivazione la misura del tirocinio extracurriculare in mobilita' geografica. Una vola iscritto, il giovane neet scegliera' il soggetto attuatore abilitato (organismo di formazione, Centro per l'impiego o agenzia per il lavoro) al quale chiede di voler attivare un tirocinio all'estero; il soggetto attuatore e' tenuto a verificare tra le proprie offerte la disponibilita' di una posizione di tirocinio adatta al giovane ovvero a verificare la possibilita' di individuarne una adeguata sul mercato. 

I tirocini extracurriculari potranno essere attivati nei Paesi dell'Europa (l'elenco completo dei Paesi e' riportato nell'avviso) e in Turchia; la remunerazione mensile del tirocinio varia a seconda del Paese nel quale viene svolto, come meglio specificato nell'allegato 1 dell'avviso. L'obiettivo principale della misura, ha fatto sapere la Regione, e' mettere a disposizione dei giovani opportunita' di crescita professionale all'estero in chiave di formazione e di nuove esperienze. In questo modo, il giovane neet avra' la possibilita' di allargare la conoscenza dei mercati del lavoro E stabilizzare la propria esperienza professionale con l'assunzione da parte della societa' al termine del tirocinio extracurriculare. La dotazione finanziaria complessiva della misura e' di 500 mila euro. 

Leggi Tutto »

In Commissione Bilancio le disposizioni per promozione e sostegno alla cultura

La settimana politica all’Emiciclo inizia martedì 11 febbraio, alle ore 10.00, con la commissione “Bilancio” che esamina il progetto di legge  “Disposizioni in materia di promozione e sostegno alla cultura” e il progetto di legge “Aree di confine: proposte e progetti per lo sviluppo e l’integrazione territoriale”. Giovedì 13 febbraio, alle ore 10.00, nella sala “G. D’Annunzio” è convocata la commissione di “Vigilanza” con il seguente ordine del giorno: “Gara di appalto per l'affidamento di servizi di portierato e complementari presso ASL 1”  - Audizioni: Roberto Testa (Direttore Generale ASL 1),  Michela D’Amico (Responsabile RUP),  Fabrizio Fratini (Amministratore Eagle Service Srl);  “ERSI – Gestione del Servizio Idrico Integrato da parte della Società Ruzzo Reti”  - Audizioni: Nunzio Merolli (Presidente ERSI),  Tommaso Di Biase (Direttore ERSI),  Corrado Rossi (Responsabile Area Controllo Analogo e Regolazioni ERSI); “Procedure di gara per l’affidamento delle manutenzioni ASL 1 Avezzano-Sulmona-L’Aquila”  - Audizioni: Nicoletta Verì ( Assessore Salute),  Roberto Testa (DG ASL 1), Fabrizio Andreassi  (Responsabile Dipartimento Tecnico ASL 1 Avezzano-SulmonaL’Aquila),  Di Pietro Massimo  (Responsabile dell’U.O.C. complessa LL.PP e Investimenti ASL 1 Avezzano-Sulmona-L’Aquila),  Francesco Marrelli  (C.G.I.L.),   Elvira Simona De Sanctis (FIOM),  Luigi Antonetti ( FILCAMS), Simona Santella (FILLEA). Dopo la commissione di Vigilanza è convocata per giovedì alle ore 12.30 la Commissione “Territorio” con il seguente ordine del giorno: “Risoluzione in merito alla dichiarazione di stato di emergenza climatica”; “Regolamento recante le disposizioni regionali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici” con le Audizioni dell’Assessore regionale Nicola Campitelli e del Direttore regionale Pierpaolo Pescara. Sempre giovedì 13 febbraio ma alle ore 14.00 è convocata la Commissione d’Inchiesta “Sito di interesse Nazionale di Bussi sul Tirino”, nella sala “G. D’Annunzio” del Palazzo dell’Emiciclo, con il seguente ordine del giorno: Audizioni dei sindaci dei Comuni di Castiglione a Casauria, Tocco da Casauria, Bolognano, Alanno, Torre dei Passeri, Popoli, Scafa, Rosciano, Manoppello, Chieti. 

Domani alle ore 12.00  nella sala “Ignazio Silone” di Palazzo dell’Emiciclo torna a riunirsi la Conferenza dei Capigruppo. All’ordine del giorno : organizzazione dei lavori consiliari; richiesta di convocazione straordinaria del Consiglio regionale sul tema “Designazione di un componente la sezione regionale della Corte dei Conti Abruzzo. Indirizzi al Presidente del Consiglio regionale. Determinazioni”;  Modifica al calendario della Commissione di Inchiesta su “Bussi”; Audizioni rappresentanti  associazioni Casartigiani, Claai, Cna, Confartigianato. 

Leggi Tutto »

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella all’università di Teramo

 "Quello di evitare chiusure nei propri confini, culturali, personali, nazionali, è un messaggio prezioso per il momento che viviamo, in tutta la comunità internazionale". Così il capo dello Stato, Sergio Mattarella, intervenendo all'apertura dell'anno accademico all'Università di Teramo

"Il progresso impone un recupero di profilo umanità e di rapporto con etica nel rapporto con l'economia. Ascoltare che questo recupero è frutto dei tempi che si annunciano consente di guardare al futuro con fiducia". Così il capo dello Stato, Sergio Mattarella

Il Capo dello Stato e' atterrato in elicottero e ha raggiunto il Campus 'Aurelio Saliceti' di Coste Sant'Agostino, dove ad attenderlo c'erano le massime autorita' civili e il ministro dell'Universita' e della Ricerca Scientifica, Gaetano Manfredi. E' quest'ultimo a tenere la relazione introduttiva dell'evento. 

Il discorso del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Desidero rivolgere un saluto cordialissimo a tutti i presenti, al Ministro, al Presidente della Regione, al Presidente della Provincia, al Sindaco e, attraverso di lui, ai suoi concittadini, al Sindaco de l’Aquila, ai sindaci presenti, con un saluto per i loro concittadini.

Vorrei salutare in maniera particolarmente intensa il mondo accademico di Teramo, il Rettore che ringrazio per l’invito, il Rettore emerito, il Corpo accademico, gli studenti e il personale che opera in questo Ateneo.

Un saluto ai Rettori di altri Atenei presenti.

Ringrazio il Rettore per l’invito ad essere presente in questa occasione di inaugurazione dell’Anno accademico di questo Ateneo che ha delle specifiche caratteristiche che gli conferiscono un ruolo nel panorama accademico del nostro Paese.

Poc’anzi il Ministro, aprendo la serie di interessanti riflessioni che abbiamo ascoltato, ha posto l’accento sul rapporto indispensabile tra università e società in cui essa è inserita. Mi sembra che questo sia emerso con costante chiarezza durante gli interventi che abbiamo ascoltato.

Il Magnifico Rettore, nella sua relazione, ci ha offerto un quadro completo e coinvolgente di questo Ateneo e ha sottolineato l’attitudine alla collaborazione internazionale che si inserisce in quello che ha definito un carattere di questa Università come comunità aperta e inclusiva, che si svolge e può esprimere questo ruolo per la passione, cui ha fatto cenno il Rettore, come elemento indispensabile per l’impegno che qui si spiega.

E, su questa linea, questa passione è emersa negli interventi che vi hanno fatto seguito. La dottoressa Testa ha parlato di una comunità, di una scuola di ideali e di valori; ha anche fatto riferimento all’importanza della cultura come elemento essenziale della democrazia, sottolineando che questa vacillerebbe se la cultura venisse a mancare.

Poc’anzi il dottor Pipitone – ho appreso che è mio conterraneo - ha sottolineato l’importanza della solidarietà, rimarcando il ruolo importante che svolge in questo Ateneo la radio universitaria, voce degli studenti, e formulando un bel ricordo di Antonio Megalizzi.

Sulla stessa linea di passione civile, la dottoressa Ramal-Sanchez poc’anzi ha fatto un complimento a questo Ateneo, dichiarando di trovarsi in un ambiente aperto europeo; ha anche richiamato il valore della ricerca che, come ha ricordato, vede momenti di delusione e di sconforto, ma vede anche risultati che rimangono perenni.

D’altronde, un abruzzese di molto tempo fa, Ovidio, se non ricordo male aveva scritto che nulla ha valore se privo di difficoltà. E difficoltà Ovidio ne ha avute, per la verità, nel corso della sua vita.

Tutto questo richiama all’importanza del rapporto con la società, che è emerso dall’intervento della dottoressa Serpietri, sugli ambiti di sfida ancora aperti per le pari opportunità fra i generi.

Tutto questo succedersi di interventi ha sottolineato quanto sia, in questo Ateneo, percepita l’esigenza, l’importanza del rapporto tra Università e società in cui essa è inserita.

Vorrei inoltre ringraziare molto il professor D’Amico per la sua davvero interessantissima e personalmente coinvolgente prolusione e per i tanti motivi che andrebbero richiamati, ma mi limito a due. La citazione di Coluccio Salutati è particolarmente preziosa: di non chiudersi nella solitudine, di non rifugiarsi nella solitudine propria. È una sorta di messaggio a evitare chiusure nei propri confini: personali, locali, nazionali, culturali. La citazione è preziosa nel momento che attraversiamo in tutta la comunità internazionale.

L’altro elemento che il Prof D’Amico ci ha proposto, partendo dall’alternativa tra Genovesi e Adam Smith, tra economia civile ed economia politica, sottolinea come per una lunga, lunghissima stagione, l’economia politica ha via via perduto, sovente, il rapporto con l’etica. Stranamente, considerato che gli studi erano partiti anche per Adam Smith dalla filosofia morale.

Ed è una condizione che abbiamo visto contrassegnata dal primato della redditività, diciamo dalla logica dell’azionista che generalmente, con qualche eccezione, pensa soltanto al profitto, cui si è aggiunta la logica del manager che pensa al successo professionale anche in competizione con gli altri manager.

Questo carattere è stato dominante per tanto tempo; è stato posto un po’ in crisi da qualche tempo, anche dalle riflessioni di alcune guide, di alcuni leader di grandi gruppi finanziari che si rendono conto di come questo abbia creato problemi all’equilibrio complessivo, anche economico.

Ma quello che il professor D’Amico ha detto è particolarmente importante perché ci ha mostrato come sia il progresso e la nuova condizione che si sta realizzando e si profila sempre maggiore a imporre un recupero di profilo di umanità e di rapporto con l’etica per quanto riguarda l’economia. Perché la creatività richiesta dalle nuove condizioni in cui si esplicano le attività economiche comporta naturalmente questo recupero.

E ascoltare che questo recupero è frutto dei tempi che si annunziano è confortante e consente di guardare al futuro con fiducia.

E questo Ateneo può guardare fiducioso al futuro. È un augurio che rivolgo con quello di buon Anno accademico.

Leggi Tutto »

Ritardi nei pagamenti della P.A., l’Italia rischia una maxi multa Ue

 “Dopo la sentenza di condanna emessa il 28 gennaio scorso dalla Corte di giustizia europea nei confronti del nostro Paese, saremo chiamati a pagare una maximulta da 2 miliardi di euro ?” A porsi la domanda è il coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia, Paolo Zabeo, che, stando a quanto hanno dichiarato nei gironi scorsi alcuni autorevoli esperti, i sistematici ritardi nei pagamenti compiuti dalla nostra Pubblica Amministrazione (Pa) potrebbero far scattare una maximulta come quella ricevuta per le quote latte che, fino ad ora, ci è costata circa 2 miliardi di euro. Tutto questo , comunque, potrà essere evitato se lo Stato italiano metterà fine in tempi rapidissimi a questa cattiva abitudine. Ipotesi, viste le performance realizzate nel 2019, difficilmente attuabile. “Sebbene la situazione negli ultimi anni sia migliorata, in particolar modo a seguito dell’introduzione della fatturazione elettronica – prosegue Zabeo – i ritardi dei pagamenti nelle transazioni commerciali con la Pa costituiscono ancora adesso un malcostume molto diffuso nel nostro Paese. Pertanto, non sarà per nulla scontato sottrarsi ad una sanzione economica da parte dell’Europa”

Anche nel 2019 i ritardi nei pagamenti dello Stato e delle sue articolazioni a livello locale sono stati molto diffusi. Se la Direttiva 2011/7/UE impone, nelle transazioni commerciali tra PA e imprese private, termini di pagamento non superiori a 30 o 60 giorni (in quest’ultimo caso solo per il settore sanitario), l’anno scorso, ad esempio, il Comune di Napoli ha liquidato i propri fornitori con 395 giorni medi di ritardo; l’Asl Napoli 1 Centro con 169 ; il Comune di Reggio Calabria con 146 , la Regione Basilicata con 83 , l’ASL Roma 1 con 72 e il Comune di Roma Capitale con 63. Situazioni, queste ultime, che saranno estremamente difficili da azzerare in tempi ragionevolmente brevi. Una condizione, come segnalavamo più sopra, indispensabile affinché Bruxelles ci risparmi una maximulta. Senza contare che nel settore della sanità e in quello delle costruzioni i ritardi, rispetto ai tempi massimi di attesa previsti dalla legge, vengono superati, secondo le rilevazioni effettuate dalle associazioni imprenditoriali di questi settori, rispettivamente di 39 e di 73 giorni di media. Ritardi che, purtroppo, difficilmente potranno essere riportati celermente al di sotto dei limiti previsti dalla normativa.

Leggi Tutto »

Turismo, l’Abruzzo alla Bit con la sua rete ‘bike friendly’

Un turismo attivo sostenibile in una terra che offre un paesaggio variegato a chi cerca una vacanza fra natura, cultura e sport: cosi' l'Abruzzo si presentera' alla BIT di Milano, puntando in particolare sulla rete di hotel e altre strutture 'bike friendly' per la quale la Regione ha approvato apposito disciplinare. Itinerari per il cicloturismo e appuntamenti della Settimana Santa sono al centro di due incontri con la stampa in programma alla Borsa del Turismo il 10 e l'11 febbraio, vetrina che vede 1500 buyer, 1300 espositori, 1900 giornalisti accreditati". Presente in conferenza anche il presidente regionale di Legambiente, Giuseppe Di Marco, che ha ricordato come l''Abruzzo Bike Experience' possa puntare su progetti gia' avviati, 'Abruzzo Bike & Run' e il 'Costa dei Trabocchi Mob'. 

 "Diversificare l'offerta turistica puntando sulla qualita' del turismo attivo e sostenibile attraverso percorsi culturali, religiosi, artistici e naturali di cui l'Abruzzo e' ricco, offrendo esperienze uniche come quelle legate al cicloturismo e ai riti della settimana santa". L'assessore Febbo, in partenza per Milano, ha ricordato, in conferenza stampa, il lavoro dei mesi scorsi, per "coinvolgere operativamente e concretamente tutti gli operatori regionali ed extra regionali che possono e vogliono contribuire a innalzare il livello di innovazione, qualita', competitivita' e sostenibilita' della nostra offerta turistica". "Nello specifico - ha spiegato il direttore del Dipartimento Turismo Germano De Sanctis - nello stand della Regione Abruzzo sono state due conferenze stampa che andranno la diretta Facebook. Lunedi' 10 febbraio sara' presentata la rete Bike Friendly, regolata da specifico disciplinare sul turismo attivo e sostenibile; martedi' 11 sara' presentato l'Abruzzo piu' autentico, alla riscoperta del patrimonio culturale e spirituale attraverso i riti della settimana di Pasqua". "Cicloturismo, arrampicata, trekking, ciaspolate, sci alpinismo, subacquea, turismo a cavallo sono solo alcune delle declinazioni possibili per modalita' di vacanze sempre piu' presenti in Abruzzo - ha detto il presidente di Legambiente Abruzzo, Giuseppe Di Marco - Occorre uno spazio che comprenda i temi del territorio, della natura e dell'autenticita', ma sia in grado di declinarli al futuro, lavorando sul turismo attivo e sulle sue implicazioni con l'innovazione tecnologica". Nello stand della Regione Abruzzo, nelle tre giornate della Bit - domenica 9 aperta al pubblico, lunedi' 10 e martedi' 11 riservate ai contatti b2b - saranno organizzati incontri tematici per illustrare i programmi di proposte commerciali che valorizzano un modello di accoglienza per una vacanza smart in grado di soddisfare le esigenze di chi ama vivere il territorio in modo sostenibile. 

Leggi Tutto »

Pagamenti della Pubblica Amministrazione, il tempo medio è 46 giorni

 I Comuni della provincia di Chieti sono tra i peggiori d'Italia riguardo al tempo medio di pagamento delle forniture, erogate in parte anche da piccole imprese e artigianato: sono necessari in media 50 giorni. Il dato colloca il Chietino tra i territori peggiori d'Italia e all'ultimo posto in Abruzzo. A livello regionale il tempo medio e' di 46 giorni, a fronte di una media italiana di 37 giorni, nonostante il limite di legge sia di un mese. E' quanto emerge da un'elaborazione di Confartigianato Chieti l'Aquila, che ha analizzato i dati - relativi al primo semestre 2019 - contenuti in un'indagine del Centro studi dell'associazione nazionale. In Abruzzo la maggior parte dei Comuni - 167 - paga entro un tempo compreso tra 31 e 60 giorni; 59 enti tra 61 e 90 giorni; 12 tra 91 e 180 giorni; 65 entro i 30 giorni. Nessuno supera i 180 giorni. Solo il 21,5% dei Comuni abruzzesi (40,6% in Italia) paga entro i 30 giorni previsti dalla legge. Dopo l'Abruzzo ci sono solamente Campania, Lazio, Sicilia e Calabria. A livello provinciale, se la maglia nera spetta a Rieti (68 giorni), sul podio dei peggiori insieme a Reggio Calabria (66) e Campobasso (62), la provincia di Chieti non se la passa meglio: per i pagamenti sono necessari, in media, 50 giorni, dato che colloca il territorio tra gli ultimi 13 della graduatoria. La maggior parte dei Comuni - 57 - paga in un tempo compreso tra i 31 e i 60 giorni, ma ve ne sono quattro che pagano tra 91 e 180 giorni. Seguono provincia di Teramo che, con media di 48 giorni, e' quella che piu' si avvicina a Chieti per il record negativo, quella dell'Aquila (43) e quella di Pescara (41). A livello nazionale sul podio Provincia Autonoma di Bolzano (20 giorni), Veneto (28 giorni), Liguria e Valle d'Aosta (29 giorni). "Siamo impegnati da tempo su questo tema - afferma il direttore generale di Confartigianato Chieti L'Aquila, Daniele Giangiulli - E' necessaria una vera e propria battaglia, a tutti i livelli. E' inconcepibile che le imprese debbano attendere tanto per ottenere il pagamento di servizi gia' prestati, in un momento in cui sono gia' in forte crisi di liquidita'. Siamo al paradosso: piccole e medie imprese e artigiani rischiano di chiudere per i troppi crediti. La soluzione al problema, lo diciamo da tempo, e' adottare la compensazione diretta dei debiti e dei crediti verso la Pa. In questo modo - conclude - si darebbero liquidita' e ossigeno alle imprese"

Leggi Tutto »

Solidarietà, oltre 60mila persone alla Caritas di Pescara-Penne

Oltre sessantamila persone hanno beneficiato nell'ultimo anno dei pasti e dei servizi della Caritas Diocesana di Pescara-Penne in tema di aiuti alimentari, grazie alla consegna dei pacchi viveri, ai pranzi offerti nelle mense gestite dalla Diocesi e alla spesa effettuata negli empori della solidarieta'. Oggi in Italia si svolge la Giornata Nazionale contro gli sprechi alimentari, con la Caritas locale, presieduta da don Marco Pagnello, ormai da tempo impegnata nel recupero di generi alimentari non consumati o in esubero. "Come Caritas ci occupiamo di recepire tutte le donazioni sia della grande distribuzione, sia della piccola distribuzione, ma anche di quelle dei piccoli produttori agricoli tramite il Centro Agroalimentare, oltre che dei venditori locali come panifici, macellerie, pasticcerie, che scelgono di donare l'invenduto in maniera generosa ma anche saggia per far fronte anche allo spreco alimentare - spiega Giannicola D'Angelo, Responsabile dell'Osservatorio poverta' e risorse della Caritas Pescara-Penne - di cui tanto si parla. Siamo noi ad occuparci in gran parte del ritiro dei generi alimentari, facendo i nostri giri preso imprese, aziende e grandi distributori, ma alcune volte sono invece gli stessi donatori a venire a consegnarci gli alimenti. Non esiste un alimento preferibile rispetto all'altro. Abbiamo tutte le tipologie di prodotti disponibili in commercio, sia i freschi che i confezionati anche a lunga scadenza che poi vengono vengono, soprattutto i freschi, controllati e stoccati quotidianamente, e poi distribuiti presso le nostre strutture che sono, oltre alle mense - spiega D'Angelo - anche gli empori della solidarieta' e poi per confezionare i pacchi della solidarieta' che doniamo alle circa 300 famiglie che seguiamo nell'area che fa capo alla Diocesi. Per noi ovviamente resta fondamentale ricevere queste donazioni che vanno ad integrare in gran parte quelli che sono gli aiuti alimentari europei, e quello che noi, come Caritas, acquistiamo. Un circolo virtuoso che va dunque dallo spreco al dono".

Leggi Tutto »

Abruzzo, 8 mila imprese hanno investito in tecnologie green

In Abruzzo sono state 8 mila le imprese che nel 2018 hanno investito in tecnologie green e a basso impatto ambientale. L'ha segnalato il presidente di Confindustria Abruzzo, Marco Fracassi, durante la 'Innovazione, Sviluppo, Ricostruzione: il futuro delle aree interne'. "La propensione alla green economy, ancora al di sotto della media nazionale, rappresenta una delle chiavi di volta per lo sviluppo dell'Abruzzo, delle aree interne e del territorio colpito dal sisma", ha osservato Fracassi, "assieme al turismo, alle infrastrutture, ad un progetto di marketing territoriale che punti sulla sinergia con il mondo accademico e a politiche di sviluppo industriale che guardino con attenzione ai cambiamenti tecnologici nel contesto di Industria 4.0".

"Stiamo investendo molto sull'innovazione tecnologica per dare un futuro a questa citta' e a questo territorio. Vogliamo promuovere una strategia di sviluppo delle aree interne che metta insieme universita', ricerca scientifica, sviluppo del territorio ed economia. Questa sfida sta portando risultati importanti. E' la strada che abbiamo imboccato non solo per rispondere alla crisi e alla tragedia del territorio aquilano e ad una lenta e difficile ricostruzione ma anche per affrontare comunque le sfide per il futuro". Il presidente della giunta regionale, Marco Marsilio e' intervenuto cosi' al convegno "Innovazione, sviluppo, ricostruzione: il futuro delle aree interne" nella sala convegni della sede di Confindustria L'Aquila Abruzzo, nel nucleo industriale di Pile. Ha partecipato anche l'assessore regionale alle attivita' produttive, Mauro Febbo. L'incontro, a cui hanno preso parte autorita' istituzionali e del mondo economico e produttivo, ha rappresentato l'occasione per un confronto su una strategia di rilancio delle aree interne, incentrata su innovazione e ricerca. "La Regione - ha aggiunto Marsilio - entro due anni completera' il piano della banda larga. Non ci sara' neppure un comune, neanche il piu' piccolo, che non sara' collegato alla rete ultraveloce. L'Aquila e' una delle citta' campione che sta sperimentando il 5G. In questo territorio e' aperto un prestigioso istituto di alta formazione e ricerca scientifica Gssi, cosi' come permangono quelle presenze storiche, come l'universita' e i Laboratori del Gran Sasso. L'innovazione, la tecnologia e il sapere sono quel di piu' che ci permette di competere non sulla quantita' ma sulla qualita' dei nostri prodotti e sulla formazione. Il cammino verso una rinascita del tessuto economico locale e' a buon punto, considerando le azioni messe in campo per alzare il livello di conoscenza e di appetibilita' di una terra che ha ancora molto da offrire sotto il profilo dell'innovazione, della ricerca e della formazione accademica". Il convegno si e' aperto con i saluti istituzionali del presidente Marsilio, del sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi e del presidente di Confindustria Abruzzo, Marco Fracassi, alla presenza del presidente di Confindustria L'Aquila Abruzzo Interno, Riccardo Podda.

Leggi Tutto »