Primo Piano

Legnini: Sono soddisfatto della composizione delle liste

''Sono soddisfatto della composizione delle liste, sono tante e hanno colto il segno del mio appello di novembre, quando chiesi alla società civile di schierarsi. Sono l'espressione di mondi diversi dal quale percepiamo un cambiamento: il 44% è rappresentato da donne, il 43% sono under 40, abbiamo 8 ventenni e 6 30enni. Insomma, c'è voglia di partecipazione''. E' un Giovanni Legnini sereno quello che alla presentazione delle liste Pd per le regionali fa il punto sulla campagna elettorale. ''La liste democratiche nella coalizione sono all'interno del progetto, senza esserne in baricentro - ha proseguito - all'inizio quando ne ho parlato chiesi ai dirigenti di aderire al progetto nuovo. Nel passato c'erano coalizioni con il Pd al centro, e questo corrispondeva al contesto politico, o con i civici in alternativa ai partiti. Qui invece abbiamo chiesto alla società civile di fare un passo avanti e di candidarsi e non non potevamo dir loro 'ci sono però poche caselle da occupare'. Abbiamo detto invece 'c'è posto per voi, se venite c'è pari dignità''

 Sarà presentato a breve il programma elettorale del centrosinistra che fa capo a Giovanni Legnini, ma già da ora il candidato presidente chiarisce che ''ci saranno 3 punti fermi, più due presupposti: lavoro e lavoro''. A margine della presentazione delle liste Pd spiega che ''Ambiente e ricostruzione, sanità per tutti, più prossimità alle cure''. Quando gli fanno notare che anche l'ex presidente della Regione Luciano D'Alfonso aveva parlato di 'coccole per i malati', Legnini non si scompone e ribatte che ''chi vive nei territori interni deve avere gli stessi diritti delle aree urbane, ad essere curato a casa da una sanità vicina con una rete territoriale''

''Il Pd si presenta alle regionali e deve fare tesoro degli errori del passato, quando è stato arrogante e autoreferenziale''. Lo ha detto il segretario regionale Renzo Di Sabatino durante la presentazione delle liste Pd a sostegno della candidatura di Giovanni Legnini, liste 'che sono ottime, con 14 uomini e 15 donne''. Di cosa si tratti è presto detto: ''La nostra autocritica va fatta sulla base del lavoro che è stato fatto in questi anni di Giunta di centrosinistra - spiega Di Sabatino - che è la base per andare oltre, cioè per ripartire . Non siamo stati capaci di rappresentare in modo diverso quello che di buono è stato fatto, vedi il comparto salute che 5 anni fa era sotto commissariamento e oggi sta meglio. O lo stesso trasporto pubblico che era vicino al collasso e che oggi invece sta bene ed è pubblico. Insomma, abbiamo parlato troppo di ponti e grandi infrastrutture e poco di quello che accadeva nelle case degli abruzzesi, delle persone''.

 

 

Leggi Tutto »

Elezioni regionali, Marsilio: Gli obiettivi programmatici sono quelli della crescita, del lavoro e della sicurezza,

Inizia ufficialmente la campagna elettorale di Marco Marsilio, che domenica prossima, 20 gennaio alle 10.30, al Circus di Pescara, vedrà la presentazione ai cittadini della coalizione e del programma del centrodestra. Gli obiettivi programmatici sono quelli della crescita, del lavoro e della sicurezza, declinati attraverso 4 pilastri che dovranno sostenere lo sviluppo dell’Abruzzo nei prossimi anni. Il primo è la garanzia del benessere della persona, trattando argomenti che vanno dal tema centrale della sanità, alle tutele sociali, passando per l’istruzione, la formazione, lo sport, l’inclusione e la cultura. Il secondo, la valorizzazione del made in Abruzzo e delle sue eccellenze turistiche, agricole, enogastronomiche, artigianali e manufatturiere. Il terzo, la difesa del territorio che significa prevenzione del dissesto idrogeologico, la salvaguardia dell’ambiente e delle acque, la protezione civile. Il quarto e ultimo riguarda la modernizzazione delle infrastrutture, che significa il potenziamento dei trasporti e della rete ferroviaria, la manutenzione delle autostrade, e il superamento del divario digitale.
“Con il treno, questa mattina, abbiamo attraversato un pezzo di terra trascurato dalla precedente giunta di centrosinistra, sempre in ossequio di questa perversa logica di dividere il territorio in zone di serie A e di serie B”, a dirlo è il candidato Presidente alla Regione, Marco Marsilio, che aggiunge: “Finalmente, con il centrodestra, c’è la possibilità di federare l’Abruzzo, così che ogni territorio possa esprimere le proprie potenzialità. L’obiettivo è di superare le conflittualità a favore della sussidiarietà tra vocazioni, per una crescita sociale, economica e produttiva dell’intera regione. Mare e montagna non sono due opposti che confliggono, ma sono delle ricchezze ambientali che si completano a vicenda - dice ancora Marsilio - In Abruzzo, in pochi chilometri puoi godere di questi due importanti polmoni naturali, con tutti quei piccoli e grandi elementi di interesse che vanno dall’enogastronomia, all’artigianato tipico, alla cultura, allo sport. A Sulmona, da dove siamo partiti con il treno, abbiamo aperto il focus sul punto nascite, la cui chiusura rappresenta una vera e propria sciagura per una vasta area che interessa la Valle Peligna, la Subequana e l’Alto Sangro, più gli utenti della vicina provincia di Pescara, che si spostano naturalmente verso il presidio ospedaliero del SS Annunziata.
E, poi, ci sono i 200 bambini subequani che non hanno garanzia delle cure, arrivando a 1.000 se consideriamo anche Raiano. La legge dei numeri non può valere in ambito sanitario”.

 

Leggi Tutto »

Elezioni regionali, tutti i candidati in Abruzzo

Quattro candidati alla presidenza della Regione per complessive 16 liste alle elezioni abruzzesi del prossimo 10 febbraio. Sono i numeri emersi oggi alla scadenza del termine per la presentazione di liste e candidati della tornata elettorale. Per la coalizione di centrosinistra il candidato è l'ex vice presidente del Csm, Giovanni Legnini, ex parlamentare e sottosegretario all'Economia con delega alla ricostruzione dell'Aquila, sostenuto da 8 liste; per il centrodestra il senatore di Fratelli d'Italia Marco Marsilio, romano di origini abruzzesi, appoggiato da 6 liste, per il Movimento Cinque stelle il consigliere regionale uscente Sara Marcozzi; per Casapound Stefano Flajani. Le liste di centrosinistra sono: Pd, Progressisti con Legnini-Sinistra Abruzzo-Leu, Legnini presidente, Abruzzo in Comune, Centristi per l'Europa-Solidali e Popolari per Legnini, Avanti Abruzzo-Idv, Abruzzo Insieme-Abruzzo Futuro, Più Abruzzo-Solidale Liberale Popolare Sostenibile con Legnini. Le liste di centrodestra: Lega, Forza Italia, Fratelli d'Italia, Azione Politica, Popolo della Famiglia - Popolari per l'Italia, Udc-Dc-Idea. 

Sono due le liste sotto osservazione da parte degli uffici circoscrizionali dei Tribunali abruzzesi dopo la presentazione, entro le 12 di ieri, per le elezioni regionali in programma il 10 febbraio prossimo. Si tratta - si è appreso - del 'Popolo della famiglia-Popolari per l'Italia', collegata al candidato presidente del centrodestra, Marco Marsilio, e quella di 'Abruzzo Insieme', collegata al candidato di centrosinistra Giovanni Legnini, messa a punto dal consigliere regionale uscente di centrosinistra, Donato Di Matteo. Domani si conoscerà la sorte con i delegati che spiegheranno negli uffici circoscrizionali dei Tribunali le controdeduzioni notificate ieri. 

Le elezioni regionali in Abruzzo si terranno il 10 febbraio 2019.  Di seguito riportiamo le liste e i candidati:

Sara Marcozzi - Movimento 5 Stelle

MOVIMENTO 5 STELLE

Provincia L’Aquila: Michele Baliva, Angelo Bisegna, Antonina Cofini, Giuseppe Walter Delle Coste, Antonella Di Passio, Giorgio Fedele, Adele Paponetti.

Provincia Pescara: Raffaella Di Giovanni, Massimo Di Renzo, Federica Fedele, Francesco Nuvolari, Domenico Pettinari, Gianni Smarrelli, Barbara Stella.

Provincia Chieti: Sara Marcozzi, Andrea Di Ciano, Cinzia D’Eramo, Silverio Mazzocchetti, Nicola Monachetti, Pietro Smargiassi, Sara Stenta e Francesco Taglieri.

Provincia Teramo: Marco Cipolletti, Giampiero Di Camillo, Mauro Di Criscenzo, Gabriella Italiani, Virginia Meloni, Giacinto Palmarini, Margherita Trifoni.

 

Stefano Flajani - Casapound


CASAPOUND

Provincia L’Aquila: Giovanni Bartolomucci, Roberta Cialfi, Pio Feneziani, Eugenio Lustri, Marco Mancini, Claudia Pagliariccio, Angela Palermini.

Provincia Pescara: Laura Cavaliero, Dino Rossi, Emma Porrini, Matteo Iervese, Claudia Di Iorio, Mirko Iacomelli, Rosa Mastrovalerio.

Provincia Chieti: Francesca La Rovere, Evanio Di Vaira, Mattia D’Astolfo, Gabriele Turilli, Paola Linda Memmo, Giuseppe Luigi Annecchini, Elena De Candia, Giovanni Di Leo.

Provincia Teramo: Roberto Monardi, Liberatore Merlitti, Armando Pertinari, Carlo Filipponi, Cinzia Pincelli, Concetta Ettorre, Claudia Pagliariccio.

 

Marco Marsilio - centrodestra


AZIONE POLITICA

Provincia L’Aquila: ino Angelosante, Cesidio D’Alessandro, Roberto Santangelo, Roberta Salvati, Antonio Paraninfi, Rosa Pestilli, Alessandra Ricci.

Provincia Pescara: Roberto Ruggieri, Marco D’Andrea, Berardino Fiorilli, Sandra Santavenere, Giuseppe Mazzocchetti, Sabrina Pelaccia, Daniela De Sanctis.

Provincia Chieti: Carmela Carafone, Gianni Bellisario, Serena Pompilio, Antonio Zinni, Lucio Del Forno, Giorgio Di Clemente, Tonino Marcello, Gabriella Tumini.

Provincia Teramo: Antonio Lattanzi, Rudy Di Stefano, Giammarco Marcone, Luciana Di Marco, Rolando Di Diodato, Federica Di Pietro, Rossana Cirilli.

FORZA ITALIA

Provincia L’Aquila: Antonio Del Corvo, Anna Lisa Di Stefano, Fabiana Francesca Donadei, Gabriele Gianni, Emilio Iamperi, Lucia Ottavi, Roberto Tinari.

Provincia Pescara: Nunzio Campitelli, Umberto Di Pasquale, Marina Febo, Maria Felicia Maiorano Picone, Maria Rosaria Parlione, Vincenzo Serraiocco, Lorenzo Sospiri.

Provincia Chieti: Luca Cordi, Daniele D’Amario, Carla Di Biase, Saverio Di Giacomo, Consuelo Di Martino, Mauro Febbo, Emilio Nasuti, Maria Travaglini.

Provincia Teramo: Gabriele Astolfi, Mario Cozzi, Umberto D’Annuntiis, Valentina Filipponi, Anna Paola Mazzone, Emilio Valentini, Cristina Verdone.

FRATELLI D’ITALIA

Provincia L’Aquila: Angelica Angelucci, Maria Assunta Iommi detta Mariella, Guido Quintino Liris, Mario Quaglieri, Luca Ricciuti, Angela Taccone, Massimo Verrecchia.

Provincia Pescara: Leonardo D’Addazio, Liliana D’Innocente, Mario Di Tommaso, Cinzia Marinelli, Manola Musa, Guerino Testa, Sabatino Trotta.

Provincia Chieti: Antonio Tavani, Donato Di Fonzo, Marco Di Paolo, Maria Rosaria Elia, Sabrina Giuliani, Rocco Micucci, Francesco Prospero, Monia Scalera.

Provincia Teramo: Monica Brandieri, Romolo Lanciotti, Rossella Licursi, Raimondo Micheli, Ivano Ortelli, Patrizia Pallini, Sandro Sierri.

LEGA

Provincia L’Aquila: Simone Angelosante, Tiziana Del Beato, Antonio Morgante, Emanuele Imprudente, Leonardo Casciere, Antonietta La Porta, Giulia Donatelli.

Provincia Pescara: Nicoletta Verì, Angelita Palumbo, Carla Ricci, Lino Galante, Vincenzo D’Incecco, Luca De Renzis, Ottavio De Martinis.

Provincia Chieti: Emanuele Marcovecchio, Alessandro Bevilacqua, Efren Martelli, Annalisa Bucci, Sabrina Bocchino, Annarita Guarcino, Nico Campitelli, Fabrizio Montepara.

Provincia Teramo: Pietro Quaresimale, Gianni Mastrilli, Simona Cardinali, Maria Di Domenico, Antonio Di Gianvittorio, Emiliano Di Matteo, Federica Rompicapo.

POPOLO DELLA FAMIGLIA-POPOLARI PER L’ITALIA

Provincia L’Aquila:

Provincia Pescara:

Provincia Chieti:

Provincia Teramo:

UDC-DC-IDEA

Provincia L’Aquila: Lino Cipolloni, Marianna Scoccia, Antonio Di Cristofaro, Barbara Marianetti, Iride Cosimati, Elena Carusi, Andrea Liberatore.

Provincia Pescara: Raffaele Tenaglia, Walter Vallese, Fabio Iervese, Adelaide di Rocco, Patrizia Malandra, Cristina Gambini, Giuseppe D’Onofrio.

Provincia Chieti: Viola Antonio, Mario Fiore Olivieri, Antonello Di Campli Finore, Donato Di Santo, Annamaria Donia, Cinzia Santoferrara, Rosella Stampone, Michele Suriani.

Provincia Teramo: Gianfranco di Marcello, Natalia Di Giambattista, Berardo De Simplicio, Nadia Baldini, Roberto Canzio, Maria Grazia D’Angelo, Stefano Rapali.

 

Giovanni Legnini - centrosinistra

+ABRUZZO-SOLIDALE LIBERALE POPOLARE SOSTENIBILE CON LEGNINI

Provincia L’Aquila: Maurizio Di Nicola, Roberto Di Masci, Paola Francesca Federici, Antonella Lopardi, Lorenzo Lorenzin, Fabio Pingue, Elisabetta Vicini.

Provincia Pescara: Nico Di Florio, Federica Di Persio, Antonietta Giglio, Massimo Magri, Daniele Marguerite Mastrangelo, Leonardo Neri, Paolo Salvatore.

Provincia Chieti: Lucrezio Paolini, Alessio Monaco, Alessia Chiacchieretta, Gianluca Coletti, Andrea Del Grosso
Arianna Manzi, Maria Rosaria Sisto, Giacinto Verna.

Provincia Teramo: Giorgio D’Ignazio, Luigia Caprio, Pietrina Cipriani, Rosanna Di Berardino, Romolo Grossi
Ferdinando Martini, Tiziana Tanzi.

ABRUZZO INSIEME-ABRUZZO FUTURO

Provincia L’Aquila: Gianni Anastasio, Caterina Bernardoni, Tonino Pierpaolo Di Cosimo, Marianna Grazia Augusta Cantelmi, Domenico Eligi, Raffaella Rita Alba Madonna, Leonardo Lippa.

Provincia Pescara: Bartolomeo Donato Di Matteo, Paola Di Virgilio, Vincenzo Catani detto Enzo, Annalisa Palozzo,
Evaldo Crisante, Angela Serafini, Enrico Scassa.

Provincia Chieti: Francesco Ricci, Marina Cavallo, Mario Ciarrapico, Francesca Cordisco, Giorgio  Marchegiano,
Silvana Corsi, Jacopo Pizzicannella, Fabio Travaglini.

Provincia Teramo: Augusto Di Stanislao, Cristina De Dominicis, Ercole Core, Giorgia Di Pasquale, Antonino Guarnaccia, Giulia Sidoni, Andrea Guizzetti.

ABRUZZO IN COMUNE

Provincia L’Aquila: Lorenzo Berardinetti, Antonio De Crescentiis, Francesca Di Giulio, Francesco Di Paolo, Maria Antonietta Dominici, Lucia Pandolfi, Antonella Santilli.

Provincia Pescara: Giuseppe Esposito, Giulia De Lellis, Tiziana Di Giampietro, Antonella Di Martile, Anna Bruna Giansante, Giovanni Mancini, Roberto Marzetti.

Provincia Chieti: Inka Zulli, Ignazio Rucci, Giuseppe Antonio Lalli, Micaela Di Cicco, Natasha Cupaiolo, Domenico Giangiordano, Carlo Moro, Roberta Nicoletti.

Provincia Teramo: Sandro Mariani, Ilaria De Sanctis, Giuseppe D’Alonzo, Enrico Marini, Katia Verdecchia, Federico Stocchi, Elodia Di Vincenzo.

CENTRISTI PER L’EUROPA-SOLIDALI E POPOLARI PER LEGNINI

Provincia L’Aquila: Alfonso D’Alfonso, Mariangela Cianfaglione, Marilena De Ciantis, Mimmo Di Benedetto, Antonio Gallucci, Angelo Raffaele, Rita Salvatore.

Provincia Pescara: Vittoria D’Incecco, Stefania Centorame, Maria Alessandra Iezzi, Paolo Di Berardino, Renzo Gallerati, Paolo Giosaffatto, Luciano Salvitti.

Provincia Chieti: Marco Marino, Maria Domenica Marina Di Mascio, Nicola D’Urbano, Daniela Palladinetti, Roberta Papponetti, Salvatore Pastorello, Stefania Russo, Fulvio Covino.

Provincia Teramo: Pierangelo Guidobaldi, Marisa Cerza, Sabatino Di Ludovico, Valentina Di Filippo, Gabriella Ianni, Eloisa Ierace, Ottavio Rapposelli.

AVANTI ABRUZZO-IDV

Provincia L’Aquila: Lelio De Santis, Patrizio Giammarco, Angelo Mariani, Sabrina Nanni, Roberta Polce, Paola Ruffo, Domenico Venditti.

Provincia Pescara: Massimo Calisi, Stella Cantelli, Matteo Ciccone, Floriana Di Martino, Giulia Giuliani, Gabriele Pasqualone, Emidio Isidoro.

Provincia Chieti: Walter Palumbo, Nino Turdò, Antonio D’Angelo, Gabriella Di Febo, Celestina Di Lucia, Cinzia Piera Iezzi, Concezio Paris. Serena Tundo.

Provincia Teramo: Marisa Di Pietro, Nicola Di Marco, Emma Zarroli. Marcello De Antoniis. Gianluca Alonzo. Alduino Tommolini. Marina Ciferni.

LEGNINI PRESIDENTE

Provincia L’Aquila: Americo Di Benedetto detto Chicco, Virginia Buonavolontà detta Virna, Francesco Di Donato, Francesco Di Felice, Mauro Fattore, Francisca Ibarra, Emanuela Iorio.

Provincia Pescara: Alessandra Di Pietro, Bruno Paolo Amicarelli, Giovanni Di Iacovo, Enzo Imbastaro, Francesco Mancini detto Checco, Valeria Marisi, Carla Tiboni.

Provincia Chieti: Paola Di Renzo, Simona Auriemma. Dora Anna Bendotti, Luigi D’Alessandro, Gabriele Di Giammarco, Alessandro Lanci, Enrico Raimondi, Andrea Ritenuti.

Provincia Teramo: Luciano D’Amico, Graziano Ciapanna, Franco Di Bonaventura, Giorgio Giannella, Anna Marcozzi, Rosalba Marinelli, Sandra Renzi.

PARTITO DEMOCRATICO

Provincia L’Aquila: Valentina Angelucci, Rosa De Luca, Valentina Di Benedetto, Giuseppe Di Pangrazio
Antonio Di Rienzo, Patrizia Masciovecchio, Pierpaolo Pietrucci,

Provincia Pescara: Alberto Balducci, Antonio Blasioli, Antonio Castricone, Giacomo Cuzzi, Lelila Kechoud, Chiara Trulli, Valeria Di Luca.

Provincia Chieti: Silvio Paolucci, Antonio Innaurato, Francesca Buttari, Davide Loris Caporale, Nadia Di Sipio, Lina Marchesani, Alessandro Marzoli, Maria Rita Arabella Tenaglia.

Provincia Teramo: Teresa Ginoble detta Elena, Giovanni Di Giacomantonio detto Gianni, Mara' Ana Isvelia, Maria Maddalena Marconi, Mariagrazia Marinelli, Luciano Monticelli, Dino Pepe.

PROGRESSISTI CON LEGNINI-SINISTRA ABRUZZO-LEU

Provincia L’Aquila: Roberta Dell’Aguzzo, Gaetano Iacobucci, Daniele Iacutone, Giuseppina Panecaldo, Fabio Ranieri, Pamela Soncini, Riccardo Centi Pizzutilli.

Provincia Pescara: Emanuele Battaglia, Massimo Berardinelli, Lina Fornarola, Mario Mazzocca, Edvige Ricci, Marinella Sclocco, Giovanni Taucci.

Provincia Chieti: Franco Caramanico, Paola Cianci, Rina Di Crescenzo, Pasqualino Di Genni, Antonella Masciarelli, Gianluca Scarlatto, Ernesco Sciascia, Marco Severo.

Provincia Teramo: Cristina Canzanese, Graziella Cordone, Silvana D’Ignazio, Roberto Martella, Francesco Mastromauro, Domenico Tinacci, Marta Viola.

 

 

 

Leggi Tutto »

Qualità pubblica amministrazione, l’Abruzzo agli ultimi posti secondo Eurobarometro

Nell'eurozona solo la Grecia sta peggio dell'Italia per quanto riguarda la Pubblica amministrazione. E' il risultato dell'elaborazione, riferita al 2017, realizzata dalla Cgia di Mestre su dati della Commissione europea che riguardano l'indice sulla qualità dei servizi offerti dagli uffici pubblici dei 19 Paesi che utilizzano la moneta unica. Se la Finlandia, i Paesi Bassi e il Lussemburgo occupano i tre gradini del podio, Slovacchia, Italia e Grecia, invece, si collocano nelle parte più bassa della graduatoria

"Sarebbe comunque sbagliato generalizzare, non tutta la nostra amministrazione pubblica è di bassa qualità. La sanità al Nord, molti settori delle forze dell'ordine, diversi centri di ricerca e istituti universitari - afferma il coordinatore dell'Ufficio studi degli Artigiani, Paolo Zabeo - assicurano delle performance che non temono confronti con il resto d'Europa". Tuttavia, continua Zabeo, il livello medio complessivo è preoccupante. "L'incomunicabilità, la mancanza di trasparenza, l'incertezza giuridica e gli adempimenti troppo onerosi - rileva - hanno generato una profonda incrinatura, soprattutto nei rapporti tra le imprese e i pubblici uffici, cha ha provocato l'allontanamento di molti operatori stranieri che, purtroppo, non vogliono più investire in Italia anche per l'eccessiva ridondanza del nostro sistema burocratico". Ad avvalorare la posizione di coloro che sostengono che per il sistema Paese è imprescindibile avere una macchina statale che funziona bene, sono particolarmente interessanti anche i dati elaborati dall'Ocse. Secondo l'organizzazione internazionale, infatti, la produttività media del lavoro delle imprese italiane è più elevata nelle zone con una più efficiente amministrazione pubblica. 

Altrettanto preoccupanti sono i risultati che emergono dalla periodica indagine campionaria condotta da Eurobarometro (Commissione europea) sulla complessità delle procedure amministrative che incontrano gli imprenditori dei 28 Paesi dell'Unione. L'Italia si trova al quarto posto di questa graduatoria, con l'84% degli intervistati che dichiara che la cattiva burocrazia è un grosso problema. Solo la Grecia, la Romania e la Francia presentano una situazione peggiore della nostra, mentre il dato medio dell'Unione europea si attesta al 60%. Se, invece, ritorniamo all'elaborazione su dati della Commissione europea, sono ugualmente impietosi anche i risultati che emergono dalla comparazione sulla qualità della Pubblica Amministrazione a livello regionale. Rispetto ai 192 territori interessati dall'analisi realizzata nel 2017, le principali regioni del Centro-Sud d'Italia compaiono per otto volte nel rank dei peggiori 20, con la Calabria che si classifica addirittura al 190/o posto. Come per il confronto a livello nazionale, il risultato finale è un indicatore che varia tra 100, ottenuto dalla regione finlandese Åland (1/o posto), e zero che ha 'consegnato' la maglia nera alla regione bulgara dello Severozapaden. Sebbene sia relegato al 118/o posto a livello europeo, il Trentino Alto Adige (indice pari a 41,4) è la realtà territoriale più virtuosa d'Italia, seguono, a pari merito, altre due regioni del Nordest: l'Emilia Romagna e il Veneto (indice pari a 39,4) che si collocano rispettivamente al 127/o e al 128/o posto della classifica generale. Subito sotto troviamo la Lombardia (38,9) che è al 131/o posto e il Friuli Venezia Giulia (38,7) che si attesta al 133/o gradino della classifica stilata dalla Commissione Europea. Male, in particolar modo, il risultato delle regioni del Mezzogiorno dove si registrano le performance più preoccupanti. Se la Campania (indice pari a 8,4) è al 186/o posto, l'Abruzzo (6,2) è al 189/o e la Calabria, il territorio in cui la Pa funziona peggio tra tutte le nostre 20 realtà regionali, è addirittura al 190/o gradino della graduatoria generale, con un indice di soli 1,8 punti.

Leggi Tutto »

Bufera nel centrodestra per la lista dell’Udc

«Apprendo con stupore e rabbia che nelle liste dell’Udc sono stati i candidati Scoccia e Olivieri, nonostante il fatto che i partiti della coalizione di centrodestra avessero posto un veto politico sono loro presenza. I dirigenti dell'Udc avevano dato la loro parola sul fatto che avrebbero rispettato le indicazioni della coalizione e come candidato presidente designato dal centrodestra mi ero fatto veramente di tale accordo. Prendo atto che è stata tradita la parola data e la fiducia riposta, e che qualcuno ha voluto fare un grave e stupida forzatura che non può che portare, come conseguenza inevitabile, l'esclusione dell'Udc dalla coalizione della futura maggioranza in Consiglio Regionale. Il tempo dei sotterfugi, degli imbrogli e dei trasformismi deve finire. Mi dispiace che tanti candidati in buona fede dell'Udc e rispettabili esponenti di diversi movimenti che compongono la lista dell'Udc, a partire dal movimento Idea di Gaetano Quagliariello, siamo rimasti coinvolti in questo deprecabile giochino a causa di qualche irresponsabile». Lo dichiara in una nota Marco Marsilio, candidato del centrodestra per il Consiglio regionale.

L'appoggio di Gianluca Zelli (Azione Politica)

“Siamo con il nostro presidente, Marco Marsilio, e andiamo avanti col nostro progetto al suo fianco”. Così Gianluca Zelli, coordinatore regionale di Azione Politica, in riferimento alle dichiarazioni rese da Marsilio. “È intollerabile il ‘colpo di mano’ di alcuni esponenti della lista UDC al momento della presentazione. Il governo della Regione Abruzzo - sottolinea Zelli - richiede compattezza, lealtà e comunione d’intenti.  Le decisioni del nostro candidato sono anche le nostre”.

Quagliariello (Idea): su candidati imboscata di cui ero all'oscuro

“In nessun momento e in alcun modo né il sottoscritto né rappresentanti di ‘Idea’ sono stati informati del cambiamento della lista rispetto a quella che era stata concordata stanotte, prima che fosse affidata a quanti si erano assunti la responsabilità politica, formale e materiale del deposito”. Lo dichiara il senatore Gaetano Quagliariello, leader di ‘Idea’. “Ho sempre detto pubblicamente – prosegue - che ritenevo ingiustificati i veti posti dalla Lega alle candidature di Olivieri e Scoccia: in particolare quest’ultima ha una personalità che, per civiltà, non può essere considerata assorbita da quella dell’uomo che ha sposato. Ritengo però che a una scelta sbagliata non si risponde con una imboscata, soprattutto – conclude Quagliariello - se questa viene compiuta tradendo un accordo con il candidato presidente e senza che gli alleati della stessa lista ne siano messi al corrente”. 

Pagano (Forza Italia): si impone una riflessione

“Gli accordi intercorsi tra i partiti di centrodestra per la composizione delle liste elettorali prevedevano una serie di regole che tutti si erano impegnati a rispettare. Il fatto nuovo emerso nelle scelte dell'Udc impone una indifferibile e immediata riflessione. A questo punto il candidato presidente Marco Marsilio, in qualità di garante della coalizione,  dovrà farsi carico della convocazione urgente di un tavolo politico con tutte le componenti di centrodestra.”

Leggi Tutto »

Elezioni regionali. Sono otto le liste a sostegno della candidatura di Giovanni Legnini

Sono state depositate questa mattina le otto liste a sostegno della candidatura a presidente di Giovanni Legnini. Si tratta di quattro liste civiche senza alcun riferimento ai partiti e altre tre liste civiche aperte promosse da forze politiche e dalla lista del PD.

1. Lista LEGNINI PRESIDENTE composta da espressioni del mondo, della cultura e della formazione, del lavoro e delle professioni.
2. Lista Abruzzo IN COMUNE CON LEGNINI PRESIDENTE composta da amministratori locali di ogni estrazione politica e civica.
3. Lista CENTRISTI PER L'EUROPA SOLIDALI E POPOLARI CON LEGNINI, composta dall’impegno politico dei cattolici e del mondo delle associazioni e del volontariato sociale.
4. Lista ABRUZZO INSIEME, civica promossa dal Dottor Donato Di Matteo ed altri.
5. Lista + ABRUZZO, una civica promossa da +EUROPA e CIVICA POPOLARE , la lista di Beatrice Lorenzin che a livello regionale ha come riferimento l'ex sotto segretario Federica Chiavaroli
6. Lista AVANTI ABRUZZO,  civica promossa dai socialisti liberali e Italia Dei valori
7. LISTA PROGRESSISTI CON LEGNINI, SINISTRA ABRUZZO LeU, promossa da art. 1
8. Lista PD.

“Abbiamo conseguito un risultato straordinario con l’adesione di 233 candidati di ogni estrazione culturale, politica, territoriale e sociale in otto liste. Intendo ringraziarli uno per uno, poichè hanno voluto con generosità mettere a disposizione la loro esperienza e il loro tempo in nome del nuovo progetto politico che abbiamo voluto promuovere. L’appello alla società civile che rivolsi il 10 dicembre, è risultato dunque, largamente accolto e ciò mi carica di responsabilità, nel dover rappresentare una squadra così forte e motivata di passione e mi dà ulteriore energia per affrontare la competizione elettorale. Si è dunque realizzata quella nuova alleanza per l’Abruzzo tra le molteplici espressioni della società civile e le più importanti culture politiche appartenenti all’area progressista, cattolica e liberale. Domani mattina alle 11.30 sarò all'inaugurazione del comitato elettorale della lista civica Abruzzo Insieme a Pescara e nel pomeriggio incontrerò a porte chiuse tutti i candidati delle liste che sostengono la mia candidatura a presidente, a Francavilla a Palazzo Sirena, per programmare i 30 giorni di campagna elettorale durante i quali intendiamo condividere con i cittadini abruzzesi i contenuti del progetto politico e del futuro governo regionale. Ci siamo candidati in tantissimi per vincere le elezioni e cambiare in profondità la nostra regione ", afferma Giovanni Legnini, candidato alla carica di presidente della Regione Abruzzo. 

Leggi Tutto »

Sondaggio Index Research, in calo Lega e M5S

Nell'ultimo mese calano Lega e M5S nelle intenzioni di voto, secondo un Sondaggio Index Research per Piazza Pulita, programma di La7. La Lega passa dal 34,8 del 13 dicembre al 33,1 dell'11 Gennaio (-1,7%), comunque sempre quasi al doppio del 17,4% reale delle elezioni del 4 Marzo. Il Movimento passa dal 24,8 di dicembre al 24,1 (-0,7), sempre ben sotto il 32,7% reale delle ultime politiche. In generale Index Research registra "il calo delle forze di governo ed un sostanziale aumento, nelle intenzioni di voto, dell'opposizione", si legge nella nota che accompagna le cifre. Il margine di errore indicato é del 3,5%. "Per il Pd - sottolinea l'istituto guidato da Natascia Turato - si registra uno +0,3 con un passaggio al 17,5 % rispetto al 17,2 di dicembre, ma ancora sotto il 18,7 del 4 Marzo. Abbondantemente sotto il voto delle politiche Forza Italia che dal 14% passa, nelle intenzioni, al 7,9 di oggi con un lieve incremento rispetto al 7,6 del 13 Dicembre (+0,3%). Sale anche Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni che si attesa al 4,1 rispetto al 4% dell'ultimo rilevamento". "Un passo avanti per '+Europa' che sale al 2,5 % raggiungendo, con un +0,2%, la stessa percentuale delle elezioni politiche. Potere al Popolo viene sondato al 2,2 a Gennaio con un piccolo calo rispetto al 2,3 di Dicembre ma, di fatto, al doppio del 1,1 del Marzo 2018. Per le forze delle sinistra, Mdp, Si ed altri, si registra un 2,9%". Metodologia: Periodo di realizzazione: 9-10 gennaio 201 Mezzo di diffusione: Televisione Tema: Attualità Universo di riferimento: Popolazione italiana maggiorenne residente in Italia (fonte Istat al 01.01.2017) Estensione territoriale: Nazionale Campione: Campionamento nazionale casuale di tipo probabilistico stratificato per sesso, classi di età, aree geografiche, ampiezza centri. Rappresentatività del campione: popolazione maggiorenne residente in Italia Margine di errore: 3,5% Metodo di raccolta delle informazioni: Interviste telefoniche con metodologia C.A.T.I. con questionario strutturato Consistenza numerica del campione: Interviste Italia complete 1.500 Totale contatti effettuati: 4.001 Interviste complete: 800 (su totale contatti: 20,0%) Rifiuti/Sostituzioni: 3.201 (su totale contatti: 80,0%)

Leggi Tutto »

Elezioni regionali, Di Sabatino (Pd): Il rinnovamento del movimento cinque stelle passa attraverso la poltroncina sicura per la Marcozzi

“La candidata presidente della Regione Sara Marcozzi (Movimento Cinque Stelle) non ci venisse a dare lezione di democrazia: dopo aver ottenuto la candidatura a Presidente dando una spallata a chi aveva vinto le primarie, ovvero Domenico Pettinari, adesso si riserva una poltroncina sicura candidandosi consigliera nella lista di Chieti”.

Con queste parole il Segretario regionale del Pd Abruzzo Renzo Di Sabatino risponde alle dichiarazioni rilasciate ieri dalla Marcozzi durante la presentazione delle liste del M5S.

“Parliamo di numeri? – continua Di Sabatino – Se loro sono solo 29, e non 30,  è perché la Marcozzi ha deciso di riservarsi un bel paracadute in caso di sconfitta, candidando se stessa non solo Presidente, ma anche consigliera. Cosa che Giovanni Legnini non ha fatto, dimostrando quindi che la sua candidatura è totalmente a servizio della comunità abruzzese e ben lontana della logica delle poltrone. Ricordo, infatti, che il candidato presidente della coalizione che arriverà terza non siederà in Consiglio regionale, e forse proprio perché anche la Marcozzi ha capito che la sfida sarà fra Legnini ed un catapultato da Roma, ha deciso di garantirsi il posticino per altri cinque anni. Per gli abruzzesi, comunque, una buona notizia: il rischio di una Virginia Raggi d’Abruzzo è scongiurato.

Parliamo adesso di quello che la Marcozzi definisce “un abuso di democrazia”, ovvero il numero di candidati in campo. Il fatto che una forza politica che predica l’importanza della democrazia diretta, dell’uno vale uno e della partecipazione, si lamenti perché le persone hanno davvero voglia di essere in campo è  grottesco. Con il consenso ottenuto grazie a bugie e promesse irrealizzabili, di candidati ne avrebbero potuti presentare a migliaia, ma poi avrebbero avuto il problema di controllarli e di evitare che entrasse qualche testa pensante”.

Leggi Tutto »

Livelli essenziali di assistenza, l’Abruzzo tra le regioni migliori

E' il Piemonte a guidare le otto Regioni (Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Lombardia, Umbria Abruzzo e Marche) che ottengono un punteggio superiore a 200 nel monitoraggio dei Livelli essenziali di assistenza, secondo i dati del Ministero della Salute che pubblica i punteggi di tutte le Regioni in base alla Griglia LEA 2017. Altre otto regioni (Marche, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Basilicata, P.A. Trento, Lazio, Puglia, Molise, Sicilia) raggiungono il livello minimo accettabile (tra 200 e 160) mentre per cinque Regioni (Valle d'Aosta, Sardegna, Calabria, P.A. Bolzano) il punteggio è inferiore a 160. Per la prima volta vengono forniti anche i punteggi delle Regioni a statuto speciale non sottoposte a verifica adempimenti (Valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Province Autonome di Trento e Bolzano). Le Regioni, per poter accedere al maggior finanziamento del SSN - quota premiale del 3% delle somme dovute a titolo di finanziamento della quota indistinta del fabbisogno sanitario al netto delle entrate proprie - sono tenute a una serie di adempimenti, in base all'Intesa Stato-Regioni del 23 marzo 2005. Le Regioni sottoposte alla verifica di tali adempimenti sono quelle ordinarie e la Sicilia (sono escluse la Valle d'Aosta, le due Provincie Autonome di Bolzano e Trento, il Friuli Venezia Giulia e la Sardegna dal 2010). La verifica degli adempimenti è a cura del Comitato LEA, al quale è affidato il compito di monitorare l'erogazione dei Livelli essenziali di assistenza in condizioni di appropriatezza e di efficienza nell'utilizzo delle risorse, al fine di promuovere e garantire l'effettiva erogazione e l'uniformità sul territorio. Tra gli adempimenti, rientra quello relativo all'area "Mantenimento nell'erogazione dei LEA", che viene certificato attraverso l'utilizzo di un set di indicatori (cd. Griglia LEA) ripartiti tra l'attività di assistenza negli ambienti di vita e di lavoro, l'assistenza distrettuale e l'assistenza ospedaliera. Annualmente vengono presentati i risultati della valutazione dell'adempimento "Mantenimento nell'erogazione dei LEA". Per l'anno 2017, sono resi noti i punteggi di tutte le Regioni, comprese quelle che non sono sottoposte alla verifica adempimenti per l'accesso alla quota premiale. 

Nel 2017 risultano valutate positivamente, ottenendo un punteggio uguale o superiore a 160 (livello minimo accettabile) in base alla Griglia LEA, ben 16 Regioni. In particolare, le otto Regioni che raggiungono un punteggio superiore a 200 sono: Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Lombardia, Umbria, Abruzzo e Marche. Altre otto Regioni si collocano in un punteggio compreso tra 200 e 160 (livello minimo accettabile): Liguria, Friuli Venezia Giulia, Basilicata, Provincia Autonoma di Trento, Lazio, Puglia, Molise e Sicilia. Le Regioni Campania, Valle d'Aosta, Sardegna, Calabria e la Provincia Autonoma di Bolzano si caratterizzano per i punteggi inferiori a 160 e presentano diverse criticità ascrivibili in particolare all'area della prevenzione (screening e coperture vaccinali) e all'area distrettuale (residenziali anziani e disabili). Le Regioni Calabria e Campania, entrambe sottoposte a regime commissariale, presentano una situazione differente. Mentre la Calabria raggiunge un punteggio inferiore rispetto all'anno precedente, la Campania ha un punteggio migliorativo anche se non raggiunge ancora il livello minimo accettabile. Con riferimento alla P.A. di Bolzano, alla Sardegna e alla Valle d'Aosta si evidenzia il mancato invio di alcuni flussi informativi obbligatori. 

Leggi Tutto »

Elezioni Regionali: Marsilio, unico che torna da Roma è Legnini 

"L'unica persona che torna da Roma, e di cui l'Abruzzo deve avere paura, è Giovanni Legnini, perché rappresenta la perfetta continuità con Luciano D'Alfonso e il Partito Democratico, e perché ha già dimostrato di non avere l'Abruzzo al centro del suo cuore quando ha fatto altre scelte e quando si è dovuto far pregare in ginocchio, e dopo magari aver ricevuto la delusione di non essere stato nominato a presidente dell'Antitrust, come ha provato a fare fino all'ultimo munito". Lo afferma il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Abruzzo, Marco Marsilio. 
"Per me invece l'Abruzzo è una scelta di vita, di cuore e di passione perché, da abruzzese trapiantato a Roma, torno nella mia terra perché nessuno debba più vivere questa esperienza di famiglie che si allontanano ancora oggi, come nel secolo scorso e negli anni Cinquanta e Sessanta, per dare un futuro ai propri giovani e ai propri figli".

Leggi Tutto »