Cronaca

Trovato in auto con 5 chili di hashish, condannato a due anni

Ad ottobre era stati arrestati con un connazionale dopo che la squadra mobile di Teramo li aveva trovati in possesso di 5 chilogrammi di hashish. Una vicenda per la quale ieri mattina un marocchino di 44 anni e' stato condannato dal Gup Giovanni De Rensis, al termine del processo con rito abbreviato, ad una pena di due anni. L'uomo, che era ancora sotto misura, e' poi stato scarcerato. Il quarantaquattrenne il giorno dell'arresto si trovava in auto con un connazionale (la cui posizione verra' definita separatamente in un processo con rito ordinario. Fermati per un controllo, nella zona industriale di Nereto furono trovati in possesso di 5 panetti di hashish nascosti nell'auto

Leggi Tutto »

Incendio in casa a Torre de’ Passeri, muore anziano

Un uomo di 83 anni, Fernando Di Berardino, e' morto carbonizzato nell'incendio della sua abitazione, nel centro storico di Torre de' Passeri. All'origine del rogo, secondo le prime informazioni, potrebbe esserci il malfunzionamento di una stufa a gas. Le fiamme hanno completamente avvolto la casa di due piani. I Vigili del fuoco hanno dovuto lavorare piu' di un'ora per spegnere le fiamme, prima di poter entrare. All'interno dell' abitazione e' stato trovato il corpo carbonizzato dell'anziano. L'uomo, rientrato una decina di anni fa dalla Germania, dove lavorava, era vedovo da tre anni e viveva con il figlio, che in quel momento non era in casa. A lanciare l'allarme sono stati i vicini. Testimoni parlano di "fiamme altissime che uscivano dalle finestre e che hanno lambito le abitazioni vicine". Entrambi i piani della casa, infatti, sono andati distrutti. 

Leggi Tutto »

Trenta chilometri in autostrada contromano, tragedia sfiorata

Ha percorso contromano per circa 30 chilometri l'autostrada A14 con la sua auto con a bordo tre bambini: sabato sera e' stata evitata una tragedia tra i caselli di Vasto Sud e Termoli. Una donna di 37 anni, residente in provincia di Chieti, poco dopo le 22 a bordo di una Kia Picanto con i suoi tre figli, di 7 e 5 anni e uno di pochi mesi, invece di imboccare il tratto autostradale in direzione Pescara ha preso la corsia sud. Dopo una quarantina di chilometri si e' accorta di aver sbagliato strada e invece di uscire al casello di Poggio Imperiale ha fatto inversione di marcia. Le decine di telefonate giunte al centralino del 113 hanno allertato l'equipaggio della Polizia stradale della sottosezione di Vasto Sud che ha intercettato l'autovettura evitando ben piu' gravi conseguenze. Alla donna, risultata negativa ai test di alcol e droga, e' stata ritirata la patente di guida, sequestrata l'auto e contestata una infrazione di oltre 2000 euro.

Leggi Tutto »

Chieti, auto esce di strada e finisce in un cortile

E' di due feriti, uno dei quali ricoverato in prognosi riservata all'ospedale di Pescara e un altro ricoverato al Policlinico di Chieti, il bilancio di un incidente avvenuto la notte scorsa in una strada centrale di Chieti, via Papa Giovani XXIII. Una Ford Ka, giunta all'imbocco della curva, forse a causa della velocita' eccessiva, e' finita dapprima contro un muretto, distruggendolo, quindi ha divelto una ringhiera di protezione ed e' finita nel cortile di un' abitazione sottostante, che si trova al pian terreno di un palazzo, dopo un volo di alcuni metri. Gli occupanti dell'auto sarebbero giovani napoletani. Sull'auto ci sarebbe stata anche una terza persona che pero' non c'era quando sono arrivati i soccorritori. 

Leggi Tutto »

Due giovani aggrediti e malmenati nel centro di Pescara

Due giovani aggrediti e malmenati nel centro di Pescara. L'episodio e' avvenuto nella notte tra sabato e domenica, all'interno del parcheggio di via Michelangelo, nei pressi del Bingo. Ad aggredirli e a colpirli anche con un bastone sarebbe stato un gruppo di ragazzi. Non e' escluso che si sia trattato di una spedizione punitiva. I due giovani, di eta' compresa tra i 20 e i 25 anni, sono stati medicati in ospedale e dimessi con prognosi di 7 e 10 giorni. Sul posto il 118 e i Carabinieri, che si occupano delle indagini.

Leggi Tutto »

Lavori per il ponte nuovo a Pescara, cambia la viabilità

Saranno interdetti al traffico nei prossimi giorni, con l'avviso nella relativa cartellonistica, alcuni tratti di via Valle Roveto e vie limitrofe al cantiere principale del Ponte Nuovo a Pescara. Questo quanto dispone l' ordinanza firmata dal sindaco Marco Alessandrini per il completamento dei lavori relativi alla nuova infrastruttura che sara' riconsegnata alla citta' a primavera. "Siamo al rush finale per il Ponte Nuovo - dice il vice sindaco Enzo Del Vecchio - da domani iniziera' l'apposizione dei cartelli per delimitare l'area di fine cantiere dove ci saranno limitazioni del traffico fino al termine dei lavori, che contiamo non vadano oltre gli inizi di aprile. Il provvedimento interessa principalmente via Valle Roveto che inizia subito dopo il distributore Eni sara' chiuso per consentire il completamento dei lavori, con accesso ai soli frontisti. Saranno interdette al traffico anche parte di via delle Mainarde, nel tratto che va dall'incrocio con via Monte Camicia, con accesso ai soli frontisti; via Gran Sasso all'altezza della rotatoria di intersezione con via Forca di Penne-via Chieti; il Lungofiume dei Poeti, all'altezza dell'incrocio con via spalti del Re e parte della pista ciclopedonale che corre lungo via Valle Roveto, all'altezza della rampa realizzata nell'appalto degli argini golenali che riconduce al Monte Camicia". 

Leggi Tutto »

Giovane accoltellato a Chieti scalo

Gli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Chieti  sarebbero vicini alla individuazione dei tre giovani che la notte scorsa, a Chieti  Scalo, davanti ad un bar, si sono resi protagonisti dell'accoltellamento di un 24enne, manovale del posto, ricoverato in ospedale con una prognosi di 30 giorni per ferite al torace e ad una mano. Il ferito e' uno dei fratelli di Emanuele Cipressi, il 25enne che il 9 ottobre scorso con un coccio di vetro alla gola feri' a morte Fausto Di Marco, 40enne teatino, davanti ad un circolo privato sempre a Chieti Scalo. L'uomo e' ancora in carcere con l'accusa di omicidio volontario.

Ma fra l'accoltellamento di questa notte e l'omicidio non ci sarebbe alcun collegamento. Secondo quanto stanno ricostruendo gli uomini della Mobile teatina, infatti, la notte scorsa ci sarebbe stato un iniziale scambio di frasi per futili motivi legato a sguardi non graditi fra la vittima, Cristian Cipressi, e uno dei tre aggressori, con quest'ultimo che avrebbe pronunciato una frase come "che hai da guardare".

Dello stesso tenore la risposta della vittima e di li' una iniziale colluttazione a due. Subito dopo sono intervenuti altri due giovani avventandosi su Cipressi che, una volta ferito, ha urlato ''mi hanno insaccato''. Quindi i tre aggressori, che avrebbero palesato un accento napoletano, si sono allontanati, in un primo momento sicuramente a piedi, facendo perdere le proprie tracce.

Fra le testimonianze raccolte dalla Mobile quella della ragazza che era in compagnia di Cipressi e che non era l'oggetto degli sguardi, e di un vigilante in servizio da qualche giorno davanti al bar il quale, in un primo momento, era riuscito a bloccare uno degli aggressori che poi si e' divincolato ed e' fuggito. A quanto pare, invece, non ci sarebbero immagini riprese da telecamere di videosorveglianza.

 

Leggi Tutto »

Riaperta a Pescara la riserva naturale Pineta Dannunziana

Riaperta a Pescara la riserva naturale Pineta Dannunziana dopo una lunga chiusura necessaria a verificare la stabilita' degli alberi. "A causa del maltempo il terreno non solo si e' saturato di acqua, ma la falda acquifera si e' sollevata, causando l'inclinazione di alcuni esemplari e la caduta di altri, mettendo quindi a rischio la pubblica incolumita'. Per queste ragioni - spiega l'assessore comunale alla Riserva Dannunziana Paola Marchegiani - abbiamo avuto la necessita' di fare un'operazione di controllo e manutenzione approfondita, sia per valutare i danni sia per mettere in campo azioni che consentissero di prendere la decisione di riaprire"

Leggi Tutto »

Tremila sfollati in totale a Teramo

Quasi ottocento ordinanze di sgombero in sei mesi, di cui sette solo oggi, e 1032 nuclei familiari sgomberati, vale a dire 3.096 persone costrette ad abbandonare le abitazioni. E' il drammatico bilancio dei danni prodotti a Teramo dal sisma del 24 agosto a oggi, come fotografato dal report del Comune. Una prima stima economica dei danni parla di circa 9 milioni per i beni pubblici, 30 milioni per il patrimonio privato, 18 per gli edifici scolastici. Lo stesso report parla di 668 nuclei assistiti attraverso il contributo di autonoma sistemazione e di 120 ospitati negli alberghi, nonche' di danni ingenti anche al patrimonio economico-produttivo cittadino: 40 le attivita' commerciali e artigianali sgomberate, 25 gli studi professionali. Senza considerare i problemi al patrimonio religioso, con 36 chiese inagibili totalmente o parzialmente. Oltre cinquemila le richieste di sopralluogo pervenute, con migliaia di controlli ancora da effettuare; un migliaio sono arrivate dopo le scosse di terremoto del 18 gennaio. Drammatici anche i dati del patrimonio Ater danneggiato, con 30 palazzine lesionate di cui 9 in categoria E e 21 in categoria B, con 157 appartamenti su 175 lesionati. Discorso a parte per gli uffici pubblici: inagibili il Comune, la sede dell'Istituto superiore di studi musicali Braga, il Museo archeologico, il Castello della Monica, la sede dell'Arta. Numerosi anche quelli danneggiati parzialmente, come gli uffici del giudice di pace nell'ex caserma Rossi, la Prefettura, la Camera di Commercio, la sede dell'Ater, alcuni uffici Asl, gli uffici della pubblica istruzione del Comune, il Provveditorato. Danni anche ai cimiteri e alle scuole, con tre edifici dichiarati inagibili.

Leggi Tutto »

Sopralluogo di Curcio alla frana di Campli

 

"Monitoraggio, primi interventi urgenti per ridurre il rischio e poi un progetto strutturale; non si tratta di una cosa risolvibile ne' con pochi fondi ne' con poco tempo". Sono le fasi da seguire che il capo della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, ha indicato dopo il sopralluogo a Campli per la frana che, in localita' Castelnuovo, ha costretto cento persone ad abbandonare le abitazioni. "Sicuramente l'aver fatto vedere cosa e' accaduto sul nostro territorio in seguito al terremoto e alla successiva ondata di maltempo mi tranquillizza. Curcio ha constatato con i suoi occhi la gravita' del fenomeno franoso" ha detto il sindaco di Campli, Pietro Quaresimale, sottolineando come Curcio abbia "confermato che verranno finanziati tutti gli interventi per la messa in sicurezza del territorio".

"Sono molto fiducioso - ha aggiunto il sindaco - Curcio ha ribadito che supportera' presso il Governo la mia istanza di estensione della normativa sul sisma anche al dissesto idrogeologico per il necessario intervento strutturale. Come amministrazione rimarremo vigili e attenti affinche' siano compiuti gli interventi e i passi necessari per risanare il territorio colpito". Dopo Castelnuovo di Campli Curcio ha visitato anche Ponzano, frazione di Civitella del Tronto, dove a causa della frana sono oltre cento le persone sfollate. 

Leggi Tutto »