Politica

Berlusconi incontra i sindaci delle zone terremotate del Centro Italia

Scambio di battute ai margini del convegno di Fiuggi fra il Presidente Berlusconi e il sindaco di uno dei comuni del Centro Italia colpiti dal terremoto. Il Presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi subito dopo il suo intervento ha ricevuto in una sala riservata i sindaci dei comuni terremotati. Nel corso dell'incontro, che ha visto la partecipazione dei primi cittadini di Norcia, Arquata del Tronto, Teramo e Ascoli Piceno, si e' esaminata la difficile situazione nella quale ancora versano le vittime del sisma. Alla domanda del Presidente su cosa si potesse fare di concreto per aiutare i cittadini dei comuni terremotati, uno dei partecipanti ha risposto "vincere le elezioni politiche, perche' solo Lei al governo saprebbe davvero cosa fare, come ha fatto per il terremoto all'Aquila". Il Presidente Berlusconi ha risposto: "Vinciamo e mi trasferisco giu' da voi, come ho fatto nel 2009 in Abruzzo". "Allora - ha proseguito il leader azzurro - trovammo in poche settimane soluzioni dignitose per chi aveva perso la casa. Le vittime dei terremoti in Italia centrale hanno lo stesso diritto a non essere abbandonate dallo Stato"

Leggi Tutto »

Spoltore, il Comune punta ad avviare lo Sprar per la gestione dei migranti

Il Comune di Spoltore avvia il percorso per entrare a far parte della rete Sprar, il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, con l'obiettivo di gestire le future presenze di migranti sul territorio e favorire un'accoglienza programmata. Con l'adesione allo Sprar sono previsti 2-3 migranti ogni mille abitanti, prevedendo anche di evitare l'alloggio dei richiedenti asilo in un'unica struttura. Le persone saranno infatti distribuite in piccoli gruppi sul territorio. "Con l'adesione al sistema - dice l'assessore Carlo Cacciatore - evitiamo che sul territorio spuntino altri sistemi di accoglienza di iniziativa privata: una situazione che vedrebbe il Comune tagliato fuori da ogni decisione e non darebbe garanzie sul numero di migranti presenti. Limitandola numericamente, la presenza dei migranti non sara' impattante per i cittadini e consentira' di accoglierli nelle migliori condizioni sia per i concittadini sia per gli stessi migranti". 

Leggi Tutto »

Febbo presenta un’interrogazione sui concorsi Asl per dirigenti

 Una verifica della legittimita' delle procedure del concorso pubblico per dirigenti amministrativi indette dalle Aziende Sanitarie Locali di L'Aquila-Avezzano-Sulmona e Teramo: la chiede il Presidente della Commissione regionale vigilanza, Mauro Febbo, indirizzata all'attenzione del Presidente della Giunta Regionale Luciano D'Alfonso e all'Assessore competente in materia di Programmazione sanitaria Silvio Paolucci. Febbo spiega nel documento che "le figure dirigenziali potevano essere pescate in specifiche graduatorie ancora vigenti". "Voglio sapere se la Regione Abruzzo e le direzioni competenti sono a conoscenza che presso la A.S.L. di Avezzano-Sulmona-L'Aquila e' tuttora vigente apposita graduatoria di concorso pubblico per il profilo di dirigente amministrativo da assegnare alla UOC Gestione Risorse Umane approvata con deliberazione aziendale n. 1728 del 12 ottobre 2015. Analogamente, se siano a conoscenza, che presso la Asl di Teramo sono tuttora vigenti graduatorie di concorso pubblico per il profilo di dirigente amministrativo, tra cui la graduatoria per il concorso pubblico di dirigente amministrativo da assegnare alla UOC Gestione Risorse Umane approvata con Deliberazione aziendale n. 434 del 31 marzo 2015".

"Nello specifico - sottolinea il consigliere regionale Febbo - bisogna verificare se le procedure di concorso avviate per singolo settore siano contrastanti con gli indirizzi normativi e regolamentari anche adottati dalla Giunta Regionale richiamati nell'interrogazione, i quali sottolineano in maniera inequivoca la unicita' del profilo dirigenziale amministrativo e se anche - tenuto conto della situazione economico- finanziaria delle Aziende sanitarie abruzzesi - le menzionate procedure per il reclutamento di figure dirigenziali a tempo determinato, ovvero i rinnovi e le proroghe medio tempore disposti siano coerenti ovvero contrastanti con quanto previsto dal Decreto commissariale n. 1052015 che prevede che entro il 31 dicembre 2017 le ASL della Regione Abruzzo debbano ridurre i contratti a tempo determinato in essere del 50% procedendo alla loro sostituzione con assunzioni a tempo indeterminato. Quindi l'esecutivo regionale e' chiamato a rispondere e verificare se e quali azioni abbiano intrapreso i competenti Uffici regionali, nell'esercizio dei poteri di vigilanza e controllo attribuiti alle Regioni sull'operato delle Aziende Usl; Se i competenti uffici regionali non abbiano ritenuto di impartire alle Aziende Sanitarie della Regione Abruzzo, idonee direttive di attuazione di quanto previsto dalla Deliberazione di Giunta Regionale n. 645/2016 e dal verbale del Tavolo di monitoraggio finalizzate alla copertura dei posti vacanti presso le Aziende sanitarie regionali mediante sottoscrizione di convenzioni per l'utilizzo delle dette graduatorie tra Asl, a fini di snellimento dei tempi e delle procedure concorsuali nonche' di contenimento dei costi; Se abbiano valutato di trasmettere idonea informativa alla Procura Regionale della Corte dei conti, potendosi ravvisare nella condotta tenuta dalle su nominate Aziende Sanitarie di L'Aquila- Avezzano - Sulmona e Teramo eventuali profili di responsabilita' erariale"

Leggi Tutto »

Paolucci: nessuna volontà di penalizzare i medici

 "Non c'è nessuna volontà da parte della giunta regionale di penalizzare o non valorizzare la professionalità dei medici di continuità assistenziale. La decisione di sospendere l'erogazione dell'indennità oraria aggiuntiva e di procedere al recupero delle somme già corrisposte, è dettata dal rispetto della normativa e dell'accordo collettivo nazionale di lavoro". Lo precisa l'assessore alla programmazione sanitaria della Regione Abruzzo Silvio Paolucci. "Mi corre, però. l'obbligo di fare chiarezza su una questione - spiega Paolucci - che da settimane viene strumentalizzata a fini politici ed elettoralistici, generando sia nei medici interessati, che nella popolazione falsi convincimenti. La scelta di bloccare la corresponsione dell'indennità è legata alla notifica, lo scorso 29 giugno, del decreto 4366 della Procura Regionale dei Corte dei Conti, nel quale, fra l'altro, si evidenziava un elevato pregiudizio alle pubbliche finanze derivante dalla pregressa e attuale erogazione in favore dei medici di continuità assistenziale del compenso aggiuntivo orario di 4 euro a titolo indennità per i rischi legati alla tipologia dell'incarico. Indennità prevista da un accordo integrativo approvato dall'allora giunta regionale nell'agosto 2006". Per Paolucci, a oggi, non c'è alcun rischio in termini di mancata assistenza alla popolazione, dato che tutte le sedi di guardia medica attualmente presenti sul territorio regionale restano attive e il relativo servizio viene erogato con regolarità".

 

L'affondo del Movimento 5 Stelle

Il Movimento 5 Stelle Abruzzo scende in campo a tutela dei medici di guardia che, sulla base di un provvedimento definito "ingiusto", si trovano ad avere "un debito con la Regione di quasi 70mila euro cadauno, e non perche' hanno chiesto un prestito, ma perche' con una delibera di Giunta il Governo D'Alfonso ha deciso di eliminare i 4 euro l'ora di indennita' di rischio in formula retroattiva". Il punto della situazione e' stato fatto nel corso di una conferenza stampa cui hanno preso parte il vicepresidente della commissione Sanita' del Consiglio regionale, Domenico Pettinari, la consigliera Sara Marcozzi e diversi medici di continuita'. Le guardie mediche abruzzesi, sottolineano i grillini, "si sono viste prima decurtare lo stipendio e poi hanno ricevuto la richiesta di recupero delle somme percepite dalla Regione Abruzzo, estesa anche agli eredi". Si tratta di circa 400 medici in tutta la regione, "un valore aggiunto irrinunciabile - dice il M5s - soprattutto in quelle aree interne che sono poco servite dagli ospedali maggiori e che risultano ancor piu' isolate dalle politiche di depotenziamento e chiusura che ha investito i grandi ospedali". "Il motivo di questo taglio incondizionato - osservano i grillini - e' una semplice richiesta di spiegazione su questa indennita' di rischio ritenuta utile nel 2006 e che avrebbe dovuto colmare tutte le carenze relative alla sicurezza sul posto di lavoro. Una richiesta di delucidazioni da parte della Corte dei Conti a seguito della quale la Giunta regionale ha preferito disporre l'interruzione della stessa"

Leggi Tutto »

Incompiute, Cozzi: Nel 2018 il distretto sanitario aprirà al pubblico a Montesilvano

«Un’opera attesa da oltre 20 anni, dall’importanza strategica per potenziare i servizi a disposizione della collettività. Uno scheletro abbandonato per troppi anni, che  finalmente diventerà utile per tutta la comunità». Così l’assessore ai Lavori Pubblici Valter Cozzi parla del distretto sanitario di Montesilvano, annunciando l’esito della gara di affidamento degli ultimi interventi necessari per rendere fruibile la struttura.

«La Provincia di Pescara ha ultimato le procedure di gara -  specifica l’assessore -  individuando la ditta affidataria dell’ultimo lotto dei lavori. Si tratta della RTI Edilizia Mancini srl di Atessa e Lucente Mario &C SAS di Pescara che si occuperanno in 120 giorni, dall’inizio dei lavori, di ultimare l’opera. Al nostro insediamento – ricorda l’assessore Cozzi -  abbiamo trovato un cantiere abbandonato. Abbiamo immediatamente completato i lavori di competenza comunale, della parte interna del distretto. L’area esterna invece sarebbe dovuta essere realizzata dalla Asl di Pescara. Attraverso un protocollo di intesa, in concertazione anche con i rappresentanti delle sigle sindacali, per accelerare i tempi di realizzazione di questa opera che riteniamo fondamentale e necessaria per Montesilvano, ci siamo impegnati a sostituirci  alla Asl nella realizzazione anche di questo ultimo lotto. Questa decisione è stato un atto doveroso per mettere la parola fine a questa storia che si è trascinata per troppi anni e ha privato la città di un’opera e di servizi fondamentali. Nei prossimi giorni incontreremo la Asl affinché predisponga gli atti necessari al trasloco nella nuova struttura».

L’ultimo lotto consiste nell’adeguamento alle norme antincendio della struttura, nonché nel completamento dell’area esterna, attraverso la realizzazione della strada esterna, di passaggi pedonali, parcheggi, della recinzione, delle opere a verde, del sistema di raccolta delle acque bianche, della pubblica illuminazione e delle rifiniture.

Era il 1995 quando venne attivato l’iter per la realizzazione della struttura e il 1996 quando il progetto  venne approvato dall’Amministrazione comunale di Montesilvano. Ci vollero ben 15 anni per giungere alla posa della prima pietra che avvenne solo nel marzo del 2010.

All’interno del distretto troveranno posto, secondo quanto deciso dalla Asl di Pescara, che ha individuato la distribuzione degli spazi, un punto informazioni, il centro prelievi, lo sportello esenzione per reddito, lo sportello esenzione per patologia, il cup, il poliambulatorio, un consultorio, gli uffici amministrativi e aree da adibire ai servizi annessi, quali spogliatoi e sale di attesa.

«Consegnare alla città il distretto sanitario -  dice ancora Cozzi -  significa raggiungere un obiettivo importantissimo del progetto di completamento delle grandi incompiute della città su cui abbiamo focalizzato la nostra azione amministrativa. Dal nostro insediamento ad oggi siamo riusciti a rendere fruibili dalla collettività opere lasciate nel dimenticatoio, come il mercatino ittico, la scuola dell’infanzia di via Adda, oggi intitolata al Generale Giuseppe Dezio, gli alloggi popolari di via Salieri, per i quali è in via di predisposizione il bando per l’assegnazione, la pista di atletica di via Senna, quella ciclopedonale lungo tutta la riviera. Ora anche il distretto sanitario diventerà realtà».

 

Leggi Tutto »

Economia, le priorità per l’Abruzzo secondo Lombardo (Uil)

Accelerare la cantierizzazione e la messa in opera del Masterplan; dare seguito alla Carta di Pescara per l'industria innovativa, o al Patto per lo Sviluppo; ridiscutere, a livello naizonale, il ruolo degli ammortizzatori sociali. Per il segretario generale Uil Abruzzo Michele Lombardo sono le tre priorita' da affrontare e aggiunge: "non si perda piu' tempo e, almeno per le azioni gia' decise e annunciate per il rilancio economico e occupazionale dell'Abruzzo, si passi ai fatti". "Se da un lato non si puo' che essere contenti - dice Lombardo - per l'incremento dei posti di lavoro nel nostro Paese cosi' come dell'aumento occupazionale registrato nella grande industria abruzzese nel secondo trimestre 2017 rispetto al primo, dall'altro prendiamo atto che l'Abruzzo, in particolare le aree interne, risente pesantemente di fenomeni come il sisma e un'invernata terribile che hanno devastato il territorio e rallentato il rilancio economico. Accanto a tutto cio' - aggiunge il segretario Uil - permane una situazione strutturale in cui accanto alla grande e media industria, capace di agganciare il treno nazionale della crescita, c'e' quel mondo della piccola e media impresa, dell'artigianato e dell'edilizia che e' totalmente in crisi". "Il fattore tempo - conclude Lombardo - non e' una variabile autonoma ma decisiva per rilanciare l'intero sistema Abruzzo. E di tempo, finora, se ne e' perso troppo".

Leggi Tutto »

Fosso Mazzocco, Cozzi: Al lavoro per tutelare la fascia costiera

Tutelare la fascia costiera e ripristinare la sicurezza dell’area circostante. Questi gli obiettivi dell’intervento di risistemazione di Fosso Mazzocco. «Abbiamo avviato gli interventi -  dichiara l’assessore ai Lavori Pubblici Valter Cozzi – necessari per contrastare i fenomeni erosivi che hanno interessato la zona a ridosso di Fosso Mazzocco. Le ondate di maltempo che hanno colpito la nostra regione lo scorso inverno hanno danneggiato significativamente la nostra costa, in special modo vicino la foce del fosso Mazzocco. A causa della mancanza parziale degli argini, in occasione di forti temporali, l’esondazione del fosso causa l’erosione delle aree circostanti. Si è reso necessario quindi intervenire, potenziando gli argini esistenti».  I lavori, affidati alla ditta G&P srl verranno realizzati per mezzo di un contributo di 50.000 euro, stanziato dalla Regione Abruzzo. «Lo scorso maggio -  ricorda Cozzi -  abbiamo sottoscritto un protocollo insieme al dirigente regionale del Servizio Opere Marittime e Acque Marine, Franco Gerardini, per ufficializzare tale finanziamento». La convenzione stabiliva che il Comune di Montesilvano provvede agli adempimenti necessari per la realizzazione dei lavori, per la predisposizione e per l’approvazione del progetto esecutivo. La convenzione definiva anche i tempi di erogazione dello stanziamento. Un primo trasferimento del 30% dell’importo era previsto a seguito della sottoscrizione; il 40% dopo l’approvazione formale del progetto definitivo; infine il 30%, a seguito della presentazione del certificato di regolare esecuzione.

«Si tratta di un intervento  molto importante -  afferma ancora Cozzi -  che contribuirà a frenare la portata distruttiva dell’acqua che, soprattutto in occasione di abbondanti precipitazioni, crea pesanti ripercussioni sul patrimonio demaniale della nostra città».  

 

Leggi Tutto »

Protocollo d’intesa sui porti d’Abruzzo

Un protocollo "ricognitivo" e di "coordinamento" tra Regione Abruzzo e Autorità portuale del mare Adriatico centrale per migliorare i rapporti tra i due enti e garantire l'efficacia degli investimenti programmati nei porti di Pescara e Ortona. L'accordo, sottoscritto oggi pomeriggio, nella sede di Pescara della Regione Abruzzo, è stato firmato dal presidente Luciano D'Alfonso e dal presidente dell'Autorità portuale, Rodolfo Giampieri. "E' un atto di collaborazione che serve a rende scorrevole il quadro degli investimenti che abbiamo previsto per i porti di Pescara e Ortona - ha osservato il presidente della Regione Luciano D'Alfonso -. Sono opere che mirano a migliorare il nostro patrimonio portuale e garantire la funzionalità dell'economia del mare. Questo protocollo - ha aggiunto ancora D'Alfonso - ha l'obiettivo di includere tutte le attività di investimento avviate da noi nella nuova governance territoriale dell'Autorità portuale del Mare adriatico. Penso, ad esempio, al taglio della diga foranea, all'allungamento dei moli e alla messa in esercizio del piano regolatore portuale. E poi ci sono le iniziative che riguardano la promozione dell'arrivo di nuovi vettori che sono interessati ai nostri scali".

Il direttore portuale, Rodolfo Giampieri, che ha sottoscritto il protocollo, ha aggiunto: "E' un accordo mirato a mettere in moto gli investimenti della Regione Abruzzo con risorse nazionali ed europee che il presidente D'Alfonso ha cercato e ottenuto - ha sottolineato Giamperi -. Un atto formale, ma concreto, che ha l'obiettivo di rendere operativi gli investimenti infrastrutturali indispensabili per il porto di Pescara e di Ortona, lavori che serviranno a rendere competitivi e integrati le due infrastrutture nella strategia dell'Autorità di sistema portuale. E' dimostrazione che le istituzioni, inoltre, quando collaborano insieme, riescono ad ottenere grandi risultati". All'incontro hanno preso parte anche il consigliere regionale con delega ai trasporti, Camillo D'Alessandro, e l'imprenditore Riccardo Padovano.

Leggi Tutto »

Pescara, dal Comune oltre 4 milioni per la sicurezza degli edifici scolastici

Oltre 4 milioni di euro per la riqualificazione e messa in sicurezza delle scuole di competenza comunale; studi di vulnerabilita' sismica in 15 edifici, con interventi gia' eseguiti in cinque istituti; prove di carico dei solai in 14 edifici; risorse, per 500 mila euro, per eseguire gli studi di vulnerabilita' sismica negli istituti mancanti. Il Comune di Pescara replica alle polemiche sulla sicurezza delle scuole ed illustra quanto e' stato fatto negli ultimi mesi, a partire da una delibera dello scorso 26 gennaio, un'indagine su tutto il patrimonio comunale alla luce delle scosse di terremoto e del maltempo. Il punto della situazione nel corso di una conferenza stampa cui hanno preso parte il sindaco, Marco Alessandrini, e l'assessore all'Edilizia scolastica, Giacomo Cuzzi. Gli studi di vulnerabilita' sismica dovrebbero essere completati nel corso dell'anno scolastico, ma l'amministrazione tiene a sottolineare che "gli studenti vanno a scuola in sicurezza, anche perche' i primi studi sono stati volutamente eseguiti sugli edifici piu' vecchi e laddove c'erano delle criticita', cinque strutture, sono gia' state risolte". Per il sindaco e' "scoraggiante che si faccia polemica politica su tutto, anche sulle cose sensibili. Abbiamo prestato attenzione in modo duplice, al contenuto e al contenitore - dice Alessandrini - io sono sempre presento nelle scuole e lo faccio con grande piacere perche' penso che la scuola sia uno dei pilastri della societa'. Per il contenitore abbiamo speso energie e soldi e lo facciamo perche' siamo consapevoli dell'importanza. Ci sono atti amministrativi che parlano". 

Leggi Tutto »

Pala Dean Martin, De Vincentiis: Tanti gli eventi in programma fino alla fine dell’anno

Prosegue con il segno più la stagione eventi del Pala Dean Martin - Centro Congressi Montesilvano. Sono tantissime le fiere e i convegni di rilevo nazionale che da settembre a dicembre si svolgeranno nella struttura congressuale della città, la cui gestione è passata in capo all’Ente dall’8 marzo 2016.

«Il 2017 - dichiara l’assessore al Turismo, Ernesto De Vincentiis – si sta rivelando un anno molto positivo per il Pala Dean Martin. In agenda, per tutto l’anno ci sono ben 24 appuntamenti, tra conferme e novità, che hanno portato e porteranno migliaia di persone all’interno della struttura, oltre che negli alberghi di Montesilvano, generando un incasso per il Comune di circa 170.000 euro».

Da gennaio a giugno Montesilvano è stata scelta come sede per eventi dai numeri rilevanti. Ad aprire la stagione è stata la Fiera dell’Elettronica, dal 19 al 22 gennaio, che è ormai un appuntamento fisso per la città, con le sue 6.000 presenze circa e che si svolgerà nel Pala Dean Martin fino al 2020.

Si è rinnovato, lo scorso marzo, l’appuntamento con l’Hobby Show, che vedrà un’edizione autunnale nel prossimo ottobre. Per il secondo anno, lo scorso aprile, si è svolta a Montesilvano l’East Coast Tattoo Convention. Evento da record quello organizzato dall’Accademia Internazionale di Scacchi, che ha visto 1616 studenti provenienti da tutta Italia sfidarsi contemporaneamente nella fase finale della gara nazionale, entrando nel Guinness dei primati nell’ambito dei tornei scolastici. Arti Marziali, convegni religiosi e congressi medici sono stati altri appuntamenti di successo.

Tante anche le prenotazioni già fissate fino a dicembre e quelle programmate per il 2018. «Montesilvano - dice ancora De Vincentiis - è stata individuata da commercialisti, medici, comunità religiose, associazioni di volontariato e grandi imprese per ospitare i propri eventi. Questo ci riempie di soddisfazione, fornendo ottimi risultati non solo per la struttura congressuale di cui disponiamo, ma anche per tutto l’indotto turistico e commerciale che si viene a creare». Tra le novità che si svolgeranno entro la fine dell’anno una Fiera dei Prodotti tipici abruzzesi che si terrà il 4 e il 5 novembre, il Festival del Benessere, organizzato da un’associazione romagnola, e poi ancora eventi di solidarietà quali il mercatino di beneficenza allestito dalla Fater e lo spettacolo di Natale riservato ai donatori di sangue Fidas. Tra le manifestazioni dall’incasso maggiore si registrano, il 36^ Congresso Nazionale dell’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani, da circa 19.300 euro, che si è svolto dal 19 al 25 maggio, l’Hobby Show da circa 14.000 euro per evento e che è programmato nelle edizioni primaverile e autunnale, la Fiera della Sposa, sempre da 14.000 euro, che si terrà dal 10 al 12 novembre e resterà appuntamento fisso fino al 2019; il XVIII Congresso Nazionale Sidem, Società italiana di Emaferesi e Manipolazione Cellulare, che si svolgerà dall’11 al 14 ottobre, da circa 10.980 euro e poi ancora il mercatino di beneficenza Fater, da 10.800 euro.

Leggi Tutto »