Politica

Montesilvano, via libera a un centro di raccolta per migliorare la differenziata

Prosegue speditamente il percorso condotto dall’Amministrazione Maragno per potenziare la raccolta differenziata sul territorio. Dopo la decisione di introdurre il sistema di raccolta porta a porta, dapprima solo al centro di Montesilvano Colle con la volontà di estenderlo a tutta la zona collinare e alle aree del PP1, la Giunta ha ora licenziato un atto di indirizzo per la realizzazione di un centro di raccolta ed uno di riuso.

«Tutti questi atti sono volti a ottenere giorno dopo giorno risultati migliori nella gestione dei rifiuti - dichiara il sindaco Francesco Maragno -. Non possiamo più permettere che il Comune di Montesilvano raggiunga percentuali ben al di sotto delle disposizioni normative. Stiamo per questo facendo tutto il possibile per mettere in condizione i cittadini di differenziare correttamente i rifiuti, a casa, a lavoro come per strada, ma soprattutto agendo sulla loro cultura, sensibilizzandoli e facendo comprendere che una corretta differenziazione e una maggiore attenzione al riuso permettono di ridurre i costi di smaltimento, con conseguenze sulla salvaguardia dell’ambiente e sulle nostre tasche, con bollette ridotte».

Nello specifico il centro di raccolta che sorgerà in via Tamigi, in prossimità dell’impianto di depurazione, o in alternativa in via Mascagni, verrà realizzato mediante 250.000 provenienti da fondi regionali, ai quali si aggiungeranno circa 107.000 stanziati dal Comune. Per la collocazione di un centro di riuso, lungo via Senna, invece, le risorse necessarie ammontano a circa 142.000 euro. Di questi 100.000 sono il contributo regionale, mentre la restante parte sono fondi comunali. Sempre in via Senna verrà realizzato un altro centro di raccolta per i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). «Abbiamo deciso di modificare - aggiunge l’assessore all’Igiene Urbana Paolo Cilli - le scelte fatte in passato, secondo le quali l’area di via Senna avrebbe dovuto essere sede di un centro di raccolta delle varie tipologie di rifiuto. Abbiamo ritenuto opportuno limitare la funzionalità di tale centro al conferimento di soli rifiuti che non interferiscono sulle condizioni igienico sanitarie e olfattive della zona, al fine di tutelare la salute e la qualità della vita dei residenti di quell’area».

Intanto prosegue, anche, l’attività per introdurre la raccolta differenziata porta a porta per circa 350 utenze di Montesilvano Colle. Sono in atto le operazioni necessarie per stilare il calendario e le modalità per il conferimento dei rifiuti differenziati, negli appositi contenitori e mastelli che verranno consegnati ai cittadini coinvolti.

Leggi Tutto »

Sondaggio Ixe’ per Agora’, M5s -2,3% in 7 giorni

Costa caro al M5s il caso Raggi e la tensione intorno alla Giunta di Roma. Secondo il sondaggio settimanale sulle intenzioni di voto dell'Istituto Ixe' per la trasmissione di Raitre Agora', I 5Stelle perdono il 2,3% dei consensi in sette giorni, passando dal 29,9% al 27,6%. Resta primo partito, ma cala ancora il Pd che e' al 31% (-0,1% in una settimana). La Lega Nord e' al 13,3% (+0,2%), mentre Forza Italia si attesta al 12,5% (+0,1%). Balzo di Fratelli d'Italia, +0,7% al 4,1%, e di Sinistra Italiana, +0,5% al 3,4%. Area Popolare e' al 3,3% (+0,1% sulla settimana scorsa). Stabile la fiducia nel presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, che mantiene il 33%, 6 punti in piu' rispetto a quella del suo esecutivo, che sale dal 26% al 27%. Matteo Renzi e' al 30%, Matteo Salvini e Giorgia Meloni al 23%, Beppe Grillo al 17%, Silvio Berlusconi al 16%. Quanto ai temi della settimana, il 63% degli intervistati si schiera a difesa dell'euro, mentre il 28% vorrebbe il ritorno alla lira. Al 56% non piace che l'Italia sia bacchettata dall'Ue sui conti pubblici, mentre il 34% approva l'atteggiamento di Bruxelles

Leggi Tutto »

M5S chiede lo stop al metanodotto Larino – Chieti

"Il ministero dello Sviluppo economico sospenda la procedura per la costruzione del metanodotto Larino-Chieti. Dobbiamo mettere in sicurezza il territorio". L'appello arriva dal Movimento 5 Stelle. "La Societa' Gasdotti Italia Spa - fanno sapere il deputato Gianluca Vacca e il consigliere regionale d'Abruzzo Sara Marcozzi - ha chiesto al ministero l'autorizzazione a costruzione ed esercizio, comprese opere accessorie, apponendo il vincolo preordinato all'esproprio con dichiarazione di pubblica utilita'. Il tracciato, gia' contestato dal M5S, si snoda per 111,45 km - 25,15 in Molise e 86,30 in Abruzzo - nelle province di Campobasso, Chieti e Pescara". L'opera e' assoggettata a procedura di valutazione ambientale

Leggi Tutto »

Parte il servizio di prevenzione multirischio

Per fronteggiare e arginare i rischi collegati ai fenomeni naturali in Abruzzo sta nascendo il Servizio prevenzione multirischio. ll sottosegretario regionale con delega ad Ambiente e Protezione Civile Mario Mazzocca, con i contributi del mondo accademico professionale ed associativo, sta approntando il Servizio Prevenzione Multirischio (Rischi Geologici, Idraulici e Sismici) strumento per fronteggiare gli effetti delle emergenze meteo sempre più frequenti, e i fenomeni del dissesto idrogeologico e del terremoto (perseguendo anche politiche e programmi indirizzati a fronteggiare il tema dell'adattamento ai cambiamenti climatici). Il nuovo Servizio avrà l'obiettivo di minimizzare gli effetti dei pericoli legati ai processi naturali. La riunione del Consiglio regionale dedicata all'emergenza neve dello scorso mese di gennaio, si è conclusa con l'approvazione, con i voti della maggioranza e della minoranza di centro-destra e del gruppo misto, di un documento che affronta questi problemi. "Si tratta - spiega Mazzocca - di una struttura tecnica specializzata che, a partire dalla riorganizzazione, razionalizzazione ed implementazione di quelle esistenti nella Regione, sia in grado di fornire all'Amministrazione regionale ed agli enti locali il supporto e l'assistenza tecnica, scientifica ed operativa per la prevenzione dei rischi e la gestione sostenibile del territorio". "La linea strategica è stata concordata anche con Emidio Primavera, Direttore dei Dipartimento Opere Pubbliche, Governo del Territorio e Politiche Ambientali della Regione Abruzzo, anche quale soluzione alla cronica carenza di figure dirigenziali nella pianta organica acuita dalla imminente messa in quiescenza di dirigenti e, pertanto, quale misura atta, giocoforza, a sopperire tali criticità ed ottimizzare la funzionalità della macchina regionale. Nel particolare - continua il Mazzocca - L'attività di prevenzione si attuerà attraverso la gestione dei Piani già vigenti sul territorio regionale ed altri in corso di redazione."

"Nel nuovo Servizio confluiranno i Piani: Alluvioni (PAI PSDA), Frane (PAI FGPE), Valanghe, Erosione costiera (in corso di redazione), il Piano gestione dei sedimenti (che compete alle Autorità di Bacino e alle Regioni ai sensi della nuova normativa di riforma dei Distretti - Legge n. 221/2015), la Microzonazione sismica. Ogni Piano ovviamente sarà gestito da un ufficio competente con personale specializzato (geologi, ingegneri, architetti, dottori agronomi e forestali), per un totale di quattro nuovi uffici. Il Servizio si occuperà di Prevenzione Multirischio (rischi geologici, idraulici e sismici) attraverso: la gestione dei Piani con un aggiornamento continuo degli stessi; attività regolatoria sulla compatibilità dei Piani con i livelli di pianificazione a scala comunale (PRG); consulenze, studi, progettazione e partecipazione a progetti; contributo alla stesura di linee guida e delle Norme Tecniche di Attuazione di tutti i livelli di pianificazione di cui il Servizio è competente".

Leggi Tutto »

Intesa per i lavori di adeguamento del depuratore di Pescara

Sottoscritta la convenzione tra Regione, Ersi (Ente regionale Servizio idrico integrato) e Aca per dare il via al progetto di adeguamento e ottimizzazione del depuratore di Pescara che sara' finanziato con 8,5 milioni di euro. A renderlo noto e' l'Aca. L'atto di concessione tra i tre enti e' stato approvato ieri dal cda dell'Aca che ha gia' espletato la gara d'appalto e sara' in grado di perfezionare il contratto con l'Associazione temporanea di imprese a cui sono stati aggiudicati i lavori (Almacis, De Cesaris ed Entei spa) entro la meta' del mese di febbraio. Secondo l'Aca "si tratta di un importante e decisivo passo in avanti per il miglioramento del sistema depurativo e della qualita' delle acque di balneazione, in vista della stagione estiva". I lavori di potenziamento dell'impianto di depurazione, che potra' cosi' ricevere un carico maggiore di reflui anche in presenza di piogge consistenti, saranno avviati entro la fine del mese, una volta definiti gli aspetti contrattuali, e sono divisi in tre tronconi: realizzazione di una nuova linea di trattamento biologico; realizzazione di una nuova sezione di pre-trattamento dei reflui; lavori di riqualificazione ambientale. Degli 8 milioni e 500 mila euro per l'adeguamento e l'ottimizzazione del depuratore, circa 3 milioni e mezzo saranno impegnati per la realizzazione di opere civili, 2 milioni circa per le opere meccaniche, 620 mila euro per le opere elettriche e un milione e 357 mila euro per le opere di riqualificazione ambientale

Leggi Tutto »

Riqualificazione, Cilli: “Pronti ai lavori in via Speri”

«Siamo pronti ad apporre un altro tassello nel progetto di riqualificazione che stiamo portando avanti sul territorio». A dirlo è l’assessore alle manutenzioni Paolo Cilli che annuncia: «Nelle prossime settimane attiveremo un cantiere anche lungo via Speri. Dopo i lavori iniziati pochi giorni fa lungo via Raffaello per la realizzazione delle opere di primaria urbanizzazione, delle condotte delle acque bianche, della sede stradale e dell’installazione della pubblica illuminazione, presto daremo il via anche agli interventi di completamento di via Speri».

Questa piccola traversa di via Verrotti, nel suo ultimo tratto, era rimasta incompleta. I lavori, che verranno realizzati da Edil Asfalti srl, consistono nella realizzazione della pavimentazione mancante.

«Gli interventi, come già accaduto per via Raffaello e prima ancora per via Gran Paradiso, anche in questo caso verranno finanziati grazie agli incassi del 2016 provenienti delle alienazioni dei diritti di superficie delle aree Peep, come stabilito dal Consiglio Comunale, in sede di bilancio 2016, di stanziare le somme derivanti da tali alienazioni per interventi di manutenzione straordinaria».

Con i lavori in via Speri, la cui spesa ammonta a circa 37.000 euro, salgono ad oltre 100.000 euro i fondi, investiti in opere di manutenzione, derivanti dalle alienazioni dei diritti di superficie delle aree Peep.

Leggi Tutto »

Chieti, al via i trasferimenti di Utic e Cardiologia nella Palazzina Cuore

Partono i trasferimenti di Utic e Cardiologia nella Palazzina Cuore dell'ospedale di Chieti. Le operazioni avranno inizio dagli ambulatori cardiologici e parte di attrezzature e arredi, mentre sabato 11 febbraio tocchera' ai pazienti di entrambe le unita' operative. Secondo programma, tutto dovrebbe concludersi tra le 9 e le 12.30. Nella circostanza saranno sospesi i ricoveri per le procedure diagnostiche e interventistiche di cardiologia invasiva, che saranno ripristinate a partire da martedi' 14 febbraio. Anche i ricoveri subiranno variazioni, poiche' a partire dalle ore 20.00 di questa sera e fino alle ore 8.00 di lunedi' 13 febbraio i pazienti ad alto rischio (colpiti da infarto con parziale e totale occlusione dell'arteria coronarica, scompenso acuto, aritmie, angina) presi in carico dal Servizio 118, dal territorio o dai presidi ospedalieri spoke in continuita' di soccorso, saranno inviati direttamente all'ospedale di Pescara o altro Centro Cardiologico disponibile della regione Abruzzo dotato di Laboratorio di Cardiologia Interventistica. Quanti, invece, accedano con mezzi propri al Pronto soccorso del "SS. Annunziata", saranno accettati e trattati secondo protocollo (ricovero in Utic, coronarografia e angioplastica). Saranno garantite con continuita', invece, le procedure di cardiologia invasiva eseguite dall'Emodinamica per i pazienti infartuati che necessitano di angiografia entro 24-72 ore inviati a Chieti dalle Cardiologie di Lanciano e Vasto. Non e' interessata, al momento, dalle operazioni di trasferimento l'unita' operativa di Aritmologia, che resta temporaneamente all'VIII livello del Corpo E. Siamo ormai alle battute finali del completamento della Palazzina Cuore - sottolinea il direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Pasquale Flacco - che ci permette di offrire ai pazienti un'assistenza migliore, anche sotto il profilo del comfort alberghiero. Un'operazione che avra' ricadute positive anche su Ostetricia e Ginecologia, che saranno ubicate negli spazi lasciati liberi all'VIII livello dei Corpi E e D a conclusione dei lavori che ora potranno iniziare. 

Leggi Tutto »

Maltempo, in Abruzzo sotto controllo le frane in atto

Smottamenti si registrano su tutto l'Abruzzo e l'area piu' a rischio "e' la fascia pedemontana del Gran Sasso pescarese e teramano, per via delle caratteristiche del terreno", come spiega il sottosegretario alla presidenza della Giunta regionale con delega alla Protezione civile Mario Mazzocca. Le situazioni piu' critiche a Villa Celiera e Castiglione Messer Raimondo dove sono in atto due movimenti franosi imponenti, con conseguente ordinanza di sgombero di alcune abitazioni. Le zone piu' a rischio sono proprio quelle in cui si stanno verificando le due frane cioe' l'area Vestina, nel Pescarese, e la Valle del Fino, nel Teramano. A Penne, a causa di una frana, sono rimaste senz'acqua le contrade Villa Degna e Collemaggio, oltre alla localita' Piane di Castiglione Messer Raimondo; i tecnici dell'Aca sono al lavoro. "La tanta neve caduta nelle scorse settimane - dice Mazzocca che oggi ha effettuato un sopralluogo a Villa Celiera - si sta sciogliendo e i terreni sono saturi. Si crea quindi un effetto scivolamento. C'e' la massima attenzione e stiamo monitorando costantemente l'evolversi dei fenomeni".

Leggi Tutto »

Piano sociale di Zona, Maragno: “Entro marzo gli atti alla Regione”

Entra nel vivo la fase di elaborazione del piano sociale di zona che il Comune di Montesilvano invierà alla Regione Abruzzo entro il mese di marzo, contribuendo così alla stesura del piano sociale regionale.

Si è costituito ufficialmente il gruppo di piano, ossia il team composto dall’Amministrazione Comunale, dall’Azienda Sociale, dai referenti degli Enti Pubblici Istituzionali di diritto, nonché dai rappresentanti delle associazioni attive nel sociale che per tutto il mese di febbraio sarà impegnato in incontri volti ad individuare le strategie per l’inclusione sociale e il contrasto alla povertà, con particolare attenzione ai nuclei familiari, alla popolazione anziana e alla prima infanzia.

«Sono ormai due anni  -  dichiara il sindaco Francesco Maragno -   che abbiamo attivato forum aperti alla cittadinanza, dedicati ai temi sensibili della nostra comunità, e fondati sul valore della democrazia partecipata. Questo stesso principio oggi è stato assunto anche dalla Regione Abruzzo per l’elaborazione del piano sociale 2016/2018.  A tal fine sono stati creati 4 tavoli di lavoro, dedicati a 4 importanti tematiche, durante i quali sono state concentrate le valutazioni su punti di forza e criticità del settore sociale del nostro territorio. Ora è giunto il momento di concretizzare l’elaborazione di proposte progettuali che confluiranno nel piano di zona».

Nel corso della prima riunione del gruppo di piano è stato illustrato il profilo sociale dell’ambito di Montesilvano, analizzando evoluzione demografica, struttura familiare, dimensione socio economica e indicatori di povertà del territorio. Secondo i dati ISTAT al 1° gennaio 2016, la popolazione residente nel Comune di Montesilvano ammonta a 53.738 abitanti, con un incremento costante dal primo gennaio 2012 e una crescita complessiva di 3.145 unità. Il 19,14% sono di minore età, il 62,51% sono in età compresa tra i 19 e i 64 anni, il 17.48% sono anziani over 65. In merito alla struttura familiare, nell’ultimo quinquennio (dal 2009 al 2015) si contano 2.646 nuclei familiari in più, con un incremento percentuale pari ad oltre il 10%. In relazione alla distribuzione della popolazione del Comune di Montesilvano per fasce di età, risulta forte l'incidenza della popolazione in età adulta 30-59 anni che al 01/01/2016 registra una percentuale del 46,03% . Il numero di famiglie al 31 dicembre 2015 è pari a 22.483 per un numero medio di componenti pari a 2,39.

La popolazione di origine straniera residente nel Comune di Montesilvano vede un numero di presenze al 31 dicembre 2015 pari a 4.828 abitanti regolarmente soggiornanti, corrispondente al 8,98% sul totale della popolazione, valore che supera del 2,48% la media registrata a livello regionale che è pari al 6,5% sul totale della popolazione residente. In riferimento alla popolazione straniera UE residente nel Comune di Montesilvano, il dato relativo ai cittadini di origine romena è sempre il più rilevante su tutte le altre (UE e non UE) con una percentuale sul totale della popolazione straniera residente del 27,59 e con un’incidenza sulla popolazione straniera UE al 31/12/2015 del 74,70%. Per quanto riguarda la provenienza da paesi non UE della popolazione straniera censita dall’Ufficio Anagrafe del Comune di Montesilvano al 31/12/2015, sono particolarmente incidenti, le cittadinanze Senegalese (20.43%), Albanese (14.58%), Ucraina (13.23%), Cinese - Repubblica Popolare (8,70%), Marocchina (6,11%) e Nigeriana (6,04).

Infine in merito agli indicatori socio economici e di povertà, il tasso di disoccupazione  ha registrato un deciso aumento a partire dal 2008, dal 6,9 al 12,4% per la provincia di Pescara. Incremento deciso anche per la disoccupazione giovanile, dal 21,1 del 2008 al 38,9% del 2014.  

«Purtroppo il tessuto sociale di Montesilvano -  afferma il primo cittadino – è ancora molto fragile. Nel 2016, infatti, sono 1500 le richieste pervenute ai servizi sociali del Comune, tra Rete PIS, e associazioni di volontariato.  Di queste circa il 40% per beni e servizi materiali, come alimenti o vestiario, 23% per sussidi economici e lavoro, 2,9% sono richieste di servizi di accoglienza per emergenza abitativa, mentre ammontano al 9,2% le domande per l’assegnazione di un alloggio popolare. Il piano sociale di zona permetterà di elaborare progettualità specifiche e mirate proprio ai tessuti sociali più deboli del nostro territorio».

Il prossimo incontro si terrà giovedì mattina e sarà incentrato al sostegno alla genitorialità e alle famiglie.

Leggi Tutto »