Primo Piano

Lolli: nasce Osservatorio per gestire le politiche del credito

Un Osservatorio regionale in grado di regolare, programmare e coordinare l'attività di tutti gli attori principali del mondo bancario locale: dalle imprese agli istituti di credito, dalle istituzioni ai Confidi. La proposta è stata lanciata stamane dal vicepresidente della Giunta regionale, Giovanni Lolli, nel corso del convegno "L'evoluzione del credito in Abruzzo. Quali prospettive per le Pmi", che ha affrontato la nuova stagione delle politiche del credito che la Regione Abruzzo ha intenzione di portare avanti insieme con la Fira. E proprio il nuovo ruolo della finanziaria regionale, diventata da poco società in house della Regione Abruzzo, è stato al centro della proposta di Lolli.

"La Fira in questo contesto è destinata a recitare un ruolo principale, quale motore dell'Osservatorio regionale facendo da collante tra i diversi attori del mondo bancario. Questo confronto continuo - ha aggiunto Lolli durante il convegno - si rende necessario per coinvolgere le banche in una rinnovata strategia regionale in materia di politica del credito. Una strategia in grado di venire incontro alle esigenze delle piccole e medie imprese, che più di tutte hanno avvertito i segnali della crisi economica. In questi difficili anni le grandi imprese sono riuscite a mettere sul campo anticorpi giusti investendo in ricerca e innovazione e ora che il mercato è ripartito quegli investimenti daranno frutti. Per le Pmi invece - aggiunge Lolli - la nostra attenzione guarda alla capacità di credito bancario in modo da consolidare la ripresa economica.

L'Osservatorio servirà proprio a questo, nella certezza che solo il confronto diretto degli attori è in grado di trovar gli strumenti giusti per agevolare l'accesso al credito". Al centro del progetto voluto dalla Regione ci sarà, come detto, la Fira. "Saremo chiamati ad un nuovo compito - ha spiegato il presidente Alessandro Felizzi - La Fira torna al centro delle politiche finanziarie della Regione andando a gestire quell'Osservatorio che dovrebbe aprire nuovi scenari nella politica del credito. La nuova stagione parte da qui - ha concluso Felizzi - non come stampella della Regione ma come parte pro-attiva delle politiche di sviluppo e consolidamento del credito". 

Leggi Tutto »

Valentinetti: Non si puo’ speculare politicamente sull’uomo

"Non si puo' speculare politicamente sull'uomo, qualunque uomo che continua a soffrire e morire in uno specchio di mare dove tutta l'Europa si bagna e tutta l'Europa si dovrebbe specchiare". Questo il monito lanciato da monsignor Tommaso Valentinetti, arcivescovo di Pescara, nell'omelia della messa trasmessa questa mattina in diretta da Rai Uno. "Gli immigrati - ha sottolineato il presule - sono vittime delle guerre che hanno generato distruzione e morte, solo l'umanita' nutrita dalla fede puo' essere la salvezza del genere umano".

Leggi Tutto »

Cgia, in arrivo la scadenza delle imposte d’inizio estate da 19 miliardi

Lunedi' arriva "l'ingorgo fiscale" di inizio estate da 19 miliardi. Lo afferma l'ufficio studi della Cgia, ricordando che la scadenza, fissata per oggi, e' slittata essendo un giorno prefestivo: gli imprenditori avranno 2 giorni di tempo in piu' per recuperare la liquidita' necessaria per onorare le richieste del fisco. L'Ufficio studi della Cgia segnala che tra il versamento del saldo 2017 e il primo acconto di quest'anno, le imprese saranno chiamate a pagare l'Ires (Imposta sui redditi delle societa' di capitali), mentre i lavoratori autonomi e gli altri percettori di reddito dovranno versare l'Irpef e le addizionali regionali e comunali Irpef. Inoltre, tutti gli imprenditori saranno chiamati a versare il saldo dell'anno scorso e l'acconto di quest'anno dell'Irap (Imposta regionale sulle attivita' produttive) e l'iscrizione per l'anno 2018 alle Camere di Commercio. Pertanto, nelle casse pubbliche e' previsto un gettito complessivo pari a 19,2 miliardi di euro "Non sara' facile - dichiara il coordinatore dell'Ufficio studi della Cgia, Paolo Zabeo - superare indenni l'ingorgo fiscale di inizio estate. Quello di lunedi' sara' un vero e proprio stress test che mettera' a dura prova la tenuta finanziaria di tantissime piccole e micro imprese che tradizionalmente sono sottocapitalizzate e a corto di liquidita'. Speriamo che in tempi ragionevolmente brevi il nuovo governo provveda a tagliare drasticamente le imposte e decida di distribuire su tutto l'arco dell'anno le scadenze fiscali che, invece, continuano irragionevolmente ad essere concentrate in particolar modo a giugno e a novembre". Quest'anno la normativa fiscale consente comunque di pagare le imposte entro il 20 di agosto, con una maggiorazione dello 0,40 per cento a titolo di interesse corrispettivo. Un po' di tempo in piu' rispetto ai canonici 30 giorni aggiuntivi consentiti normalmente, in quanto la data cade ai primi di agosto e, automaticamente, slitta al giorno 20 dello stesso mese in osservanza di una norma che da qualche anno ha stabilito che tutti gli adempimenti fiscali che scadono tra il primo e il 20 agosto possono essere effettuati entro quest'ultima data. Nel 2018, pertanto, la possibilita' di ritardare il versamento puo' essere fatto pagando 4 euro in piu' ogni 1.000 dovuti al fisco. Una opzione che le imprese possono "beneficiare" fino al 20 agosto.

Leggi Tutto »

Chieti, in Giunta il progetto di fattibilità del nuovo ospedale

"Nella prossima seduta verrà portata in Giunta la fattibilità ovvero la partenza della gara del progetto del nuovo ospedale di Chieti. Una progettazione importante, ma soprattutto una istruttoria importante. Oggi presentiamo i lavori di 48 mesi di istruttoria, attorno ad un grande progetto che è stato ostacolato in ogni modo". Lo ha detto questa mattina in conferenza stampa l'assessore regionale alla Sanità Silvio Paolucci, presentando la proposta di project financing del nuovo ospedale di Chieti.

"Stiamo parlando di un progetto che come dicevo è stato ostacolato in ogni modo con due ricorsi all'Anac e con altri esposti, raccontando tante falsità sia sui numeri del piano economico finanziario del progetto, sia sullo stesso progetto che nel corso dei 48 mesi si è notevolmente modificato. Vorrei ricordare, su Chieti abbiamo riaperto la struttura del vecchio ospedale, riaperto il Cardiochirurgico e oggi mettiamo a gara europea un ospedale nuovo di 498 posti letto che ovviamente, risolve, una volta per tutte, le criticità che il Tribunale aveva sollevato con le sue perizie, ed evidentemente allo stesso tempo mette a gara una operazione che costa molto meno della prima bozza presentata, un' altra cosa che non è stata mai volutamente raccontata da chi si è opposto e ha ostacolato in ogni modo questa grande realizzazione perché - ha spiegato l'assessore Paolucci - i canoni complessivi passano da 61 milioni di euro della prima proposta a 21 milioni, con un ribasso di due terzi dei costi. Parliamo di un ospedale che rispetto alla prima proposta viene stravolto in senso positivo perché hanno lavorato attorno a questa progettazione più volte rivista tanti primari, operatori, parte della Asl e un gruppo di lavoro che ha migliorato e di molto il progetto iniziale di una grande opera, e permettetemi di parlare del grande tema di come vengono utilizzate le risorse, ed in questo senso è davvero vergognoso che si sia provato a porre come equivalenza le risorse che purtroppo noi paghiamo per le cartolarizzazioni, per i debiti del quinquennio 2000-2005, con risorse che invece mettiamo a garanzia e che probabilmente non spenderemo perché i 21 milioni di euro vanno persino a gara per cui conosceranno un ulteriore abbattimento a garanzia degli investimenti per la collettività. La sede del nuovo ospedale sarà a Colle dell'Ara e li ci sarà insieme alla palazzina M, cardiochirurgico, dove oggi esiste il parcheggio sottostante la zona dell'obitorio, nascerà la nuova struttura e allo stesso tempo, dove ci saranno le demolizioni di quello che oggi staticamente non regge, ci saranno nuovi parcheggi e nuovi servizi per il nuovo ospedale che - ha concluso Paolucci - dalla progettazione nascerà in 66 mesi e anche questo è un ulteriore abbattimento di tempi che abbiamo voluto perché l'iniziale progetto prevedeva 70 mesi e quindi parliamo di quasi 5 anni e mezzo . Il costo dell'ospedale sarà di 285 milioni di euro, rispetto agli iniziali 526 milioni. 

Febbo: pronto ad andare in Procura 

 "Appena verrà pubblicata la Delibera relativa al Project Financing del nuovo ospedale di Chieti annunciata dall'assessore Paolucci mi recherò in Procura della Repubblica". Lo ha detto il Consigliere regionale di Forza Italia e presidente della Commissione di Vigilanza Mauro Febbo, intervenuto dopo le parole di Paolucci che in conferenza stampa questa mattina aveva annunciato che "nella prossima seduta utile verrà portata in Giunta la fattibilità ovvero la partenza della gara del progetto del nuovo ospedale di Chieti". Febbo ha poi aggiunto: "Un intervento passato per urgente ma che ha avuto una tempistica di oltre 50 mesi; un project financing che doveva essere portato avanti da chi è titolato, ossia dalla Asl di Chieti che ha bocciato e rigettato la proposta, e non dagli uffici della Regione Abruzzo. Credo invece - ha detto l'esponente di Forza Italia - che dietro questa proposta si nasconda ben altro, tutto a danno della Città di Chieti e della sua Università, non permetterò mai che questo avvenga". 

Leggi Tutto »

Indagine Cresa sull’industria manifatturiera, accelera la crescita e aumenta l’occupazione

L'indagine sulla congiuntura manifatturiera relativa al 2017 conferma l’operatività ed efficacia della collaborazione tra Confindustria Abruzzo e CRESA e si base sulle indagini su 205 aziende manifatturiere con almeno 10 addetti, realizzata dal Centro Studi di Confindustria Abruzzo e i dati sono stati elaborati e commentati dal CRESA.

“Il sistema manifatturiero rafforza i segnali di ripresa già mostrati nel primo semestre del 2017, - osserva il Presidente del CRESA Lorenzo Santilli - con risultati sul mercato interno migliori di quelli sull’estero e buone prospettive anche sul fronte internazionale”.

“Il focus sulla Digitalizzazione, - afferma il Presidente di Confindustria Abruzzo Agostino Ballone – dopo quello su Industria 4.0 della scorsa rilevazione, conferma che molto bisogna ancora lavorare nella nostra regione per far comprendere le opportunità offerte dalle moderne tecnologie dell'informazione e della comunicazione, quale valore aggiunto che l’applicazione della digitalizzazione apporta al business. Confindustria Abruzzo ribadisce l’impegno nella creazione del Digital Innovation Hub quale strumento indirizzato a fornire al sistema delle imprese i giusti supporti tecnici per guardare con fiducia alle sfide del domani”.

Silvano Pagliuca, Consigliere Incaricato Centro Studi Confindustria Abruzzo, alla luce degli esiti dell’ultimo focus sulla Digitalizzazione, rimarca l’esigenza irrinunciabile di intraprendere un processo di digital transformation realmente sinergico tra le imprese e la Pubblica Amministrazione. “Rimane fondamentale però - continua Pagliuca- una coerente rivoluzione culturale che, al fine di aumentare la competitività dell’intero sistema economico, inneschi cambiamenti soprattutto organizzativi e manageriali, ma anche sociali. Cie, Spid, Anpr e PagoPa, le grandi differenze tra regioni da colmare per il bene del sistema produttivo nel suo complesso”.

La regione mostra ampi segni di crescita: la produzione e il fatturato, a fronte di un aumento medio nazionale rispettivamente del 3% e dello 0,7%, crescono del 4,7% e del 3,7%. L’export mostra un incremento dell’1,7% e la crescita del portafoglio ordini internazionali del 4,3% apre buone prospettive anche per il primo scorcio del 2018, gli ordini nazionali fanno registrare un + 1,3%, l’occupazione un + 1,2%.

Sono le medie imprese (50-249 addetti) a mettere a segno nel complesso i migliori risultati con una crescita strutturale degli indicatori superiore alla media regionale. La produzione segna un aumento del 5,9%, il fatturato del 7,6%, l’export del 3,9%, gli ordini interni ed esteri del 4,5%. Qualche nube permane sul fronte dell’occupazione che segna un incremento debole (+0,5%), assai inferiore a quello fatto registrare dalle altre classi dimensionali di aziende.

Le piccole imprese (10-49 addetti) riportano per tutti gli indicatori valori positivi e nel caso del fatturato estero (3,0%) e dell’occupazione (1,2%) rispettivamente migliore e uguale a quelli medi regionali.  Particolarmente positivo l’andamento sui mercati internazionali che nel primo semestre del 2017 mostrava valori negativi. Più debole la ripresa sul mercato interno. Produzione, fatturato, export e ordine esteri fanno registrare aumenti dell’ordine del 3%, ordini interni ed occupazione dell’1%.

Meno incoraggianti le performance delle grandi imprese (250 addetti e più) che tuttavia mostrano un deciso miglioramento rispetto al primo trimestre 2017 quando gli indicatori hanno assunto valori inferiori all’1%. Nel periodo in esame le grandi imprese fanno registrare variazioni generalmente inferiori alla media regionale con le sole eccezioni della produzione e dell’occupazione leggermente superiori rispetto ad essa.

Sotto il profilo provinciale, si rileva che è Pescara a mostrare le migliori performance di produzione, fatturato, ordini interni e occupazione e un andamento meno favorevole delle altre province  sotto il profilo della competitività internazionale, L’Aquila e Teramo fanno registrare variazioni superiori alla media abruzzese con particolare riguardo per export e ordini esteri e una sostanziale stazionarietà dell’occupazione, Chieti a mostrare la crescita nel complesso più contenuta con esclusione dell’occupazione che aumenta più che a livello medio regionale.

Nonostante le buone performance registrate nell’anno in esame, il clima di opinione è moderatamente positivo con aspettative a sei mesi di incrementi che prevalgono di poco sulle previsioni di contrazioni.

Leggi Tutto »

Corte dei conti, ‘buco’ nella rottamazione delle cartelle

Il quadro dei conti pubblici appare "fragile" e soggetto a rischi, il debito eccessivo mina le capacita' di crescita del Paese e il livello di evasione desta "preoccupazione": mancano all'appello circa 10 miliardi di introiti della rottamazione delle cartelle esattoriali. A lanciare l'allarme e' la Corte dei Conti che ha dato il via libera al rendiconto generale dello Stato per l'esercizio 2017 mettendo l'accento sulla "forte crescita" della spesa complessiva e sul flop nel rilancio degli investimenti pubblici. Dalla magistratura contabile arriva anche un'apertura al reddito di cittadinanza, cavallo di battaglia del Movimento 5 Stelle, previsto nel contratto di governo con la Lega. La congiuntura "peggiora" e in Italia, mette in guardia la Corte, sul piano delle prospettive economiche-finanziarie si registrano "nuove fragilita' sulle tendenze di medio-lungo termine dei nostri conti pubblici". La tutela della finanza pubblica non puo' prescindere dall'esigenza "di ricondurre il debito pubblico su un sentiero di sicura sostenibilita' e di recuperare la crescita in termini di prodotto interno lordo" perche' "un eccessivo livello di debito limita la capacita' progettuale di medio e lungo periodo con riflessi sui tassi di interesse e sulla complessiva stabilita' finanziaria del Paese: in definitiva sulle sue potenzialita' di crescita". Nessuna scorciatoia quindi, ammoniscono i magistrati contabili: bisogna "effettuare scelte molto caute e interventi di politica economica molto selettivi". Anche sul fronte dei tagli di spesa, perche' va assicurato alla collettivita' "un adeguato profilo qualitativo del livello dei servizi, operando una puntuale verifica del proficuo utilizzo delle risorse pubbliche". Nel 2017, ricorda la Corte dei Conti, "la pur limitata dinamica espansiva della spesa pubblica e' per intero attribuibile al sotto settore degli Enti di previdenza, con un aumento della spesa totale dell'1,5%, che comunque vedono drasticamente ridotto il ritmo di crescita che nel periodo 2000 -2009 aveva superato il cinque percento medio", ha spiegato il presidente di coordinamento delle sezioni riunite in sede di controllo Ermanno Granelli. In particolare, se si guarda alla spesa, "i vincoli posti, da un lato, in termini di equilibrio del bilancio e di razionalizzazione (per amministrazioni locali e spesa sanitaria), dall'altro, in termini di effetti dei diversi interventi di riforma delle pensioni (per gli enti di previdenza)" hanno prodotto "miglioramenti decisivi". 

 Sul fronte delle coperture, la Corte mette in guardia sul ricorso ai proventi della lotta all'evasione fiscale che "non ha dato i risultati sperati". Per i magistrati contabili, " sarebbe bene che la copertura delle spese con i ricavi del recupero fosse disposta solo a risultati effettivamente conseguiti, distinguendo fra ricavi straordinari e ricavi ipoteticamente connessi a recuperi strutturali, con particolare riferimento al consolidamento della fedelta' fiscale". E proprio il livello di evasione crea "preoccupazione", come dimostrano gli esiti della rottamazione delle cartelle esattoriali: mancano versamenti per 9,6 miliardi. "A fronte di un ammontare lordo complessivo di crediti rottamati di 31,3 miliardi, l'introito atteso ammonta a 17,8 miliardi", osserva la Corte dei Conti sottolineando che "di tale importo sono stati riscossi nei termini solo 6,5 miliardi, comprensivi degli interessi per pagamento rateale. A tale somma deve aggiungersi la parte rateizzata ancora da riscuotere pari a 1,7 miliardi comprensivi di interessi". Pertanto "dei 17,8 miliardi previsti in base alle istanze di definizione pervenute, 9,6 miliardi non sono stati riscossi e costituiscono omessi versamenti. Per una parte di queste posizioni debitorie si puo' affermare che l'istanza di rottamazione ha avuto essenzialmente finalita' dilatorie rispetto all'espletamento delle procedure esecutive". La Corte apre infine alla proposta del reddito di cittadinanza ma con dei paletti. "La nostra comunita' nazionale - osserva la Procura generale - ruota attorno al concetto di cittadinanza che esprime appartenenza e condivisione, un concetto tutt'altro che astratto. Ogni volta che alla cittadinanza si associa un nuovo diritto, non si puo' non esprimere soddisfazione. Il nuovo diritto la irrobustisce e corrobora. Cosi' e' anche per il diritto al reddito di cittadinanza". Tuttavia, conclude la magistratura contabile, "sarebbe bene ricordare a tutti anche l'esistenza altrettanto importante, sovente dimenticata, dei doveri di cittadinanza".

Leggi Tutto »

Lavoro, Lolli presenta il piano straordinario agli amministratori

Parte da Pescara l'azione di sensibilizzazione e promozione del nuovo Piano straordinario su lavoro e formazione presentato dal vicepresidente della Giunta regionale, Giovanni Lolli, la settimana scorsa. Nella città adriatica il vicepresidente Lolli ha infatti incontrato amministratori pubblici, operatori del settore, rappresentanti sindacali dei lavoratori e degli imprenditori, per indicare le linee del Piano straordinario che prevede "l'avvio nel giro di qualche settimana di importanti bandi Fse in grado di generare occupazione con posti di lavoro a tempo indeterminato".

"Si tratta - ha confermato Lolli - di un'azione straordinaria che proprio per la sua natura ha bisogno del sostegno degli amministratori e operatori del settore che stanno sul territorio. Mi rivolgo a loro perché sono loro i primi a conoscere le reali esigenze del territorio e i bisogni dei propri amministrati; noi con il piano straordinario abbiamo voluto creare qualche agile strumento che aiuti aziende e lavoratori ad incrociare domanda e offerta di lavoro".

Già in sede di presentazione del Piano straordinario Giovanni Lolli rivolse un appello agli amministratori e operatori del settore per agevolare l'attuazione del Piano. L'incontro di questa mattina a Pescara, al quale era presente anche il sottosegretario Mario Mazzocca, in questo senso, è il primo di una serie che vedrà il vicepresidente della Giunta regionale ma anche altri componenti del governo regionale organizzare incontri e dibattiti sull'attuazione del Piano. Si toccheranno le città capoluogo di provincia, ma anche centri che magari hanno bisogno, per le condizioni economiche, di un'attenzione particolare legate all'attuazione degli strumenti del Piano straordinario.

Giovanni Lolli ha comunque confermato che per le prossimi settimane, tra giugno e luglio, usciranno i bandi Garanzia Over e Incentivi all'assunzione, a settembre prenderà il via il programma Garanzia Giovani 2, mentre è in fase di pubblicazione l'avviso pubblico Scienza della vita che prevede incentivi alle imprese che assumo ricercatori. 

Leggi Tutto »

Ballottaggi amministrative, risultati e commenti

La Lega e' riuscita a strappare il primo sindaco abruzzese in assoluto, a Silvi, in provincia di Teramo, dove ha vinto Andrea Scardella, 42enne ispettore di polizia, che ha prevalso (55,36%) su Francesco Comignani (44,64%) del centrosinistra, il sindaco che un anno fa fu costretto a lasciare l'incarico in seguito alle dimissioni di 9 consiglieri su 16. Dunque niente effetto 4 marzo. Le politiche, non hanno portato in Abruzzo piu' elettori ai seggi. Le dinamiche locali non hanno risentito ancora del cambiamento che ha in qualche modo sconvolto i palazzi romani. Infatti nell'unico capoluogo di Provincia la lista dei 5 Stelle puo' esultare per essere stata la piu' votata, ma non e' andata al ballottaggio per l'attuale sistema elettorale che premia le coalizioni. A Teramo, invece, si e' registrato un ribaltone con Gianguido D'Alberto del centrosinistra che prevale su Giandonato Morra del centrodestra. Al primo turno, due domeniche fa, Morra aveva ottenuto il 34,62 per cento dei consensi, mentre D'Alberto si era fermato al 21,13 per cento. La tornata elettorale in Abruzzo (31 su 305 i Comuni in cui gli elettori sono stati chiamati alle urne) ha nel complesso fatto registrare il crollo del Movimento 5 Stelle, una tenuta del centrosinistra a trazione Pd, con Forza Italia che arranca nel centrodestra. Un quadro per nulla chiaro per l'Abruzzo, piu' o meno in linea con il dato nazionale, ma complicato dall'imminenza di tornate elettorali decisive come le Regionali (forse autunno, al massimo in primavera), e le Comunali di Pescara (a primavera) con l'incognita dell'"anatra zoppa" che potrebbe, in teoria, riportare al voto anche il Comune dell'Aquila. 

I commenti e le reazioni

"La vittoria di Teramo è frutto della partecipazione e dell'impegno di una vera squadra che, insieme a Gianguido D'Alberto, nuovo Sindaco di Teramo, ha messo in campo la vera passione per la politica", afferma Marco Rapino Segretario Pd Abruzzo. "Il Partito Democratico, con il suo commissario Sandro Mariani e i suoi militanti, ha dato prova di quanto vale dare ai propri concittadini la possibilità di scegliere la migliore visione per il futuro, mettendo in campo forze giovani, competenti e determinate. La città ha risposto con una grande prova di fiducia, consegnando nelle mani di chi è stato eletto il compito e la responsabilità di dare vita e forma ad un programma vero e a progetti utili per i cittadini, per le imprese, per tutto il territorio. Questa vittoria assume un valore significativo non solo in Abruzzo ma in tutto il panorama nazionale: mai rinunciare a trovare risposte e soluzioni ai problemi. La nuova classe dirigente eletta, che andrà a ricoprire il ruolo di amministratori, ha un compito enorme e difficile ma il loro coraggio, dimostrato mettendosi in gioco a 360, è la garanzia che ce la metteranno tutta." 

«Un punto di ripartenza incoraggiante, e allo stesso modo utile per aprire una riflessione che dia nuovo slancio al centrodestra». Il coordinatore regionale di Forza Italia, senatore Nazario Pagano, analizza il voto di ballottaggio alle comunali che ha interessato in particolare Teramo e Silvi, con risultati non coincidenti. «La netta affermazione a Silvi è l’ennesima riprova che quando il centrodestra si presenta unito e compatto vince sistematicamente. A Teramo, nonostante Forza Italia e la lista Futuro In abbiamo intercettato un voto ogni cinque, con un significativo 20% di preferenze, l’onda lunga delle divisioni è andata purtroppo a erodere i consensi che avrebbero portato Giandonato Morra a essere sindaco della città, confermando così la guida di centrodestra durata 14 anni e premiando il suo lavoro in campagna elettorale».

Pagano sottolinea poi il ruolo di Forza Italia nella tornata elettorale, facendo rilevare come il partito abbia lealmente e convintamente sostenuto i candidati a sindaco espressione della coalizione. «Abbiamo speso ogni energia per tirare la volata a Morra, espressione di Fratelli d’Italia, e Andrea Scordella, della Lega. Dove siamo in sintonia, il centrodestra vince sempre. Vorrei far notare che nel Teramano avevamo già colto importanti successi in Comuni strategicamente importanti come Notaresco e Atri, e abbiamo confermato il trend a Silvi nel secondo turno. Questo accresce il rimpianto di non aver afferrato l’en plein con Teramo. La sconfitta – conclude Pagano – deve essere d’insegnamento a lavorare contro le divisioni e deve essere di monito a non dimenticare che gli elettori premiano chi sta dalla parte della gente, come noi abbiamo fatto e continuiamo a fare con una politica sempre vicina al mondo reale e alle esigenze dei cittadini».

 "Io non sono sorpreso dall' esito del ballottaggio di Teramo perché vedevo stanchezza nel centro destra e poi quello che è accaduto a Teramo città è stato un atto di violenza, far cadere una amministrazione è una esperienza sanguinaria che solitamente si paga. Il candidato sindaco del centro destra (Giandonato Morra) è un gentiluomo riconosciuto tale da tutti, ma quello che non ho visto da parte del centro destra era l'ambizione di vincere. Al contrario ho visto una grande carica di ambizione nel portare avanti l'attività della vittoria da parte di Gianguido D'Alberto che ha messo sul tavolo la sua pluriennale esperienza e la sua autonomia. Poi credo che Teramo abbia voluto segnare quella bella esperienza che in democrazia si chiama alternanza". Lo ha detto il presidente della Giunta regionale Luciano D'Alfonso.

 “Dispiace vedere perdere Teramo e sacrificare un ottimo candidato e, per me anche un caro amico, in questa maniera” ha commentato in una nota l’On. Fabrizio Di Stefano."Credo si debba lavorare per ricostruire l’armonia del Centrodestra, per includere e non escludere e quindi aprire anche ai soggetti civici ma per premiare la coerenza di chi da questa parte c’è sempre stato e non di coloro che, dopo essere stati fianco a fianco con il Presidente D’Alfonso, condividendone quindi anche le responsabilità dei disastri amministrativi, adesso saltano sul carro dei vincitori. Abbiamo molto da lavorare per il nostro Abruzzo; c’è da progettare una rinascita, c’è da costruire nuove opportunità per i nostri giovani, per non farli andar via ma per trattenerli sui territori, c’è da rivitalizzare le aree interne e in definitiva c’è da ridisegnare una fisionomia per questa Regione che una fisionomia non ce l’ha più. Questo è il grande compito che attende il Centrodestra e non possiamo e non dobbiamo fermarci sui personalismi che non possono appartenere a un Centrodestra che ha queste ambizioni” ha concluso l’On. Fabrizio Di Stefano.

 “L’esito del ballottaggio a Teramo ha confermato quel che da sempre affermiamo: le civiche sono quelle che fanno pendere l’ago della bilancia, sono decisive” a dichiararlo è Gianluca Zelli, coordinatore regionale di Azione Politica che, nel corso delle amministrative a Teramo, ha sostenuto con una propria lista il candidato sindaco Mauro Di Dalmazio.
“Abbiamo provato in tutti i modi a costruire la collaborazione con il preciso intento di rinnovare il metodo sui programmi, nell’interesse dei cittadini – continua Zelli - L’applicazione del nostro modo nuovo di intendere la politica, a servizio e in ascolto della collettività, ci è stata impedita. La causa principale sono stati i personalismi di alcuni che non hanno saputo cogliere l’opportunità del cambiamento. Anche nella fase di ballottaggio abbiamo speso le nostre energie per ritrovare una convergenza su un progetto condiviso per Teramo, sostenuti dall’unico partito che aveva intuito la necessità di lavorare sulla coesione, ovvero la Lega. Per la seconda volta ci è stata chiusa la porta in faccia. Ci dispiace per Giandonato Morra: poteva essere il candidato ideale, ma è stato soffocato da antichi egoismi”.
Prosegue, Zelli, sul ballottaggio a Silvi: “siamo, d’altro canto, profondamente soddisfatti per il risultato conseguito a Silvi, dove il sindaco Scordella - a cui vanno i nostri migliori auguri di buon lavoro - appoggiato anche da noi e sostenuto dal centrodestra unito, ha vinto in maniera netta.
Sicché, l’accaduto postula un fatto inequivocabile, valido anche in un quadro più ampio, regionale: chi lavora secondo vecchie logiche e personalismi è destinato a perdere sistematicamente, chi unisce le proprie energie guadagna il sostegno dei cittadini. Se è vero che per ripartire bisogna toccare il fondo, adesso siamo pronti – conclude il leader di AzP - Ripartiamo, insieme, e vinciamo”.

Leggi Tutto »

Pil, il Nord è la locomotiva d’Italia

E' il Nord la locomotiva d'Italia secondo la mappa del Pil tracciata dall'Istat che mostra come nel 2017 siano state le regioni settentrionali a trainare l'economia, mettendo a segno una crescita dell'1,8%. Al centro l'incremento è stato della metà (+0,9%) e ha risentito più a fondo del crollo dell'agricoltura. Il Mezzogiorno mette a segno un rialzo del Prodotto interno lordo (+1,4%) appena sotto la media nazionale. Ma se si guarda al numero di occupati è il Sud a rimanere più indietro, scontando un ritardo sul mercato del lavoro che fatica a superare, nonostante la ripresa. Intanto il Nord ovest si rimette in pari con il Nord Est, protagonista l'anno precedente di uno scatto solitario. Insomma l'Italia dell'industria pesante si riporta ai ritmi dei territori che hanno fatto la loro fortuna sui distretti del Made in Italy, dal mobile agli occhiali. Anche se, più che le fabbriche, a dare una spinta al valore aggiunto sono stati i servizi: il commercio e i trasporti (+4,7%) sul versante occidentale; la finanza e l'immobiliare (+2,6%) su quello orientale. L'industria invece batte un colpo nelle regioni centrali (+1,7%) ma ben superiore è l'incremento registrato per il Mezzogiorno (+4,4%) che ancora una volta, ormai da quando è iniziata la ripresa, si piazza subito dopo il Settentrione. Di certo la caduta del valore aggiunto nel settore agricolo non ha aiutato. Cosa che è vera ovunque ma a pagare il prezzo più salato sono stati i territori situati nel mezzo della Penisola (-8,4%). La Coldiretti chiama in causa il "clima impazzito", che stima abbia generato danni "superiori ai 2 miliardi di euro". Passando al fronte occupazione, la crescita più debole si rileva per il Sud (1%), mentre il primato continua ad andare al Nord (1,3%) con il Centro in posizione intermedia (1,1%). I divari, almeno considerando le percentuali, sono tuttavia meno marcati che in fatto di Pil. A parte ciò, l'Italia settentrionale sembra avere ingranato una velocità diversa. Tanto che, volendo accomunare le macro-aree, più che di Centro-Nord sembrerebbe più corretto parlare di Centro-Sud.

Leggi Tutto »

Un nuovo movimento civico regionale con Gerosolimo e Donato Di Matteo

"Puntiamo ad essere la prima forza politica in Abruzzo, dopo il Movimento cinque stelle". Così il consigliere regionale di Abruzzo Civico Andrea Gerosolimo, ex assessore regionale, al termine dell'incontro che si è tenuto oggi a Pescara, "sull'apertura della fase costituente di un nuovo movimento civico regionale" che si prepara alle elezioni regionali in programma in autunno o nella prossima primavera. Sono intervenuti molti sindaci e amministratori abruzzesi, il mondo delle imprese e quello universitario. Il movimento è guidato oltre che da Gerosolimo, anche dai consiglieri regionali Donato Di Matteo, anche lui ex assessore, e Mario Olivieri. I tre si sono caratterizzati come voci critiche nell'amministrazione di centrosinistra guidata dal governatore senatore Luciano D'Alfonso. "E' stato emozionante vedere 70 amministratori rappresentativi di tutti i territori abruzzesi, tra cui 40 sindaci che hanno condiviso quella che sarà nel prossimo mese la fase costituente del Movimento civico. Metteremo al centro della nostra azione la difesa dei territori e delle famiglie in difficoltà. L'obiettivo è quello di creare un movimento che non sia un semplice cartello elettorale ma offra agli abruzzesi un riferimento politico per i prossimi anni - ha continuato Gerosolimo -. Oggi erano gli Stati Generali di quella che sarà una forza che vedrà protagonisti 500 amministratori locali. Con quale coalizione di schiereremo? Sono gli altri che decideranno se venire con noi, quindi il messaggio ai partiti, è chiaro - ha concluso il leader del movimento civico. All'incontro ha partecipato anche l'ex vice presidente della Giunta Regionale Alfredo Castiglione e l'ex parlamentare Augusto Di Stanislao oltre al presidente della BCC Abruzzese di Cappelle sul Tavo, Michele Borgia. . "In questa prima fase verranno ascoltate le esigenze dei territori dalla costa alla montagna. Ultimato questo primo periodo di attenzione sulle singole località regionali si procederà alla costruzione di un programma condiviso, che nasce dalle necessità reali dei cittadini e che verrà presentato i primi di agosto all'interno di un evento aperto a tutti - ha concluso. 

Leggi Tutto »